Espressioni non verbali di dominanza – David Matsumoto

Fig. 2. Stimoli utilizzati nello studio 1 (riga superiore) e nello studio 2 (riga centrale e inferiore). Da sinistra a destra, le pose illustrano inclinazioni della testa verso il basso, angolo della testa neutro e inclinazioni della testa verso l’alto. In tutte le immagini, obiettivi posti con espressioni facciali neutre (cioè nessun movimento dei muscoli facciali). (University of British Columbia)

Mentre parliamo spesso di esempi importanti di comportamento non verbale, come la posa trionfante, molti sono in realtà abbastanza sottili.

Un affascinante nuovo studio della University of British Columbia ha esaminato l’impatto marcato di qualcosa di semplice come la posizione della testa nella valutazione dell’inclinazione di una persona verso la dominanza. Questo studio ha scoperto che una leggera inclinazione verso il basso della testa, pur mantenendo il contatto visivo, viene spesso percepita come un segnale dominante e intimidatorio.

Nel loro primo esperimento, gli autori dello studio Zachary Witkower e Jessica Tracy hanno reclutato soggetti online per visualizzare una serie di immagini di volti generate dal computer. Dopo aver mostrato ciascuna immagine, ai partecipanti è stato chiesto di valutare la persona in base alla percezione di dominanza. Ciò implicava rispondere a domande come se quella persona “si divertisse ad avere il controllo sugli altri” o “sarebbe disposta a usare tattiche aggressive”.

Coerentemente, hanno scoperto che i volti leggermente inclinati verso il basso, pur mantenendo uno sguardo livellato, erano classificati in posizione più alta rispetto al controllo. Anche se l’inclinazione della testa verso l’alto era generalmente significativa, il suo effetto era notevolmente ridotto dall’inclinazione verso il basso.

Naturalmente, un lettore attento noterebbe che potrebbe esserci qualcosa di sbagliato nel chiedere ai partecipanti di guardare immagini generate al computer. Per far fronte a questo, gli autori dello studio sono andati oltre e hanno condotto ulteriori studi.

Il primo di questi ha semplicemente cercato di replicare lo studio precedente usando immagini reali dei volti delle persone, mantenendo lo stesso controllo e un’inclinazione verso l’alto e verso il basso per il confronto. Questo generalmente ha replicato i risultati del primo studio.

Ma perchè la faccia inclinata verso il basso ha questo impatto? Chi lo fa si rende conto che la testa è inclinata? Oppure inclinare la testa verso il basso ha un impatto sui muscoli facciali che creano questa impressione?

Nell’affrontare quest’ultima domanda, i dottori Witkower e Tracy hanno condotto un terzo studio che, invece di esporre i partecipanti alle immagini di volti, ha invece esposto i partecipanti a una parte di quegli stessi volti, questa volta solo mostrando gli occhi.

Notando che queste immagini mostravano ancora marcate differenze, un modello del genere aiutava a valutare se fosse un cambiamento nella posizione degli occhi o l’effettiva inclinazione della testa che promuoveva un senso di dominio. Hanno anche mostrato ai partecipanti immagini di volti, inclinati e non, con gli occhi mancanti.

Questo studio finale ha scoperto che l’effetto di indurre il dominio dell’inclinazione della testa era presente solo quando gli occhi erano presenti e non sembrava richiedere l’intero viso. Ciò indica che qualcosa sugli occhi e sui muscoli correlati trasmette quell’immagine di potere.

Le domande sulla dominanza sono incredibilmente importanti in molti degli stessi contesti in cui sono presenti le microespressioni. Nel condurre un’intervista o un interrogatorio, è necessario che l’investigatore mostri un senso di autorità e potere. Allo stesso modo, riconoscere questa tattica in altre persone potrebbe essere di grande beneficio per la tua capacità di comprenderle in maniera efficace.

Riconoscere la menzogna: 5 condizioni utili – Hdemos

In contesti lavorativi particolari, come in alcune situazioni personali, riuscire a riconoscere una menzogna può essere importante per evitare conseguenze indesiderate. Nella professione dell’avvocato, ad esempio, questo aspetto assume una grande importanza quando si ha a che fare per lavoro con la ricerca della verità e, di conseguenza, della menzogna.

Raccontare una menzogna può sembrare una cosa più o meno facile, la difficoltà può cambiare a seconda dell’esperienza e della personalità e del bugiardo; ci sono alcune condizioni particolari che possono far sì che una persona che sta mentendo si tradisca e riveli la sua bugia.

Scienza, ricerca e menzogna

Nell’analisi e nel riconoscimento della menzogna ci può dare una mano il Dottor Paul Ekman, lo psicologo americano considerato uno dei più importanti ricercatori viventi sulle emozioni, la Comunicazione Non Verbale e lo studio della menzogna. Nelle sue ricerche è emerso che esistono 5 condizioni specifiche che possono aumentare la tensione della persona che sta mentendo e che, di conseguenza, potrebbe produrre un numero maggiore di segnali di menzogna.

Quali sono le condizioni che portano un bugiardo a tradirsi?

1) La persona che mente sa di avere di fronte una persona che è in grado di poterla smascherare: questa prima condizione si verifica quando il bugiardo sa che l’osservatore è una persona allenata o esperta nel riconoscere le menzogne; questa consapevolezza può spaventare il bugiardo spingendolo a innalzare le sue difese e a mostrare maggiori segnali di tensione.

2) La persona che mente non è abituata a raccontare bugie: questa condizione particolare avviene quando il bugiardo non ha l’abitudine di mentire agli altri, o è consapevole di essere un pessimo bugiardo; questa consapevolezza lo porterà a vivere il fatto di dover raccontare una bugia come un compito difficile da portare a termine con successo, tutto questo porterà il bugiardo a vivere la situazione con ansia.

3) La persona che mente ha la fama di essere un bugiardo: questa condizione è opposta alla precedente, quando una persona è nota per raccontare bugie a destra e a manca questo potrebbe costituire una problema qualora si provi a ingannare gli altri; sapere che l’altro ha un forte pregiudizio su di noi complica il racconto di una bugia, il bugiardo dovrà impegnarsi molto e con probabilità appariranno diversi segnali di tensione e di menzogna.

4) La posta in gioco nella menzogna è alta, c’è in ballo qualcosa di valore: quando la posta in gioco è importante la tensione aumenta, come può aumentare lo stress a un tavolo da gioco quando il piatto è ricco. Una posta alta può alzare la tensione del bugiardo e spingerlo a compiere qualche passo falso; con un premio considerevole in gioco, anche i bugiardi più esperti potrebbero perdere la calma e mostrare dei segnali di menzogna.

5) La persona che mente sa la punizione sarà severa qualora non venga creduto: quando in una specifica situazione la punizione per aver mentito è pesante,la tensione della persona che sta mentendo può crescere e portare anche i bugiardi più abili a trovare difficoltà nel raccontare la propria storia menzognera mantenendo il pieno controllo delle proprie parole e dei propri segnali del corpo.

A voi è capitato di identificare una menzogna con una o più di queste condizioni particolari? Vi siete mai trovati in difficoltà a mentire a qualcuno in presenza di una di queste condizioni?

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

“Liberarsi dalla manipolazione per vivere sereni” – Seminario (Torino, 09-11-2019)

Seminario con Michele Putrino e Francesco Di Fant: Liberarsi dalla manipolazione per vivere sereni e liberi attraverso il proprio corpo

La manipolazione, nella società contemporanea, assume forme molteplici e non sempre riconoscibili: marketing, propaganda, bisogni indotti… la nostra testa si riempie così di pensieri che non sono nostri, non ci rispecchiano e ci fanno soltanto soffrire, instillandoci un senso di inadeguatezza che finisce per accompagnarci per tutta la vita.

Ma la manipolazione sociale può essere riconosciuta e contro di essa si può combattere: imparando a conoscere le tecniche più diffuse di manipolazione si possono elaborare strategie per difendersi dal controllo e tornare a vivere sereni.

Secoli fa, gli antichi greci avevano già elaborato una dottrina filosofica per proteggersi dalla manipolazione e dalle influenze esterne nocive: lo stoicismo. Di questo aspetto si occuperà Michele Putrino, studioso di filosofia e autore del libro “Manuale di Resistenza al Potere” (Uno Editori) di cui ho anche scritto una recensione.

La manipolazione, però, non viene solo dall’alto. Tutta la vita ci imbattiamo in manipolatori nella vita professionale e personale: non c’è nessuno che non abbia mai incontrato, almeno una volta, un “gatto” o una “volpe” della società urbana.

Anche da questi soggetti, tuttavia, ci si può difendere. Imparando a leggere il linguaggio del corpo, possiamo sbugiardare i bugiardi e riconoscere le truffe a colpo d’occhio, senza rischiare più di caderci con tutte le scarpe. Di questo aspetto si occuperà Francesco Di Fant, esperto di comunicazione non verbale e linguaggio del corpo.

Programma

Michele Putrino – BLOCCO 1 (4 ore)

1ª ora: Come funziona la manipolazione e come veniamo manipolati attraverso il marketing e la propaganda politica

Che cos’è e come funziona il potere.
Come riconoscere la manipolazione sociale.
Tecniche di manipolazione e controllo sociale.
Esempi concreti di manipolazione nel marketing e nella propaganda.
Come e perché la manipolazione ci rende consumatori compulsivi.

2ª ora: Come tornare a essere liberi e sereni.

Come difendersi dalla manipolazione.
Spiegazione teorica del perché è necessario emanciparsi dalla manipolazione e da ciò che è virtuale…
…per ritornare a una vita “corporea”.
(parte approfondita e sviluppata nel BLOCCO 2).

3ª ora: Tecniche stoiche contro i tentativi di manipolazione.

Cos’è lo Stoicismo. Breve introduzione.
Tecniche tratte dallo Stoicismo di Epitteto per liberarsi e proteggersi dalla manipolazione.
Esempi pratici.

4ª ora: Domande, dialogo e confronto con il pubblico.

Francesco Di Fant – BLOCCO 2 (4 ore)

1ª ora: Riappropriarsi del proprio corpo e del proprio potere.

Comunicazione Non Verbale.
Attivazione Mente-Corpo: un processo a 2 vie.
Gestire il proprio corpo attraverso la Comunicazione Non Verbale.
Posture e gesti “di potenza”.
Visualizzazione e potenziamento delle prestazione corporee.
Il corpo “simmetrico” e la lateralizzazione del cervello.

2ª ora: Riconoscere le persone manipolatrici: psicologia e Linguaggio del Corpo.

Manipolazione interpersonale e “stronzaggine”.
Riconoscere le 6 emozioni di base.
Manipolatori nella vita privata e professionale.
Segnali Verbali, Non Verbali e Paraverbali legati alla manipolazione.
Come difendersi dai manipolatori?

3ª ora: Riconoscere la Menzogna.

Cosa è la menzogna?
Psicologia della Menzogna.
Errori da evitare nel riconoscimento della menzogna.
Tecniche per individuare la menzogna.
Segnali Verbali, Non Verbali e Paraverbali della menzogna.
Esempi pratici ed esercitazioni.

4ª ora: Esercitazioni, domande, dialogo e confronto con il pubblico.

Dove & Quando

Sabato 9 Novembre, dalle 9.30 alle 18, presso Spazio Uno (Torino, via Tabacchi 33).

Costo: 77€

Per info e prenotazioni: n° 011 198 24 856 • eventi@spazio-uno.it

Link Facebook dell’evento:

https://www.facebook.com/events/499522447478565

Relatori

Michele Putrino

Michele Putrino, dopo aver studiato filosofia, ha lavorato per anni come Exhibition Manager presso la Fondazione Roma Museo dove si è occupato del coordinamento del personale e degli eventi. In seguito si è occupato di coaching, in particolare nel settore della leadership, collaborando con esperti del settore e scrivendo numerosi articoli ed ebook.

Francesco Di Fant

Francesco Di Fant è nato a Roma nel 1978, si è laureato in Scienze della comunicazione ed è un esperto di comunicazione non verbale e linguaggio del corpo. Consulente e formatore per anni presso grandi aziende nazionali e internazionali, insegna e pubblica articoli sulla comunicazione non verbale e collabora con diversi programmi televisivi e radiofonici. Con la Newton Compton ha pubblicato “101 cose da sapere sul linguaggio segreto del corpo“, “I segreti per capire il linguaggio del corpo” e “Come riconoscere uno stronzo al primo sguardo“.

RADIO 2 – Crisi di governo e Linguaggio del Corpo: analisi di Francesco Di Fant

RADIO 2 – Francesco Di Fant ospite de “I Rimandati” (Luca Restivo, Davide D’Addato e Federico Vozzi) per analizzare la crisi del governo giallo-verde attraverso il Linguaggio del Corpo e dare altri utili consigli sulla Comunicazione Non Verbale presenti nel suo suo libro Come riconoscere uno stronzo al primo sguardo (20 agosto 2019)

https://www.raiplayradio.it/programmi/irimandati/

Il Linguaggio del Corpo del futuro – CoachMag 46

Quando si parla di futuro purtroppo non abbiamo una sfera di cristallo per sapere con esattezza cosa succederà, la cosa migliore che possiamo fare è osservare la realtà attuale e porsi alcune domande per ipotizzare scenari futuri.

La Comunicazione Non Verbale è un linguaggio, e come molti linguaggi vive una vita propria, evolvendo ogni giorno a livello globale e locale.
Come potrebbero cambiare scenari e applicazioni del Linguaggio del Corpo in futuro?
E’ utile rispondere a due grandi interrogativi che il futuro ci pone, uno sugli sviluppi del mercato e un altro sugli strumenti del futuro.

1) COME POTREBBE EVOLVERE IL MERCATO DELLA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN FUTURO?

Il Linguaggio del Corpo è una disciplina ancora “giovane” nel nostro Paese, negli anni è cresciuta in termini di mercato, professionisti e offerta; in futuro il mercato si svilupperà in diverse direzioni: organizzazioni, aziende e privati. Con molta probabilità sarà possibile vedere nuove applicazioni della CNV in nuovi settori di interesse col supporto dello sviluppo tecnologico.

La CNV potrebbe essere maggiormente riconosciuta in diversi contesti sociali ed economici, come politica, scuola e sanità, grazie alle nuove forme di comunicazione, internet, social media e reti personali e professionali viaggeranno sempre più veloci interscambiando sempre più informazioni…

(Continua su COACHMAG n.46 con metodologie e strumenti futuri della Comunicazione Non Verbale, realtà virtuale, realtà aumentata, intelligenza artificiale e robotica nel Linguaggio del Corpowww.coachmag.it)

Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

Il Linguaggio del Corpo degli occhi rivela ciò che il cuore nasconde – Joe Navarro

I nostri occhi sono anche formidabili comunicatori di sentimenti, tra cui conforto e disagio, che ci aiutano a decifrare gli altri sin dalla tenera età. Gli occhi rivelano l’eccitazione per la mamma che cammina nella stanza, ma rivelano anche preoccupazione quando siamo turbati. Spesso ciò che non viene detto ad alta voce viene espresso in modo speciale dagli occhi. In effetti mi è stato chiesto di scrivere oggi questo articolo mentre stavo visitando un collega di ricerca e i suoi occhi, a distanza, mi hanno detto che c’era qualcosa che non andava, suo padre era morto.

Mentre gli occhi di una madre riflettono la disperazione che può provare quando il suo bambino è ricoverato in ospedale, al contrario rivelano la gioia di aver scoperto che il bambino è sano e sta bene. Poche cose riflettono le nostre emozioni tanto rapidamente quanto gli occhi. I bambini che hanno appena diversi giorni rispondono già agli occhi della madre e possono capire la differenza tra uno sguardo distratto e gli occhi dilatati spalancati. I bambini possono capire la differenza tra una madre felice e contenta e una che è stressata, solo guardandole gli occhi.

Gli occhi servono come canali di informazione su cui abbiamo fatto affidamento per migliaia di anni. Ci affidiamo a loro per la loro precisione. L’uomo a cui viene chiesto di aiutare qualcuno a muoversi si coprirà gli occhi con le dita mentre si strofina mentre risponde: “Sì, ti aiuterò”, quando senza dubbio questo è un problema per lui. Questo “comportamento di blocco” rivela autenticamente come egli si sente anche se lo aiuterà.

Comportamenti di blocco degli occhi come: coprire gli occhi, proteggere gli occhi, abbassare le palpebre per un periodo prolungato, ritardare l’apertura degli occhi sono così fortemente radicati in noi che i bambini che nascono ciechi, quando sentono qualcosa di spiacevole che non vedono coprono anche loro gli occhi. Ovviamente questo comportamento è radicato in noi, fa parte dei nostri paleo-circuiti e rappresenta un adattamento allo stress o ad altri stimoli negativi che ci ha servito bene in questi millenni.

Il blocco degli occhi è solo una delle cose più ovvie che facciamo. Quando siamo turbati, frustrati o alle prese con qualcosa di emotivamente stressante, le nostre palpebre possono anche chiudersi forte e rimanere chiuse oppure possono muoversi rapidamente come espressione del nostro sentimento. Hugh Grant è famoso nei film per il battito delle sue palpebre ogni volta che combina qualche guaio.

La ricerca mostra anche che quando siamo nervosi o turbati aumenta il nostro battito di ciglia, un fenomeno spesso visto con i bugiardi ma spesso visto anche con le persone sotto stress. Non chiamerei nessuno bugiardo solo perché il suo battito di ciglia aumenta, anche se mentre studiavo Richard Nixon ho notato che quando stava affrontando i fatti mentre parlava con la stampa il suo battito di ciglia è passato da circa 12 al minuto a 68 volte al minuto. Bill Clinton durante la sua deposizione mostrò un alto battito di ciglia a volte superiore a 92 al minuto, ma si trattava comunque di individui molto stressati in quel momento.

Quando si interpretano i comportamenti oculari, esistono molte idee sbagliate. Il contatto visivo scarso o nullo viene erroneamente percepito da alcuni come un classico segno di inganno, specialmente durante l’interrogatorio, mentre le persone che dicono la verità dovrebbero “bloccare gli occhi” sull’interlocutore. Questo non è supportato dalla ricerca o dall’esperienza ed è completamente falso. In effetti, Alder Vrij e altri hanno scoperto che i bugiardi tendono a impegnarsi in un maggiore contatto visivo perché sanno che stiamo cercando segni di inganno.

Il contatto visivo è in effetti un fenomeno sociale / culturale praticato in modo diverso in tutto il mondo. A New York, per convenzione sociale, possiamo guardarci l’un l’altro per 1,68 secondi. In altre culture, specialmente in America Latina e altrove, la tua capacità di guardare gli altri può essere piuttosto estesa fintanto che non è percepita come minacciosa.

Distogliere lo sguardo è praticato da molte culture tra cui latinoamericani e afroamericani, per mostrare rispetto per coloro che detengono l’autorità. Quindi quando un bambino nero guarda in basso mentre viene castigato, quel guardare in basso è in realtà un segno di rispetto e deferenza che spesso viene interpretato erroneamente come mancanza di rispetto o peggio, inganno.

È interessante notare che quando ci sentiamo più a nostro agio abbiamo il lusso di distogliere lo sguardo e troviamo conforto mentre ricordiamo dei fatti nella nostra memoria o meditiamo sul futuro.

Gli occhi si sposteranno da un lato all’altro, guarderanno in basso o resteranno fermi mentre elaboriamo le informazioni. Basta chiedere a qualcuno di moltiplicare a mente 56 x 89 e guardare i loro occhi. Il carico cognitivo posto su di loro dal compito della moltiplicazione provocherà tutti i tipi di movimenti oculari o persino la chiusura degli occhi. Tutto ciò che possiamo imparare da questo è che la persona sta elaborando le informazioni, non che stia dicendo la verità o mentendo come alcuni individui ben intenzionati ma mal informati vorrebbero farti credere.

Guardo gli occhi principalmente per capire quando qualcuno è a suo agio e rilassato. Guardo anche gli occhi per capire quando qualcuno è improvvisamente turbato da un argomento o da un evento. Immediatamente vedrò le orbite ristrette, quello che chiamo l’effetto Clint Eastwood (come in quei western italiani, proprio prima che sparasse strizzava sempre gli occhi). Deviare lo sguardo o il restringimento delle orbite oculari indicano, con molta precisione, disagio, stress, rabbia o problemi. Ho compreso meglio questo comportamento nelle negoziazioni mentre gli avvocati dell’avversario leggono ad alta voce ogni paragrafo; abbiamo potuto vedere quali articoli nel documento sarebbero stati problematici dal socchiudere gli occhi ad ogni dettaglio preoccupante. Questo comportamento ha ovviamente milioni di anni e comunica in modo molto elegante come ci sentiamo esattamente in quel momento.

Joe Navarro

https://www.jnforensics.com/post/the-body-language-of-the-eyes-the-eyes-reveal-what-the-heart-conceals

5 modi in cui il linguaggio del corpo può segnalare problemi – Joe Navarro

Gli indizi non verbali sono importanti per farci sapere cosa pensano, sentono, desiderano, intendono o addirittura temono le persone. Ci aiutano anche a comunicare in modo più efficace o a essere più empatici. Ogni giorno, se osserviamo bene, le persone mostreranno comportamenti che ci danno molte informazioni, a casa, a scuola o al lavoro.

A volte eseguiamo comportamenti che gridano, “Ho bisogno di aiuto”, “Sto attraversando un periodo davvero difficile” o “Le cose vanno veramente male”. Questi comportamenti vanno oltre un volto severo o le spalle abbassate – comportamenti indicativi di un alto disagio psicologico. Per chi è empatico, questi comportamenti comunicano davvero: ecco un’opportunità per aiutare.

Questi comportamenti che tendono a manifestarsi quando le cose vanno veramente male sono chiamati “comportamenti riservati”. Io li chiamo comportamenti “riservati” perché di solito compaiono solo in quei momenti in cui una persona sta vivendo uno stress o un disagio psicologico particolarmente elevato e sembra aver bisogno di essere confortata.

1 – La risposta di blocco

La risposta di blocco (o “congelamento”) è la prima delle tre risposte con cui siamo evoluti per far fronte alle minacce. E’ la prima perché per gli ominidi e per i nostri primi antenati, si può pensare che la principale minaccia alla sopravvivenza fossero i grandi felini. (Questo rimane vero oggi in alcune parti dell’Africa e dell’India, dove gli umani vengono regolarmente attaccati).

Tutti i gatti si orientano verso il movimento fisico, quindi non aveva senso per noi “combattere o fuggire”, come si dice spesso, quando si affrontano i più veloci e più potenti predatori nella savana africana. Quindi ci siamo evoluti per “congelarci” come prima riposta (per evitare di essere scoperti), e in seguito per fuggire (fuga) o allontanarci, e infine per combattere se non ci fosse stata altra soluzione.

Ancora oggi, continuiamo a vedere persone bloccate e apparentemente incapaci di muoversi, quando si trovano in pericolo a causa di un’auto o di un treno in arrivo. Quando sentiamo uno sparo ci congeliamo, come attestano i video, e restiamo fermi quando qualcuno entra in una stanza con una pistola. Questo fa parte del nostro patrimonio evolutivo.

Allo stesso modo, quando qualcuno viene informato di notizie devastanti o, come quando a un sospetto viene detto che esiste un testimone del crimine, spesso la reazione di congelamento entra in gioco. Mentre essi pensano che sono stati catturati e andranno in prigione, sembrano come congelati sulla loro sedia, immobili, rigidi, con le mani che stringevano le gambe o il bracciolo, come in un sedile di espulsione (Navarro 2007, 112).

2 – Dondolarsi avanti e indietro

Come ho scritto qui e altrove, i comportamenti ripetitivi sono calmanti o rassicuranti e ci aiutano a gestire lo stress. Dal rimbalzo del piede al tocco delle dita fino a far roteare le ciocche di capelli, questi gesti ci aiutano a passare il tempo, a goderci un momento o a gestire lo stress o l’ansia momentanei.

Ma l’improvvisa comparsa del dondolare avanti e indietro, quasi come un metronomo, è riservata a situazioni estremamente stressanti – quando si ricevono notizie terribili o si è assistito a un evento orribile. In quei casi – l’ho visto negli adulti come nei bambini – una persona apparentemente si allontana, ignara del mondo e di qualsiasi tentativo di comunicare con lei mentre si autoalimenta oscillando avanti e indietro, a volte per diversi minuti.

Come sottolinea il noto autore e ricercatore David Givens nel suo Dizionario Non Verbale, l’azione oscillante avanti e indietro o di fianco a fianco (pensate a una madre che dondola un bambino per dormire) “stimola i sensi vestibolari ed è quindi tranquillizzante” in un modo primitivo ma modo efficace.

3 – Assumere la posizione fetale

Le notizie schiaccianti o un evento travolgente possono indurci ad assumere momentaneamente la posizione fetale come se volessimo proteggere il nostro ventre (pancia). Questo di solito è accompagnato dall’individuo che si allontana o si disimpegna da chi gli sta intorno. Il comportamento sembra essere rassicurante e calmante. Sappiamo dalla ricerca che se sei fisicamente preso a calci o semplicemente senti una notizia dolorosa, il dolore si registra nelle stesse aree cerebrali (principalmente l’amigdala) e provoca risposte simili.

Questo spiega perché ho visto adulti assumere la posizione fetale come se fossero stati pugnalati allo stomaco quando gli è stato comunicato qualcosa di orribile. In un caso, una giovane madre che ho accompagnato all’obitorio per identificare la figlia crollò nella posizione fetale dopo aver visto il corpo di suo figlio.

4 – Dita intrecciate rigide (mani “a tenda canadese”)

Ecco un comportamento solitamente riservato a quando le persone sono sconvolte o rivelano informazioni inquietanti su se stessi, su eventi tragici o su difficoltà incontrate – o quando le coppie si rompono. Il comportamento viene eseguito in modo subconscio (come tutti i comportamenti riservati) intrecciando le dita irrigidite. Le mani assomigliano a una tenda canadese tenuta ferma o sfregata avanti e indietro. Questo gesto è differente dal solito sfregamento dei palmi delle mani che è un gesto di rassicurazione; le mani a tenda vanno oltre (Navarro 2008, 62).

L’intreccio delle dita irrigidite serve a due scopi pratici. Indica una consapevolezza cosciente che ci sono problemi e provoca una maggiore stimolazione tattile.

Ho visto questo comportamento molte volte quando gli individui devono segnalare cattive notizie – qualcosa di rotto, un incidente stradale, l’intenzione di lasciare un lavoro. I medici che ho formato confermano di aver visto questo comportamento in terapia di coppia poco prima o mentre i pazienti / partner raccontano di infedeltà precedentemente nascoste, di irregolarità o del desiderio di divorziare.

I bambini, come gli adulti, spesso eseguono questo comportamento quando raccolgono la forza per rivelare che hanno fatto qualcosa di sbagliato o che non hanno rispettato un compito.

Un avvertimento: alcune persone fanno questo comportamento di routine, e come tale dovremmo notare il comportamento come semplicemente idiosincratico e non è così significativo come quando appare in altri individui solo in situazioni straordinariamente stressanti.

5 – Labbra dentro le bocca

Occasionalmente vediamo una figura politica o sportiva che deve affrontare la stampa per un episodio sgradevole. In queste scene di scuse pubbliche, spesso vediamo l’individuo davanti ai media, o ai suoi accusatori, e le sue labbra sembrano essere completamente scomparse – risucchiate drammaticamente verso l’interno. Inizialmente, abbiamo sviluppato questa risposta “bocca chiusa – labbra strette” in presenza di cibo avariato o viziato. Nel tempo, abbiamo adattato la bocca chiusa (labbra appiattite strette) per gestire le cose negative che vediamo o sentiamo. Ecco perché quando vediamo dei voli cancellati in aeroporto, i passeggeri guardano il tabellone degli imbarchi dei voli con le labbra compresse. L’estremo di questo gesto è il risucchio delle labbra, un comportamento che comunica agli altri, in tempo reale, che si provano grande angoscia o che sono dispiaciuti.

I comportamenti descritti sopra sono alcuni dei “comportamenti riservati” più frequentemente osservati. Probabilmente ce ne sono altri, come l‘improvvisa copertura del viso con entrambe le mani quando sentiamo qualcosa di tragico. Ma quando sono eseguiti, da adulti o bambini, questi gesti particolari possono servire a dirti che la persona sta vivendo qualcosa di gravemente sbagliato, impegnativo, imbarazzante o stressante. Stanno comunicando esattamente come si sentono, a volte mentre sono sopraffatti e stanno lottando contro qualcosa di significativo. Che grande opportunità per prestare ascolto empaticamente, chiedere come possiamo aiutare, ascoltare attentamente o semplicemente mettere le nostre braccia premurose intorno a loro!

Joe Navarro

https://www.jnforensics.com/post/5-ways-that-body-language-can-signal-trouble

Meglio leggere il Linguaggio del Corpo – David Matsumoto

Spesso ci siamo concentrati sulle microespressioni, leggere le persone però spesso dipende dall’identificare anche il resto del loro Linguaggio del Corpo.

Il dottor David Matsumoto di Humintell ha svolto un lavoro entusiasmante sul ruolo del linguaggio del corpo nella comunicazione umana e sul modo in cui modelli simili abbracciano le culture. Come abbiamo notato, è necessario distinguere le espressioni universali da quelle che si differenziano in base alla cultura e, a questo proposito, il linguaggio del corpo non è diverso.

Un recente articolo su Discover Magazine ha approfondito alcuni dei lavori passati del dottor Matsumoto sul linguaggio del corpo e sulla postura. Nello specifico, l’autrice Teal Burrell ha discusso il lavoro di Matsumoto sulle posture degli atleti paralimpici e ciechi di tutto il mondo. Questa ricerca ha rilevato che, indipendentemente dalla vista, gli atleti vittoriosi hanno costantemente assunto la stessa posizione di trionfo.

Pur dimostrando con forza gli elementi universali attraverso le culture, questa stessa ricerca ha anche indicato il ruolo della cultura. Ad esempio, gli atleti sconfitti spesso scrollano le spalle per la vergogna, ma questo è meno comune per coloro che provengono da culture che scoraggiano manifestazioni esteriori di vergogna. Tuttavia, atleti ciechi provenienti da quegli stessi paesi hanno scrollato le spalle indipendentemente dalla cultura.

Questo aiuta a mostrare sia la tendenza a scrollare le spalle per la vergogna, ma anche la capacità della cultura di insegnare alle persone a evitare quella forma di espressione.

La ricerca del dottor Matsumoto sottolinea l’importanza del linguaggio del corpo nel comprendere le persone e la cultura che le influenza. Possiamo anche sfruttare il nostro linguaggio del corpo per avere un impatto positivo sul nostro umore.

Ad esempio, sorridere può aiutare a ridurre il nostro livello di stress, mentre le cosiddette “posture di potere” possono migliorare la nostra fiducia. Una postura di potere, come abbiamo scritto in precedenza, è quando il petto è spinto in fuori con le mai che poggiano sui fianchi, in un modo che Burrell descrive giustamente come una posa alla “Wonder Woman”. La ricerca sulle posizioni di potere indica che esse conducono a un grande senso di potere, ma tali correlazioni ancora non sono del tutto verificate.

Il linguaggio del corpo non consiste solo nel cambiare il modo in cui ci sentiamo, ma può anche modellare la percezione che le persone hanno di noi. Il contatto visivo, sebbene non sia sempre un indicatore di inganno, aiuta a promuovere una percezione di fiducia. Allo stesso modo, una postura simile a quella dell’altro e le espressioni facciali aiutano a mostrare che stiamo ascoltando e che siamo empatici.

Questo aiuta a mostrare quanto sia importante per noi il linguaggio del corpo, ma come per molte espressioni universali gli esseri umani non sono i soli a usare tali strumenti comunicativi. Infatti, Burrell sottolinea come il linguaggio corporeo sia critico per le api per comunicare, e simili tipi di danze comunicative sono presenti tra i pesci. Allo stesso modo, i corvi – altamente intelligenti – usano i loro becchi per indicare e gesticolare, aiutando a formare legami interpersonali.

Comprendere quanto sia universale e potente il linguaggio del corpo è tanto importante quanto capire come viene mediato dalla cultura. Con una migliore comprensione di entrambi questi aspetti del comportamento, possiamo imparare come leggere meglio le persone e comunicare efficacemente.

Linguaggio del corpo e successo negli appuntamenti e nella persuasione – Psychology Today

(Foto: Shutterstock)

Comprendi come si sente il tuo partner per fare le mosse giuste.

Nei miei articoli, passo un sacco di tempo a dare consigli, trucchi e tecniche per motivare e persuadere gli altri. Discuto anche delle strategie per attirare il partner perfetto, ottenere un appuntamento e farlo andare bene. Usare questi suggerimenti e tattiche, tuttavia, richiede un po ‘di sensibilità interpersonale – che i coach di incontri potrebbero chiamare “calibrazione”. Per relazionarsi efficacemente con gli altri, devi comprendere il tuo partner, ottenere feedback su come si sente e aggiustare il tuo approccio secondo necessità.

Tale sensibilità, feedback e adattamento sono essenziali per qualsiasi influenza interpersonale – persino l’amore. Dopo tutto, l’idea è di vedere se hai avuto un effetto emotivo su un partner (desiderato). Piaci a lui/lei? Ti ama? Stanno per dire di sì a un appuntamento, a una proposta di matrimonio o a una vacanza nel fine settimana?

Uno dei modi migliori per capire come si sente l’altra persona è leggere il suo linguaggio del corpo. In generale, la comunicazione non verbale è di solito un’esposizione onesta dei sentimenti (molto più delle parole). Quindi, di seguito ti insegnerò come leggere il linguaggio del corpo di base per il successo negli incontri e nella persuasione. Impara a leggere il tuo partner e fare le mosse giuste!

Nozioni di base sul linguaggio del corpo

Uno dei libri più utili sul linguaggio del corpo che ho trovato proviene effettivamente dal mio collega blogger Joe Navarro. Secondo Navarro (2008), i comportamenti del linguaggio del corpo sono guidati da parti molto primitive del nostro cervello – chiamate “sistema limbico”. In sostanza, questo sistema ci dice quando siamo a nostro agio o a disagio, e prepara i nostri corpi a perseguire ciò che è attraente e a fuggire o combattere ciò che non lo è.

In un contesto di incontri e persuasione, possiamo usare indicazioni del linguaggio del corpo molto semplici per capire cosa sta provando il nostro partner. Possiamo leggere se il suo sistema limbico sta dicendo di restare o scappare. Questi segnali del sistema limbico sono particolarmente importanti per il romanticismo, perché quella parte del nostro cervello è anche responsabile dei nostri sentimenti d’amore (Fisher, Aron, Brown, 2006).

Quindi, come si fa a sapere quando il cervello del nostro partner è felice? Bisogna cercare segnali positivi o negativi del linguaggio del corpo. Di seguito sono riportati alcuni spunti:

Linguaggio del corpo positivo – il tuo partner potrebbe muoversi verso di te e diminuire lo spazio tra voi due, se gli piace ciò che state facendo o di cui state parlando. Inoltre, altri comportamenti di gradimento possono includere: piegarsi verso di te, piedi rivolti verso di te che dondolano felicemente, gambe non incrociate e comode, braccia aperte e palmi rivolti verso l’alto, accarezzare con gioia gioielli o capelli, sorridere, prolungare il contatto visivo o guardare timidamente.

Linguaggio del corpo negativo – il tuo partner potrebbe allontanarsi da te e creare spazio tra voi due, se non gli piace ciò che state facendo o di cui state parlando. Inoltre, altri comportamenti che segnalano antipatia includono: piedi puntati lontano da te, le gambe incrociate e rigide, le braccia incrociate, i palmi rivolti verso il basso, le mani chiuse, sfregarsi il naso o il collo, aggrottare le sopracciglia, fare smorfie e girare gli occhi di lato.

Usare il linguaggio del corpo in appuntamenti e relazioni

Quando stai cercando di capire come si sente il tuo partner con te, cerca le combinazioni (“cluster”) dei comportamenti sopra elencati. Generalmente, quando vedi un paio di segnali “positivi” dalla lista, puoi scommettere che il sistema limbico del tuo partner sta sparando nella direzione “buona”, felice e amorevole. In generale, sono contenti di te e del tuo comportamento nei loro confronti.

Al contrario, quando vedi un paio di segnali “negativi” dalla lista sopra, puoi scommettere che il sistema limbico del tuo partner sta sparando nella direzione “cattiva”, scomoda o disturbata. Usa queste informazioni come feedback. Potrebbe essere una buona idea cambiare il tuo approccio o aspettare uno stato d’animo migliore.

Personalmente, ho iniziato a vedere questi comportamenti non verbali generali dal mio partner come “luci verdi” (linguaggio del corpo positivo) e “luci rosse” (linguaggio del corpo negativo). Quando vedo il linguaggio del corpo “luci verdi” dal mio partner, continuo ad andare avanti con quello che sto facendo o chiedendo. Procedo, sapendo che si sentono positivi su di me e sul mio comportamento. Tuttavia, quando vedo “luci rosse”, interrompo quello che sto facendo e cambio il mio comportamento – finché non ottengo di nuovo le luci verdi.

Questo processo di luce rossa / verde ti assicura di capire facilmente ciò che il linguaggio del corpo del tuo partner ti sta dicendo. Ti assicura anche di essere reattivo ai sentimenti del tuo partner, anche quando lui o lei non li comunica a parole. Questo aiuta con la tua sensibilità, consapevolezza ed empatia in ogni situazione. Ti aiuta anche ad essere più persuasivo, scegliendo il momento giusto per fare le tue domande, richieste e desideri quando il tuo partner è felice e gioioso.

Conclusione

Prestare attenzione a semplici segnali del linguaggio del corpo può fare molto nelle relazioni sentimentali e negli appuntamenti. Osservali per capire come si sente il tuo partner. Scegli le tue azioni di conseguenza per il massimo successo. Alla fine, sarai più empatico, attraente e persuasivo!

Dottor Jeremy Nicholson

https://www.psychologytoday.com/us/blog/the-attraction-doctor/201110/reading-basic-body-language-dating-and-persuasion-success

I lavori in cui i bugiardi hanno successo

È un grattacapo: in alcuni posti di lavoro, essere meno affidabili significa che le altre persone si fideranno di te per essere più bravo in quel lavoro.

Ho una confessione: mento. Un sacco. Mento per fermare o iniziare conversazioni, per risparmiare i sentimenti altrui, o il mio, e per semplificare la vita sociale o professionale in un milione di modi.

In una certa misura, sappiamo che le persone con cui lavoriamo ci mentono. Non possono sempre avere una buona giornata, essere entusiasti del lavoro o essere completamente felici per un collega che è stato promosso al posto di loro.

Ma che dire quando l’inganno non riguarda solo l’umore, ma è inserito nel contenuto di un lavoro? Una nuova ricerca suggerisce che una delle ragioni per cui persiste in certe professioni è la convinzione che le persone con atteggiamenti flessibili nei confronti della verità siano effettivamente migliori in questi posti di lavoro.

Atteggiamenti verso i bugiardi sul posto di lavoro

In generale, l’inganno sul posto di lavoro è visto negativamente – se qualcuno deve ricorrere alla menzogna, probabilmente non deve essere molto bravo nel suo lavoro. E l’inganno può essere tossico per una cultura di fiducia e lavoro di squadra. Ma secondo recenti ricerche degli accademici statunitensi Brian C. Gunia ed Emma E. Levine, c’è un’eccezione per i lavori che sono percepiti ad alto contenuto nell’orientamento alla vendita piuttosto che nell’orientamento al cliente.

Un sondaggio ha rilevato che le persone credono che colore che mentono di più sarebbero migliori nei posti di lavoro (Foto: Alamy Stock Photo)

Nello studio di marketing, l’orientamento al cliente consiste nel soddisfare le esigenze di un cliente, mentre l’orientamento alla vendita si riferisce al raggiungimento degli obiettivi propri del venditore. Alcune professioni, come le vendite e gli investimenti bancari, sono stereotipate per quanto riguarda l’orientamento alla vendita (sebbene in pratica, naturalmente, i venditori possono essere profondamente premurosi e gli operatori di assistenza possono essere egoisti).

I ricercatori Gunia e Levine hanno chiesto ai loro partecipanti allo studio – che hanno incluso oltre 500 studenti di business e sondaggisti sul sito di Amazon per il crowdsourcing di Mechanical Turk negli Stati Uniti – di classificare determinati posti di lavoro in termini di orientamento alla vendita percepito e di valutare gli individui in termini di competenza percepita . Ai partecipanti sono stati dati scenari come il seguente: quando si registrano le spese, “Julie” afferma che una corsa in taxi costa più di quanto effettivamente vale; “James” finge di godersi la vela per andare avanti con un capo appassionato di vela.

In definitiva, gli intervistati credevano che le persone che avevano mostrato l’inganno avrebbero avuto maggiore successo nei lavori di orientamento alla vendita e che li avrebbero assunti per quel compito. Ad esempio, l’84% dei partecipanti ha scelto di assumere bugiardi per un compito ad alto orientamento di vendita, mentre il 75% ha scelto di assumere persone oneste per un compito a basso orientamento di vendita .

I risultati sono interessanti ma non definitivi. (Per prima cosa, i partecipanti alla ricerca sono stati pagati molto poco, mercati di indagine come Mechanical Turk sono controversi per pagare tariffe basse e sono accusati di sfruttamento).

Non è nemmeno sicuro di come le convinzioni degli intervistati rispondano alle azioni dei responsabili delle assunzioni. Ci sono prove contrastanti sul fatto che l’orientamento al cliente o l’orientamento alla vendita sia più efficace nella pratica, sebbene l’orientamento al cliente sembri avere un vantaggio in termini di vendite finali.

Pensaci: vorresti davvero che un’assistente di volo ti dicesse che dovresti preoccuparti delle turbolenze? (Foto: Alamy Stock Photo)

Nel recente studio sul legame tra inganno percepito e competenza percepita, “abbiamo reclutato intenzionalmente studenti in modo che potessimo essere certi che gli stereotipi che esaminiamo siano effettivamente posseduti da futuri professionisti”, spiega Levine, della University of Chicago Booth School of Business. Gli studenti che aspirano a lavori manageriali “possono effettivamente credere che l’inganno segnali competenza in queste occupazioni e quindi applicare queste credenze in future pratiche di assunzione”.

C’è un lato positivo nel mentire al lavoro?

Mentire è naturale, in una certa misura. “La natura è inondata di inganni”, scrive il filosofo David Livingstone Smith nel suo libro Why We Lie: The Evolutionary Roots of Deception and the Unconscious Mind. I virus ingannano il sistema immunitario dei loro ospiti, mentre i camaleonti usano il mimetismo per ingannare i predatori. E gli umani non fanno eccezione, anche sul posto di lavoro. I gestori che assumono riconoscono che quasi tutti i candidati di lavoro esagerino le loro qualifiche, ad esempio.

L’inganno è assolutamente necessario in certi lavori (gli investigatori sotto copertura possono attestarlo). E la diplomazia è sinonimo di mentire, per alcune persone. L’inganno può anche essere strategico in un’azienda, ad esempio quando un call center ordina ai dipendenti di fingere di trovarsi in un altro paese a causa dei pregiudizi dei clienti.

Più in generale, la definizione di inganno sul posto di lavoro può essere confusa. I ruoli del servizio clienti, e in particolare i tipi di lavoro emotivo frequentemente svolti dalle donne, in genere richiedono ai lavoratori di mascherare i loro sentimenti. Vuoi davvero che un assistente di volo, un barista o uno psichiatra ti dica che dovresti essere preoccupato dalla turbolenza, che ti disprezzano o che si sentono apatici nel trattarti?

Alcuni lavori richiedono una prestazione di affabilità o di cura che è intrinsecamente in parte artificiale (e stressante). Come dice Levine, “la gente crede che le persone che possono regolare le proprie emozioni siano più competenti di quelle che non possono farlo”. La falsa rappresentazione emotiva è un comportamento razionale.

Questo può essere particolarmente vero per gli influencer dei social media che confondono le linee tra autenticità e capacità di vendita. Le star di Instagram mettono in scena sontuosi impegni “a sorpresa”, ad esempio, anche se questo può ritorcersi contro quando l’illusione viene distrutta.

Ci si aspetta che alcune professioni usino l’inganno – gli investigatori privati ​​sotto copertura, ad esempio (Foto: Alamy Stock Photo)

Dolci bugie

A volte la menzogna benevola viene vista come l’opzione più etica. “Attraverso la mia ricerca, trovo che molte persone accolgano e apprezzino le bugie che vengono dette a loro beneficio”, commenta Levine. Per esempio, “i dipendenti credono che i loro colleghi dovrebbero proteggerli da feedback che non possono attuare e serviranno solo a ferire i loro sentimenti, e i pazienti oncologici apprezzano la falsa speranza più di quanto realizzino i loro oncologi”.

Qual è la chiave per la menzogna pro-sociale, o il tipo di disonestà inteso ad aiutare gli altri, è che non si tratta di ottenere un vantaggio ingiusto o di essere egoisti. Si tratta di offrire piccole “bugie bianche” come una cura.

Può esserci un’influenza culturale su questo tipo di atteggiamento, poiché alcune ricerche suggeriscono che le persone provenienti da culture collettiviste hanno maggiori probabilità di mentire per salvare la faccia e proteggere l’armonia del gruppo. Uno studio, scritto da Michele Gelfand, psicologo dell’Università del Maryland, ha collocato oltre 1.500 studenti provenienti da otto paesi in uno scenario di negoziazione aziendale in cui mentire sarebbe stato utile. Quelli provenienti dai paesi più collettivisti (come la Corea del Sud e la Grecia) usavano l’inganno più di quelli provenienti dai paesi più individualisti (come Australia e Germania), sebbene l’uso della menzogna fosse complessivamente elevato.

D’altra parte, “pensare fuori dagli schemi a volte può riguardare la rottura delle regole”, commenta Gelfand. Alcune ricerche indicano un legame tra creatività e disonestà, poiché le persone che lavorano nei campi creativi trovano più facile razionalizzare il loro imbroglio.

La tolleranza (o persino l’incoraggiamento) dell’inganno sul posto di lavoro può essere difficile da fiutare. Long Wang, professore di management presso la City University di Hong Kong, sottolinea che “qualsiasi norma organizzativa o industriale a favore dell’inganno è spesso tenuta come una sorta di segreto, almeno per il pubblico”. Ma dubita che tali norme organizzative o industriali siano sostenibili, affermando: “A lungo termine potrebbero essere eliminate”.

L’inganno lieve non è sempre tossico. Ma in generale, naturalmente, i luoghi di lavoro saranno più efficaci se le persone si sentiranno autorizzate a fare affidamento sulla verità. Alcuni politici di spicco sono buoni esempi dei risultati estremamente dannosi e divisivi che possono derivare dal mentire sul posto di lavoro.

Quindi, tutte le piccole bugie che dico mi fanno migliorare nel mio lavoro? Probabilmente no. Ma non ho nemmeno bisogno di sottolinearlo troppo. Come dice Levine: “Ci preoccupiamo molto se gli altri hanno buone intenzioni nei nostri confronti, ma non ci importa sempre se gli altri parlino della verità”.

Christine Ro
26 giugno 2019

http://www.bbc.com/capital/story/20190625-the-jobs-where-liars-excel

Approfondiamo il rilevamento della Menzogna – David Matsumoto

La settimana scorsa abbiamo scritto dell’importanza di distinguere le micro e le macro-espressioni, osserviamo come questo rientra nel rilevamento della menzogna.

Le microespressioni differiscono dalle loro controparti di lunga durata in molti modi, ma uno dei più salienti è il fatto che possono tradire le emozioni sottostanti. La microespressione sfuggente può mostrare rabbia o sorpresa nel caso in cui qualcuno stia cercando di nasconderlo, e un’efficace individuazione della menzogna può spesso implicare la percezione di queste microespressioni, per quanto difficile possa essere per una persona non allenata.

Come sottolineano i dottori Matsumoto e Hwang, ci sono molti fattori che rendono le persone abili nell’individuazione delle bugie. Questi includono caratteristiche di personalità come l’apertura all’esperienza e alla coscienziosità, ma anche l’empatia e la regolazione emotiva.

Uno dei principali aspetti dello studio della scorsa settimana è stata la definizione più precisa di ciò che sono le microespressioni, impegnandoci a vederle come incredibilmente fugaci e che durino meno di mezzo secondo.

Questo è stato approfondito in uno studio del 2018 condotto dai dottori Matsumoto e Hwang che consideravano le microespressioni come elementi chiave per differenziare la verità dalle bugie, rendendo operativa questa particolare definizione della lunghezza delle microespressioni. Sottolineano che la ricerca precedente ha trovato risultati misti nel collegare le microespressioni al rilevamento degli inganni, ma che tale ricerca non ha definito rigorosamente la durata della microespressione.

Gran parte di questa letteratura passata, sebbene abbia messo in luce il potenziale dello studio sulle microespressioni, non definiva correttamente le microespressioni basandosi sulle osservazioni di come effettivamente funzionano. Alcune di queste ricerche hanno classificato le microespressioni come espressioni che potevano durare fino a quattro secondi!

Tale definizione rivista ha molto senso quando si guarda al rilevamento di un inganno. Gran parte del tentativo di concettualizzare le microespressioni deriva dal tentativo di vedere il loro ruolo nel mostrare espressioni spontanee e nascoste. È più difficile che le durate più lunghe siano segni di emozioni represse e nascoste.

Questo studio del 2018 ha poi cercato di esaminare il ruolo delle microespressioni nel rilevamento delle menzogne, data questa definizione più rigorosa. In primo luogo, hanno esaminato se si sono verificate microespressioni al di sotto di mezzo secondo e se potevano distinguere in modo affidabile la verità dall’inganno. Hanno anche osservato espressioni più lunghe per vedere se queste potrebbero essere viste come costantemente spontanee.

Hanno scoperto che tali espressioni erano generalmente frequenti e fungevano da indicatori affidabili di inganno, molto più delle espressioni più lunghe di un secondo. Interessante notare che alcune espressioni molto brevi di meno di 0,3 secondi non erano indicatori utili.

Siamo curiosi di ciò che i nostri lettori hanno da dire su questo argomento. Notate queste espressioni sfuggenti? Pensate che siano chiaramente distinguibili dalle espressioni più lunghe? Commentate e fateci sapere cosa ne pensate!

CLICCA QUI PER L’ESTRATTO E PER L’ARTICOLO COMPLETO

Emozionante nuova ricerca sulle microespressioni! – David Matsumoto

Sebbene le microespressioni facciali siano simili in molti modi alle espressioni di più lunga durata, è nelle loro differenze che si sofferma gran parte della scienza recente.

I dottori David Matsumoto e Hyisung Hwang di Humintell hanno recentemente pubblicato un’analisi di uno studio importante, Shen et al. (2016), che ha cercato di distinguere le microespressioni fugaci da quelle che durano più di 200 millisecondi. Questa analisi aiuta a far comprendere ai lettori la ricerca contemporanea sulle microespressioni e l’importanza di vederle come un fenomeno diverso dalle espressioni più durature.

Shen et al. hanno scoperto che le microespressioni, cioè quelle che duravano solo da 40 a 120 millisecondi, erano percepite in modo abbastanza simile ma erano percepite in modo abbastanza distinto dalle espressioni che duravano più a lungo. Naturalmente, “più a lungo” è relativo ai 200 millisecondi!

Matsumoto e Hwang sostengono che questi risultati hanno quattro importanti implicazioni sullo studio delle emozioni e delle microespressioni.

Il primo aspetto è l’importanza della soglia di 200 millisecondi. Questo concorda con la ricerca che Matsumoto e Hwang hanno completato due decenni fa, sottolineando che, una volta che un’espressione viene mantenuta per 200 ms, tende ad essere elaborata nelle memorie a breve termine degli osservatori. Questa è una delle distinzioni cruciali che Humintell studia: la differenza tra le espressioni quotidiane e le microespressioni più fugaci e inconsce.

Sia questo studio che il lavoro di Humintell supportano una definizione di microespressioni che include solo quelle espressioni che si verificano più rapidamente di mezzo secondo. Mentre questo è stato controverso in letteratura per qualche tempo, sembra chiaro che intorno a questa soglia si esistono fenomeni psicologici distintivi. Un’altra cosa interessante da notare: Humintell più di un decennio fa aveva previsto questo definendo le microespressioni come quelle espressioni che avvengono in meno di mezzo secondo. La definizione di Humintell è stata diversa dalle affermazioni usate da altri che non sono state convalidate.

In secondo luogo, questa ricerca contribuisce all’importanza di trovare correlazioni neurologiche nella percezione delle microespressioni. Questo è stato ampiamente studiato per le espressioni facciali più durature, ma solo una manciata di studi hanno esaminato la reazione neurologica alle microespressioni fugaci.

Shen et al. hanno scoperto che anche le emozioni universali, che sappiamo avere una base biologica significativa, sono ancora elaborate attraverso regole, valori e associazioni insegnate culturalmente,questo avviene anche quando si elaborano microespressioni.

In terzo luogo, questi correlati neurologici mostrano anche quanto siano diversi per le microespressioni. La ricerca di Shen et al. Ha concluso che i correlati neurologici per le microespressioni differiscono significativamente dalle espressioni di lunga durata. Ciò porta a domande significative su come la durata dell’espressione può essere utilizzata per studiare diversi tipi di espressioni, come ad esempio la differenza tra espressioni volontarie o involontarie.

Infine, questo studio e molti altri contribuiscono a un campo in crescita che cerca di comprendere il rilevamento degli inganni. Le microespressioni possono spesso tradire coloro che cercano di mentire. La capacità nel vedere quelle microespressioni è difficile da apprendere e richiede allenamento o pratica. Tuttavia, è importante notare che le differenze individuali, come le caratteristiche della personalità, possono renderlo più difficile o più facile.

Nel complesso, questo studio è un’aggiunta importante per un crescente corpo di letteratura che cerca di comprendere le microespressioni e le loro ramificazioni per il rilevamento di inganni.

Siamo molto interessati a sentire cosa ne pensi! Cosa trovi urgente in termini di domande future? Dove guideresti questa ricerca se potessi? Cosa ne pensi di queste affermazioni?

CLICCA QUI PER L’ESTRATTO E PER L’ARTICOLO COMPLETO

3 strategie dello sguardo nel Linguaggio del Corpo – Hdemos

Per un avvocato è di grande importanza conoscere le diverse “strategie dello sguardo” che avvengono di norma nelle interazioni, personali e professionali, con le persone intorno a noi. Che sia in un’aula di tribunale o in altre situazioni di lavoro, è normale scambiarsi numerosi sguardi dal diverso significato: simpatia, dubbio, potere, interesse, disaccordo e altri ancora.

Perché lo sguardo è così importante nel Linguaggio del Corpo?

La vista ha una grande importanza per l’essere umano, si stima che circa l’80% delle informazioni dell’ambiente siano ottenute tramite la vista. Per l’importanza che riveste il senso della vista nella nostra esperienza quotidiana, il potere dello sguardo è sempre stato oggetto di attenzioni da parte di artisti, scienziati, filosofi, letterati e altro ancora.

Forse la più importante funzione di comunicazione che riveste lo sguardo è la cosiddetta “salienza”, un sinonimo di “importanza”. In pratica diamo importanza a ciò che si osserva, quando guardiamo qualcosa o qualcuno gli stiamo dando importanza proprio perché rivolgiamo l’interesse verso di lui, e allo stesso modo chi viene osservato si sente giustamente, “chiamato in causa” e si attiva anche in lui l’interesse verso l’altro (interesse che può essere di varia natura a seconda della natura della situazione: paura, piacere, curiosità, ecc.). Quando guardiamo qualcuno questa persona entra nel nostro radar e i sensi si direzionano reciprocamente in questo primo contatto visivo che è un vero “contatto fisico a distanza”, i sensi si attivano, l’attenzione è focalizzata e si instaura il primo ponte comunicativo con l’altro, grazie alla salienza (importanza) dello sguardo.

3 strategie dello sguardo

Il tipo di movimento dello sguardo può aiutarci a capire il tipo di interesse che una persona può nutrire nei confronti di un’altra, esistono nella letteratura “classica” del Linguaggio del Corpo 3 principali categorie di sguardo che si può rivolgere a un’altra persona quando si è vicini ad essa, a una distanza utile per una conversazione.

Mentre due persone parlando tra loro è normale che lo sguardo non rimanga fisso su un punto del viso altrui ma si muova esplorando diverse zone della figura dell’interlocutore.

  • Affiliazione: il tipo di sguardo “sociale” e amichevole che si usa più spesso è quello che viene definito sguardo di affiliazione, in questo tipo di sguardo gli occhi si spostano in un triangolo che va dagli occhi alla bocca della persona che si osserva. L’attenzione è quindi focalizzata sulla parte centrale del volto che racchiude zone molto comunicative (occhi e bocca, appunto). Questo sguardo è usato per comunicare interesse verso l’altro con un atteggiamento aperto e amichevole.
  • Seduzione: un altro tipo di sguardo è definito “intimo” o di seduzione, gli occhi in questo caso si muovono in un triangolo più ampio di quello di prima, che va dagli occhi al petto. Questo tipo di sguardo implica un’esplorazione visiva più ampia della persona che si ha di fronte, allargando l’area di osservazione sulla parte del petto si verificano anche attributi legati alla sessualità (petto robusto negli uomini, seno nelle donne). Questo tipo di sguardo è tipico nel primo incontro tra un uomo e una donna (o anche persone dello stesso sesso se si hanno gusti sessuali diversi dall’eterosessualità), quando questo sguardo viene ripetuto più volte durante una conversazione può segnalare un interesse di tipo sessuale da parte dell’altra persona.
  • Potere: il terzo tipo di sguardo è lo sguardo di potere, definito anche “sguardo di controllo” o “di dominanza”. Il triangolo che si forma con il movimento degli occhi è compreso tra gli occhi e il centro della fronte. Questo tipo di sguardo ha la funzione di esercitare un controllo sull’altro o di incutere timore, quando si riceve questo tipo di sguardo ci si sente istintivamente un po’ a disagio, è come se l’altro si stesse fissando come se fossimo un bersaglio. E’ interessante notare che questo tipo di sguardo è molto usato durante i combattimenti di arti marziali, tenendo lo sguardo su quell’area e sfocandolo leggermente si ottiene l’effetto di incutere timore all’altro e di tenere anche sotto controllo i rapidi movimenti dell’avversario.

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

Due comportamenti utili dei piedi – Psychology Today

Mi viene spesso chiesto su quali aree del corpo mi concentro, oltre la faccia, quando sto analizzando il Linguaggio del Corpo, specialmente quando non esiste una linea di base stabilita per i comportamenti. La mia risposta spesso sorprende: i piedi.

Sia che si tratti di una “lettura fredda” o di una persona con cui ho familiarità, trovo che i piedi siano molto utili per decifrare il comportamento non verbale.

Perché i piedi? Molto semplicemente, i nostri piedi spesso riflettono le emozioni in modo più accurato dei nostri volti. Per contratto sociale, quando qualcuno ci sorride, di solito sorridiamo anche se forse non conosciamo la persona. Possiamo fingere un sorriso e alcune persone sono molto brave – ciò che non possono nascondere è come i loro piedi rispondono a noi.

Ad esempio: entri in una festa, qualcuno che conosci ti sorride da lontano, forse ti seguono con gli occhi mentre ti sposti dall’altra parte della stanza, ma i loro piedi non si muovono mai. O quando ti avvicini, scopri che i loro piedi iniziano a spostarsi in modo tale da rimanere ancora nella tua direzione, ma i loro piedi si orientano lontano da te. Non voglio dire che girino a 45 gradi, il che è un buon segno che la persona vuole che tu ti unisca a loro. Voglio dire che un piede potrebbe spostarsi di 90 gradi da te, di solito verso un’uscita e l’altro lo seguirà presto, mentre tutti ti guardano. Questo è un comportamento da non perdere poiché spesso rivela che ci sono problemi tra te e questo individuo. Come ho notato, il cervello sta dicendo ai piedi che si preparano a fuggire “non voglio vedere o trascorrere del tempo con questa persona”. Questo è un comportamento inconscio che ho trovato molto affidabile.

Nel corso dei decenni, dopo migliaia di ore di osservazione, ho imparato ad apprezzare i piedi e quanto sono onesti. Il tuo sistema limbico, quella meravigliosa area più primitiva del cervello che ti impedisce di correre sull’orlo di una scogliera, un’alta piattaforma di immersione, o che ti fa esitare quando entri in una stanza oscura e sconosciuta, in sostanza ci tiene al sicuro. Quello stesso sistema limbico governa i nostri piedi in base a ciò che ci circonda e alle emozioni, incluso il modo in cui ci sentiamo rispetto agli altri. Dì a un bambino che state andando a Disneyland e loro mostreranno la felicità con i piedi! Dì loro che non possono andare a giocare e potrebbero battere i piedi in segno di disaccordo. Incontri qualcuno con cui hai avuto un disaccordo e probabilmente i tuoi piedi si congelano quando lo vedi, o si allontanano immediatamente. Fa parte del nostro sistema di sopravvivenza.

Viaggio quasi ogni settimana, così riesco a vedere il meglio e il peggio dei passeggeri delle compagnie aeree, soprattutto quando ci sono problemi. Molte volte, i passeggero si avvicinano a un agente aeroportuale e i loro volti sembrano essere neutri o almeno provano a sembrarlo, ma i loro piedi rivelano quanto siano agitati o sconvolti.

Un comportamento da individuare, o almeno di cui essere consapevoli, è il “tremolio della caviglia”. Il piede, che normalmente si appiattisce, inizia improvvisamente a rotolare in modo strano, cosicché il bordo esterno del piede o della scarpa rimane a terra, ma l’interno è arcuato verso l’alto esponendo la parte inferiore del piede o della scarpa avanti e indietro rispetto al piano (normale) a supinazione estrema (arrotolata verso l’esterno).

La maggior parte della gente non nota questo comportamento anche se il rotolamento ripetitivo da un lato all’altro fa tremare il corpo e gli abiti si scuotono. Questo comportamento è estremamente accurato nel farci sapere che qualcosa non va o c’è un problema. L’agitazione del piede parla chiaro, specialmente se si comprende quanto sia difficile eseguire ripetutamente questo comportamento (supinazione) quando non siamo turbati e quanto raramente viene usato. Ci vuole molta angoscia, irrequietezza o agitazione per far attivare questo comportamento ed è per una ragione che è così preciso.

Se vuoi espandere le tue capacità di osservazione e andare oltre le micro-espressioni, dai un’occhiata ai piedi, sono spesso più onesti del viso.

Joe Navarro
Cacciatore di bugie

https://www.psychologytoday.com/intl/blog/spycatcher/201903/two-useful-behaviors-the-feet

Sorrisi “russi”? – David Matsumoto

È quasi un cliché, anche tra i russi e americani, scherzare sul fatto che i russi sorridano poco. Ma questo riflette diversi livelli di felicità?

Ci sono alcune prove del fatto che i russi siano meno felici degli americani, ma la ricerca attuale suggerisce che ciò non sia dovuto a enormi differenze sottostanti. Invece, ciò può essere spiegato meglio dalle diverse aspettative culturali. Mentre gli americani sono incoraggiati a sorridere in pubblico, i russi sono fortemente scoraggiati dal farlo.

Come spiega il Dr. David Matsumoto di Humintell, i russi, come molte società collettiviste, vivono sotto aspettative più rigide di controllo emotivo. Questo è vero soprattutto con gli estranei, poiché aiuta a sottolineare le differenze tra amici e sconosciuti.

Nonostante il contegno spesso gelido, il Dr. Matsumoto ha sottolineato che ciò non significa che i russi non possano mai essere espressivi. Devi solo conoscerli e aspettare che si aprano.

In effetti, il Dr. Matsumoto ha osservato “Una volta che si bevono bicchierini di vodka insieme, sono più espressivi di chiunque altro”.

Questo può sembrare strano per molti americani, che sono incoraggiati a sorridere nei contesti quotidiani, ma i nostri sorrisi sembrano piuttosto strani ad altre culture! Molti russi possono vedere la nostra espressività come un segno di un atteggiamento ingenuo.

Nel nostro blog poche settimane fa abbiamo discusso di come la cultura giapponese incoraggi i sorrisi in pubblico e con estranei, ma ancora in modi diversi rispetto agli americani. Molte persone dal Giappone possono sorridere per nascondere altre emozioni, piuttosto che esprimere felicità o cordialità. Questo è notevolmente diverso dai russi che manterranno un’espressione neutrale in quei contesti.