Espressioni del viso: significati nella Comunicazione Non Verbale

Un modo per comprendere i gesti o i comportamenti del viso è esaminarli e dividerli per ciò che fanno.

Non bisogna differenziarli necessariamente in “micro” o “macro” espressioni (che non tengono conto della velocità di esecuzione o delle espressioni lunghe, asimmetriche o rigide). Quello che segue è un piccolo elenco – lontano dall’essere completo – di espressioni e gesti del viso; analizzando queste cinque categorie di gesti sarà più facile identificare come si sentono veramente gli altri o cosa stiano pensando:

Gesti facciali di nervosismo e tensione:

– Fronte solcata da rughe

– Strizzare gli occhi

– Compressione delle labbra

– Labbra che vengono aspirate in bocca

– Labbra tremanti

– Mento tremante

– Gli angoli della bocca si contraggono o si tirano stranamente verso l’orecchio molto rapidamente

Gesti facciali di antipatia o disaccordo:

– Le labbra increspate di solito significano “non mi piace” o “non sono d’accordo” (è visibile anche nei bambini di appena quattro settimane)

– Piega del naso (il naso si alza molto rapidamente come segno abbreviato di disgusto)

– La metà superiore del labbro su un lato si alza come fa il naso

– Sguardo in alto

– Sbattere le palpebre (di solito visto quando qualcuno dice qualcosa per cui non siamo assolutamente d’accordo)

– Palpebre chiuse che non si riaprono per quello che sembra molto tempo

– Stringere i muscoli intorno agli occhi (come Clint Eastwood in una sparatoria)

Gesti facciali per alleviare lo stress:

Esiste un certo numero di “tic” legati a gesti facciali che possono improvvisamente apparire o diventare permanenti per affrontare la tensione. Alcuni esempi sono i seguenti:

– Incontrollabile sbattimento delle palpebre

– Contrazioni alle guance

– Contrazioni incontrollabili dell’occhio

– Mascella spinta in avanti o di lato

– Mordere la lingua

– Tirarsi i peli sul viso

– Tocco ripetitivo del naso o della palpebra con un dito

Questi comportamenti non sono solo ripetitivi, possono aumentare di gravità sotto stress e a volte diventare molto veloci. I comportamenti ripetitivi sono comportamenti rilassanti, motivo per cui sviluppiamo in primo luogo i tic nervosi. Il cervello trae beneficio dal tic muscolare ripetitivo come forma di pacificazione; tuttavia, questo può diventare patologico.

Gesti facciali asimmetrici:

(I gesti che coinvolgono solo metà del viso rientrano in questa categoria)

– Sorrisi falsi (ne esistono diversi tipi)

– Sorriso che coinvolge solo metà del viso

– La persona sorride ma gli occhi sono socchiusi o mostrano tensione

L’asimmetria si applica anche alla “discordia” tra ciò che viene detto e ciò che il corpo sta trasmettendo (come dire “Ti amo” a denti stretti o con la faccia tesa).

Gesti facciali di disprezzo o disprezzo:

– Un ghigno (l’angolo della bocca tira da un lato o verso l’alto, a volte creando delle fossette sulla guancia)

– Naso e mento in alto (atteggiamento altezzoso)

– Sguardo in alto

– Sguardo di traverso con aria sprezzante

Il disprezzo, per inciso, non è un segno di inganno, è presente sia nell’innocente che nel bugiardo. Il disprezzo è spesso visto negli innocenti quando vengono intervistati da coloro che ritengono di basso status sociale o che percepiscono come incompetenti. Si possono vedere anche sguardi di disprezzo da parte di una popolazione occupata nei confronti dei suoi oppressori.

Desmond Morris

Mentre questi gesti o comportamenti sono utili per comprendere i pensieri e i sentimenti veri, non sono in alcun modo indicativi di inganno.

Possono indicare disagio psicologico o fisico, antipatia, problemi o nervosismo, ma questo è tutto. Da questi non si può trarre alcuna deduzione dell’inganno perché non esiste un singolo comportamento indicativo dell’inganno.

Dopo aver studiato Linguaggio del Corpo per anni, penso che sia più saggio capire ciò che tutto il corpo comunica, non solo il viso o le microespressioni. Soprattutto sapendo che i piedi sono più precisi del viso nel rivelare sentimenti e intenzioni e che tutto il nostro corpo trasmette costantemente informazioni vitali. In effetti, esistono oltre 215 comportamenti associati al disagio psicologico e la maggior parte di questi non sono visibili sul viso.

Per conoscere davvero il Linguaggio del Corpo e andare oltre quello che si può vedere in televisione, si può leggere la trilogia di Desmond Morris sulla Comunicazione Non Verbale (in cui è presente il libro di culto L’uomo e i suo gesti). Morris guarda gli umani con l’occhio critico di uno scienziato che scopre una nuova specie e spiega perché facciamo le cose che facciamo. È un’autorità senza eguali quando si tratta di comunicazioni non verbale e come zoologo e antropologo, può aprirci gli occhi come nessun altro autore o esperto, con l’eccezione di Charles Darwin, che ha iniziato tutto questo un giorno mentre guardava gli oranghi nel Zoo di Londra.

Vuoi sapere come interpretare le espressioni del viso e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.jnforensics.com/post/body-language-vs-micro-expressions-debunking-the-myths-of-micro-expressions

Microespressioni del viso: solo un mito?

Come sono percepite le “micro-espressioni” del viso e il loro significato? Quanto gli viene data rilevanza nel rilevare l’inganno?

Come esperto di Linguaggio del Corpo e Analisi della Menzogna, espressioni del viso e microespressioni sono un argomento piuttosto comune di cui parlare durante corsi e training.

Ormai la maggior parte della gente ha sentito parlare di “micro-espressioni” come risultato della serie TV Lie to Me, o perché il termine è stato reso popolare dai media. In effetti, incontro regolarmente persone che affermano di aver seguito corsi di microespressioni o che vogliono diventare esperti di microespressioni.

Ma cosa fare riguardo al resto del corpo? Dopotutto, il resto del corpo trasmette informazioni su pensieri, desideri, paure, emozioni e intenzioni con molta più regolarità. Se qualcuno si fa aria con la maglietta o nasconde i pollici mentre vengono poste domande, dovresti sapere cosa significa se non sanno cosa fare con le mani (significa: problemi, disagio, insicurezze) perché potrebbero non esserci microespressioni per aiutarci a comprendere.

Per capire adeguatamente, cominciamo col significato del termine “micro-espressioni”. Nel 1966 due ricercatori di nome Haggard e Isaacs scoprirono, mentre guardavano dei filmati di coppie in terapia, quelle che descrivevano come “espressioni micro-momentanee”. Hanno notato comportamenti che apparivano così rapidamente che erano difficili da vedere se non rallentando il video. Qualche anno dopo, basandosi su questo lavoro precedente e osservando questi stessi comportamenti, Paul Ekman ha coniato il termine “micro-espressioni” mentre studiava l’inganno. Ekman in seguito lo incorporò nel suo libro I volti della menzogna, che è davvero un libro di culto consigliato a tutti coloro che sono interessati alla Comunicazione Non Verbale.

Il Dalai Lama insieme a Paul Ekman

Ciò che Haggard e Isaacs, così come altri, hanno scoperto è che i nostri volti spesso rivelano sentimenti nascosti che vengono nascosti intenzionalmente. Ciò è stato ovviamente utile per rilevare problemi durante la terapia di coppia. Sfortunatamente, nel tempo il termine microespressioni è cresciuto fino a includere troppe cose; non riuscendo, ad esempio, a distinguere tra distorsioni facciali minuscole, piccole e grandi. C’è stato anche un errore nel distinguere tra i comportamenti che erano veloci e quelli che erano superveloci, ma che avevano poco a che fare con l’essere “micro” o piccoli. Infine c’è stato un fallimento nel differenziare comportamenti asimmetrici o che si bloccano stranamente sul posto, come quando teniamo un sorriso teso a un cane ringhiante.

Di conseguenza, poiché molte cose sono state raggruppate sotto la denominazione di “microespressione”, è spesso difficile determinare di cosa si sta parlando. Quindi vediamo se possiamo aggiungere un po’ di chiarezza qui per aiutare a capire meglio i comportamenti del viso, che sono spesso raggruppati sotto il termine “microespressioni” o che vengono completamente ignorati.

Innanzitutto dovremmo riconoscere, come ha sottolineato David Matsumoto, che ci sono comportamenti, gesti o espressioni del viso che si verificano senza stimoli coscienti che rivelano i nostri veri sentimenti o emozioni. Alcuni di questi comportamenti o espressioni appaiono molto rapidamente (1/15, 1/25 di secondo) e altri sembrano durare troppo a lungo. Inoltre ci sono comportamenti che sono difficili da osservare perché sono molto piccoli (ad esempio i muscoli che si contraggono appena sotto l’occhio) mentre altri sono abbastanza grandi.

David Matsumoto

Ciò che è importante per gli osservatori è che mentre si verificano questi comportamenti, non bisogna attribuire a essi più significato di quanto dovremmo. In serie TV come Lie to Me sembra che anche solo uno di questi comportamenti indichi che una persona sita mentendo. Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Come ci hanno ripetutamente detto Ekman, Frank, DePaulo, Burgoon e Vrij, non esiste un unico comportamento indicativo di inganno (Matsumoto, et. Al. 2011, 1-4; Navarro 2008). Ci sono indicatori di stress, disagio psicologico, ansia, antipatia, problemi o tensione, ma non esclusivamente di “inganno”.

In effetti, piuttosto che concentrarsi sull’inganno, nella mia esperienza, è molto più utile diventare un “rilevatore di problemi” perché è proprio quello che stiamo osservando. Quando vediamo le manifestazioni fisiche del disagio psicologico, stiamo davvero vedendo i nostri corpi comunicare che ci sono “problemi”; in altre parole qualcosa ci dà fastidio, la vera domanda è “Cosa?”.

Vuoi sapere come interpretare correttamente le espressioni del viso e approfondire il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.jnforensics.com/post/body-language-vs-micro-expressions-debunking-the-myths-of-micro-expressions

Spalle: cosa rivelano di noi?

Ricordo che da piccolo mia madre mi diceva: “Stai dritto, spalle indietro, mento in alto”. Quello che non mi rendevo conto era che mi stava dicendo questo a causa di ciò che le comunicavo con la postura e le spalle.

Stavo dicendo in modo non verbale: “Sto passando una brutta giornata perché i miei amici non possono uscire a giocare.” Forse l’ha imparato da sua madre, ma istintivamente ha letto il mio Linguaggio del Corpo e l’ha usato per comunicare con me. Ho imparato a usare le informazioni date dalle spalle per capire gli altri.

Mentre la maggior parte della letteratura sul Linguaggio del Corpo si focalizza molto sul viso, penso che valga la pena considerare ciò che le spalle possono rivelare di noi. È raro che le spalle siano menzionate nella letteratura della Comunicazione Non Verbale e quando alle persone viene chiesto l’argomento, si limitano a scrollare le spalle (e questo è ironico). Le spalle sono lì, sporgenti, reggono i nostri vestiti, influenzano ciò che gli altri pensano di noi, rivelano la nostra salute e le nostre emozioni e ci aiutano a comunicare, eppure la maggior parte delle persone le ignora.

Sia Desmond Morris, il famoso zoologo, che David Givens, il famoso antropologo, hanno parlato di quanto le spalle muscolose larghe, come nella statua del David di Michelangelo, rappresentino forza e virilità. È qualcosa che anche i greci hanno particolarmente apprezzato, come mostrato nelle loro statue dei kouroi raffiguranti dei giovani a forma di “V”.

C’è probabilmente una componente genetica in questo, poiché Morris sostiene che associamo attributi positivi ai maschi che hanno quell’aspetto mesomorfo a “V” che vediamo negli atleti (spalle larghe, fianchi stretti). Forse questo spiega perché le donne sussultino quando il calciatore David Beckham si toglie la maglia. In questo caso le spalle comunicano salute e vitalità e da una prospettiva evolutiva, come direbbe David Givens, ci sarebbero vantaggi biologici nella scelta dei compagni con queste caratteristiche.

Siamo così inconsciamente attratti da questa forma a “V” che alcune giacche da uomo sono appositamente imbottite sulle spalle per assicurarci di raggiungere questa forma. Una volta ho sentito un sarto dire a un cliente che avrebbe potuto aggiungere imbottitura extra alle spalle se lo desiderava: un suggerimento che l’uomo avrebbe dovuto prendere dato che purtroppo non era in gran forma fisica.

Le spalle comunicano vitalità ma possono anche comunicare dominio e gerarchia. Diverse interviste con soggetti criminali hanno messo in luce come essi scelgano le loro vittime prima di passare all’azione. Tre elementi sono emersi spesso: come apparivano le loro vittime (fragili, deboli, non atletiche), la loro consapevolezza complessiva della situazione (non inseguire mai qualcuno che ti vede per primo) e il movimento della loro braccia (movimento vigoroso del braccio o sottomissione passiva). Quindi per i criminali, i nostri predatori all’interno della stessa specie, come li chiamerebbe Robert Hare, l’aspetto delle spalle è un fattore chiave per coloro che cercano di depredarci.

Le spalle ci aiutano a comunicare rispetto e riverenza, ma ci aiutano anche a comunicare felicità e gioia. Le danzatrici del ventre a Beirut muovono le spalle come le ballerine di samba a Bahia, un modo esotico per comunicare sensualità e gioia. Ballare in tutto il mondo celebra lo spirito umano e invariabilmente coinvolge le spalle. Dopo tutto, come sarebbe il carnevale in Brasile senza che le spalle si muovessero ritmicamente?

Le spalle possono comunicare giocosità e fascino seducente. In tutto il Mediterraneo, in particolare in Italia, si possono vedere donne che mostrano le spalle nude sia per attirare l’attenzione che per comunicare attrazione sessuale in modo provocatorio. Questi comportamenti erano quasi obbligatori nei film di Sofia Loren.

Come per la danza, le spalle rivelano molto efficacemente ciò che è nel cuore e nella mente. Tanto che possono persino essere usati per misurare la depressione.

Molti pazienti che vanno dallo psicologo poiché sono depressi entrano nello studio al primo incontro con le spalle abbassate, rivelando così allo psicologo la loro depressione ancora prima di aprire bocca.

Nei casi di depressione clinica le spalle non sfidano la gravità, mancano di movimento spontaneo, spalle apparentemente appesantite dal peso della loro malattia. Mentre un bambino che torna a casa da scuola può mostrare le spalle basse per alcuni minuti o ore, i depressi clinicamente possono essere così per mesi o anni. Nel tempo, se non viene corretto, tale postura influenza a il modo in cui vengono percepiti dagli altri.

Senza accorgercene, ogni giorno usiamo le spalle per comunicare non verbalmente ciò che pensiamo. Quando qualcuno ci chiede: “Da che parte è l’autostrada?” E immediatamente scrolliamo le spalle, sollevandole rapidamente ed enfaticamente, questo è il nostro modo di dire: “Davvero non lo so”.

Nulla di più da dire qui o nel Borneo; è un gesto universale. Se decidiamo di rispondere verbalmente alla domanda precedente, molto probabilmente scrolleremo simultaneamente le spalle anche per potenziare il messaggio senza accorgercene. Lo facciamo perché enfatizza ciò che stiamo dicendo. Questo rapido comportamento che sfida la gravità (alzando o scrollando le spalle) rinforza positivamente ciò che è stato detto. Abbiamo maggiore fiducia negli altri quando vediamo la conferma non verbale del messaggio verbale.

Le spalle tradiscono coloro che non hanno fiducia in se stessi o che mentono apertamente. Quando le persone non sono sicure di ciò che stanno dicendo o mancano di fiducia, le loro spalle tendono a riflettere quell’incertezza. Mentre rispondono a una domanda, diranno qualcosa del tipo: “Sono sicuro che non è stato qui ieri” e mentre lo fanno, vedi le spalle o una spalla sollevarsi leggermente o lentamente. Questo movimento delle spalle dice, inconsciamente, che mi manca la fiducia in ciò che sto dicendo.

I medici possono trovarlo utile quando parlano con i pazienti e chiedono: “Prenderete i farmaci secondo le mie istruzioni?” Se i pazienti rispondono con un leggero rialzo delle spalle, i dottori possono riconoscere che c’è qualcosa sotto. Per il clinico premuroso questa è una grande opportunità per chiedere: “Qual è la tua esperienza con questo farmaco? Ti ha causato problemi?”. Osservare le spalle dovrebbe servire per indirizzare le domande in maniera efficace per superare eventuali dubbi o problemi.

Il rialzo della spalla non è sempre indicativo dell’inganno (non esiste un unico comportamento indicativo dell’inganno) e non deve essere interpretato solo in questo modo, ma piuttosto come un indicatore di mancanza di fiducia.

Il corpo rivela ciò che la mente nasconde, le spalle sono viste ma raramente osservate con attenzione e, quando lo facciamo, non prestiamo sempre attenzione ai messaggi che stanno inviando. Quindi la prossima volta che guardi le altre persone, dai un’occhiata alle spalle, in particolare nei bambini, il cui Linguaggio del Corpo è molto onesto, per vedere cosa c’è veramente nel loro cuore e nella loro mente. E, per rispetto per i nostri genitori, alziamoci in piedi e rimettiamo le spalle dritte in modo che gli altri ci vedano bene.

Vuoi sapere come interpretare correttamente il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.jnforensics.com/post/what-the-shoulders-say-about-us

Braccia incrociate: 9 verità svelano un mito sul Linguaggio del Corpo

Se incroci le braccia, ti difendi dagli altri e invii un messaggio negativo. Ma è sempre vero?

Lascia che ti informi ora che non lo è. È un malinteso semplicistico, simile ad altri miti, come l’idea che se distogli lo sguardo, stai mentendo. Esaminiamo un po’ più da vicino il comportamento di incrociare le braccia, spesso diffamato, poco compreso, ma molto utile, e vediamo se possiamo aggiungere un po’ di chiarezza:

Auto-abbraccio. Probabilmente avrai notato che si incrociano le braccia più frequentemente in pubblico che in privato. In un certo senso, è come un abbraccio di se stessi – ed è confortante in quel momento. Lo facciamo ascoltando un oratore o aspettando che inizi una presentazione. Ovviamente non stiamo cercando di tenere lontano nessuno; stiamo solo contribuendo al nostro conforto. Ecco perché lo facciamo nella maggior parte dei casi. Chiedi a qualcuno in un pubblico con le braccia incrociate se sono a loro agio e probabilmente diranno di sì, perché lo sono davvero.

Alleviare lo stress. Quando siamo stressati, riceviamo conforto incrociando le braccia attraverso il busto in modo da poter raggiungere e massaggiare le braccia con le mani opposte. Questo comportamento, che aiuta a calmarci, ha lo stesso scopo di strizzarci le mani. Ancora una volta, questo non è un comportamento bloccante, ma comunica a un osservatore che esiste una sorta di ansia, il che spiega perché gli insegnanti lo vedono nei giorni degli esami.

Mascherare insicurezza. Le persone che si sentono insicure possono incrociare le braccia per non sentirsi troppo esposte. Nel suo famoso dibattito presidenziale del 1960, Richard Nixon incrociava le braccia quando parlava con John F. Kennedy fuori onda, forse perché, come notò il suo biografo, Nixon si sentì sempre insicuro nei confronti dei “tipi dell’elite”, anche se era vice presidente al tempo e aveva una statura internazionale.

Ansia e paura. A proposito di insicurezza, quando abbiamo paura o proviamo un’ansia elevata, incrociare le braccia può essere una risposta a quell’angoscia. L’incrocio delle braccia può essere unito a frequenti toccamenti del collo o coprendo con le braccia lo spazio vicino al collo. Il contatto con il collo è indicativo di tensione, ansia, insicurezza o angoscia emotiva: una persona inizia con le braccia incrociate, poi libera una mano per toccarlo, poi ritorna sul busto.

Mirroring. Cosa succede tra due uomini che hanno entrambe le braccia incrociate, ciascuna appoggiata a un muro con una spalla e con le gambe incrociate allo stesso modo? C’è un conflitto tra i due? La risposta è no. Il fatto che si stiano rispecchiando a vicenda, con le braccia e le gambe incrociate, dice che tra loro va tutto bene. In particolare incrociamo le gambe – mettendoci in equilibrio – quando ci sentiamo abbastanza a nostro agio con un’altra persona. Allora perché le loro braccia sono incrociate? Semplicemente perché sono comodi e focalizzati su un argomento.

Autocontrollo o frustrazione. Non c’è dubbio, usiamo le braccia incrociate quando siamo arrabbiati, ma questo è principalmente una forma di autocontrollo ed è usata, ancora una volta, per confortarci. I bambini lo fanno sempre. Quando viene chiesto loro di fare qualcosa che non vogliono fare, incrociano le braccia, a volte stringono i pugni, stringono forte il busto, quasi come se avessero una giacca dritta. Serve a comunicare in molti modi, in modo molto vivido, come si sentono, senza dire una parola. Si vedono uomini adulti comportarsi in modo simile: le loro braccia incrociate strettamente con le mani a pugno, i loro volti arrabbiati, trattenendosi perché erano arrabbiati. Ma ancora una volta, questo non è un comportamento bloccante; è un comportamento autosufficiente.

Postura di potere. Gli uomini, in particolare, usano la posa delle braccia incrociate per apparire più grandi, ma anche alcune donne lo fanno. I buttafuori nei club lo fanno sempre, così come altri uomini che sentono il bisogno di intimidire gli altri. In ogni caso, come con molti comportamenti dei primati che ci fanno sembrare più grandi, questo comunica che c’è un problema e si è abbastanza grandi da gestirlo. Superman è spesso raffigurato in questa posa, ed è interessante notare che la impiega anche la nuova statua di Martin Luther King Jr. a Washington DC. Nei cortili scolastici, questa è quella che gli insegnanti purtroppo chiamano “la posa del bullo”.

Isolamento. Ogni tanto ti imbatti in qualcuno che è semplicemente odioso, e vuoi creare una distanza, se non altro per isolarti. Oltre che allontanarsi fisicamente, le braccia incrociate possono aiutare a creare una barriera psicologica e fisica.

Fa freddo. A volte la spiegazione è quella più semplice: ammettiamolo, a volte incrociamo le braccia solo perché fa freddo …

Quindi, incrociare le braccia dà una brutta impressione? Dipende. Gli studi dimostrano che le persone si sentono un po ‘più distanti quando incrociano le braccia, ma ciò è più probabile se gli altri sono estranei. Se si è con amici o colleghi, non si valuta come un comportamento di blocco; in effetti, molte persone incrociano le braccia mostrando interesse e quando sono seriamente impegnati su un argomento.

Questo potrebbe spiegare perché vediamo questo comportamento così spesso tra coloro che lavorano regolarmente insieme ma hanno affari importanti da discutere. Lo vedremo tra i politici, così come negli ospedali tra i medici che si consultano nel corridoio. Penso che importi davvero se le persone si conoscano o meno. Esistono altri comportamenti più accoglienti che incrociare le braccia, ma dobbiamo anche riconoscere che non è sempre un comportamento bloccante.

Quando studiamo un comportamento non verbale, dobbiamo considerare il contesto, l’ambiente e tutti i comportamenti che vediamo, non solo uno. Ciò significa leggere tutto il corpo, dalla testa ai piedi. Sfortunatamente, i miti sulla Comunicazione Non Verbale abbondano e incrociare le braccia troppo spesso viene erroneamente visto come un comportamento di blocco quando in realtà ci possono essere una varietà di ragioni per questo.

Quindi la prossima volta che vedrai questo comportamento, non essere sorpreso se la persona si sta semplicemente rilassando.

Vuoi sapere come interpretare correttamente il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.jnforensics.com/post/9-truths-exposing-a-myth-about-body-language

7 tradizioni internazionali di Capodanno

Il nuovo anno è il momento di ricominciare da capo, augurare buona fortuna e sperare nel successo per il prossimo anno.

Ogni paese ha rituali diversi per accogliere il nuovo anno con il piede giusto. È sempre divertente imparare e acquisire consapevolezza della diversità delle tradizioni e dei costumi.

– 12 chicchi d’uva: quando l’orologio segna mezzanotte alla vigilia di Capodanno, è tradizione per gli spagnoli, i latinoamericani e i filippini mangiare una dozzina di chicchi d’uva. Ogni chicco ha lo scopo di portare fortuna e soldi per ogni mese nel prossimo anno.

– 108 rintocchi di campane: i templi buddisti in Giappone eseguono un rituale fatto di campane allo scoccare della mezzanotte della vigilia di Capodanno. Questa tradizione si chiama Joya no Kane (除夜の鐘). Le campane suonano 108 volte per purificare da tutte le sofferenze e le delusioni dell’anno passato.

– Bruciare il vecchio anno: è normale vedere persone dal Messico all’Uruguay acquistare e poi bruciare spaventapasseri pieni di carta. Questa tradizione rappresenta il bruciare, il lasciarsi andare e la purificazione del vecchio anno.

– Rompere i vecchi piatti: molti danesi mettono da parte i vecchi piatti per lanciarli alla porta di amici e familiari. Più grande è il mucchio di piatti rotti davanti alla tua porta, più amici hai!

– Valigia intorno all’isolato: allo scoccare della mezzanotte di Capodanno, la maggior parte dei latinoamericani corre intorno all’isolato con una valigia sperando in un anno pieno di viaggi.

– Cipolle: per i greci, le cipolle rappresentano fertilità, rinascita e crescita. Pertanto, appenderle all’interno della casa porta benedizioni, salute e longevità. Se appendere una cipolla alla porta non è sufficiente, i genitori picchiettano anche i loro bambini sulla testa con una cipolla il giorno di Capodanno.

– Biancheria intima colorata: sudamericani, spagnoli e italiani sono noti per inaugurare il nuovo anno indossando biancheria intima colorata. Ogni colore ha un significato diverso, quindi scegli con saggezza:

Rosso: amore
Giallo: denaro
Verde: buona fortuna
Blu: buona salute
Bianco: pace e felicità

Anche se non ti consideri superstizioso, acquisire consapevolezza culturale delle diverse tradizioni seguite in tutto il mondo è un modo divertente di vedere la diversità. Cercare di seguire alcune di queste tradizioni può diventare un’esperienza unica di Capodanno.

Suggerimento professionale: non indossare biancheria intima nera, porta sfortuna.

Vuoi sapere come interpretare il Linguaggio del Corpo nelle diverse culture per facilitare i tuoi viaggi e la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto dal sito: https://www.protocolww.com/7-international-new-years-eve-traditions/

10 cose da sapere per riconoscere uno stronzo (anche a Natale)

Sono arrivate le festività natalizie e con loro hanno portato un carico di panettoni, regali, cene e pranzi con parenti e amici. Solitamente è un periodo lieto (e un po’ stressante allo stesso tempo) poiché si ritrovano persone con cui non sempre si ha molto tempo da passare durante il resto dell’anno.

Purtroppo a volte non tutti gli amici, conoscenti e parenti che si incontrano sono persone piacevoli, saper individuare in tempo persone e atteggiamenti “poco gradevoli” può essere un utile vantaggio anche durante le feste di Natale; ecco qui 10 semplici consigli su come riconoscerli e soprattutto… buone feste a tutti!

1 – Gentilezza sospetta

Quando qualcuno vi approccia con fare stranamente gentile rispetto al suo normale modo di fare potrebbe essere intenzionato a ingannarvi in qualche modo.

2 – Scarso contatto visivo

Se una persona vi guarda poco negli occhi quando parliamo con lui potrebbe essere timido ma potrebbe anche volere nascondervi qualcosa.

3 – Toccarsi il corpo o il volto

Grattarsi il viso, il naso o un braccio potrebbero essere segnali di disagio e tensione, specialmente se la persona di fronte a voi non ha intenzioni oneste nei vostri confronti.

4 – Sorrisi ingannevoli

A volte troppi sorrisi possono essere usati per trarre in inganno, pochi sorrisi invece potrebbero segnalare una certa freddezza nei vostri confronti. Bisogna anche fare attenzione ai sorrisi asimmetrici che spesso indicano ironia e disprezzo.

5 – Mani nascoste

Le persone oneste e sincere mostrano le mani e i palmi quando parlano con qualcuno, diffidate di chi tende a nascondere troppo le proprie mani dalla vostra vista.

6 – Orientamento del corpo non diretto verso di voi

Se chi vi sta di fronte ha una o più parti del corpo (la gambe, il busto) rivolte altrove mentre parlate con lui, potrebbe non essere realmente interessato a voi o alla vostra conversazione.

7 – Labbra strette

Chi tende a serrare le labbra con forza o le tiene chiuse molto spesso potrebbe essere una persona arida di sentimenti o che sta tentando di ingannarvi.

8 – Invasione dello spazio privato

Chi invade spesso il vostro spazio privato può manifestare una richiesta di attenzione ma anche una natura ossessiva e invadente. In particolare prestate attenzione a chi cerca molto il contatto fisico mentre parla con voi.

9 – Segnali di barriera

Una persona che dichiara simpatia ed empatia nei vostri confronti lo manifesta con le braccia aperte e mostrando il busto. Fate attenzione a coloro che rimangono con le braccia e le gambe incrociate, segnali di difesa che possono indicare una certa ostilità o un tentativo di mentirvi.

10 – Espressioni del viso asimmetriche

Le emozioni sincere appaiono in modo simmetrico sul volto delle persone. Diffidate da chi mostra una marcata asimmetria nelle sue espressioni facciali, questo indica che vi sta nascondendo le sue vere emozioni e i suoi pensieri.

Francesco Di Fant

Dal libro Come riconoscere uno stronzo al primo sguardo di Francesco Di Fant (Newton Compton editori, Roma 2014).

https://www.newtoncompton.com/libro/come-riconoscere-uno-stronzo-al-primo-sguardo

https://www.newtoncompton.com/autore/francesco-di-fant

Vuoi sapere come interpretare il Linguaggio del Corpo, riconoscere la menzogna ed evitare gli stronzi per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Comportamenti particolari delle mani

Quando le dita gridano: “Sto lottando!”

Per molti lettori, quando si tratta di Linguaggio del Corpo, l’attenzione va principalmente sul viso. Ma per da capire davvero gli altri, specialmente a distanza, è importante non dimenticare le mani. Le nostre mani esprimono in modo forte i nostri sentimenti – se ne dubiti, esamina come tocchiamo le cose a cui teniamo e quelle che amiamo. Al contrario, osserva come usiamo le mani per lisciare i nostri vestiti, farci aria o massaggiarle insieme quando siamo leggermente ansiosi.

Ci sono due comportamenti delle mani piuttosto interessanti perché esistono pochi studi in merito e, il più delle volte, si osservano solo quando qualcuno è in difficoltà o ha difficoltà con qualcosa di emotivo. Poiché di solito non vediamo questi due comportamenti utilizzati, li possiamo definire come comportamenti particolari (o riservati). In altre parole, li usiamo in modo particolare, riservato a quando le cose sono particolarmente difficili.

Il primo è il comportamento più familiare che io chiamo “Dita intrecciate a tenda”. Le dita sono intrecciate (i palmi rivolti l’uno verso l’altro), ma piuttosto che premute come in preghiera, o come quando ci stringiamo le mani, in questo caso le dita rimangono molto rigide. Le dita possono mantenere momentaneamente questa posizione o scivoleranno lentamente (e questa è una distinzione importante) avanti e indietro rimanendo strettamente intrecciate.

Questo è stato osservato quando qualcuno sta lottando per avere ragione in una conversazione, o quando si ha qualcosa da dire che ha conseguenze molto negative. Spesso questo gesto si vede al lavoro quando qualcuno deve dire al capo che qualcosa è andato storto e anche nella terapia di coppia quando l’uno o l’altro partner sta raccontando qualcosa di doloroso.

Il secondo comportamento è simile, ma un po ‘più contorto, poiché le dita sono ancora una volta intrecciate, ma i palmi questa volta sono rivolti verso l’alto. Questa è una variante estrema dell’intrecciamento delle dita per scaricare lo stress. In questo gesto la persona tiene le mani in alto e intreccia le dita, quindi i pollici sono rivolti in avanti.

Provalo e noterai quanto sia strano tenere le mani in questo modo, eppure, se osservi bene le mani altrui, lo vedrai abbastanza spesso quando succede qualcosa di angosciante.

Perché agiamo questi comportamenti? Si ipotizza che l’intrecciamento delle dita aumenti la superficie dei nervi digitali, molto sensibili, che normalmente utilizziamo per sentire e percepire, questo funge da carezza tattile per liberare lo stress.

La contorsione aggiuntiva delle mani e delle dita quando i palmi sono rivolti verso l’alto sollecita i muscoli, le articolazioni e i tendini delle dita, tale contorsione sembra fornire ancora più stimoli tattili. Ciò, a sua volta, serve ad alleviare lo stress in situazioni altamente cariche dal punto di vista emotivo.

Quindi, mentre tutti gli altri cercano da vicino quelle tanto decantate ma altamente sfuggenti “micro-espressioni”, puoi fare alcune osservazioni molto accurate anche a 10 metri di distanza.

Vuoi sapere come interpretare il Linguaggio del Corpo delle mani e facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.psychologytoday.com/intl/blog/spycatcher/201906/reserved-behaviors-the-hands

Piedi e gambe: cosa dicono di noi?

Spesso ignorati, i piedi e le gambe offrono indizi preziosi sull’inganno.

I nostri piedi e le nostre gambe, spesso trascurati nello studio del linguaggio del corpo, trasmettono molte informazioni preziose su ciò che percepiamo, pensiamo e sentiamo. Prestiamo così tanta attenzione al viso e alle altre parti del corpo, che dimentichiamo l’importanza di queste appendici vitali.

È un errore che la maggior parte di noi commette, e non dovremmo, perché in molti modi i piedi e le gambe sono la parte più accurata del nostro corpo. Riflettono le nostre vere emozioni e intenzioni, in tempo reale, a differenza del nostro viso e di altre parti del corpo, e possono essere utili nella rilevazione dell’inganno.

Nel corso di milioni di anni, il nostro sistema limbico si è assicurato che i nostri piedi e le nostre gambe reagissero istantaneamente a qualsiasi minaccia o preoccupazione; la loro affidabilità ha assicurato, in parte, la nostra sopravvivenza. Qualcuno ci viene incontro a tarda notte mentre siamo al bancomat e le nostre gambe si serrano e i nostri piedi si orientano verso una via di fuga, preparandoci a fuggire se necessario.

Allo stesso modo, il nostro cervello limbico dice ai nostri piedi di non camminare troppo vicino al bordo del canyon, quindi non lo facciamo. Incrociamo le gambe quando ci sentiamo a nostro agio nell’ascensore, eppure quando entra un gruppo di sconosciuti, smettiamo di incrociare le gambe in modo da poter fuggire se necessario. Stiamo parlando con un buon amico e improvvisamente notiamo che uno dei piedi è puntato in fondo alla strada. Non c’è bisogno di chiedere, i piedi devono andare, sono in ritardo per un appuntamento.

Vuoi sapere se due persone che parlano in corridoio vogliono che ti unisca alla loro conversazione? Se i loro piedi non si muovono verso di te per “darti il benvenuto” e ruotano i loro corpi solo sui fianchi, continua pure a camminare dritto. Quando una relazione diventa difficile, ci sarà sempre meno contatto con i piedi. Due persone possono tenersi per mano in pubblico, ma i loro piedi semplicemente si evitano a vicenda.

Questi sono esempi di reazioni limbiche, riflesse nei piedi e nelle gambe, a determinate situazioni, sensazioni e intenzioni. Sono molto puntuali e precise.

Allo stesso modo, un bambino può essere seduto a mangiare, ma se vuole uscire e giocare, nota come oscillano i suoi piedi, come si allungano per raggiungere il pavimento dal seggiolone, anche quando non ha ancora finito di mangiare. Puoi provare a tenerlo in posizione, ma lui si muoverà e i suoi piedi si gireranno verso l’uscita desiderata più vicina, un riflesso accurato di dove i suoi piedi vogliono andare. Questo è un indizio di intenzione, e ne abbiamo diversi che utilizziamo per riflettere il nostro bisogno di fare qualcosa.

Poiché i nostri piedi e le nostre gambe sono così onesti, pongo particolare enfasi su ciò che comunicano mentre si mente. La maggior parte delle persone si concentra sul viso, ma sfortunatamente, i nostri volti sono molto abili nell’inganno. Fin da piccoli ci viene detto, “non fare quella faccia”, anche se odiamo ciò che ci stanno dando da mangiare. Man mano che cresciamo, su richiesta degli altri mettiamo un “volto da festa” o sorridiamo perché la cultura da cui veniamo lo richiede. E così falsiamo ciò che sentiamo o pensiamo con i nostri volti (facendo una “faccia da poker“) per mantenere l’armonia sociale. Lo facciamo anche per proteggerci dall’essere scoperti quando siamo disonesti. I nostri piedi e gambe, poiché sono necessari per la sopravvivenza, non fanno tali concessioni.

Nervosismo, stress, paura, ansia, cautela, noia, irrequietezza, felicità, gioia, dolore, timidezza, timidezza, umiltà, goffaggine, fiducia, sottomissione, depressione, letargia, giocosità, sensualità e rabbia possono manifestarsi attraverso i piedi e le gambe. Concentrarsi sui piedi e sulle gambe aiuta a rivelare tante informazioni su quello che c’è nella mente degli altri e i bugiardi pensano molto a gestire il loro viso ma non le loro gambe e piedi.

Quando le persone iniziano a mentire, spesso prendono le distanze (parte della risposta di allontanamento) stando più lontano da te. Oppure, puntano i piedi lontano da te ma si voltano verso di te con il busto. A una prima osservazione può sembrare tutto a posto, ma si tratta di comportamenti per prendere le distanze che rivelano molto su ciò che accade nel cervello altrui.

I bugiardi tendono a non enfatizzare gli argomenti. Sanno cosa dire, ma non le emozioni che accompagnano ciò che stanno dicendo, quindi vediamo meno comportamenti anti-gravità (che sono associati a sensazioni positive) quando parlano. Le persone oneste tendono a sfidare la gravità alzandosi sulle punte dei piedi quando sottolineano un concetto o inarcano le sopracciglia. I bugiardi non lo fanno, perché i comportamenti che sfidano la gravità sono derivati dal sistema limbico: esclamazioni emotive che esprimiamo attraverso il nostro linguaggio del corpo, che mancano nella menzogna.

Quando diciamo la verità, i nostri piedi tendono ad assumere una posizione più ampia e più solida. Nel momento in cui ci sentiamo insicuri su ciò che stiamo dicendo o se mentiamo, i nostri piedi tendono a riunirsi. Ancora una volta, questa è una risposta limbica legata a come ci sentiamo (insicuri) su ciò che viene detto. Quando non siamo mentalmente sicuri, si riflette nelle nostre gambe e piedi.

Quando mente, il bugiardo è preoccupato di essere scoperto e ciò che si può osservare è che a volte la preoccupazione spinge a quella che si può definire “caviglia tremante”. La caviglia inizia a muoversi facendo dondolare la persona avanti e indietro lungo tutto il piede (dal tacco alla punta del piede). Una persona sincera non ha bisogno di tranquillizzarsi con questo comportamento di dondolio ripetitivo, ma un bugiardo può trovare tali comportamenti poco visibili utili per calmarsi.

Questi ovviamente non sono tutti i comportamenti di piedi e gambe da notare, ad esempio, osservate una persona che fa una dichiarazione e poi fa il gesto di pulirsi le gambe con le mani. Sfregando le mani (a volte più volte) sulla parte superiore delle gambe mentre è seduto, questo gesta rassicura l’individuo che sta mentendo o che ha la conoscenza sporca. Questo si verifica spesso quando vengono poste domande molto dirette o dal forte impatto emotivo, che causano un alto grado di disagio.

Quindi, mentre meditate sui comportamenti degli altri per determinare ciò che pensano, sentono o intendono fare, ricordate che piedi e gambe sono preziosi in questa ricerca perché non ci deludono grazie alla loro precisione.

Vuoi sapere come saper riconoscere le menzogne per cambiare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.psychologytoday.com/intl/blog/spycatcher/200911/what-the-feet-and-legs-say-about-us

Gesti da tutto il mondo

In generale, tendiamo a pensare che sia meglio non insultare il tuo paese ospitante quando viaggi all’estero. Quindi, prima di offendere involontariamente qualcuno di un’altra cultura, dai un’occhiata a questa guida ai gesti delle mani in tutto il mondo.

Alcuni gesti mandano un messaggio personale:

Grecia = “I am ignoring you” (“Ti sto ignorando”)
Messico = “You’re stingy” (“Sei avaro”)

Alcuni gesti hanno significati diversi in alcuni paesi:

USA = “Terrific” (“Eccezionale”)
Iran = “F**k you” (“Vaff…”)

USA = “Rock on” (“Spacchi di brutto”)
Spagna = “Your wife is unfaithful” (“Tua moglie è infedele”)

USA = “Okay”
Brazil = “Asshole” / “F**k you” (“Stronzo” o “Vaff…”)

Altri gesti hanno significati strani:

Sud Italia = “Crazy like a pepper mill” (“Matto come un macinapepe”)
Stati Arabi = “You have 5 fathers” / “Your mom gets around” (“Tu hai 5 padri” / “Tua madre è infedele”)
Grecia = “To hell with you” (“Vai all’inferno”)
Pakistan = “I will rub s**t in your face” (“Spalmerò feci sul tuo viso”)
Panama = “I will dishonor your sister” (“Andrò a letto con tua sorella”)
“Jay-Z is awesome” / “The Illuminati shall reign supreme” (“Jay-Z è fantastico” / “Gli Illuminati regneranno”)

Vuoi sapere come i gesti quotidiani possono cambiare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

L’onestà del Linguaggio del Corpo – Joe Navarro

“Se il linguaggio è stato dato agli uomini per nascondere i loro pensieri, lo scopo del gesto era quello di rivelarli” – John Napier

Per milioni di anni, i nostri primi antenati si aggirarono su questo pianeta navigando in un mondo molto pericoloso. Lo hanno fatto comunicando efficacemente i loro bisogni, emozioni, paure e desideri l’uno con l’altro. Incredibilmente, hanno raggiunto questo obiettivo attraverso l’uso di comunicazioni non verbali come cambiamenti fisiologici (viso arrossato), gesti (indicando con la mano), rumori (grugnire non è una parola) e reazioni facciali o del corpo (sguardo interrogativo o spaventato).

Questo fa parte del nostro patrimonio biologico da così tanto tempo che comunichiamo ancora principalmente non con il corpo, non verbalmente, e perché abbiamo bisogno di icone emotive nella nostra comunicazione scritta.

Fortunatamente per noi abbiamo sviluppato un sistema per comunicare immediatamente agli altri come ci sentiamo e cosa percepiamo. Se non fosse per questo, una stanza potrebbe essere pericolosamente calda – non solo calda e una nuotata in un lago potrebbe trasformarsi in ipotermia.

Se dovessimo pensare, anche solo per pochi secondi, a ogni incontro pericoloso (immagina un serpente a sonagli arrotolato sulla tua gamba) saremmo morti come specie. Invece ci siamo evoluti per reagire immediatamente alle minacce o qualsiasi cosa che potesse farci del male, senza pensarci su (il congelamento del corpo, la fuga, la risposta alla lotta).

Questo sistema che si è evoluto nel tempo, che ci avvisa istantaneamente di qualsiasi pericolo percepito, comunica istantaneamente anche agli altri intorno a noi. Proprio come il nostro cervello ci costringe a immobilizzarci sul posto quando vediamo un cane aggressivo o dei grandi felini mentre siamo in un safari, così il cervello comunica anche agli altri istantaneamente attraverso i nostri corpi, se ci sentiamo a nostro agio o a disagio, contenti o infelici, sicuri o non sicuri.

Il vantaggio è duplice, reagiamo al mondo che ci circonda e altri beneficiano delle nostre prime reazioni, proprio come facciamo noi dalle loro. Ad esempio, se assaggi qualcosa di marcio tutti quelli intorno a te lo sapranno dalla tua espressione; non avranno nemmeno bisogno di assaggiarlo.

Rapido, autentico e affidabile: il Linguaggio del Corpo è la “scorciatoia per comunicare ciò che è più importante” perché è stato benefico per l’evoluzione.

E non si tratta solo di sopravvivenza o minacce, sebbene questa sia la ragione principale per cui reagiamo a certe cose in modo così visibile (i suoni forti ci fanno congelare o rannicchiare sul posto). Il nostro cervello e il nostro corpo fanno intuire anche le nostre intenzioni.

Questo è il motivo per cui quando parli con qualcuno che ti piace e all’improvviso noti che uno dei suoi piedi punta verso la propria auto o un ascensore, sai che probabilmente la persona deve andare. Poiché sono in ritardo, il corpo attraverso le gambe comunica che qualcosa di urgente lo sta pressando (causando disagio psicologico) anche se la persona continua la conversazione. Ecco perché diciamo, quando si parla di comunicazione, che il Linguaggio del Corpo è più veritiero della parola parlata.

Quindi cosa c’è psicologicamente dietro tutto questo? Semplicemente questo: i nostri bisogni, sentimenti, pensieri, emozioni e intenzioni vengono elaborati elegantemente dal cosiddetto “sistema limbico” del cervello. Non deve pensare, reagisce semplicemente al mondo in tempo reale e i nostri corpi mostrano come ci sentiamo.

Qualcuno ci dà brutte notizie e le nostre labbra si comprimono; l’autobus parte senza di noi e stringiamo le mascelle e ci sfreghiamo il collo. Ci viene chiesto di lavorare un altro fine settimana e le orbite dei nostri occhi si restringono mentre il mento si abbassa. Si tratta di manifestazioni di disagio che il nostro cervello limbico ha perfezionato nel corso di milioni di anni, sia che ci troviamo in Cina o in Cile.

Al contrario, quando vediamo qualcuno che ci piace davvero, le nostre sopracciglia si alzeranno sfidando la gravità, i nostri muscoli facciali si rilasseranno e le nostre braccia diventeranno più flessibili (anche estese) in modo da poter accogliere questa persona. Alla presenza di qualcuno che amiamo, rispecchieremo il loro comportamento (isoprassi), inclineremo le nostre teste e il sangue scorrerà sulle nostre labbra rendendole piene, anche le nostre pupille si dilatano.

Il nostro cervello limbico comunica attraverso i nostri corpi esattamente i veri sentimenti che proviamo e orchestra accurate visualizzazioni non verbali corrispondenti.

In un certo senso, i nostri corpi non devono necessariamente attuare questi comportamenti e tuttavia ci siamo evoluti per dimostrarli per una ragione precisa: siamo animali sociali che hanno bisogno di comunicare sia verbalmente che non verbalmente.

Come facciamo a sapere che il linguaggio del corpo è essenziale per noi? Anche i bambini nati ciechi, che non hanno mai visto questi comportamenti, li eseguono. Un bambino cieco si coprirà gli occhi quando sente qualcosa che non gli piace come fa il mio vicino di casa ogni volta che gli chiedo di aiutarmi a spostare oggetti pesanti. Fortunatamente questi comportamenti sono innati e programmati nel nostro cervello.

Negli affari, a casa o nelle relazioni, possiamo sempre essere certi che i veri sentimenti si rifletteranno nel nostro linguaggio del corpo attraverso manifestazioni di conforto e disagio. Questo sistema binario di comunicazione di come ci sentiamo ha superato la prova del tempo ed è sopravvissuto per aiutarci con la sua elegante semplicità.

Ovviamente questo può essere molto efficace nel determinare ciò che gli altri pensano di noi e nel valutare come si sta evolvendo una relazione. Spesso quando le persone percepiscono che qualcosa non va in una relazione, ciò che stanno percependo sono cambiamenti nella Comunicazione Non Verbale.

Le coppie che non si toccano o che camminano vicine tra loro sono facili da individuare, ma a volte i comportamenti più sottili sono ancora più precisi. Un esempio di ciò è quando le coppie si toccano con la punta delle dita anziché con la mano piena (comportamento di allontanamento) indicando un disagio psicologico. Questo comportamento da solo (un “indizio d’inganno”) può far presagire seri problemi nella relazione che in superficie potrebbero non essere così evidenti.

Ci sono molti aspetti della Comunicazione Non Verbale e del Linguaggio del Corpo, concentrarsi sul comfort e sul disagio può fare molto per aiutarci a vedere più chiaramente ciò che gli altri stanno veramente provando, pensando, temendo o desiderando. Avere quella visione in più ci dà una valutazione più onesta degli altri e ci può aiutare a comunicare in modo più efficace ed empatico per una comprensione più profonda.

https://www.jnforensics.com/post/body-language-basics-the-honesty-of-body-language

Guida utile alla rabbia – Humintell

La rabbia è una delle nostre emozioni di base, ma è anche una delle più preoccupanti.

Sappiamo che la rabbia può causare una grande quantità di sconvolgimento emotivo per noi stessi, ma sappiamo anche che la rabbia ha il potenziale per condurre le persone alla violenza o all’odio. È proprio perché la rabbia è allo stesso tempo così importante e così problematica che merita attenzione. Forse è per quel motivo che l’NPR ha condotto una serie di interviste per indagare il ruolo della rabbia nelle nostre emozioni.

Non c’è spazio per discutere di ognuna di queste interviste, ma porremo l’attenzione su “La rabbia può essere contagiosa”, “Cercare la rabbia negli animali” e “Se sei spesso arrabbiato o irritabile, potresti essere depresso”.

Del primo caso “La rabbia può essere contagiosa” abbiamo già scritto sul processo di contagio emotivo, ma il ruolo della rabbia merita sicuramente di essere enfatizzato. Questa prima intervista sottolinea quanto sia facile per le emozioni influenzare altre persone, ma il dottor Jeff Hancock dell’Università di Stanford ha sottolineato che emozioni come la rabbia sono ancora più contagiose di quelle positive.

Durante l’analisi della comunicazione su Facebook, Hancock ha scoperto che quando gli amici tendono a pubblicare post carichi di emozioni, si tradurranno in un aumento dei post emotivi per vari membri del loro gruppo di amici. Ciò era ancora più evidente per la tristezza e la rabbia.

Questo studio si concentra principalmente sulla diffusione delle emozioni sui social media, ma sappiamo già che l’interazione interpersonale, o anche solo vedere il volto di qualcuno, può avere effetti simili.

Nella seconda intervista “Cercare la rabbia negli animali”, l’NPR si tuffa nella storia evolutiva della rabbia. Questo si espande nei nostri scritti precedenti sul ruolo dell’evoluzione nello sviluppo delle nostre emozioni di base, ma prende una prospettiva diversa.

In particolare, il dottor David Anderson della Caltech discute le sfide nello studio delle emozioni negli animali, vale a dire che sono più difficili da identificare che nell’uomo. Anderson esamina i livelli ormonali, la frequenza cardiaca e l’attività cerebrale per spiegare come gli animali sperimentano la rabbia.

Anderson analizza che la rabbia viene spesso innescata quando un animale è sotto attacco e che i marcatori fisiologici della rabbia sono molto simili tra le varie specie. La rabbia può essere innescata quando vari animali vedono le loro specie in conflitto violento, per esempio.

La terza intervista “Se sei spesso arrabbiato o irritabile, potresti essere depresso” mette in evidenza le connessioni tra emozioni centrali, vale a dire rabbia e tristezza. Mentre la maggior parte delle persone pensa che siano piuttosto distinte, potrebbe non essere così. Questa intervista prende in analisi quanto sia comune per le persone che soffrono di depressione confondere quei sintomi con rabbia o sperimentare picchi o esplosioni di rabbia.

Il dottor Maurizio Fava della Harvard Medical School sottolinea che l’irritabilità e la mancanza di controllo sul carattere sono sintomi comuni della depressione. Queste esplosioni emotive portano spesso a rimorsi e a profondi sentimenti di rabbia.

Speriamo di aver dimostrato quanto sia importante l’argomento della rabbia e di averti motivato a dare un’occhiata all’intera serie di interviste!

Linguaggio del Corpo: formazione “life” e “business” – CoachMag 48

Nella nostra vita quotidiana siamo chiamati a gestire situazioni personali e lavorative: la forza dell’abitudine ci porta spesso a dividere questi due mondi – chi più e chi meno – per quello che riguarda attitudini, comportamenti e competenze.

Anche nel mondo della Comunicazione Non Verbale può essere fatta una simile divisione, non tanto per la conoscenza specifica della materia quanto per il suo metodo di insegnamento e l’acquisizione di strumenti specifici da usare in particolari contesti.

La Comunicazione Non Verbale, così come tutta la comunicazione in generale, è una cosiddetta soft skill, ovvero una competenza trasversale che viene praticata sempre, tanto in contesti personali quanto in quelli lavorativi. Questo porta a vedere il Linguaggio del Corpo come un blocco unico di abilità che possono essere usate in diverse situazioni.

Nell’insegnamento e nell’utilizzo pratico degli strumenti della Comunicazione Non Verbale è comunque possibile tracciare una linea di demarcazione per quanto riguarda le richieste dei clienti, definendo un preciso focus per le singole sessioni-lezioni e suddividendole in sessioni utili per la vita personale, di relazione (life) e in sessioni focalizzate sulla vita lavorativa (business).

COMUNICAZIONE NON VERBALE NELLA FORMAZIONE “LIFE”:

La richiesta più grande di strumenti di Linguaggio del Corpo per la vita personale è sicuramente legata al miglioramento delle relazioni

(Continua su COACHMAG n.48 con i diversi argomenti della formazione del Linguaggio del Corpo nelle sessioni “life” e “business”www.coachmag.it)

Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

Come superare la paura di parlare in pubblico – Psychology Today

Paura del palcoscenico: sei pronto per una standing ovation?

La paura di parlare in pubblico è molto comune, con quasi 1 persona su 4 che dichiara di essere ansiosa quando presenta idee e informazioni di fronte a un pubblico. Essere un buon oratore pubblico è un’abilità essenziale che può aiutarti ad avanzare nella tua carriera, far crescere la tua attività e formare relazioni forti.

I ricercatori hanno identificato molte ragioni per cui abbiamo paura di parlare in pubblico. Sembra che il modo in cui ci sentiamo, pensiamo e agiamo rispetto al public speaking possa aumentare o diminuire la quantità di paura che sperimentiamo in modo significativo.

Mentre la paura ti insegna a proteggerti in situazioni rischiose, lasciare che la paura si frapponga tra te e il tuo pubblico potrebbe impedirti di condividere idee ispiratrici, parlare di lavori importanti e presentare soluzioni interessanti ai problemi che hanno molte persone. In breve, è una perdita per tutti.

Cosa possiamo fare al riguardo?

I fattori che causano la paura di parlare in pubblico sono anche i fattori che i ricercatori hanno preso in analisi per aiutare le persone a superarla. Esistono diversi metodi per vincere la paura del public speaking. Alcuni affrontano l’aspetto fisiologico della paura, altri si concentrano sugli aspetti cognitivi e alcuni si concentrano sulle componenti comportamentali che contribuiscono a livelli più elevati di paura e ansia nel parlare in pubblico. Sulla base di tale ricerca, ecco da dove iniziare:

1 – Impara come mettere il tuo corpo in uno stato di calma

Una varietà di tecniche di rilassamento può ridurre la maggiore attività fisiologica che il corpo produce automaticamente quando si confronta con un evento o una situazione che provoca paura. Nel caso del public speaking, lo stimolo che provoca la paura può variare dall’evento vero e proprio al semplice pensiero di dover parlare in pubblico. Imparare a rilassarsi mentre si pensa, si prepara o si fa una presentazione orale riduce l’esperienza della paura e le impedisce di interferire con le prestazioni. Le tecniche di rilassamento comportano l’apprendimento del controllo della respirazione, la riduzione della frequenza cardiaca e la tensione muscolare.

Queste tecniche funzionano meglio se abbinate all’esposizione graduale al parlare in pubblico. Ad esempio, inizia ad applicare queste tecniche prima, quando accetti di parlare, poi mentre prepari il tuo discorso e infine quando lo presenti. Potresti anche aumentare gradualmente la grandezza degli eventi mentre impari a gestire l’ansia attraverso il rilassamento, iniziando con un pubblico molto piccolo e aumentando di numero a poco a poco. Potresti anche iniziare con discorsi che sono più facili da preparare o meno spaventosi da tenere per padroneggiare le tecniche di rilassamento, e quindi continuare a usarli mentre entri in situazioni di conversazione in cui la posta in gioco è sempre più alta. Il rilassamento è una tecnica efficace, con risultati rapidi, ma non necessariamente di lunga durata.

2 – Sfida le tue convinzioni sul parlare in pubblico

Un altro modo per vincere la paura di parlare in pubblico è sfidare le tue convinzioni sulla tua capacità di preparare e pronunciare un discorso efficace e di grande impatto. Gli approcci di riformulazione cognitiva prendono di mira le tue autoaffermazioni negative (“non sono un buon oratore”, “il pubblico mi trova noioso”) o qualsiasi convinzione irrazionale riguardo al public speaking (le persone possono vedere quanto sono ansioso sul palco). Irrazionale, in questo caso, significa che le tue convinzioni non sono supportate dai fatti o dalla tua esperienza.

La riformulazione cognitiva ti aiuta a contestare le affermazioni e le credenze negative e a sostituirle con affermazioni favorevoli, di supporto e proattive. È importante notare che queste tecniche non intendono semplicemente sostituire il pensiero negativo con dichiarazioni insignificanti. Ti sfidano a pensare in modo più pragmatico e intenzionale. In sostanza, stai imparando a vedere il parlare in pubblico come un evento non minaccioso che puoi imparare a gestire e a considerarti un oratore fiducioso.

3 – Sposta l’attenzione dalle prestazioni alla comunicazione

Un diverso approccio cognitivo include lo spostamento della prospettiva dall’essere valutato a essere valido. Allenati a vedere il public speaking come una situazione in cui stai comunicando con le persone qualcosa da cui pensi che trarranno beneficio, invece di pensarlo come una situazione in cui sarai messo alla prova e giudicato. Questo cambiamento di prospettiva ti solleva dalla preoccupazione di come sarai percepito e ti concentra su come trasmettere al meglio il tuo messaggio.

4 – Preparati, preparati, preparati

L’apparizione di fronte a un pubblico è solo il culmine di un accurato processo di preparazione e di prova della tua presentazione. Più sei preparato, meno ti preoccuperai di sembrare nervoso, dimenticare le tue battute o perdere il filo del pensiero. Pensa alla quantità di lavoro svolto dagli attori per recitare interi copioni davanti al pubblico. Approcciarsi al public speaking nello stesso modo in cui gli attori si avvicinano alla recitazione ti aiuterà a spostare la tua attenzione dalla preoccupazione alla preparazione e, più sarai preparato, più sarai concentrato sul tuo messaggio e meno sarai distratto dalla tua paura.

In questo discorso di TEDx, Amy e Michael Port (autore di Steal the Show) incoraggiano le persone a vedersi come interpreti e applicano tecniche simili a quelle che gli attori usano “per creare una realtà di loro scelta” in situazioni di alto livello che implicano la condivisione di idee e informazioni con altre persone. Tale approccio ti consente di raggiungere il tuo obiettivo e allo stesso tempo mantenere la tua autenticità. Ricorda, essere impreparati è sempre più snervante che essere preparati.

5 – Cerca maggiori opportunità di parlare

Sia che tu stia lavorando sulle risposte del tuo corpo alla paura, la tua visione di te stesso come oratore o il tuo approccio generale al parlare in pubblico, più esperienza ottieni, più sicurezza otterrai. Trovare e creare opportunità di parlare ti dà la possibilità di mettere in pratica ciò che hai imparato e migliorarlo. Inoltre, ti aiuta a imparare come usare le tue esperienze per continuare a migliorare le tue capacità di presentazione. In sostanza, impari da ciò che non ha funzionato bene, invece di punirti per questo. E più spesso parli, più ti rendi conto che ciò che rende un buon oratore è una combinazione della nobile intenzione di informare o ispirare un pubblico, una mentalità positiva e un sacco di lavoro di preparazione.

6 – Chiedi aiuto

Mentre puoi fare molto per superare la paura di parlare in pubblico da solo, ci sono molte opzioni disponibili per un piccolo aiuto in più. Ottenere aiuto può, in molti casi, essere un modo più efficace per ottenere risultati che farlo da soli. Sono disponibili numerosi interventi testati per aiutare a superare la paura di parlare in pubblico e molti professionisti specializzati che li attuano. Oltre a chiedere aiuto ai professionisti, ci sono gruppi organizzati dai consumatori, come Toastmasters, che offrono anche opportunità per sviluppare le tue abilità in un ambiente non minaccioso e non impegnativo. Molte persone si uniscono a questi gruppi specificamente per superare la paura del public speaking.

L’idea di fondo è che se qualcosa ti spaventa, lo eviterai, e se lo eviti, non otterrai abbastanza pratica e quando non hai abbastanza pratica, non migliorerai, e se non stai migliorando, continuerai ad averne paura. Questo ciclo di paura può continuare all’infinito. Ma non è necessario. Con il numero di opzioni disponibili, spetta a te decidere quando e come interrompere questo ciclo di paura di parlare in pubblico.

Theo Tsaousides Ph.D.

https://www.psychologytoday.com/us/blog/smashing-the-brainblocks/201711/how-conquer-the-fear-public-speaking

Parlare in pubblico: come sentirsi meno nervosi – Humintell

Parlare in pubblico può essere terrificante, soprattutto se non lo fai spesso.

Se ti sei senti senza fiato, con le mani sudate e la nausea al pensiero di parlare di fronte agli altri, non sei solo. Secondo il National Institute of Mental Health, oltre 15 milioni di americani soffrono di ansia sociale, che colpisce ugualmente uomini e donne e tende a iniziare all’età di 13 anni. La paura di parlare in pubblico rientra nella categoria dell’“apprensione della comunicazione”, che è la paura o ansia vissuta da una persona a causa della comunicazione reale o percepita con un’altra persona.

Per gli studenti giovani e adulti del centro no profit con sede a El Cerrito, The Practice Space, vale la pena affrontare la paura perché è essenziale per l’auto-espressione, essere ascoltati e sentirsi rappresentati, specialmente per le voci storicamente sottorappresentate. (Guarda gli studenti esprimere le loro paure nel video qui sotto).

Come evidenziato dal professore di studi sulla comunicazione dello Stato della Louisiana, Graham Bodie, nella sua rassegna di studi sulla paura di parlare in pubblico, le nostre paure possono essere divise in due categorie. A volte, la paura di parlare in pubblico fa parte di un tratto generale, una tendenza a provare ansia legata a qualsiasi tipo di comunicazione. Altre volte, dipende dalla situazione, dove la nostra ansia si manifesta solo in situazioni e tempi specifici. In termini di situazioni che aumentano la nostra ansia, ciò dipende se siamo valutati, se esiste una differenza sostanziale nello status o nel potere, se le idee che stiamo comunicando sono nuove per noi e se stiamo parlando davanti a un nuovo pubblico.

Confortati dal fatto che non sei solo. Aiutati a praticare e costruire la consapevolezza di te stesso in quelle situazioni che ti rendono più nervoso, in modo che tu possa sperare di anticipare questi sentimenti in futuro e fare del tuo meglio per prepararti. Per gli studenti di The Practice Space, ciò comporta molta riflessione, analisi delle esperienze passate e, come uno studente afferma, “Ho scelto di elevarmi al di sopra delle mie paure, piuttosto che lasciarmi inibire” (per ulteriori storie sulle paure degli studenti, ascolta il nostro podcast).

“Ho scelto di elevarmi al di sopra delle mie paure, piuttosto che lasciarmi inibire”

Tuto questo è più facile a dirsi che a farsi, prova a praticare alcuni suggerimenti a casa per vedere cosa funziona per te:

– Paura della valutazione o del giudizio: se temi il giudizio degli altri, aiuta a fare ricerche sul tuo pubblico e su quali contenuti potrebbero trovare più pertinenti e comprensibili. Anticipa dove il pubblico potrebbe rimanere bloccato o frustrato e inserisci quel contenuto nei tuoi discorsi. Alla fine, però, è sempre meglio parlare di ciò che più ti appassiona! Non scrivere i tuoi contenuti, ma piuttosto delinea il flusso di idee in modo che tu possa concentrarti sul quadro generale di ciò che è interessante nei tuoi contenuti. Una volta che sali sul palco, prova a trovare i “nodders” (trad. “persone che annuiscono”), o le persone che sembrano ansiose di ascoltare le tue idee – ce n’è sempre almeno una!

– Incertezza: se ciò che ti spaventa è sentirti a disagio in una situazione, con alcuni contenuti o un certo pubblico, assicurati di farti domande in anticipo. Se puoi, cerca di raccogliere informazioni su come il tuo discorso si può adattare a tutto quanto, quante persone parteciperanno, com’è la situazione dei posti a sedere e del suono e dove ci si aspetta che tu parli. Crea una routine di riscaldamento che puoi fare sempre in modo da provare un certo senso di controllo. Parla con le persone intorno a te e abituati a chiacchierare con loro creando una connessione personale prima di dover parlare.

– Differenza di potere: quando dobbiamo parlare per un pubblico che troviamo intimidatorio, dobbiamo sempre ricordare a noi stessi che le persone sono solo persone. Riduci la pressione e sii gentile con te stesso: non devi sapere tutto. Puoi fare domande per imparare e hai esperienza da offrire. In effetti, i bravi comunicatori sono sinceramente curiosi verso le altre persone!

– Pensieri personali negativi: siamo i nostri peggiori nemici. Invece di preoccuparti e sentirti nervoso, pensa a ciò di cui sei orgoglioso e di cui sei entusiasta di parlare. Fatti forza e animati! Metti le cose in prospettiva – in realtà, il discorso di solito termina in meno di un’ora o anche pochi minuti. Va bene anche fare una pausa nel mezzo del tuo discorso e i silenzi sono in realtà una buona cosa, soprattutto per ridurre il rischio di sbagliare e anche per lasciare che il pubblico elabori il tuo messaggio. In termini di fisiologia generale, torna alle basi: respirazione, sonno, cibo e acqua. È difficile superare le paure quando il tuo corpo è provato! Molti dei nostri studenti cantano, ascoltano musica, meditano, ridono e portano persino “armi segrete” sul palco (come un portafortuna, un vestito preferito o scarpe speciali per farli sentire segretamente potenti).

Affrontare le proprie paure inizia con la creazione di piccole esperienze pratiche per se stessi dove si può trovare il successo iniziale. Stabilire obiettivi piccoli e gestibili è la chiave per iniziare a costruire quella consapevolezza di sé, di ciò di cui si ha bisogno e di quali routine si può iniziare a interiorizzare. Anche quando la paura sembra travolgente, può diventare tutto più facile.

AnnMarie Baines – Direttore esecutivo di “The Practice Space”

Public Speaking: perché ci spaventa? – Psychology Today

Comprendere le radici di questa paura comune può aiutarci a combatterla più velocemente.

Comunicare chiaramente le tue idee e presentarle apertamente in pubblico è una componente essenziale del successo in diversi settori della vita. Essere un buon oratore in pubblico può aiutarti ad avanzare nella tua carriera, far crescere la tua attività e formare forti collaborazioni. Può aiutarti a promuovere idee e spingere le persone ad agire su questioni che riguardano direttamente loro e la società in generale. Fare bene una di queste cose richiede una buona dose di abilità nello stare fronte a un pubblico e presentar loro un’idea o un’opera a cui si è lavorato. E a volte l’unica cosa che si frappone tra te e il tuo pubblico è la paura.

La glossofobia – un nome davvero simpatico e geniale per la paura di parlare in pubblico – appare quando ti esibisci o ti aspetti di eseguire una presentazione orale o un discorso di fronte ad altre persone. La paura del Public Speaking è spesso ma erroneamente citata come la più grande paura delle persone. La paura di parlare in pubblico spesso non è la più grande paura delle persone; ci sono molte altre cose di cui le persone hanno davvero paura. Tuttavia, la paura di parlare in pubblico è molto comune; circa il 25 percento delle persone riferisce di averla vissuto.

Mentre alcune persone sperimentano una forma debilitante di glossofobia, anche una forma lieve può avere effetti devastanti. La paura di parlare in pubblico può impedirti di correre rischi per condividere le tue idee, parlare del tuo lavoro e presentare le tue soluzioni ai problemi che colpiscono molte persone e, di conseguenza, può influire su quanto cresci personalmente e professionalmente e su quanto impatto puoi avere. Allo stesso tempo, qualsiasi esperienza negativa di Public Speaking renderà meno probabile che tu parlerai in pubblico in futuro – la paura ti insegna a proteggerti da situazioni rischiose.

Perché abbiamo paura di parlare in pubblico?

La paura di parlare in pubblico non è tanto legata alla qualità di un discorso quanto a come l’oratore sente, pensa o agisce di fronte al parlare in pubblico. Ci sono molte ragioni per cui le persone hanno paura quando devono parlare in pubblico. Le teorie che esplorano la paura di parlare in pubblico hanno identificato quattro fattori che contribuiscono:

1 – Fisiologia

La paura e l’ansia comportano l’eccitazione del sistema nervoso autonomo in risposta a uno stimolo potenzialmente minaccioso. Di fronte a una minaccia, i nostri corpi si preparano alla battaglia. Questa forte eccitazione conduce all’esperienza emotiva della paura e interferisce con la nostra capacità di esibirci comodamente di fronte al pubblico. Alla fine, potrebbe impedisce alle persone di perseguire altre opportunità di parlare in pubblico.

Alcuni ricercatori suggeriscono che ci siano persone che generalmente avvertono una maggiore ansia in diverse situazioni e sono quindi più inclini a sentirsi ansiose di parlare anche in pubblico. Le persone che sono predisposte a sentirsi ansiose trovano più difficile padroneggiare la loro ansia e conquistare la paura del Public Speaking e sceglieranno di evitarlo. Per le altre persone, l’ansia è limitata alle situazioni di parlare in pubblico, ma i segni fisiologici della paura che provano mentre anticipano, si preparano e si esibiscono in pubblico sono simili. Inoltre, alcune persone sperimentano ciò che i ricercatori chiamano sensibilità all’ansia o paura della paura.

La sensibilità all’ansia significa che oltre ad essere preoccupati per il parlare in pubblico, le persone sono preoccupate per la loro ansia per il parlare in pubblico e per come la loro ansia influenzerà la loro capacità di esibirsi in situazioni di comunicazione difficili. Quindi, oltre a preoccuparsi se raggiungeranno i loro obiettivi con il loro linguaggio, le persone con un’elevata sensibilità all’ansia si preoccupano anche di essere incredibilmente ansiose di fronte al loro pubblico e si presenteranno come oratori traballanti.

2 – Pensieri

Un altro fattore riguarda le convinzioni delle persone sul parlare in pubblico e su se stesse come oratori. La paura sorge spesso quando le persone sopravvalutano la posta in gioco di comunicare le proprie idee di fronte agli altri, vedendo il Public Speaking come una potenziale minaccia alla loro credibilità, immagine e possibilità di raggiungere un pubblico. La visione negativa di se stessi come oratore (non sono bravo a parlare di fronte alla folla, non sono un buon oratore pubblico, sono noioso, ecc.) può anche aumentare l’ansia e la paura di parlare in pubblico. Alcune teorie fanno una distinzione tra orientamento alla performance e orientamento alla comunicazione. L’orientamento alla performance significa che vedi il parlare in pubblico come qualcosa che richiede abilità speciali e vedi il ruolo del pubblico come giudici che stanno valutando quanto sei bravo come relatore.

Al contrario, l’orientamento alla comunicazione significa che l’obiettivo principale è esprimere le tue idee, presentare informazioni o raccontare la tua storia. Per le persone con questo orientamento, l’obiettivo è quello di fare breccia nel loro pubblico allo stesso modo in cui entrano in contatto con le persone durante le conversazioni quotidiane. Pensa al contrario: se vedi qualsiasi conversazione che hai in presenza di un’altra persona come una forma di parlare “pubblico”, hai abbastanza prove che puoi esprimerti chiaramente e comunicare in modo efficace. Adotteresti quindi lo stesso approccio nel Public Speaking in cui l’attenzione è semplicemente sulla condivisione di idee e informazioni. Tuttavia, quando l’attenzione si sposta dall’essere ascoltato e compreso alla valutazione, l’ansia tende ad essere più alta.

3 – Situazioni

Mentre ci sono persone che per natura tendono ad essere più ansiose, o persone che non pensano di essere brave nel Public Speaking, ci sono alcune situazioni che possono rendere la maggior parte di noi più ansiosi quando si presentano di fronte a un pubblico.

– Mancanza di esperienza. Come per qualsiasi altra cosa, l’esperienza crea fiducia. Quando non hai molte ore di palco alle spalle, è più probabile che tu abbia paura di parlare in pubblico.

– Grado di valutazione. Quando esiste una componente di valutazione reale o immaginata nella situazione, la paura è più forte. Se stai parlando di fronte a un gruppo di persone che hanno i moduli di valutazione pronti da compilare, potresti sentirti più ansioso.

– Differenza di status. Se stai per parlare di fronte a persone di livello superiore (ad es. persone sul posto di lavoro in posizioni più elevate, o gruppi di professionisti affermati nel tuo lavoro), potresti sentire una dose più alta di paura che formicola attraverso il tuo corpo.

– Nuove idee. Se condividi idee che non hai ancora condiviso in pubblico, potresti preoccuparti di più su come le persone le riceveranno. Quando la tua apparizione pubblica comporta la presentazione di qualcosa di nuovo, potresti sentirti più a disagio nel dichiarare la tua posizione, nel ricevere domande dal pubblico o nel gestire quei membri del pubblico che cercano di dissentire.

– Nuovo pubblico. Potresti già avere esperienza di Public Speaking e nel presentare di fronte a un pubblico familiare. Ad esempio, potresti essere abituato a parlare con professionisti nella tua area di competenza. La paura può sorgere, tuttavia, quando il pubblico di destinazione cambia. Se ti trovi di fronte a un pubblico molto diverso dalle persone con cui di solito parli, la tua sicurezza potrebbe essere un po’ traballante.

4 – Competenze

Infine, un altro fattore che contribuisce alla paura di parlare in pubblico è quanto sei abile in questo aspetto. Mentre molte persone si considerano naturalmente buoni oratori, c’è sempre spazio per la crescita. Le persone che lavorano sulle loro capacità, invece di fare affidamento su talenti naturali, sono gli oratori che spiccano di più. Esistono molti approcci diversi per migliorare questa serie di abilità e aumentare la competenza nel Public Speaking. Una maggiore competenza porta ad una maggiore fiducia, che è un efficace antidoto alla paura. Tuttavia, la fiducia da sola non si traduce in un efficace parlare in pubblico.

I numerosi vantaggi della condivisione di informazioni e idee in pubblico superano sicuramente la necessità di proteggerci dall’orrore di dover parlare di fronte agli altri. La prossima domanda logica è: come possiamo vincere questa paura? Fortunatamente, ci sono molti approcci che funzionano bene, sia in termini di costruzione di competenze che di aumento della fiducia. Leggi di più su come superare la paura di parlare in pubblico.

Theo Tsaousides Ph.D.

https://www.psychologytoday.com/us/blog/smashing-the-brainblocks/201711/why-are-we-scared-public-speaking