Riconoscere la corruzione? – David Matsumoto

Molti di noi si preoccupano della corruzione tra le élite politiche, ma potrebbe essere possibile riconoscerla nei loro volti?

In uno studio piuttosto creativo, un gruppo di psicologi del California Institute of Technology ha cercato di scoprire se la gente potesse rilevare indizi di corruzione da parte dei funzionari governativi fornendo loro le immagini dei loro volti. Questo studio aiuta a far luce sia sugli sforzi per leggere efficacemente altre persone, ma anche sugli sforzi dei cittadini per valutare meglio i nostri rappresentanti eletti.

Sebbene questo possa sembrare inizialmente un’idea piuttosto inverosimile, c’è una lunga storia di ricerca che mostra che le persone tendono a prendere decisioni competenti sull’affidabilità delle persone dalle immagini dei loro volti. Questo è stato persino applicato ai potenziali leader, dove i risultati prosociali portano a valutazioni positive.

Tuttavia, questo studio rappresenta una svolta importante nel passaggio dalla valutazione del carisma e della competenza percepita di una persona alla determinazione effettiva della pratica dell’inganno. Tuttavia, vi è una certa credibilità a prima vista in quanto le espressioni colpevoli sono generalmente identificabili.

Per rispondere alla loro domanda, gli autori dello studio hanno intrapreso una serie di disegni sperimentali, mostrando immagini di politici e chiedendo ai partecipanti di identificare tratti salienti come corruttibilità, disonestà ed egoismo, ma includendo anche altre tendenze prosociali come competenza e ambizione.

Nel primo di questi studi, i partecipanti sono stati esposti a una serie di 72 foto di effettivi funzionari eletti negli Stati Uniti. Di questi, la metà era stata giudicata colpevole di una qualche forma di corruzione, come le violazioni delle leggi sui finanziamenti della campagna elettorale.

Prima di esporre i partecipanti a queste foto, è stato loro richiesto di definire il livello ufficiale (1-5) di uno specifico tratto il più rapidamente possibile, e avevano solo circa quattro secondi per farlo. Ciò ha aiutato a garantire che le persone giudicassero sulla base di reazioni spontanee di riconoscimento emotivo.

Gli studi successivi hanno funzionato allo stesso modo nel tentativo di rafforzare la generalizzabilità di qualsiasi risultato. Ciò includeva la variazione del livello di influenza sul governo che un determinato funzionario possedeva, oppure utilizzava varianti dei tratti iniziali.

Complessivamente, questa serie di esperimenti ha trovato ampio sostegno per la capacità dei partecipanti di identificare la corruzione politica in presenza di funzionari eletti. Questo ha creato difficoltà con le varianti, suggerendo che si sarebbe applicato più ampiamente al di fuori di un ambiente sperimentale limitato.

Mentre rimangono molte domande sulla generalizzabilità e sui meccanismi causali precisi, questo studio ambizioso ci fornisce ulteriori prove che la nostra capacità di leggere i volti e individuare l’inganno ha un grande potenziale anche nelle fotografie.

Nel frattempo, potete dare un’occhiata al lavoro del dott. Matsumoto sulla politica e l’inganno.

Tanatosi e Paura – Copia Originale

Avete presente l’agnellino che si finge morto per evitare di essere cacciato?

Alcuni animali per sfuggire a un predatore più veloce di loro, ad esempio l’Opossum, oltre che rimanere immobili arrivano anche ad emettere gas che somigliano all’odore di un animale morto per scoraggiare il predatore.

Questo fenomeno viene chiamato “tanatosi”, da Thanatos, la personificazione della morte per i greci dell’antichità. Questo meccanismo naturale appartiene a piante e animali, prede e predatori, ed è finalizzato ad aumentare le possibilità di catturare una preda o di sopravvivere.

Anche gli esseri umani si possono letteralmente immobilizzare, come quando qualcuno guarda in basso e rimane fermo per non rispondere a una domanda imbarazzante. Un altro caso è quello in cui due persone litigano e una terza persona è nel mezzo della discussione, la persona “neutra” rispetto allo scontro tende a rimanere immobile per non farsi notare e non finire in mezzo alla discussione. Se la situazione poi diventa tesa il poveretto si irrigidirà ancora di più fino all’estremo di trattenere il respiro per non farsi notare dai due litiganti. Quanto più è feroce la discussione e ristretto lo spazio di azione della discussione (che potremmo definire per l’occasione una sorta di arena), più lo sfortunato spettatore manifesterà segnali di immobilità e irrigidimento muscolare, con la tendenza a non guardare le persone che stanno litigando.

Al di là delle situazioni al limite, come può essere il caso del litigio appena citato, molto più spesso si ricorre nella nostra vita quotidiana in maniera più leggera a questo meccanismo naturale, in modo consapevole o inconsapevole. L’espressione “fare gli indiani” è uno dei modi di dire che più si avvicinano a questo comportamento. Qualche esempio: negare l’attenzione a qualcuno mantenendo lo sguardo sul telefono e rimanendo rigidi, oppure fare finta di essere sovrappensiero e continuare a fare un’azione per non rispondere a una domanda collettiva o indirizzata a noi.

L’etologia, la disciplina che studia il comportamento animale nel suo ambiente naturale, ha analizzato il meccanismo della tanatosi anche nel mondo umano. Nell’uomo tale strategia viene usata principalmente per la fuga piuttosto che come tecnica per catturare una preda (in senso letterale o figurato). La tanatosi, vista come meccanismo di fuga/difesa, risulta collegata all’emozione della paura, sia in una situazione di paura lieve che in presenza di un alto livello di paura o di panico, un’alternativa alla fuga fisica può essere questa particolare forma di immobilizzazione del corpo; altre persone, invece, potrebbero reagire alla paura in un altro modo, fuggendo o affrontando il pericolo. Ricordiamo che l’emozione della paura è utile all’essere umano poiché permette un veloce adattamento del corpo alle condizioni psicologiche e fisiche ottimali per una reazione adeguata.

La reazione istintiva dell’uomo al pericolo (l’istinto di attacco/fuga) in questo caso mette in atto una strategia particolare che si basa sul tentativo di inganno della percezione della vista. La nostra attenzione,e i nostri occhi, sono naturalmente attratti da oggetti in movimento piuttosto che da oggetti fermi. Essere in movimento nel campo visivo di qualcuno mette in allerta i sensi altrui e la propria presenza viene “segnalata”, in pratica diventiamo visibili nel “radar mentale” dell’altra persona. Gli animali possono perdere interesse verso animali che sembrano morti poiché

il movimento indica vitalità nel regno animale e molti predatori non amano le prede già morte, immagino che pochi di noi mangerebbero una bistecca maleodorante, vero?

Quali sono i segnali della tanatosi nell’essere umano? Le manifestazioni tipiche sono: la rigidità del collo e degli arti, la tendenza a spostare la testa o tutto il corpo all’indietro rispetto alle persone da evitare, lo sguardo si sposta in basso o di lato, gli occhi potrebbero anche rimanere fissi sugli altri se si pensa che ci possa essere una reale possibilità di pericolo, e in questo modo permettere una tempestiva fuga. Inoltre, come accennato, in caso di forte tensione è anche possibile che la persona immobile arrivi anche a trattenere il respiro per diversi secondi.

Francesco Di Fant

Milano, li 8 Febbraio 2019

https://www.copiaoriginale.it/articoli/tanatosi-e-paura

Linguaggio del Corpo? No, grazie! – CoachMag 43

Una manciata di anni fa si faticava anche solo a capire cosa fosse la Comunicazione Non Verbale; nel 2019 in Italia le cose sono migliorate, anche grazie al contributo divulgativo dei diversi esperti della disciplina, che in altre nazioni risulta essere più conosciuta. Nonostante ciò, ancora oggi sento diverse obiezioni a proposito della Comunicazione Non Verbale, come rispondere?

Per riuscire ad affrontare le obiezioni, è utile affinare continuamente le proprie tecniche comunicative ed essere sempre preparati per riuscire a gestire vecchie e nuove obiezioni.
Come illustrare al meglio la Comunicazione Non Verbale? Come proporre consulenze, formazione e servizi relativi alla CNV facendo comprendere la potenza dello strumento proposto e il miglioramento che può apportare alla vita di chi lo utilizza?

Per spiegare il Linguaggio del Corpo si può illustrare il proprio lavoro, ciò che si fa nei diversi ambiti di applicazione, professionali e personali. Di solito inizio con la spiegazione più semplice: tutti comunichiamo usando anche il corpo e la CNV rappresenta la maggior parte del senso veicolato nello scambio comunicativo. Approfondendo si può passare ad argomenti concreti come i diversi vantaggi della lettura del linguaggio del corpo (partner, seduzione, amicizia, lavoro, menzogna) parlando anche dell’aspetto più “attivo” della CNV (comunicare meglio, essere più persuasivi e raggiungere i propri obiettivi)…

(Continua su COACHMAG n.43 con consigli relativi alle argomentazioni con cui ribattere alle obiezioni più comuni sulla Comunicazione Non Verbalewww.coachmag.it)

Francesco Di Fant

Articolo pubblicato sulla rivista COACHMAG n.43, Anno 10, Gennaio 2019, nella rubrica “Silenzio! Parla il corpo“.

Quanti volti sai riconoscere? – David Matsumoto

Chi è quella persona nel tuo ufficio? Sul tuo autobus? In televisione?

Molti di noi sono costantemente “bombardati” da volti diversi, e può essere difficile tenere traccia o persino ricordare alcuni volti familiari! Eppure, perché succede questo?

In un recente articolo in Proceedings of the Royal Society, un team di ricercatori ha cercato di analizzare se creiamo una sorta di elenco o catalogo di facce che conosciamo. In altre parole, quanti volti siamo capaci di ricordare in un dato momento? Mentre trovano una media di circa 5000 volti ricordati, la variazione individuale sembra giocare un enorme fattore nella capacità di riconoscere i volti.

È importante sottolineare che questo non è un documento che descrive ciò che la nostra memoria è in grado di conoscere. Piuttosto, stanno cercando di determinare quanti volti le persone tendono a conservare nella loro memoria di lavoro. È interessante notare che la maggior parte della ricerca antropologica rileva che gli esseri umani tendono a piccoli gruppi di circa 100 persone, ma questo deve essere messo a confronto con le richieste della società moderna di riconoscere una moltitudine di volti ogni giorno.

Ci sono, naturalmente, molti tipi di riconoscimento facciale, in generale, che complicano questo sforzo. Ad esempio, potremmo riconoscere volti di persone che non abbiamo mai incontrato o che non abbiamo mai visto di persona, oppure potremmo non riconoscere qualcuno se visto in un nuovo contesto. Per la precisione, questo articolo ha cercato di verificare se il riconoscimento facciale fosse inibito quando si vedeva una faccia familiare in contesti nuovi.

Questo è stato valutato utilizzando un progetto sperimentale. Ai partecipanti sono stati mostrati 3441 personaggi pubblici e gli hanno chiesto quali hanno riconosciuto. Questi personaggi pubblici sono stati casualmente intervallati da lievi variazioni di quelle stesse facce per altre 3441 volte, quindi ogni faccia è stata vista due volte. Ciò ha permesso ai ricercatori di osservare se il viso fosse stato richiamato da un’esposizione precedente.

Questo è solo un tipo di riconoscimento facciale, tuttavia, infatti i ricercatori hanno dovuto confrontarsi con la moltitudine di persone che vediamo ogni giorno e che conosciamo personalmente. Questo è stato osservato dando ai partecipanti chiari criteri per ciò che costituiva una “memoria facciale” e chiedendo loro di scrivere dettagliati rapporti personali di coloro che conoscono personalmente, comprese le persone che potrebbero semplicemente capitare di vedere ogni giorno sull’autobus.

Combinando i tassi di richiamo di personaggi famosi con resoconti di persone conosciute personalmente, i ricercatori si sono basati su metodi statistici per ricavare una stima media di circa 5000 persone riconosciute, anche se questa stima si trova di fronte a un’incredibile varianza individuale da circa uno a diecimila, a seconda del partecipante.

Queste stesse differenze individuali erano presenti durante ogni tentativo di controllo della solidità del test. Ciò significa che i ricercatori hanno suddiviso i partecipanti in diverse gruppi e hanno anche modificato le misure di richiamo in casi meno rigorosi. Ad esempio, ciò implicava non osservare se riconoscono entrambi i volti in una coppia di immagini di un personaggio famoso, ma se riconoscono qualunque immagine.

Che cosa ci insegna questo sul riconoscimento facciale? Questo ci dice che le persone hanno abilità incredibilmente diverse per riconoscere i volti in tali contesti. Alcune persone potrebbero essere poco abili in questo.

Tuttavia, dato il modo in cui il riconoscimento facciale è intrecciato con il riconoscimento emotivo, non si tratta di una capacità innata, questa può essere allenata come qualsiasi altra abilità.

Le Microespressioni distinguono la verità dalle bugie – David Matsumoto

Finalmente! La prima prova scientifica che le microespressioni sono una chiave per il rilevamento delle menzogne!

Mentre c’è stato un consenso generale sul fatto che le microespressioni giochino un ruolo significativo nel rilevamento dell’inganno per decenni, in realtà non è mai stato pubblicato uno studio di ricerca in una rivista scientifica sottoposta a peer review che documentasse tale affermazione.

Fino ad ora.

Nuove ed entusiasmanti prove provengono dai dottori David Matsumoto e Hyisung Hwang di Humintell, in un articolo pubblicato di recente su Frontiers in Psychology. Nel loro studio, hanno cercato di determinare se le microespressioni potevano indicare in modo affidabile l’inganno in un finto esperimento criminale. Alla fine, hanno scoperto che le microespressioni servivano come guida utile sia nel rilevare la menzogna che nella valutazione della cattiva condotta futura.

In realtà, studi precedenti hanno cercato di documentare l’effetto delle microespressioni come indicatori di inganno. Ma la ricerca passata non ha valutato efficacemente le microespressioni. È stato condotto un esperimento con un finto crimine, ai partecipanti è stato detto di mentire o dire la verità durante un’intervista simulata. Sia il colloquio di prescreening che l’esperimento reale sono stati modellati il ​​più fedelmente possibile sulle procedure di applicazione della legge nel mondo reale.

Poiché le ricerche passate hanno scoperto che le microespressioni sono culturalmente universali, i partecipanti includevano gli europei nati in america, gli americani e gli immigrati cinesi. Durante le interviste, ogni partecipante è stato filmato e le loro espressioni sono state analizzate attentamente.

Dopo aver eseguito queste finte interviste, i comportamenti facciali sono stati codificati manualmente dagli esperti per determinare se erano presenti microespressioni. Le emozioni venivano quindi raggruppate come negative, come paura e rabbia, o positive, come la felicità.

Si è scoperto che i bugiardi e chi diceva la verità avevano manifestazioni di espressioni nettamente diverse, con i bugiardi che mostravano microespressioni marcatamente più negative. Questo non solo aiuta a dimostrare che le microespressioni negative possono essere utilizzate per determinare l’inganno, ma la durata media di queste microespressioni era relativamente costante tra 0,4 e 0,5 secondi.

Questo studio, quindi, non solo ha fornito le prime prove scientifiche che le microespressioni possono aiutare a rilevare l’inganno, ma ha anche contribuito a promuovere ulteriori ricerche guardando in modo critico a ciò che costituisce una microespressione.

LEGGI QUI L’ARTICOLO COMPLETO

CoachMag Club – Prima sessione sulla Comunicazione Non Verbale

👥 È iniziato un nuovo modulo nel CoachMag Club, il Club dei Coach Eccellenti, la prima community di Coach professionisti che ti forma all’eccellenza, ti informa su ogni aspetto della professione e porta al livello superiore il tuo business da Coach!

A formare i Coach e gli aspiranti tali all’interno del CoachMag Club è il turno adesso del nostro Francesco Di Fant, uno dei massimi esperti italiani di Comunicazione Non Verbale, consulente e formatore presso aziende nazionali e multinazionali.

👁 All’interno del CoachMag Club tratterà temi specifici relativi alla Comunicazione Non Verbale, condividendo alcuni aspetti teorici e, soprattutto, le numerose applicazioni pratiche di questa disciplina: dal Public Speaking all’analisi della Menzogna, passando per l’utilizzo del Linguaggio del Corpo come strumento attivo di comunicazione e come mezzo di analisi del comportamento gestuale altrui, anche in situazioni complesse.

Su quale tema ci formerà nello specifico Francesco in queste due settimane?

💥 L’argomento è di grande importanza per la nostra professione, si tratta di: “Comunicazione Non Verbale per i Coach: il linguaggio del corpo”… siamo già tutti pronti, con occhi e orecchie ben aperti!

Ecco l’anteprima in questo video di Francesco… buona visione!

P.S. Vuoi unirti al Club dei Coach Eccellenti? Iscriviti qui: ➡ http://www.coachmag.it/coachmag-club/ Ti aspettiamo! 😉

Elementi del sistema Paraverbale: istruzioni per l’uso – Copia Originale

Negli articoli precedenti abbiamo parlato del sistema paraverbale, dei suoi elementi e di come vengano espresse e riconosciute le emozioni attraverso la qualità della voce e i suoni prodotti.

Il sistema paraverbale, in parole semplici, indica l’insieme dei suoni emessi nella comunicazione verbale, rappresenta il “come” si parla.

Come abbiamo avuto modo di vedere, gli elementi principali della comunicazione paraverbale (o paralinguistica) sono: 1) tono e melodia, 2) ritmo, 3) volume, 4) velocità, 5) imprecisioni e chiarezza delle parole, 6) pause e silenzi.

Dopo aver esaminato la loro funzione nel precedente articolo, vorrei condividere con voi degli utili suggerimenti per utilizzare tali elementi al meglio nella comunicazione con gli altri, andiamo ad analizzarli uno per uno:

1) TONO E MELODIA

  • Per comprendere perfettamente il concetto di tono basti pensare alle note della scala musicale.
  • Il tono non dovrebbe essere troppo basso (greve) (pericolo di incomprensibilità).
  • Il tono non dovrebbe essere troppo alto (acuto) (pericolo di creare fastidio).
  • Il tono andrebbe modulato creando una sorta di melodia musicale, alternare toni bassi e toni alti è utile per non risultare monotoni, tenere alto il livello di attenzione e risultare interessati alla conversazione e all’altra persona.

2) RITMO

  • Il ritmo può essere cadenzato, sincopato, musicale e alternato. Basti pensare al ritmo che danno le percussioni e la batteria nella musica.
  • E’ bene mantenere un ritmo abbastanza cadenzato nella conversazione, senza però risultare meccanici e noiosi.
  • Il ritmo è il primo indizio sonoro per capire la lingua madre di un individuo.

3) VOLUME

  • Usando un volume troppo basso si corre il rischio di non essere chiaramente comprensibili, inoltre segnala una scarsa energia e uno scarso interesse verso l’altro.
  • Usando un volume troppo alto si corre il rischio di creare fastidio e di sembrare agitati o aggressivi.
  • E’ bene utilizzare un volume della voce sostenuto facendo attenzione a non alzarlo troppo.

4) VELOCITA’

  • Parlare troppo lentamente fa sì che la persona provi noia o che si distragga e inizi a pensare ad altro. Comunica anche scarsa energia e scarso interesse verso l’altro.
  • Parlare troppo velocemente fa sì che l’altra persona non capisca tutte le parole pronunciate, inoltre questo atteggiamento comunica e trasmette ansia.
  • Bisognerebbe trovare una giusta misura nella velocità del parlato (180-200 parole al minuto).
  • si tende a rallentare la velocità di parola quando si espongono concetti di particolare rilevanza o che riteniamo poco conosciuti dagli interlocutori.
  • si tende ad accelerare la velocità di parola quando si utilizzano termini che usiamo spesso e con cui abbiamo familiarità.

5) IMPRECISIONI E CHIAREZZA DEL PARLATO

  • Per imprecisioni nel parlato si intendono atteggiamenti quali: parole troncate, lapsus verbali, errori di sintassi, grammaticali o di pronuncia, trascinamenti (“ehm… mmm…”), eccessive ripetizioni (es. “cioè, cioè…”).
  • Queste imprecisioni nel modo di parlare, quando presenti in gran numero, danno l’idea di essere poco sicuri di quello che si dice e che si fa, inoltre potrebbero comunicare scarsa preparazione o interesse.
  • Per pronunciare le parole in modo chiaro è bene sforzarsi di muovere in maniera efficace i muscoli della bocca per articolare bene tutte le sillabe stando attenti a non abbassare troppo il volume della voce, in particolar modo nella parte iniziale o finale della frase.

6) PAUSE E SILENZI

  • Il silenzio è necessario nella comunicazione, infatti se non ci fosse il silenzio non ci sarebbe riflessione, inoltre le parole si distinguono le une dalle altre grazie agli “spazi bianchi” tra una e l’altra. Il silenzio è come una tela bianca su cui dipingere le parole.
  • Un eccessivo uso del silenzio e delle pause possono annoiare o distrarre l’interlocutore, rallentare la comunicazione o bloccarla del tutto.
  • Un buon comunicatore sa usare in modo adeguato le pause nel parlato e anche i momenti di silenzio (di solito si usa una piccola pausa prima di esprimere un concetto importante o una parola chiave).

Francesco Di Fant

Milano, li 10 Gennaio 2019

www.copiaoriginale.it/articoli/elementi-del-sistema-paraverbale-istruzioni-per-l-uso

Babbo Natale e la menzogna – David Matsumoto

Come vi sentite a mentire ai vostri figli a proposito di Babbo Natale?

Mentre alcuni genitori si preoccupano dell’impatto del mentire ai loro figli su questa famosa leggenda natalizia, è possibile che a lungo andare questo sia meglio per loro. Questo è ciò che la dottoressa Kristen Dunfield, professoressa di psicologia dello sviluppo, ha sostenuto in un recente articolo. Certamente, le preoccupazioni hanno il loro ruolo, ma lei sostiene che il processo di comprendere la verità può essere un bene per il loro sviluppo.

In realtà, credenze fantastiche, come quella di Babbo Natale, possono portare ad alcuni sviluppi positivi nella psiche di un bambino. Questo può includere quelle che sono note come “abilità di ragionamento controfattuale”, che fondamentalmente implicano la capacità di un bambino di pensare in modo creativo e fuori dagli schemi.

Non c’è nemmeno molto da fare per favorire questa convinzione. Come afferma la dottoressa Dunfield, la credenza in Babbo Natale è estremamente popolare tra i bambini, ma essi tendono a comprendere la verità entro gli otto anni circa. Ciò significa che non solo l’onere di promuovere il mito non ricade sul genitore, ma nemmeno il dovere di dissiparlo.

Questo stesso processo di arrivare a capire che Babbo Natale non è reale può anche essere utile da una prospettiva evolutiva. Capendo che le azioni magiche non sono realmente possibili, i bambini sono portati a sviluppare e applicare il pensiero critico al mondo che li circonda.

Questo stesso metodo di pensiero critico è spesso evidente quando i bambini più grandi iniziano a testare i miti, ponendo domande difficili su come Babbo Natale possa riuscire a circumnavigare il globo, per esempio.

L’obiettivo di un genitore, per la dottoressa Dunfield, non deve essere quello di sostenere tale storia o di essere, al contrario, il “Grinch” che dissipa la storia felice. Invece, i genitori possono incoraggiare gli impulsi creativi dei loro figli, chiedendo loro di pensare da soli attraverso le loro domande.

La dottoressa, ad esempio, raccomanda “semplicemente di rimandare al bambino la loro stessa domanda, consentendo al bambino di fornire spiegazioni per se stesso”. Piuttosto che rispondere sull’esistenza o meno di Babbo Natale, un genitore potrebbe rispondere “Non so, come pensi che la slitta voli? “

Questo può aiutare molti di noi con il dilemma se mentire o meno ai nostri figli. Mentre l’inganno in famiglia è comune, ciò non significa che sia particolarmente desiderabile. Tuttavia, semplicemente permettendo ai bambini di arrivare a capire il mondo da soli, la questione può davvero essere rivolta al loro vantaggio cognitivo.

Si potrebbe persino sostenere che questo tipo di processo può aiutare a legare insieme una famiglia, a discutere la questione di Babbo Natale e a usare il mythos come una sorta di tradizione festiva basata sulla famiglia. Non solo potrebbe essere un modo divertente per trascorrere del tempo con un bambino, ma può anche aiutare a forgiare la coesione familiare durante la stagione festiva.

Questo può essere particolarmente importante, dato che il modo in cui trascorriamo le vacanze può avere un impatto significativo su quanto sia piacevole il tempo passato insieme. Ad esempio, in un articolo precedente abbiamo discusso di come i rituali familiari aumentassero sensibilmente la soddisfazione nella vita e riducessero la solitudine sociale. Un altro articolo si è concentrato su come l’interazione sociale, e non l’affidamento eccessivo al consumo di regali, possa rendere più felici le vacanze in modo significativo.

Le emozioni nel donare regali – David Matsumoto

Che cosa dici quando ricevi un regalo che non ti piace?

Alla luce di questa stagione festiva, l’Università di Hertfordshire ha condotto uno studio sulla donazione dei regali. Il focus di questo studio è stato determinare se i donatori fossero in grado di capire se a un destinatario piacesse o meno un regalo semplicemente osservando le loro espressioni facciali e il comportamento non verbale.

La dottoressa Karen Pine, docente di Psicologia dello sviluppo, ha condotto lo studio su 680 uomini e donne che davano e ricevevano regali.

Tre quarti dei partecipanti sono stati in grado di identificare correttamente se uno dei loro regali fosse piaciuto o meno al destinatario. Secondo il Dr. Pine, “Le persone cercano sempre di dire le cose giuste, c’è molta pressione sociale per dire le cose giuste e dare l’impressione che ci piace un regalo e le nostre parole tendono ad essere piuttosto positive, ma il vero i sentimenti tendono a filtrare nel nostro comportamento non verbale. “

Il contatto visivo, o la mancanza di esso, è un segno, facilmente individuabile, che il destinatario non ha gradito il loro presente. Cercano di evitare il contatto visivo con il donatore nel caso in cui l’espressione sul loro volto riveli i loro veri sentimenti. L’espressione sul volto di un destinatario dispiaciuto è spesso un “sorriso sociale”, che coinvolge solo i muscoli della bocca. Quando qualcuno è veramente felice di qualcosa, sorride con gli occhi e la bocca; quello che viene spesso definito un sorriso di Duchenne.

Per quanto riguarda il dono in sé, il destinatario tende a riavvolgerlo e a metterlo fuori alla vista abbastanza rapidamente se non gli piace. Al contrario, se a qualcuno piace davvero un regalo, lo reggono come un trofeo, facendolo passare e mostrandolo. Tendono anche a tenere il presente in mano per un po’ di tempo. Se si tratta di una sciarpa che a loro piace veramente, ad esempio, il destinatario può accarezzarla per un po’ o addirittura indossarla.

Tuttavia, una risposta non verbale negativa non è necessariamente indicativa del fatto che qualcuno sia dispiaciuto per un regalo. Forse quello che hanno ricevuto non è esattamente quello che speravano, ma potrebbero comunque apprezzare il gesto. Non è questo ciò che è importante?

La dottoressa Pine ha detto alla BBC News che crede che abbiamo bisogno di “tornare ai vecchi valori per capire cosa sia veramente un regalo e a cosa serva; è un segno di apprezzamento o affetto per una persona. “Tuttavia, conducendo questo studio, lei sta mettendo l’accento sulle reazioni verso gli oggetti regalati, piuttosto che sul significato che sta dietro a essi.

Tuttavia, le nostre reazioni verso gli oggetti regalati possono fare una grande differenza sul nostro livello di stress e sul godimento delle festività natalizie.

Come abbiamo riportato in articoli precedenti, il consumo di regali non è necessariamente la strada per una stagione di festa felice. Invece, le persone tendono a segnalare una maggiore soddisfazione impegnandosi in tradizioni familiari o spirituali.

Ciò non significa che i doni non abbiano alcun ruolo in queste celebrazioni. In effetti, molte famiglie si uniscono per donazioni genuine e sentite, mentre molte tradizioni religiose vedono lo scambio di doni come parte integrante della celebrazione.

L’atto di donare, piuttosto, ha più a che fare con il pensiero che abbiamo messo nel dono. Cosa ne pensi? Saresti in grado di dire quando un regalo che hai donato non è stato ben accolto?

10 cose da sapere per riconoscere uno stronzo (anche a Natale)

 

Sono arrivate le festività natalizie e con loro hanno portato un carico di panettoni, regali, cene e pranzi con parenti e amici. Solitamente è un periodo lieto (e un po’ stressante allo stesso tempo) poiché si ritrovano persone con cui non sempre si ha molto tempo da passare durante il resto dell’anno.

Purtroppo a volte non tutti gli amici, conoscenti e parenti che si incontrano sono persone piacevoli, saper individuare in tempo persone e atteggiamenti “poco gradevoli” può essere un utile vantaggio anche durante le feste di Natale; ecco qui 10 semplici consigli su come riconoscerli e soprattutto… buone feste a tutti!

 

1 – Gentilezza sospetta

Quando qualcuno vi approccia con fare stranamente gentile rispetto al suo normale modo di fare potrebbe essere intenzionato a ingannarvi in qualche modo.

 

2 – Scarso contatto visivo

Se una persona vi guarda poco negli occhi quando parliamo con lui potrebbe essere timido ma potrebbe anche volere nascondervi qualcosa.

 

3 – Toccarsi il corpo o il volto

Grattarsi il viso, il naso o un braccio potrebbero essere segnali di disagio e tensione, specialmente se la persona di fronte a voi non ha intenzioni oneste nei vostri confronti.

 

4 – Sorrisi ingannevoli

A volte troppi sorrisi possono essere usati per trarre in inganno, pochi sorrisi invece potrebbero segnalare una certa freddezza nei vostri confronti. Bisogna anche fare attenzione ai sorrisi asimmetrici che spesso indicano ironia e disprezzo.

 

5 – Mani nascoste

Le persone oneste e sincere mostrano le mani e i palmi quando parlano con qualcuno, diffidate di chi tende a nascondere troppo le proprie mani dalla vostra vista.

 

6 – Orientamento del corpo non diretto verso di voi

Se chi vi sta di fronte ha una o più parti del corpo (la gambe, il busto) rivolte altrove mentre parlate con lui, potrebbe non essere realmente interessato a voi o alla vostra conversazione.

 

7 – Labbra strette

Chi tende a serrare le labbra con forza o le tiene chiuse molto spesso potrebbe essere una persona arida di sentimenti o che sta tentando di ingannarvi.

 

8 – Invasione dello spazio privato

Chi invade spesso il vostro spazio privato può manifestare una richiesta di attenzione ma anche una natura ossessiva e invadente. In particolare prestate attenzione a chi cerca molto il contatto fisico mentre parla con voi.

 

9 – Segnali di barriera

Una persona che dichiara simpatia ed empatia nei vostri confronti lo manifesta con le braccia aperte e mostrando il busto. Fate attenzione a coloro che rimangono con le braccia e le gambe incrociate, segnali di difesa che possono indicare una certa ostilità o un tentativo di mentirvi.

 

10 – Espressioni del viso asimmetriche

Le emozioni sincere appaiono in modo simmetrico sul volto delle persone. Diffidate da chi mostra una marcata asimmetria nelle sue espressioni facciali, questo indica che vi sta nascondendo le sue vere emozioni e i suoi pensieri.

 

Francesco Di Fant

 

Dal libro “Come riconoscere uno stronzo al primo sguardo” di Francesco Di Fant, Newton Compton editori, Roma 2014.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

https://www.newtoncompton.com/libro/come-riconoscere-uno-stronzo-al-primo-sguardo

https://www.newtoncompton.com/autore/francesco-di-fant

 

Il sistema Paraverbale nella comunicazione umana – Copia Originale

Se è vero che diamo più credito al corpo che alle parole, allo stesso modo possiamo tranquillamente affermare che si crede maggiormente al modo in cui si parla che al contenuto verbale delle parole stesse; volete un esempio? Provate a salutare qualcuno, meglio se leggermente distratto, con tono triste dicendo: «Ciao! Che piacere vederti!», molto probabilmente non riterrà vere le parole pronunciate ma presterà attenzione principalmente al tono con cui l’avete pronunciato. Questo aspetto affonda le radici nel nostro passato remoto ed è un elemento fondamentale nel mondo animale dove la parola non è presente, suoni e rumori sono i protagonisti della comunicazione “pronunciata”. Si è scoperto, ad esempio, che gli elefanti tendono a imitare i suoni che sentono più spesso e questo potrebbe servire a riprodurre versi che identifichino l’appartenenza a un gruppo specifico.

Gli elementi che compongono la comunicazione paraverbale (o paralinguistica), ovvero la modalità con cui usiamo la voce, sono diversi: tono e melodia, ritmo, volume, velocità, imprecisioni e chiarezza delle parole, pause e silenzi. Questi aspetti della voce diventano molto importanti, ad esempio, in una conversazione telefonica, poiché l’aspetto visivo non è presente e si fa affidamento sulla capacità di interpretare emozioni, sentimenti e intenzioni degli interlocutori attraverso la qualità della voce; cerchiamo dunque di distinguere i singoli aspetti e di definire la loro importanza per un uso corretto dello strumento paraverbale.

  • Il tono rappresenta le note che vengono prodotte dalla voce, la variazione del tono compone la melodia, la maniera in cui si alza e si abbassa il tono di voce durante un discorso; tono e melodia aiutano a “colorare” la conversazione e aiutano a mantenere l’attenzione. Una curiosità sul tono della voce è quella che toni più alti, legati alla sessualità, sono graditi alle orecchie maschili, mentre un tono di voce più basso, che comunica sicurezza, risulta particolarmente apprezzato da un pubblico femminile.
  • Il ritmo è più importante della melodia per l’orecchio umano, il ritmo scandisce le “battute” e il “tempo” del parlato; dal ritmo si riconosce facilmente una canzone, la voce di una persona e anche se qualcuno è straniero e quanto domina bene la nostra lingua.
  • La velocità con cui si parla può variare da lingua a lingua; ad esempio italiani e francesi parlano più velocemente dei tedeschi; al di là delle differenze linguistiche, però, è interessante notare che di solito si rallenta la velocità di parola quando dobbiamo esporre concetti di particolare rilevanza o che riteniamo poco conosciuti dagli interlocutori, al contrario, si accelera il discorso quando utilizziamo termini che usiamo spesso e con cui abbiamo dimestichezza; ad esempio, spesso i numeri di telefono delle radio sono pronunciati molto velocemente dagli speaker, proprio a causa dell’alta frequenza con cui vengono ripetuti; spesso chi parla troppo veloce ci può trasmettere ansia, mentre chi lo fa troppo lentamente corre il rischio di annoiarci; questo ovviamente va analizzato a seconda della propria velocità di parola.
  • Le pause e i silenzi in un discorso sono degli elementi che vengono usati strategicamente per imprimere maggiore forza al discorso o come momenti di riflessione e servono anche a lasciare il turno di parola all’altro. A volte si fa una pausa quando si è distratti da qualcosa o quando si prova imbarazzo e non si sa cosa dire.
  • Il volume della voce di solito viene regolato a seconda della situazione, del luogo o della distanza dall’interlocutore; si può alzare il volume della voce in presenza di rabbia, mentre si tende ad abbassarla quando ci si sente in colpa o in imbarazzo.
  • La chiarezza del proprio modo di parlare può essere un indizio per capire anche la personalità; persone che parlano in modo chiaro, distinguendo bene le singole parole, comunicano decisione e sicurezza; al contrario, chi parla con numerose imprecisioni, come “mangiarsi” pezzi di parole, bofonchiare sillabe o trascinarsi nella conversazione con suoni come “ehm… uhm…” ci dà l’idea di qualcuno insicuro di quello che sta dicendo o che sta provando un’emozione negativa.

Francesco Di Fant

Milano, li 14 Dicembre 2018

www.copiaoriginale.it/articoli/il-sistema-paraverbale-nella-comunicazione-umana

Età del viso e Riconoscimento – David Matsumoto

A volte è molto importante valutare l’età solamente in base al volto di qualcuno, ma questo può essere abbastanza difficile.

Questa è in realtà una questione sorprendentemente importante poiché l’età è rilevante in ogni tipo di contesto commerciale, sociale o politico. Mentre sembra intuitivo che dovremmo essere in grado di riconoscere abbastanza facilmente le età delle persone, questo è stato sfidato, se non confutato, dalla ricerca emergente. Ad esempio, in una serie di esperimenti del Dr. Colin Clifford e del suo team, sembra che le persone tendano ad essere incredibilmente incapaci nel giudicare con precisione l’età.

Non solo è spesso imbarazzante o sconveniente non essere in grado di giudicare l’età di qualcuno, ma anche l’età è soggetta a una grande quantità di valutazioni sociali. L’identificazione di gruppo, le valutazioni emotive e altri giudizi vari sono fortemente determinati dalle nostre percezioni dell’età, questo non dovrebbe sorprendere la maggior parte dei lettori.

Data l’importanza delle valutazioni sull’età nelle interazioni sociali, il team del Dr. Clifford ha tentato di esporre i partecipanti dell’esperimento a un enorme database di fotografie di passaporti, incaricandoli di stimare l’età delle persone.

Il design sperimentale era relativamente semplice; pur utilizzando alcune misure complicate per evitare errori di campionamento e altri fattori confondenti. In sostanza, a ciascuno degli 84 partecipanti è stato chiesto di identificare l’età di quasi 400 partecipanti, che varia notevolmente in base all’età e al sesso.

Nel complesso, hanno rilevato alcune stime sistematicamente errate tra i partecipanti. Vale a dire, i volti giovani tendevano a essere visti come più vecchi, mentre i volti più vecchi tendevano a essere visti come più giovani. Questo in realtà era in linea con alcune ricerche precedenti che hanno scoperto che le stime sull’età tendono a distorcersi nei volti di mezza età.

È importante notare che le percezioni dell’età tendevano a essere pesantemente influenzate dal volto che si è visto più di recente. Questo può assumere la forma di pregiudizi relativi al genere, all’attrazione o all’espressione facciale. Mentre questa ricerca ha cercato di controllarla, il dott. Clifford ha scoperto che, senza controlli, tale dipendenza avrebbe un impatto significativo sulle valutazioni.

Un aspetto interessante di questa dipendenza da percorso è l’impatto che hanno avuto le precedenti valutazioni sull’età. Dopo aver codificato più volti come giovani, i partecipanti erano più propensi a valutare le foto successive più giovani di quanto non fossero. Ciò è particolarmente notevole, dato che questo è l’opposto del pregiudizio atteso e normale di inclinazione verso valutazioni di mezza età.

Il lavoro del Dr. Clifford non solo aiuta a dimostrare le sfide della misurazione accurata dell’età, ma aiuta anche a far luce su come possiamo essere influenzati dal vedere altri volti. Ad esempio, un barista che è abituato a vedere volti più vecchi potrebbe essere più propenso a sopravvalutare l’età di un cliente più giovane.

E’ utile tenere a mente queste considerazioni. Conoscere l’età di una persona può essere uno strumento utile per leggere correttamente le loro emozioni, ma può anche aiutarci a valutare se quella persona sia una minaccia in varie situazioni sociali.



Dare e ricevere Feedback con la Comunicazione Non Verbale – CoachMag 42

 

Il feedback è un elemento importante per un Coach e i suoi Coachee, sapere riceverlo ed esprimerlo in maniera corretta ed efficace può essere un grande supporto per il percorso di miglioramento del Coachee. Il feedback richiede analisi e una reale capacità di ascolto attivo: l’attenzione è rivolta all’altro e si deve possedere anche la capacità di ascoltare e osservare se stessi.

 

Il feedback è una strategia di controllo degli interlocutori per verificare lo scambio comunicativo che si esprime con mezzi visivi (postura, gesti, movimenti del capo, mimica) e verbali (frasi, domande, riformulazioni, brevi espressioni). Elementi fondamentali sono: focus sui comportamenti e non sulla persona, tempestività, chiarezza, proposte di miglioramento.

La Comunicazione Non Verbale può essere un valido supporto nel dare e ricevere dei feedback, può darci utili indicazioni per comportarci in maniera efficace durante i momenti dedicati al feedback.

 

DARE UN FEEDBACK CON LA CNV

Quando si è nella situazione di dover dare un feedback a qualcuno, è utile mantenere il contatto visivo senza eccedere e risultare invadenti, quando si sottolineano concetti legati alla decisione e all’azione è bene usare gesti lineari mentre con temi legati alla collaborazione è meglio utilizzare gesti circolari…

(Continua su COACHMAG n.42 con consigli relativi a dare e ricevere un feedback con la CNV –  www.coachmag.it)

 

Francesco Di Fant

 

Articolo pubblicato sulla rivista COACHMAG n.42, Anno 9, Novembre 2018, nella rubrica “Silenzio! Parla il corpo“.

 

Emozioni di gruppo e Violenza – David Matsumoto

 

2 novembre 2018

In un articolo precedente abbiamo discusso il ruolo del disprezzo, del disgusto e della rabbia nella violenza, ma qual è il ruolo dell’identità e della differenziazione del gruppo?

In effetti, la recente ricerca scientifica si è concentrata sempre più sul ruolo delle emozioni a livello di gruppo, in contrapposizione a quelle di ciascun individuo. Ciò può avere effetti significativi nel fatto che membri del gruppo o interi gruppi mettano in atto atti di violenza.

L’apprensione di un gruppo esterno, ad esempio, è un fattore importante nel prevedere la violenza. I membri del gruppo naturalmente distinguono tra dentro (in-group) e fuori (out-group), ma è più difficile definire la natura precisa di come dovrebbero sentirsi rispetto al gruppo esterno. Questa confusione è alimentata dal tentativo di riconciliare esperienze passate con quel gruppo e aspettative, spesso ambigue, all’interno del proprio gruppo per vedere come il gruppo esterno dovrebbe essere visto.

Una teoria importante è conosciuta come “Teoria dell’Infraumanizzazione. Essa sostiene che le distinzioni tra gruppi portano ad una tendenza a vedere i membri del proprio gruppo come più umani e quelli del gruppo esterno come estranei in qualche modo. Ciò può generare disprezzo e disgusto per il gruppo esterno, mentre continua a stimolare la compassione e la fiducia per il proprio gruppo.

Spesso, ciò implica la sensazione che altri gruppi siano animali, implicando la sensazione di essere minori e bestiali. I contesti di genocidio vedono spesso, ad esempio, l’uso prevalente di un linguaggio legato a vermi o parassiti come giustificazione.

Quindi, come nascono le emozioni a livello di gruppo? Alcuni sostengono che i violenti predittori di rabbia, disgusto e disprezzo derivino da sentimenti di gruppo che demonizzano gruppi che hanno violato i valori del proprio gruppo, come la comunità o la divinità.

Spesso queste emozioni possono essere promosse efficacemente da storie e narrazioni che distinguono i gruppi. Queste hanno il vantaggio pragmatico di essere facili da capire e condividere, dando ai leader del gruppo la capacità di organizzare le emozioni contro un gruppo esterno.

Queste narrative si concentrano spesso sull’out-group come una sorta di oppressore, minaccia esterna o sovversiva. In ogni caso, l’in-group è ritratto come minacciato da dominazione, conquista o degrado. Naturalmente, queste narrazioni possono basarsi su un senso di opposizione binaria, in cui il gruppo è naturalmente tutto ciò che il loro nemico non è. Se il nemico è malvagio o pazzo, il gruppo è buono e stabile.

Mentre questa discussione sulle emozioni a livello di gruppo può sembrare meno rilevante per il contesto di previsione della violenza, specialmente in una situazione di violenza domestica, il contesto che circonda una situazione potenzialmente violenta è spesso importante.

Per esempio, un agente di polizia in interrogatorio con un sospetto terrorista deve cimentarsi con il potenziale disgusto e disprezzo del terrorista, così come le narrazioni che stanno dando forma a questa ostilità.

Il riconoscimento delle differenze dei gruppi e del contesto emotivo può aiutarci molto non solo nel rilevare le minacce, ma anche nel riconciliare differenze culturali apparentemente ingestibili in situazioni di contenzioso.

 

Group Emotions of Violence

 

Comportamenti di inganno complessi – David Matsumoto

 

15 novembre 2018

Gran parte della discussione popolare su come individuare l’inganno si basa su fattori specifici, isolati come il contratto oculare, ma la realtà è un po ‘più complessa.

I dottori David Matsumoto e Hyisung Hwang di Humintell hanno realizzato uno studio del 2017 pubblicato sul Journal of Police and Criminal Psychology. In questa analisi sperimentale, i partecipanti si sono impegnati in un colloquio investigativo simulato che, dopo essere stato registrato, è stato analizzato per vedere quali comportamenti non verbali ingannevoli sono stati esibiti e, soprattutto, in quali combinazioni.

È importante sottolineare che, mentre molti studi precedenti hanno rilevato che alcuni comportamenti non verbali sono indicatori affidabili di inganno, questi risultati sono stati spesso difficili da replicare. Questi studi si sono concentrati su fluttuazioni vocali, linguaggio del corpo e gesti, ognuno dei quali dimostra le emozioni sottostanti.

Tuttavia, i dottori Matsumoto e Hwang sottolineano che, a causa delle complesse emozioni coinvolte nell’inganno, analizzare un solo comportamento alla volta sembra problematico. Questo è il motivo per cui, nel presente studio, hanno cercato di vedere se osservare i cluster di comportamenti può aiutare a risolvere questo enigma.

Per fare questo, hanno reclutato una serie di partecipanti a cui è stato chiesto di impegnarsi in una finta simulazione del crimine. A questi partecipanti è stata data l’opportunità di “rubare” un assegno di 100 dollari, ad alcuni è stato detto di farlo e ad alcuni di astenersi. Entrambi i gruppi sono stati quindi assegnati a finte interviste in cui veniva detto loro di mentire o di confessare.

Con questa premessa iniziò l’entusiasmante lavoro di analisi. Ogni intervista è stata registrata e poi analizzata, fotogramma per fotogramma, con algoritmi informatici di apprendimento automatico che cercavano di classificare i singoli fotogrammi in base a determinate emozioni, incluse molte emozioni di base come rabbia, disgusto, paura, felicità, ecc.

Ciò ha permesso ai ricercatori di calcolare esattamente quali emozioni tendevano ad essere le più comuni durante l’intervista. Quindi, hanno codificato una serie di comportamenti non verbali, tra cui scuotimenti della testa, cenni del capo e alzate di spalle. Questa analisi è stata poi combinata con sofisticate valutazioni del tono e del volume delle voci, contribuendo a creare un resoconto completo dei comportamenti sottili coinvolti nel processo di intervista.

Confrontando questi comportamenti con quelli dell’inganno, i dottori Matsumoto e Hwang hanno scoperto che si trattava di gruppi di comportamenti non verbali che prevedevano in modo più affidabile l’inganno. I bugiardi tendevano ad avere meno cenni della testa e maggiori cambiamenti nel tono della voce, sebbene con una media più bassa.

È importante sottolineare che i tipi di domande, aperte o chiuse, hanno avuto impatti significativi. Ad esempio, i bugiardi tendevano ad avere anche il tono di voce più basso durante le domande a risposta aperta.

Questi risultati hanno conseguenze significative per chiunque tenti di scoprire l’inganno. Mentre a molti di noi viene detto di concentrarsi sui comportamenti individuali, come il contatto visivo o le posture chiuse, questi da soli non possono spiegare completamente la situazione.

Invece, l’inganno sembra basato su questi gruppi di comportamenti che possono essere ancora più difficili da determinare.

 

Complex Deceptive Behaviors