LEGGEWEB n.3 – L’Avvocato incontra il Giudice: Istruzioni per l’uso

 

L’Avvocato incontra il Giudice: Istruzioni per l’uso

 

In un’aula di tribunale sono presenti molteplici persone: figure e ruoli diversi con scopi differenti si incontrano in questa ‘arena’ comune, sotto l’egida della bilancia della giustizia. La figura che sicuramente ricopre il ruolo più alto e determinante è quella del giudice.

A volte capita che il lungo lavoro di mesi o di anni del giurista prenda corpo nei momenti di dibattimento in aula e nella decisione conclusiva da parte dei giudici.
In queste occasioni può esser utile saper leggere correttamente e in maniera tempestiva la comunicazione non verbale del giudice.

La prima accortezza da usare è quella di osservare come reagisce il volto del giudice alle parole altrui (del teste, del P.M. o degli altri avvocati).

A questo proposito è utile osservare in particolar modo gli occhi: se il giudice strizza gli occhi, potrebbe essere un segnale di concentrazione nell’intento di capire meglio qualcosa. Se il giudice abbassa la testa, potrebbe non essere convinto delle parole che sta ascoltando.

Oltre a leggere questi segni di comunicazione non verbale, cercate di comunicare col giudice non solo con le parole, ma anche con il vostro linguaggio del corpo. Per rendere infatti il vostro discorso più efficace, è utile ricordarsi di mantenere il contatto visivo con il giudice quando ci rivolgiamo a lui, in modo da apparire più convincenti e credibili, inoltre è bene muovere le mani all’altezza del busto per essere percepiti in misura maggiore come persone sincere.

A volte, durante un dibattimento può rivelarsi necessario ‘limare’ una discussione che c’è stata col giudice o cercare un modo per fare capire al giudice una posizione diversa dalla sua; in questo caso, mentre si interagisce, è utile assumere una posizione leggermente ‘remissiva’, mostrando il busto scoperto con le braccia aperte, se possibile con i palmi delle mani rivolti verso il giudice per mostrare buona fede e sincerità, incurvate leggermente le spalle ed evitate di alzare il mento.

 

Dott. Francesco Di Fant, esperto di C.N.V.

 

http://www.leggeweb.it/psyche-et-ius/l%E2%80%99avvocato-incontra-il-giudice-istruzioni-per-l%E2%80%99uso-1844.html

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: