Linguaggio del Corpo: gli errori da evitare nel Coaching – COACHMAG n.31

 

Emozioni, sentimenti e stati d’animo sono rivelabili dalle espressioni facciali e dal comportamento gestuale, riuscire a leggerli in tempo e gestirli è importante per assicurare una buona riuscita di una sessione di Coaching.

Un Coach che miri a far bene il proprio lavoro e a mantenere una relazione di qualità col proprio Coachee dovrebbe saper gestire il proprio Linguaggio del Corpo e riuscire a leggere efficacemente quello altrui.

Per raggiungere l’eccellenza si dovrebbero evitare alcuni errori comuni. Uno dei primi in cui solitamente si incorre è quello di pensare che la Comunicazione Non Verbale sia sempre efficace al 100%. La CNV, pur essendo uno strumento potente, non è una bacchetta magica; migliora la comunicazione ma non è detto che ci garantisca il risultato prefissato senza opportune precauzioni e la capacità di comprendere il contesto comunicativo. Ci sono due categorie di errori che si possono commettere nell’uso della Comunicazione Non Verbale: quelli in cui si incorre nell’applicazione attiva del linguaggio del corpo e quelli che ricadono nell’osservazione della CNV altrui.

 

USARE ATTIVAMENTE LA CNV:

Durante una sessione di Coaching si usa spesso il corpo come strumento di comunicazione attiva con il Coachee. Un errore comune è quello di non prestare adeguata attenzione all’uso del Linguaggio Paraverbale, questo avviene quando si pone troppa attenzione nella gestione e nel controllo dei movimenti e dei gesti effettuati col proprio corpo, in questo caso l’uso corretto della voce come strumento comunicativo di valore può passare in secondo piano.

Ad esempio si può usare un tono di voce troppo alto per far arrivare i nostri messaggi, oppure può capitare di parlare troppo in fretta per timore che il tempo di una sessione non basti a raggiungere gli obiettivi prefissati. In questo caso è bene rendersi conto quanto prima di questo tipo di errori e riallineare il proprio strumento vocale a favore del Coachee, permettendogli di seguirvi al meglio anche attraverso l’uso della vostra voce.

Un altro errore tipico è quello di non differenziare il proprio Linguaggio del Corpo per adeguarlo allo stile comunicativo del Coachee. Il proprio stile comunicativo e, di conseguenza, la propria Comunicazione Non Verbale dovrebbero essere flessibili e capaci di adeguarsi alla situazione comunicativa e alle persone che abbiamo di fronte.

Senza questa flessibilità ci si muove e si gesticola in maniera prefissata prestando poca attenzione a elementi che dovrebbero aiutare nell’allineamento della comunicazione come il Mirroring (verbale, paravebrale e non verbale), una corretta alternanza di gesti circolari (inclusivi) e lineari (direttivi) e un’attenta verifica dell’impatto della nostra comunicazione e del feedback che si riceve da parte del Coachee.

 

OSSERVARE LA CNV ALTRUI:

L’altra categoria di errori da evitare nel Linguaggio del Corpo avviene durante l’osservazione della Comunicazione Non Verbale altrui. In questo caso esistono tre diversi errori d’interpretazione piuttosto comuni: l’effetto Brokaw, l’effetto Otello e l’effetto Pigmalione.

L’EFFETTO BROKAW

L’effetto Brokaw consiste nel voler riconoscere l’intenzione dietro il comportamento altrui basandosi su alcuni parametri fissi e rigidi; senza tenere in alcuna considerazione il contesto, le caratteristiche individuali dell’altra persona e altri possibili fattori (sociali, ambientali, culturali).

L’EFFETTO OTELLO

L’effetto Otello si verifica quando un’analisi parziale o incompleta di alcuni elementi si sposa con un pregiudizio negativo, arrivando così a una conclusione errata. Tale effetto prende il nome dal protagonista della omonima tragedia di Shakespeare, il quale uccide l’amata Desdemona accecato dalla gelosia e dal pregiudizio, confondendo la paura di non essere creduta di Desdemona con la paura legata alla menzogna.

L’EFFETTO PIGMALIONE

L’effetto Pigmalione, infine, avviene quando un pregiudizio positivo ci porta a distorcere la realtà delle cose, creando degli effetti controproducenti nella relazione tra le persone. E’ esattamente l’opposto dell’effetto Otello, in questo caso si tende a essere troppo buoni con il soggetto osservato e si attivano dei filtri logici e percettivi che spingono a giustificare eccessivamente l’altro o a fingere di non vedere eventuali atteggiamenti negativi.

Se vi capita di incappare in qualcuno degli errori fin qui illustrati, non preoccupatevi troppo. Con la giusta dose di attenzione e di pazienza tutti possiamo migliorare; infatti gli errori possono aiutarci a crescere e a perfezionarci giorno dopo giorno.

 

Francesco Di Fant

 

Articolo pubblicato sulla rivista COACHMAG n.31, Anno 8, Gennaio 2017, nella rubrica “Silenzio! Parla il corpo”.
www.coachmag.it

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: