Tanatosi e Paura – Copia Originale

Avete presente l’agnellino che si finge morto per evitare di essere cacciato?

Alcuni animali per sfuggire a un predatore più veloce di loro, ad esempio l’Opossum, oltre che rimanere immobili arrivano anche ad emettere gas che somigliano all’odore di un animale morto per scoraggiare il predatore.

Questo fenomeno viene chiamato “tanatosi”, da Thanatos, la personificazione della morte per i greci dell’antichità. Questo meccanismo naturale appartiene a piante e animali, prede e predatori, ed è finalizzato ad aumentare le possibilità di catturare una preda o di sopravvivere.

Anche gli esseri umani si possono letteralmente immobilizzare, come quando qualcuno guarda in basso e rimane fermo per non rispondere a una domanda imbarazzante. Un altro caso è quello in cui due persone litigano e una terza persona è nel mezzo della discussione, la persona “neutra” rispetto allo scontro tende a rimanere immobile per non farsi notare e non finire in mezzo alla discussione. Se la situazione poi diventa tesa il poveretto si irrigidirà ancora di più fino all’estremo di trattenere il respiro per non farsi notare dai due litiganti. Quanto più è feroce la discussione e ristretto lo spazio di azione della discussione (che potremmo definire per l’occasione una sorta di arena), più lo sfortunato spettatore manifesterà segnali di immobilità e irrigidimento muscolare, con la tendenza a non guardare le persone che stanno litigando.

Al di là delle situazioni al limite, come può essere il caso del litigio appena citato, molto più spesso si ricorre nella nostra vita quotidiana in maniera più leggera a questo meccanismo naturale, in modo consapevole o inconsapevole. L’espressione “fare gli indiani” è uno dei modi di dire che più si avvicinano a questo comportamento. Qualche esempio: negare l’attenzione a qualcuno mantenendo lo sguardo sul telefono e rimanendo rigidi, oppure fare finta di essere sovrappensiero e continuare a fare un’azione per non rispondere a una domanda collettiva o indirizzata a noi.

L’etologia, la disciplina che studia il comportamento animale nel suo ambiente naturale, ha analizzato il meccanismo della tanatosi anche nel mondo umano. Nell’uomo tale strategia viene usata principalmente per la fuga piuttosto che come tecnica per catturare una preda (in senso letterale o figurato). La tanatosi, vista come meccanismo di fuga/difesa, risulta collegata all’emozione della paura, sia in una situazione di paura lieve che in presenza di un alto livello di paura o di panico, un’alternativa alla fuga fisica può essere questa particolare forma di immobilizzazione del corpo; altre persone, invece, potrebbero reagire alla paura in un altro modo, fuggendo o affrontando il pericolo. Ricordiamo che l’emozione della paura è utile all’essere umano poiché permette un veloce adattamento del corpo alle condizioni psicologiche e fisiche ottimali per una reazione adeguata.

La reazione istintiva dell’uomo al pericolo (l’istinto di attacco/fuga) in questo caso mette in atto una strategia particolare che si basa sul tentativo di inganno della percezione della vista. La nostra attenzione,e i nostri occhi, sono naturalmente attratti da oggetti in movimento piuttosto che da oggetti fermi. Essere in movimento nel campo visivo di qualcuno mette in allerta i sensi altrui e la propria presenza viene “segnalata”, in pratica diventiamo visibili nel “radar mentale” dell’altra persona. Gli animali possono perdere interesse verso animali che sembrano morti poiché

il movimento indica vitalità nel regno animale e molti predatori non amano le prede già morte, immagino che pochi di noi mangerebbero una bistecca maleodorante, vero?

Quali sono i segnali della tanatosi nell’essere umano? Le manifestazioni tipiche sono: la rigidità del collo e degli arti, la tendenza a spostare la testa o tutto il corpo all’indietro rispetto alle persone da evitare, lo sguardo si sposta in basso o di lato, gli occhi potrebbero anche rimanere fissi sugli altri se si pensa che ci possa essere una reale possibilità di pericolo, e in questo modo permettere una tempestiva fuga. Inoltre, come accennato, in caso di forte tensione è anche possibile che la persona immobile arrivi anche a trattenere il respiro per diversi secondi.

Francesco Di Fant

Milano, li 8 Febbraio 2019

https://www.copiaoriginale.it/articoli/tanatosi-e-paura

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: