La barriera delle mani nel Linguaggio del Corpo – Copia Originale

Avete notato che i bambini quando provano vergogna tendono a mettere le mani davanti ai genitali? Proteggere con le mani una parte del corpo è un gesto che risulta istintivo, quasi automatico, viene solitamente compiuto per proteggere una parte delicata del corpo, tale protezione è una vera e propria barriera fisica e simbolica.

Nel caso di una barriera di calciatori piazzati come un muro umano davanti al giocatore avversario che deve tirare il pallone, è normale che essi cerchino una protezione fisica dalla pallonata che potrebbe arrivare addosso a loro, se osserviamo il loro comportamento si coprono la zona del viso e quella dei genitali, entrambi molto delicate.

Nel caso del bambino che prova vergogna la, protezione che si cerca è invece di tipo simbolico, anche se non è presente una minaccia alla sua incolumità fisica (come nel caso della pallonata) egli vive comunque una minaccia alla propria integrità psicologica e sociale, infatti la vergogna provoca un forte senso di disagio sociale e personale.

La zona dei genitali rappresenta la nostra sfera istintiva e si cerca di proteggere tale zona anche in situazioni di spavento improvviso o di paura, coprire i genitali con le mani rappresenta una forma di difesa quasi automatica e che si attiva in presenza di stimoli pericolosi. La zona dei genitali si copre in presenza di un pericolo, di imbarazzo e vergogna, e anche quando ci si sente inferiori o inadeguati rispetto a una situazione o a un compito.

Una situazione diversa si presenta quando il contatto delle mani con i genitali vuole indicare dominanza, in questa circostanza il contatto vuole segnalare la propria forza, la propria “mascolinità”, quando due uomini si trovano a fronteggiarsi possono simbolicamente toccarsi le parti basse per indicare all’altro di essere all’altezza della situazione, quando invece un uomo vuole sottolineare la propria virilità di fronte a una donna si usa più spesso la cosiddetta “postura del cowboy”, con le mani in tasca e i pollici fuori che indicano, non a caso, proprio la zona dei genitali.

Quando le mani vanno a proteggere una zona del petto, oltre che per la difesa fisica di organi vitali molto importanti, si tratta di una difesa della propria sfera emotiva. Quando qualcuno ci racconta una storia triste o emotivamente forte capita di portarsi una mano sul petto, più o meno all’altezza del cuore, come a difendere la propria sfera emotiva da un’emozione troppo violenta.

Un’altra situazione in cui le mani proteggono il busto è quando si tiene un oggetto tenendolo di fronte al petto, ad esempio un libro poggiato sul petto o un bicchiere tenuto di fronte a noi mentre parliamo con una persona con cui non abbiamo molta confidenza, di solito tali oggetti vengono spostati dalla zona del petto quando ci si trova a proprio agio in una situazione.

Anche la zona del viso, che rappresenta la sfera razionale e anche la nostra identità attraverso i tratti unici del volto di un individuo, può venire protetta dalla mani come difesa fisica e simbolica. Mentre i calciatori si proteggono il viso con una mano per evitare un colpo violento, quando lo facciamo in assenza di un pericolo è per altri motivi. Ci si può coprire il volto con una mano per evitare di essere visti dagli altri (ad esempio se capita di ridere in una situazione seria) o come protezione verso qualcosa che non è di nostro gradimento o che ci colpisce in maniera particolare. Di fronte a una scena violenta potremmo mettere una mano davanti agli occhi, in presenza di una notizia negativa potremmo mettere la mano davanti alla bocca o sulla fronte; anche in questo caso le mani diventano un vero e proprio scudo che tenta di proteggerci o di filtrare emozioni e stimoli negativi che si presentano di fronte a noi.

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

https://www.copiaoriginale.it/articoli/la-barriera-delle-mani-nel-linguaggio-del-corpo

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: