Riconoscere la menzogna: 5 condizioni utili – Hdemos

In contesti lavorativi particolari, come in alcune situazioni personali, riuscire a riconoscere una menzogna può essere importante per evitare conseguenze indesiderate. Nella professione dell’avvocato, ad esempio, questo aspetto assume una grande importanza quando si ha a che fare per lavoro con la ricerca della verità e, di conseguenza, della menzogna.

Raccontare una menzogna può sembrare una cosa più o meno facile, la difficoltà può cambiare a seconda dell’esperienza e della personalità e del bugiardo; ci sono alcune condizioni particolari che possono far sì che una persona che sta mentendo si tradisca e riveli la sua bugia.

Scienza, ricerca e menzogna

Nell’analisi e nel riconoscimento della menzogna ci può dare una mano il Dottor Paul Ekman, lo psicologo americano considerato uno dei più importanti ricercatori viventi sulle emozioni, la Comunicazione Non Verbale e lo studio della menzogna. Nelle sue ricerche è emerso che esistono 5 condizioni specifiche che possono aumentare la tensione della persona che sta mentendo e che, di conseguenza, potrebbe produrre un numero maggiore di segnali di menzogna.

Quali sono le condizioni che portano un bugiardo a tradirsi?

1) La persona che mente sa di avere di fronte una persona che è in grado di poterla smascherare: questa prima condizione si verifica quando il bugiardo sa che l’osservatore è una persona allenata o esperta nel riconoscere le menzogne; questa consapevolezza può spaventare il bugiardo spingendolo a innalzare le sue difese e a mostrare maggiori segnali di tensione.

2) La persona che mente non è abituata a raccontare bugie: questa condizione particolare avviene quando il bugiardo non ha l’abitudine di mentire agli altri, o è consapevole di essere un pessimo bugiardo; questa consapevolezza lo porterà a vivere il fatto di dover raccontare una bugia come un compito difficile da portare a termine con successo, tutto questo porterà il bugiardo a vivere la situazione con ansia.

3) La persona che mente ha la fama di essere un bugiardo: questa condizione è opposta alla precedente, quando una persona è nota per raccontare bugie a destra e a manca questo potrebbe costituire una problema qualora si provi a ingannare gli altri; sapere che l’altro ha un forte pregiudizio su di noi complica il racconto di una bugia, il bugiardo dovrà impegnarsi molto e con probabilità appariranno diversi segnali di tensione e di menzogna.

4) La posta in gioco nella menzogna è alta, c’è in ballo qualcosa di valore: quando la posta in gioco è importante la tensione aumenta, come può aumentare lo stress a un tavolo da gioco quando il piatto è ricco. Una posta alta può alzare la tensione del bugiardo e spingerlo a compiere qualche passo falso; con un premio considerevole in gioco, anche i bugiardi più esperti potrebbero perdere la calma e mostrare dei segnali di menzogna.

5) La persona che mente sa la punizione sarà severa qualora non venga creduto: quando in una specifica situazione la punizione per aver mentito è pesante,la tensione della persona che sta mentendo può crescere e portare anche i bugiardi più abili a trovare difficoltà nel raccontare la propria storia menzognera mantenendo il pieno controllo delle proprie parole e dei propri segnali del corpo.

A voi è capitato di identificare una menzogna con una o più di queste condizioni particolari? Vi siete mai trovati in difficoltà a mentire a qualcuno in presenza di una di queste condizioni?

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: