“Manuale di resistenza al potere” – recensione del libro

“Come resistere al potere?”, “Come non farsi manipolare e vivere sereni?”. A queste domande tenta di dare una risposta il libro Manuale di resistenza al potere di Michele Putrino, Coach ed esperto di Leadership, edito da Uno Editori.

In quest’opera, scritta in modo chiaro e accessibile a tutti, l’autore mette in luce in modo semplice e ricco di esempi cosa sia il potere e la manipolazione, in un viaggio che attraversa la storia dell’umanità fino ad arrivare ai giorni nostri. Un presente in cui la “Mega-macchina”, ovvero la società consumistica plasmata dal pensiero unico, ingabbia tutti, o quasi, attraverso meccanismi lenti e pervasivi come la propaganda (per ottenere un’influenza culturale) e il marketing (strumento chiave per la vendita e motore principale del consumismo stesso), rendendo l’uomo sempre meno autosufficiente e dipendente dalla società stessa, chiudendolo così in un circolo vizioso in cui ha sempre meno potere sulla sua stessa vita.

Sutrino cita numerosi autori – da Platone a Nietzsche, dagli Stoici fino ad arrivare a Tiziano Terzani – e aiutandosi con le loro metafore e le loro idee potenti guida il lettore nella comprensione che la manipolazione più potente è proprio quella che è meno visibile, che viene data quasi per scontata e nella quale si è immersi sin dalla nascita.

Ma chi controlla la “Mega macchina”? E con quali finalità? Questa parte del libro è una delle più interessanti poiché evita qualsiasi banalizzazione di tipo complottistico e con estrema lucidità identifica l’umanità intera come responsabile della creazione e della gestione di questo mostro di burocrazia e tecnologia. La specie umana ha creato questa forma perversa di auto-controllo man mano che ha perso il contatto con la Natura, con il gruppo sociale di riferimento e si è avviata verso una progressiva astrazione dalle proprie necessità con l’avvento delle metropoli disumane.

La “Mega macchina”, in questi termini, sarebbe un tentativo di placare il proprio senso di inadeguatezza de-responsabilizzandosi e affidandosi a un intelligenza “meccanica” superiore avviata verso il transumanesimo e l’iper-tecnocrazia (che lentamente consumano l’umanità dentro di noi). L’uomo, avendo smarrito il contatto e l’armonia con la Natura (con la N maiuscola), ovvero con tutto quello che è reale, tangibile e realmente necessario per la felicità dell’uomo, tenta goffamente di affidarsi a un “Deus ex machina” che lo sappia guidare e coccolare.

Felicità, etica, senso della vita e della morte: questi sono i temi che l’autore affronta con coraggio e a viso aperto indicando come possibile soluzione un metodo chiaro per liberarsi dal giogo della manipolazione di una società occidentale svuotata di senso e piena di produttori-consumatori piuttosto che di esseri umani. Putrino suggerisce di evitare di diventare degli eremiti per affrancarsi da questa società, non è nella fuga dal mondo la soluzione più semplice per l’uomo bensì nella piena presa di coscienza di se stesso, del bene e del male, dell’armonia presente nella Natura e nella riscoperta di bisogni semplici, reali e concreti.

Attraverso diversi consigli presi dalla filosofiastoica l’autore indica la via nella presa di consapevolezza di un mondo meno virtuale e più reale, in armonia con il proprio corpo, con gli altri, con la Natura e con lo scorrere degli eventi del mondo. Cambiare la nostra percezione prima di tutto, per vivere meglio e agire con strumenti dettati dalla saggezza di una filosofia pratica e che invita a mettersi in gioco ogni giorno cercando il bello e il buono dentro e fuori di noi.

Questo libro ci aiuta in modo semplice ed efficace a comprendere meglio la manipolazione intorno a noi e ci dona alcuni strumenti per affrontarla, vivere meglio e “riappropriarsi” della propria vita; perché in fondo, come scrive l’autore “La manipolazione è sempre un atto di auto-manipolazione: nessuno può manipolarci senza il nostro consenso”.

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

https://unoeditori.com/prodotto/manuale-di-resistenza-al-potere/

Parole e voce della menzogna: come riconoscerla – Hdemos

Chi si fregia di fronte agli altri di essere una “persona assolutamente onesta” dovrebbe fare i conti con diversi recenti studi sulla menzogna: sembra che tutti, ma proprio tutti, non siamo immuni dal fascino della menzogna, infatti uomini e donne mentono almeno sette volte al giorno.
Ovviamente in questo numero vanno anche comprese le cosiddette “bugie bianche”, ovvero quelle bugie a fin di bene che non prevedono una vittima e hanno la finalità di preservare la relazione tra le persone (pensate a una classica bugia bianca: “come ti sta bene quel vestito” anche se ciò non è vero, questa piccola bugia serve principalmente a non svelare una verità brutale e inutile mantenendo una relazione positiva tra le parti).

Per un avvocato o un giurista, così come per altri professionisti che sono a contatto con le persone, riuscire in tempo a identificare una possibile menzogna (di un teste, di un cliente, di un altro collega) può risultare di grandissima utilità sul piano professionale, migliorando le proprie capacità di osservazione e riuscendo a intervenire tempestivamente per correggere la situazione con criterio.

Come riconoscere una menzogna?

Prendiamo in esame alcuni aspetti della menzogna, tralasciando l’analisi della Comunicazione Non Verbale nella bugia (che sono numerosi e che tratteremo in un articolo futuro) possiamo focalizzarci sugli aspetti legati all’analisi del discorso e alle parole pronunciate (canale verbale) e alla qualità della voce con cui si comunica (canale paraverbale).

Parole e Menzogna.

Cominciando ad analizzare l’uso di determinate parole che dovrebbero far suonare un campanello d’allarme per la possibile presenza di una bugia. Di solito chi prende le distanze dall’oggetto del discorso potrebbe mentire, quando si usano aggettivi, verbi e sostantivi che indicano una volontà di allontanarsi dal discorso potrebbe essere un tentativo di scaricare delle responsabilità. Se ad esempio dico la frase “questo mio amico” e dopo affermo “quel mio amico” il passaggio da “questo” a “quello” indica letteralmente un distanziamento dall’oggetto e dovrebbe far sorgere delle domande in chi ascolta. Lo stesso vale quando si cambia il verbo dalla prima alla terza persona (es. “io credo che…” e “si crede che”). Un altro indizio della possibile presenza di una bugia è la scarsità di dettagli in un racconto, un bugiardo tende a inserire pochi dettagli in una storia inventata per non correre il pericolo di non ricordare, anche a distanza di tempo, i dettagli – mai avvenuti – della bugia raccontata ed essere così scoperto.

La voce delle bugie.

Un altro aspetto interessante per rilevare una menzogna è l’analisi della comunicazione paravebrale, con questo termine indichiamo la qualità della voce con cui si comunica, come se fosse un vero e proprio strumento musicale che produce suoni più o meno armoniosi.
Un primo indizio può essere il ritmo, quando è spezzato o sincopato può indicare difficoltà ad articolare il pensiero, segnalando che si sta prendendo tempo per inventare qualcosa, esattamente come succede in presenza di pause sospette o silenzi prolungati.

Un altro indizio è un tono più alto del normale, lo stress nel raccontare una bugia può mettere in tensione le corde vocali e produrre un suono più alto del solito. Altri possibili indizi di menzogna sono le piccole imprecisioni come balbettio, false partenze, parole spezzate o masticate.

Conclusioni.

Quando questi elementi dei canali verbale e paraverbale diventano visibili, dovrebbe suonare dentro di noi un campanello d’allarme: chi ci sta di fronte forse ci sta raccontando una frottola.

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

https://www.hdemos.it/parole-e-voce-della-menzogna-come-riconoscerla/

Movimento fisico, concentrazione e Comunicazione Non Verbale – Copia Originale

Avete notato che quando qualcuno sta parlando al telefono gesticola come se ci fosse davvero qualcuno di fronte a lui che lo possa vedere? E quante volte vi è capitato di ritrovarvi a passeggiare per casa intenti a riflettere su qualcosa di importante?

State pure tranquilli, va tutto bene; infatti è dimostrato che il movimento fisico aiuta il pensiero, muovendo il corpo, infatti, si “muove” anche il cervello. Il movimento è energia e comunicazione, attivare il proprio corpo aiuta l’attività mentale e allo stesso tempo facilita la comunicazione interpersonale.

Un altro esempio di movimento fisico legato alla concentrazione, può essere il fatto di scarabocchiare su un foglio mentre si sta prestando attenzione alle parole di un’altra persona; questa è una cosa che può capitare, ad esempio, a chi lavora come insegnante o formatore. In questo caso si potrebbe pensare che la persona che disegna non presti attenzione poiché distratto da un’altra attività; in realtà in questo caso il cervello compie un’azione quasi automatica che non danneggia l’attenzione e che invece può aiutarla.

Le numerose ricerche sull’ascolto dicotomico, insieme a quelle più recenti sul multitasking, confermano che il cervello ha difficoltà a fare più cose contemporaneamente; però quando l’attività fisica è poco impegnativa o inconscia il cervello può trovare una concentrazione speciale.

Oltretutto nel caso in cui si disegna mentre si ascolta o si parla con qualcuno, va considerata la diversa natura dei compiti che implicano due sensi differenti (si disegna con la vista e si ascolta con l’udito), mettere in atto una gestualità fatta di movimenti meccanici e programmati nel nostro cervello può aiutare a trovare la giusta concentrazione e a riflettere meglio.

Un esempio brillante nella storia viene da una delle grandi scuole di filosofia dell’antica Grecia: la scuola peripatetica di Aristotele; il suo nome greco peripatetikòs deriva dall’unione delle parole perì (essere o muoversi intorno) e patèo (cammino). Aristotele e i suoi discepoli parlavano di filosofia mentre passeggiavano nel giardino della loro scuola e sembra che questa attività fisica aiutasse il pensiero dei partecipanti alle lezioni che discutevano di temi di alta filosofia.

Anche fare espressioni facciali e gesticolare con le mani durante una conversazione telefonica aiuta la comunicazione, questo facilita la nostra espressione delle emozioni che si riflette anche nella scelta del tono della voce e nella scelta delle parole. Per verificare se il movimento delle mani (Comunicazione Non Verbale) avesse una reale influenza sulle parole pronunciate (aspetto Verbale) e sulla qualità della voce (aspetto Paraverbale) è stato effettuato un curioso esperimento. Ad alcuni soggetti erano state bloccate le mani mentre parlavano con qualcuno e altri invece erano liberi di esprimersi anche con le mani: quelli liberi di comunicare muovendo le mani pronunciavano più parole e sceglievano con maggiore cura i termini usati, anche la loro voce risultava più energica ed espressiva.

Non è un caso che i gesti con cui si gesticola nella comunicazione si chiamino proprio “gesti illustratori”, tali gesti possono scandire il ritmo, indicare, mimare e altro ancora; il loro compito, di fatto, è quello di arricchire il senso del messaggio verbale, illustrano un concetto, lo rinforzano e a volte possono sostituirsi alle parole.

In fondo non c’è da stupirsi, per la natura “il movimento è vita”. Nel movimento, così come in molte altre cose, esiste comunque un certo equilibrio, in un giusto grado di movimento ci sono energia e vitalità ma esistono anche gli estremi: nell’assenza di movimento è possibile trovare situazioni di bassa energia e motivazione, rilassamento, riflessione oppure dolore, tristezza o paura; quando invece il movimento è eccessivo può rappresentare gioia e un’energia strabordante (braccia in alto, voce alta, espressioni del viso e gesti accentuati) ma anche tensione, agitazione, disagio o rabbia.

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

https://www.copiaoriginale.it/post/movimento-fisico-concentrazione-e-comunicazione-non-verbale

Tanatosi e Comunicazione Non Verbale: quando il corpo rimane immobile – Hdemos

Come affermava lo psicologo e filosofo Paul Watzlawick “E’ impossibile non comunicare”, infatti anche quando si rimane fermi o in silenzio si possono comunicare diverse cose: vergogna, rispetto, stupore, paura, tensione e altro ancora.

Che cos’è la Tanatosi.

A volte capita che le parole non bastino e si rimane in silenzio, nella Comunicazione Non Verbale esiste un tipo particolare di “silenzio del corpo”: la tanatosi. In questo momento particolare il nostro corpo smette di parlare, interrompe la comunicazione rimanendo immobile.

Un buon avvocato dovrebbe saper riconoscere questa particolare forma di comunicazione che può avvenire in diverse situazioni delicate, basti pensare a un’istruttoria dibattimentale, in cui qualcuno (un teste, un avvocato o un giudice) improvvisamente si irrigidisce e rimane immobile, cosa sta succedendo? Cosa sta comunicando con il suo corpo? Comprendere i significati che si celano dietro il Linguaggio del Corpo può essere di grande aiuto per capire meglio il contesto, la personalità altrui e intervenire di conseguenza.

Cosa è la “tanatosi”? Come avviene nell’essere umano?

La tanatosi è un meccanismo di difesa-attacco che prede e predatori in natura mettono in atto rimanendo fermi per cacciare o sfuggire ai predatori; questo avviene nel mondo vegetale come in quello animale, esseri umani inclusi. Basti pensare a un agnello che si finge morto quando ritiene di essere in grande pericolo, questo meccanismo è finalizzato a sembrare morti e le prede già morte non sono molto appetibili per molti predatori. Allo stesso modo i predatori possono rimanere immobili o far finta di essere deceduti per ingannare le prede e farle avvicinare senza temere la cattura.

Nell’essere umano questo avviene per diverse cause, di solito quando due persone litigano e ci troviamo nel mezzo possiamo rimanere immobili per non essere notati ed essere coinvolti nella discussione. In presenza di tensione, disagio, paura (o anche come forma di rispetto) si può optare, in maniera più o meno conscia, per una forma di immobilità che vuole evitare un pericolo o comunicare qualcosa all’esterno.

Come riconoscere la tanatosi attraverso la Comunicazione Non Verbale?

Il Linguaggio del Corpo ci aiuta nell’osservazione del fenomeno della tanatosi che può essere rilevato da diversi indizi: a parte l’immobilità, un grande indizio di stress è la tensione muscolare che risulta elevata in una o più parti del corpo, in particolare negli arti; un altro indizio è l’assenza di contatto visivo, nella tanatosi di solito si tende a guardare in basso. Inoltre è possibile anche assistere, in casi estremi, alla sospensione della respirazione, si trattiene il respiro, in maniera involontaria, per non essere notati; questo è un campanello d’allarme che rileva un alto stato di tensione o paura.

Quando si verifica uno stato di immobilità è anche utile verificare quale possa essere stato il “trigger”, lo stimolo che lo ha portato a verificarsi, potrebbe essere la vista di una persona, di un oggetto o qualche parola che si è pronunciata. Riconoscere uno o più stimoli che hanno messo in moto tale meccanismo può aiutare a concentrarsi su di essi per un’analisi più approfondita del comportamento della persona in esame.

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

L’investigatore del Non Verbale – David Matsumoto

La maggior parte delle procedure investigative si concentra su fatti fisici e prove concreti, ma qual è il ruolo del rilevamento del comportamento non verbale?

Un nuovo studio nel Journal of Nonverbal Behaviour ha cercato di mettere in discussione la saggezza convenzionale che enfatizzava i fatti fisici rispetto al comportamento non verbale. Replicando uno studio precedente con varianti leggermente diverse, il dottor Eric Novotny e il suo team hanno cercato di spiegare il ruolo dell’osservazione del comportamento non verbale nello sviluppo del “sospetto” che guida le indagini iniziali sul comportamento criminale.

Il documento sottolinea che molte ricerche precedenti mettono in dubbio l’uso del rilevamento non verbale nelle indagini. Mentre esiste una grande quantità di ricerche per scoprire che la rilevazione non verbale può essere efficace, le ricerche precedenti mettono in dubbio che tale osservazione venga effettivamente usato dagli investigatori della polizia o dai non addetti ai lavori.

Tuttavia, in ricercatori di questo nuovo studio sostengono che bisogna fare una distinzione tra “scoprire” e “sospettare” una bugia. Quando scopriamo una bugia, abbiamo finito un’indagine e abbiamo concluso che è stata detta una menzogna, ma cosa ci fa inizialmente sospettare una bugia?

La tesi centrale è che il sospetto non dipende da prove concrete perché è intrinsecamente l’atto di intuire o sospettare che esistano prove concrete. Quindi, il sospetto, in primo luogo, ha un ruolo fondamentale nel condurre all’indagine vera e propria.

È qui che i segnali comportamentali e l’osservazione del Non Verbale entrano in scena. È nel notare le deviazioni da una linea di riferimento comportamentale che gli individui spesso arrivano a pensare che qualcosa sia nascosto o che stia avendo luogo un inganno.

Nel replicare il lavoro precedente che enfatizzava il ruolo delle prove concrete, lo studio attuale ha investigato non solo quali fattori inducevano i partecipanti a “scoprire” una bugia, ma nel gruppo di trattamento si chiedeva invece cosa li portasse a “sospettare” una bugia.

A ciascun partecipante è stato chiesto di ricordare una volta precedente in cui avevano scoperto qualcuno dire una bugia e di spiegare esattamente quali fattori hanno portato a tale conclusione. In effetti, hanno scoperto che molti partecipanti facevano affidamento su prove concrete per scoprire bugie, ma la storia per quanto riguardo il sospetto era molto diversa.

Oltre il 40% degli intervistati ha indicato il comportamento non verbale come uno stimolo per iniziare a sospettare una bugia, con solo il 19% che punta a prove fisiche.

Ciò ha presentato prove convincenti per il ruolo del comportamento non verbale nell’iniziare a sospettare l’inganno. Per comprendere ulteriormente tale fenomeno, la ricerca ha continuato conducendo uno studio aggiuntivo, questa volta chiedendo in modo più esplicito se le menzogne fossero state scoperte/sospettate attraverso prove concrete o prove comportamentali, dividendo i partecipanti in gruppi.

Ancora una volta, i loro risultati hanno confermato l’ipotesi principale. Le persone hanno citato le prove comportamentali molto più spesso per determinare il sospetto, mentre preferiscono prove non comportamentali per scoprire la verità.

Questa ricerca dà il suo contributo al ruolo molto importante delle valutazioni non verbali nel rilevamento degli inganni; operazione che, come è stato spesso discusso, non è una cosa facile da fare.

Linguaggio del corpo per Avvocati: Gesti illustratori e manipolatori – Hdemos

La ricchezza della gesticolazione di noi italiani è ben nota in tutto il mondo, infatti siamo uno dei popoli che maggiormente usano la Comunicazione Non Verbale attraverso il movimento delle mani. Alcuni studi hanno appurato che quando non si possono muovere le mani anche il discorso verbale risulta meno ricco e articolato, specialmente per quei popoli che, come noi, usano una gestualità articolata.

Per un avvocato o un giurista saper comunicare efficacemente, anche con le mani, risulta di fondamentale importanza, in presenza di altre figure istituzionali o fuori dalle aule dei tribunali saper aggiungere valore alla propria comunicazione può risultare una carta vincente. Esistono due classi di gesti usati comunemente che è utile conoscere e distinguere: i cosiddetti gesti “illustratori” e i gesti “manipolatori”.

Cosa sono i gesti illustratori e manipolatori? Come usarli?

  • Gesti “illustratori”: è la gesticolazione che avviene verso l’esterno, muovendo le mani nell’aria. Sono chiamati illustratori perché illustrano il messaggio anche a livello visivo, lo rinforzano, lo arricchiscono e possono anche sostituirlo; il consiglio è quello di usare tali gesti in maniera attiva e allo stesso tempo equilibrata. Questi gesti possono essere suddivisi in modo semplice in quattro famiglie: gesti batonici (che scandiscono il ritmo del parlato), gesti deittici (che indicano qualcosa), gesti iconici (che servono a mimare qualcosa) e gesti emblematici (che appartengono a una specifica cultura e vengono compresi all’interno di essa).
  • Gesti “manipolatori”: sono quei gesti in cui il corpo entra in contatto con se stesso (auto-manipolatori) o con un oggetto (manipolatori puri), stringersi un braccio con la mano, toccarsi il viso o il vestito, manipolare una penna, tutti questi sono gesti manipolatori. Questi gesti spesso denotano tensione, agendo in modo inconscio come una “carezza” che rivolgiamo verso noi stessi, ma vanno sempre contestualizzati e verificati con la presenza di altri indizi gestuali. Infatti a volte possono essere effettuati anche in presenza di noia, fatica, quando si è distratti o rilassati. Nella comunicazione interpersonale in generale è buona norma evitare o limitare al minimo tali gesti, che potrebbero essere intesi come segnali di disagio, nervosismo e tensione.

Curiosità.

Un’ultima curiosità: da dove proviene questa nostra passione per la gestualità? Esistono diverse ipotesi a riguardo: c’è chi dice che siano stati i colonizzatori dell’antica Grecia a importare questa ricca gesticolazione; un’altra ipotesi è quella che sia stata la commedia dell’arte ad aiutare la diffusione dei gesti esportandoli dal teatro alla cultura popolare. Un’ulteriore ipotesi è quella per cui i gesti hanno aiutato per secoli le persone delle diverse regioni a comunicare tra loro; prima dell’unificazione linguistica, sotto le differenti dominazione straniere, si parlavano numerosi dialetti diversi e comprendersi risultava complicato.

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

2 comportamenti che trasmettono interesse – Psychology Today

Come i piedi e il collo ci aiutano a comunicare interesse.

Spesso mi viene chiesto se c’è qualcosa che possiamo fare non verbalmente per far sapere alla gente che siamo pienamente coinvolti e interessati a ciò che hanno da dire. La mia risposta è sì, ma le mie scelte sono probabilmente cose a cui non hai mai pensato.

Ovviamente, sappiamo che avere un buon contatto visivo e sorridere sono molto utili per mostrare interesse – lo sappiamo da quando Dale Carnegie pubblicò Come conquistare gli amici e influenzare le persone negli anni ’30. Oltre a ciò, lasciatemi suggerire questi due comportamenti: inclinare la testa e / o incrociare le gambe stando in piedi. Non ci hai mai pensato? Provalo, o forse lo hai già fatto, e non sapevi che lo stavi facendo naturalmente.

Inclinare la testa

Hai mai visto persone riunirsi attorno a un neonato e notare che inclinava la testa di lato? Il principe William, e in particolare Kate, la duchessa di Cambridge, sono entrambi famosi per inclinare la testa quando parlano con gli altri. Perché lo fanno? Perché funziona. Funziona con i bambini, funziona con gli adulti.

Quando incliniamo la testa, i bambini sembrano sorridere e rilassarsi. Guarda le coppie innamorate: si siederanno accanto per ore, le teste inclinate, fissandosi l’un l’altro con amore. Questo comportamento in sostanza espone il nostro collo, e io sospetto che ci faccia apparire più vulnerabili e quindi più gradevoli.

Dopo aver studiato questo comportamento nel corso degli anni, invariabilmente coloro che inclinano la testa sono percepiti come più interessati, attenti e premurosi. In altre parole, le persone riferiscono di sentirsi come se la persona li stia ascoltando con più attenzione, escludendo gli altri. E’ un atteggiamento potente nel corteggiamento e non meno in un contesto lavorativo.

In modo non sorprendente, attraverso l’eco del corpo o l’isoprassi (Mirroring), quando entrambe le persone inclinano la testa, c’è una maggiore tendenza a rimanere a parlare più a lungo. Che si tratti di un corridoio, di un ufficio o di una strada, gli individui tendono a intrattenersi più a lungo quando inclinano la testa, come si evince dalle interviste post-osservazione.

In piedi con le gambe incrociate

Come scritto in un post precedente, di solito incrociamo le gambe mentre stiamo in piedi solo quando siamo a nostro agio con gli altri. Qualunque cosa sia percepita come una minaccia (es. il bordo di un edificio alto) o qualsiasi tipo di acrimonia sociale ci fa mantenere entrambi i piedi ben saldi in modo da non essere fuori equilibrio. Il sistema limbico, responsabile della nostra sicurezza, lo fa in modo abbastanza efficace senza molto pensiero cosciente.

Vuoi mettere gli altri a loro agio mentre sei in piedi? Prova ad incrociare le gambe. Inconsciamente comunica che si è interessati a quello che gli altri hanno da dire. Se siamo fortunati, anche l’altra persona si sentirà a suo agio con noi e farà lo stesso. In sostanza, le gambe dicono: se sei a mio agio con me, sono a mio agio con te. Come con l’inclinazione della testa, l’incrocio delle gambe in posizione eretta, quando ricambiato, crea quasi sempre una maggiore durata dell’incontro. E gli incontri faccia a faccia si trovano soprattutto negli affari e nelle relazioni personali.

Ovviamente se qualcuno è di fretta e ha un appuntamento nessuna quantità di linguaggio del corpo da parte nostra garantirà che l’altro rimarrà lì ad ascoltarci. Ma se ne hai l’opportunità, e gli altri non hanno fretta di andarsene, prova queste tecniche e vedi se gli interlocutori si attardano più a lungo per una conversazione più piacevole.

Joe Navarro
Cacciatore di bugie

https://www.psychologytoday.com/intl/blog/spycatcher/201812/2-behaviors-convey-interest

Seth Godin: il Linguaggio del Corpo “soft” – CoachMag 44

Sulle pagine di CoachMag possiamo osservare alcuni famosi Coach internazionali più da vicino analizzandone il Linguaggio del Corpo. Oggi sotto la lente d’ingrandimento c’è Seth Godin, riconosciuto come uno dei geni mondiali del Marketing.

Seth è un imprenditore statunitense, speaker, blogger e autore di bestseller internazionali, tra cui “La mucca viola”, il libro di marketing più venduto negli ultimi anni.

Aprendo il suo sito internet notiamo due foto in evidenza: in una è in giacca e cravatta, guarda davanti a sé e sorride, dando un’immagine professionale e amichevole. Nell’altra foto indossa una maglietta, alza molto le sopracciglia e guarda di lato sorridendo; questa espressione richiama elementi della sorpresa: occhi spalancati, sopracciglia alzate e rughe orizzontali sulla fronte. A differenza dell’espressione tipica della sorpresa, la bocca non è aperta e forma un sorriso, in questa foto Seth ci comunica informalità, con la t-shirt, insieme a un alto grado di attenzione e a una curiosità divertita, dando l’immagine di qualcuno che sa che troverà qualcosa di molto piacevole.

Analizzando alcuni video nei quali compare da protagonista, la prima impressione che si ha di Seth è di simpatia e pacatezza, col suo stile “soft” risulta molto efficace nella comunicazione…

(Continua su COACHMAG n.44 con la Comunicazione Non Verbale one-to-one e in pubblico di Seth Godinwww.coachmag.it)

Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

I segnali di menzogna di Di Battista. Analisi del Linguaggio del Corpo

A volte non serve un esperto di Linguaggio del Corpo o di Analisi della Menzogna per capire quando ci stanno dicendo una bugia. E’ quanto emerge da un breve articolo su Dagospia in cui viene esaminato uno stralcio dell’intervista al politico pentastellato Alessandro Di Battista da parte del giornalista Daniele Bonistalli, inviato della trasmissione “Non è l’arena” condotta da Massimo Giletti su LA7.

Nel breve video di quest’intervista appare evidente, anche a uno sguardo meno esperto, che Alessandro Di Battista è in uno stato di agitazione che lo porta a nascondere (male) i suoi veri pensieri e le sue vere emozioni sullo stato attuale del governo giallo-verde che vede alleati la Lega e il Movimento 5 Stelle.

Sono davvero numerosi e visibilii segnali di tensione di Di Battista che, con altissima probabilità, evidenziano un malriuscito tentativo di nascondere i suoi veri pensieri mentre risponde alle domande del giornalista che lo interroga sulla stabilità dell’attuale compagine governativa.

Andiamo a vedere quali elementi della Comunicazione Non Verbale rilevano i segnali di menzogna di Di Battista:

In tutta l’intervista mostra agitazione a livello fisico, è ipercinetico e muove molto la testa, gli occhi e le spalle, questi indizi mostrano un alto livello di tensione che viene scaricata col movimento del corpo.

Nella prima parte dell’intervista parla dell’attuale grado di stabilità del governo giallo-verde, mentre risponde distoglie lo sguardo dal giornalista, con la mano cerca di toccarsi il viso, salvo poi riuscire a controllarsi e a fermare il movimento della mano (i gesti di auto-contatto si verificano in presenza di disagio). Inoltre è presente un forte colpo di “tosse nervosa” che, oltre a schiarire la voce, sembra essere causato da uno stato di tensione.

Quando risponde alla domanda su quanto durerà il governo, Di Battista risponde “Questo non ne ho idea”, durante la sua risposta effettua anche una scrollata unilaterale della spalla sinistra, questo segnale manifesta che lo stesso Di Battista non crede fino in fondo alle sue parole e tenta di controllare, senza riuscirci, la classica scrollata di spalle (visibile più di una volta nel corso dell’intervista) che segnala un forte dubbio, in questo caso delle sue stesse affermazioni.

Nella seconda parte dell’intervista Di Battista afferma che la maggior parte delle iniziative del governo sono merito dei 5 stelle e che Salvini sta attraversando una “fase fortunata” nella comunicazione. Anche quando dice queste frasi mostra diversi segnali di tensione che rilevano quasi sicuramente una menzogna: sbatte molto le palpebre, ha difficoltà a trovare le parole e inizia a balbettare, si tocca il naso (toccarsi il naso può essere un indizio di menzogna poiché, oltre a un gesto di tensione da auto-contatto, può prudere a causa di alcune sostanze chiamate catecolamine che fanno pizzicare il naso quando si tenta di mentire).

In conclusione sembra chiaro che Alessandro Di Battista, visti i numerosi segnali di disagio e tensione manifestati attraverso la sua Comunicazione Non Verbale e Paraverbale, non stia raccontando al giornalista tutta la verità, o che, per lo meno, abbia molto da nascondere su quello che pensa veramente dell’attuale governo in questa fase delicata.

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/video-non-fate-vedere-battista-tim-roth-39-39-lie-to-199809.htm