Il Linguaggio del Corpo del futuro – CoachMag 46

Quando si parla di futuro purtroppo non abbiamo una sfera di cristallo per sapere con esattezza cosa succederà, la cosa migliore che possiamo fare è osservare la realtà attuale e porsi alcune domande per ipotizzare scenari futuri.

La Comunicazione Non Verbale è un linguaggio, e come molti linguaggi vive una vita propria, evolvendo ogni giorno a livello globale e locale.
Come potrebbero cambiare scenari e applicazioni del Linguaggio del Corpo in futuro?
E’ utile rispondere a due grandi interrogativi che il futuro ci pone, uno sugli sviluppi del mercato e un altro sugli strumenti del futuro.

1) COME POTREBBE EVOLVERE IL MERCATO DELLA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN FUTURO?

Il Linguaggio del Corpo è una disciplina ancora “giovane” nel nostro Paese, negli anni è cresciuta in termini di mercato, professionisti e offerta; in futuro il mercato si svilupperà in diverse direzioni: organizzazioni, aziende e privati. Con molta probabilità sarà possibile vedere nuove applicazioni della CNV in nuovi settori di interesse col supporto dello sviluppo tecnologico.

La CNV potrebbe essere maggiormente riconosciuta in diversi contesti sociali ed economici, come politica, scuola e sanità, grazie alle nuove forme di comunicazione, internet, social media e reti personali e professionali viaggeranno sempre più veloci interscambiando sempre più informazioni…

(Continua su COACHMAG n.46 con metodologie e strumenti futuri della Comunicazione Non Verbale, realtà virtuale, realtà aumentata, intelligenza artificiale e robotica nel Linguaggio del Corpowww.coachmag.it)

Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

Il Linguaggio del Corpo degli occhi rivela ciò che il cuore nasconde – Joe Navarro

I nostri occhi sono anche formidabili comunicatori di sentimenti, tra cui conforto e disagio, che ci aiutano a decifrare gli altri sin dalla tenera età. Gli occhi rivelano l’eccitazione per la mamma che cammina nella stanza, ma rivelano anche preoccupazione quando siamo turbati. Spesso ciò che non viene detto ad alta voce viene espresso in modo speciale dagli occhi. In effetti mi è stato chiesto di scrivere oggi questo articolo mentre stavo visitando un collega di ricerca e i suoi occhi, a distanza, mi hanno detto che c’era qualcosa che non andava, suo padre era morto.

Mentre gli occhi di una madre riflettono la disperazione che può provare quando il suo bambino è ricoverato in ospedale, al contrario rivelano la gioia di aver scoperto che il bambino è sano e sta bene. Poche cose riflettono le nostre emozioni tanto rapidamente quanto gli occhi. I bambini che hanno appena diversi giorni rispondono già agli occhi della madre e possono capire la differenza tra uno sguardo distratto e gli occhi dilatati spalancati. I bambini possono capire la differenza tra una madre felice e contenta e una che è stressata, solo guardandole gli occhi.

Gli occhi servono come canali di informazione su cui abbiamo fatto affidamento per migliaia di anni. Ci affidiamo a loro per la loro precisione. L’uomo a cui viene chiesto di aiutare qualcuno a muoversi si coprirà gli occhi con le dita mentre si strofina mentre risponde: “Sì, ti aiuterò”, quando senza dubbio questo è un problema per lui. Questo “comportamento di blocco” rivela autenticamente come egli si sente anche se lo aiuterà.

Comportamenti di blocco degli occhi come: coprire gli occhi, proteggere gli occhi, abbassare le palpebre per un periodo prolungato, ritardare l’apertura degli occhi sono così fortemente radicati in noi che i bambini che nascono ciechi, quando sentono qualcosa di spiacevole che non vedono coprono anche loro gli occhi. Ovviamente questo comportamento è radicato in noi, fa parte dei nostri paleo-circuiti e rappresenta un adattamento allo stress o ad altri stimoli negativi che ci ha servito bene in questi millenni.

Il blocco degli occhi è solo una delle cose più ovvie che facciamo. Quando siamo turbati, frustrati o alle prese con qualcosa di emotivamente stressante, le nostre palpebre possono anche chiudersi forte e rimanere chiuse oppure possono muoversi rapidamente come espressione del nostro sentimento. Hugh Grant è famoso nei film per il battito delle sue palpebre ogni volta che combina qualche guaio.

La ricerca mostra anche che quando siamo nervosi o turbati aumenta il nostro battito di ciglia, un fenomeno spesso visto con i bugiardi ma spesso visto anche con le persone sotto stress. Non chiamerei nessuno bugiardo solo perché il suo battito di ciglia aumenta, anche se mentre studiavo Richard Nixon ho notato che quando stava affrontando i fatti mentre parlava con la stampa il suo battito di ciglia è passato da circa 12 al minuto a 68 volte al minuto. Bill Clinton durante la sua deposizione mostrò un alto battito di ciglia a volte superiore a 92 al minuto, ma si trattava comunque di individui molto stressati in quel momento.

Quando si interpretano i comportamenti oculari, esistono molte idee sbagliate. Il contatto visivo scarso o nullo viene erroneamente percepito da alcuni come un classico segno di inganno, specialmente durante l’interrogatorio, mentre le persone che dicono la verità dovrebbero “bloccare gli occhi” sull’interlocutore. Questo non è supportato dalla ricerca o dall’esperienza ed è completamente falso. In effetti, Alder Vrij e altri hanno scoperto che i bugiardi tendono a impegnarsi in un maggiore contatto visivo perché sanno che stiamo cercando segni di inganno.

Il contatto visivo è in effetti un fenomeno sociale / culturale praticato in modo diverso in tutto il mondo. A New York, per convenzione sociale, possiamo guardarci l’un l’altro per 1,68 secondi. In altre culture, specialmente in America Latina e altrove, la tua capacità di guardare gli altri può essere piuttosto estesa fintanto che non è percepita come minacciosa.

Distogliere lo sguardo è praticato da molte culture tra cui latinoamericani e afroamericani, per mostrare rispetto per coloro che detengono l’autorità. Quindi quando un bambino nero guarda in basso mentre viene castigato, quel guardare in basso è in realtà un segno di rispetto e deferenza che spesso viene interpretato erroneamente come mancanza di rispetto o peggio, inganno.

È interessante notare che quando ci sentiamo più a nostro agio abbiamo il lusso di distogliere lo sguardo e troviamo conforto mentre ricordiamo dei fatti nella nostra memoria o meditiamo sul futuro.

Gli occhi si sposteranno da un lato all’altro, guarderanno in basso o resteranno fermi mentre elaboriamo le informazioni. Basta chiedere a qualcuno di moltiplicare a mente 56 x 89 e guardare i loro occhi. Il carico cognitivo posto su di loro dal compito della moltiplicazione provocherà tutti i tipi di movimenti oculari o persino la chiusura degli occhi. Tutto ciò che possiamo imparare da questo è che la persona sta elaborando le informazioni, non che stia dicendo la verità o mentendo come alcuni individui ben intenzionati ma mal informati vorrebbero farti credere.

Guardo gli occhi principalmente per capire quando qualcuno è a suo agio e rilassato. Guardo anche gli occhi per capire quando qualcuno è improvvisamente turbato da un argomento o da un evento. Immediatamente vedrò le orbite ristrette, quello che chiamo l’effetto Clint Eastwood (come in quei western italiani, proprio prima che sparasse strizzava sempre gli occhi). Deviare lo sguardo o il restringimento delle orbite oculari indicano, con molta precisione, disagio, stress, rabbia o problemi. Ho compreso meglio questo comportamento nelle negoziazioni mentre gli avvocati dell’avversario leggono ad alta voce ogni paragrafo; abbiamo potuto vedere quali articoli nel documento sarebbero stati problematici dal socchiudere gli occhi ad ogni dettaglio preoccupante. Questo comportamento ha ovviamente milioni di anni e comunica in modo molto elegante come ci sentiamo esattamente in quel momento.

Joe Navarro

https://www.jnforensics.com/post/the-body-language-of-the-eyes-the-eyes-reveal-what-the-heart-conceals

5 modi in cui il linguaggio del corpo può segnalare problemi – Joe Navarro

Gli indizi non verbali sono importanti per farci sapere cosa pensano, sentono, desiderano, intendono o addirittura temono le persone. Ci aiutano anche a comunicare in modo più efficace o a essere più empatici. Ogni giorno, se osserviamo bene, le persone mostreranno comportamenti che ci danno molte informazioni, a casa, a scuola o al lavoro.

A volte eseguiamo comportamenti che gridano, “Ho bisogno di aiuto”, “Sto attraversando un periodo davvero difficile” o “Le cose vanno veramente male”. Questi comportamenti vanno oltre un volto severo o le spalle abbassate – comportamenti indicativi di un alto disagio psicologico. Per chi è empatico, questi comportamenti comunicano davvero: ecco un’opportunità per aiutare.

Questi comportamenti che tendono a manifestarsi quando le cose vanno veramente male sono chiamati “comportamenti riservati”. Io li chiamo comportamenti “riservati” perché di solito compaiono solo in quei momenti in cui una persona sta vivendo uno stress o un disagio psicologico particolarmente elevato e sembra aver bisogno di essere confortata.

1 – La risposta di blocco

La risposta di blocco (o “congelamento”) è la prima delle tre risposte con cui siamo evoluti per far fronte alle minacce. E’ la prima perché per gli ominidi e per i nostri primi antenati, si può pensare che la principale minaccia alla sopravvivenza fossero i grandi felini. (Questo rimane vero oggi in alcune parti dell’Africa e dell’India, dove gli umani vengono regolarmente attaccati).

Tutti i gatti si orientano verso il movimento fisico, quindi non aveva senso per noi “combattere o fuggire”, come si dice spesso, quando si affrontano i più veloci e più potenti predatori nella savana africana. Quindi ci siamo evoluti per “congelarci” come prima riposta (per evitare di essere scoperti), e in seguito per fuggire (fuga) o allontanarci, e infine per combattere se non ci fosse stata altra soluzione.

Ancora oggi, continuiamo a vedere persone bloccate e apparentemente incapaci di muoversi, quando si trovano in pericolo a causa di un’auto o di un treno in arrivo. Quando sentiamo uno sparo ci congeliamo, come attestano i video, e restiamo fermi quando qualcuno entra in una stanza con una pistola. Questo fa parte del nostro patrimonio evolutivo.

Allo stesso modo, quando qualcuno viene informato di notizie devastanti o, come quando a un sospetto viene detto che esiste un testimone del crimine, spesso la reazione di congelamento entra in gioco. Mentre essi pensano che sono stati catturati e andranno in prigione, sembrano come congelati sulla loro sedia, immobili, rigidi, con le mani che stringevano le gambe o il bracciolo, come in un sedile di espulsione (Navarro 2007, 112).

2 – Dondolarsi avanti e indietro

Come ho scritto qui e altrove, i comportamenti ripetitivi sono calmanti o rassicuranti e ci aiutano a gestire lo stress. Dal rimbalzo del piede al tocco delle dita fino a far roteare le ciocche di capelli, questi gesti ci aiutano a passare il tempo, a goderci un momento o a gestire lo stress o l’ansia momentanei.

Ma l’improvvisa comparsa del dondolare avanti e indietro, quasi come un metronomo, è riservata a situazioni estremamente stressanti – quando si ricevono notizie terribili o si è assistito a un evento orribile. In quei casi – l’ho visto negli adulti come nei bambini – una persona apparentemente si allontana, ignara del mondo e di qualsiasi tentativo di comunicare con lei mentre si autoalimenta oscillando avanti e indietro, a volte per diversi minuti.

Come sottolinea il noto autore e ricercatore David Givens nel suo Dizionario Non Verbale, l’azione oscillante avanti e indietro o di fianco a fianco (pensate a una madre che dondola un bambino per dormire) “stimola i sensi vestibolari ed è quindi tranquillizzante” in un modo primitivo ma modo efficace.

3 – Assumere la posizione fetale

Le notizie schiaccianti o un evento travolgente possono indurci ad assumere momentaneamente la posizione fetale come se volessimo proteggere il nostro ventre (pancia). Questo di solito è accompagnato dall’individuo che si allontana o si disimpegna da chi gli sta intorno. Il comportamento sembra essere rassicurante e calmante. Sappiamo dalla ricerca che se sei fisicamente preso a calci o semplicemente senti una notizia dolorosa, il dolore si registra nelle stesse aree cerebrali (principalmente l’amigdala) e provoca risposte simili.

Questo spiega perché ho visto adulti assumere la posizione fetale come se fossero stati pugnalati allo stomaco quando gli è stato comunicato qualcosa di orribile. In un caso, una giovane madre che ho accompagnato all’obitorio per identificare la figlia crollò nella posizione fetale dopo aver visto il corpo di suo figlio.

4 – Dita intrecciate rigide (mani “a tenda canadese”)

Ecco un comportamento solitamente riservato a quando le persone sono sconvolte o rivelano informazioni inquietanti su se stessi, su eventi tragici o su difficoltà incontrate – o quando le coppie si rompono. Il comportamento viene eseguito in modo subconscio (come tutti i comportamenti riservati) intrecciando le dita irrigidite. Le mani assomigliano a una tenda canadese tenuta ferma o sfregata avanti e indietro. Questo gesto è differente dal solito sfregamento dei palmi delle mani che è un gesto di rassicurazione; le mani a tenda vanno oltre (Navarro 2008, 62).

L’intreccio delle dita irrigidite serve a due scopi pratici. Indica una consapevolezza cosciente che ci sono problemi e provoca una maggiore stimolazione tattile.

Ho visto questo comportamento molte volte quando gli individui devono segnalare cattive notizie – qualcosa di rotto, un incidente stradale, l’intenzione di lasciare un lavoro. I medici che ho formato confermano di aver visto questo comportamento in terapia di coppia poco prima o mentre i pazienti / partner raccontano di infedeltà precedentemente nascoste, di irregolarità o del desiderio di divorziare.

I bambini, come gli adulti, spesso eseguono questo comportamento quando raccolgono la forza per rivelare che hanno fatto qualcosa di sbagliato o che non hanno rispettato un compito.

Un avvertimento: alcune persone fanno questo comportamento di routine, e come tale dovremmo notare il comportamento come semplicemente idiosincratico e non è così significativo come quando appare in altri individui solo in situazioni straordinariamente stressanti.

5 – Labbra dentro le bocca

Occasionalmente vediamo una figura politica o sportiva che deve affrontare la stampa per un episodio sgradevole. In queste scene di scuse pubbliche, spesso vediamo l’individuo davanti ai media, o ai suoi accusatori, e le sue labbra sembrano essere completamente scomparse – risucchiate drammaticamente verso l’interno. Inizialmente, abbiamo sviluppato questa risposta “bocca chiusa – labbra strette” in presenza di cibo avariato o viziato. Nel tempo, abbiamo adattato la bocca chiusa (labbra appiattite strette) per gestire le cose negative che vediamo o sentiamo. Ecco perché quando vediamo dei voli cancellati in aeroporto, i passeggeri guardano il tabellone degli imbarchi dei voli con le labbra compresse. L’estremo di questo gesto è il risucchio delle labbra, un comportamento che comunica agli altri, in tempo reale, che si provano grande angoscia o che sono dispiaciuti.

I comportamenti descritti sopra sono alcuni dei “comportamenti riservati” più frequentemente osservati. Probabilmente ce ne sono altri, come l‘improvvisa copertura del viso con entrambe le mani quando sentiamo qualcosa di tragico. Ma quando sono eseguiti, da adulti o bambini, questi gesti particolari possono servire a dirti che la persona sta vivendo qualcosa di gravemente sbagliato, impegnativo, imbarazzante o stressante. Stanno comunicando esattamente come si sentono, a volte mentre sono sopraffatti e stanno lottando contro qualcosa di significativo. Che grande opportunità per prestare ascolto empaticamente, chiedere come possiamo aiutare, ascoltare attentamente o semplicemente mettere le nostre braccia premurose intorno a loro!

Joe Navarro

https://www.jnforensics.com/post/5-ways-that-body-language-can-signal-trouble

Meglio leggere il Linguaggio del Corpo – David Matsumoto

Spesso ci siamo concentrati sulle microespressioni, leggere le persone però spesso dipende dall’identificare anche il resto del loro Linguaggio del Corpo.

Il dottor David Matsumoto di Humintell ha svolto un lavoro entusiasmante sul ruolo del linguaggio del corpo nella comunicazione umana e sul modo in cui modelli simili abbracciano le culture. Come abbiamo notato, è necessario distinguere le espressioni universali da quelle che si differenziano in base alla cultura e, a questo proposito, il linguaggio del corpo non è diverso.

Un recente articolo su Discover Magazine ha approfondito alcuni dei lavori passati del dottor Matsumoto sul linguaggio del corpo e sulla postura. Nello specifico, l’autrice Teal Burrell ha discusso il lavoro di Matsumoto sulle posture degli atleti paralimpici e ciechi di tutto il mondo. Questa ricerca ha rilevato che, indipendentemente dalla vista, gli atleti vittoriosi hanno costantemente assunto la stessa posizione di trionfo.

Pur dimostrando con forza gli elementi universali attraverso le culture, questa stessa ricerca ha anche indicato il ruolo della cultura. Ad esempio, gli atleti sconfitti spesso scrollano le spalle per la vergogna, ma questo è meno comune per coloro che provengono da culture che scoraggiano manifestazioni esteriori di vergogna. Tuttavia, atleti ciechi provenienti da quegli stessi paesi hanno scrollato le spalle indipendentemente dalla cultura.

Questo aiuta a mostrare sia la tendenza a scrollare le spalle per la vergogna, ma anche la capacità della cultura di insegnare alle persone a evitare quella forma di espressione.

La ricerca del dottor Matsumoto sottolinea l’importanza del linguaggio del corpo nel comprendere le persone e la cultura che le influenza. Possiamo anche sfruttare il nostro linguaggio del corpo per avere un impatto positivo sul nostro umore.

Ad esempio, sorridere può aiutare a ridurre il nostro livello di stress, mentre le cosiddette “posture di potere” possono migliorare la nostra fiducia. Una postura di potere, come abbiamo scritto in precedenza, è quando il petto è spinto in fuori con le mai che poggiano sui fianchi, in un modo che Burrell descrive giustamente come una posa alla “Wonder Woman”. La ricerca sulle posizioni di potere indica che esse conducono a un grande senso di potere, ma tali correlazioni ancora non sono del tutto verificate.

Il linguaggio del corpo non consiste solo nel cambiare il modo in cui ci sentiamo, ma può anche modellare la percezione che le persone hanno di noi. Il contatto visivo, sebbene non sia sempre un indicatore di inganno, aiuta a promuovere una percezione di fiducia. Allo stesso modo, una postura simile a quella dell’altro e le espressioni facciali aiutano a mostrare che stiamo ascoltando e che siamo empatici.

Questo aiuta a mostrare quanto sia importante per noi il linguaggio del corpo, ma come per molte espressioni universali gli esseri umani non sono i soli a usare tali strumenti comunicativi. Infatti, Burrell sottolinea come il linguaggio corporeo sia critico per le api per comunicare, e simili tipi di danze comunicative sono presenti tra i pesci. Allo stesso modo, i corvi – altamente intelligenti – usano i loro becchi per indicare e gesticolare, aiutando a formare legami interpersonali.

Comprendere quanto sia universale e potente il linguaggio del corpo è tanto importante quanto capire come viene mediato dalla cultura. Con una migliore comprensione di entrambi questi aspetti del comportamento, possiamo imparare come leggere meglio le persone e comunicare efficacemente.