Sei un fan di Lie to Me?

Cos’è Lie to Me?

Lie to Me era una popolare serie americana di 3 stagioni trasmessa dalla Fox TV Network. Nonostante il tempo trascorso, i fan non hanno dimenticato Cal Lightman (interpretato da Tim Roth) e il suo The Lightman Group.

Per chi non lo conoscesse, Lie to Me era vagamente basato sul lavoro del dottor Paul Ekman nel campo delle microespressioni. Tuttavia, come ogni programma televisivo, va ricordato che Lie to Me era una serie televisiva in cui venivano fabbricate linee di trama, personaggi immaginari e la verità veniva spesso esagerata. Dopotutto, è intrattenimento.

Ma quanto è accurata la scienza rappresentata nella serie TV? Mentre una parte delle informazioni date dalla serie è “radicata nella scienza reale”, una parte della narrazione è esagerata e le informazioni non dovrebbero essere viste come sicure.

Chi è Cal Lightman?

Il gruppo Lightman è guidato dal dottor Cal Lightman, un “rivelatore di menzogne umane” che ha trascorso anni a lavorare per l’FBI prima di fondare la propria azienda. Lui e il suo team sono assunti per aiutare nei casi in cui si mette in dubbio l’onestà delle persone. Nella serie vediamo il dottor Lightman parlare con qualcuno in una normale conversazione e, in pochi secondi, essere in grado di dire se mente o no.

Un malinteso che potrebbe nascere dallo show è che un’azienda come The Lightman Group esista effettivamente, quando in realtà non esiste nella vita reale.

Mentre è vero che gli psicologi possono aiutare le aziende e le forze dell’ordine a determinare se qualcuno è onesto, ciò richiede innumerevoli ore di ricerca e analisi di filmati.

Ciò è in contrasto con la falsa rappresentazione che uno psicologo che studia l’espressione facciale e il comportamento non verbale può sapere se qualcuno sta mentendo dopo 2 minuti di conversazione. Il lavoro svolto da questi psicologi è spesso noioso; coinvolge la codifica facciale, stabilendo una baseline per la persona osservata e confrontando le loro azioni non verbali e verbali.

I “maghi della verità” esistono?

Sebbene una società come The Lightman Group non esista nella vita reale, ci sono persone come Ria Torres. Il personaggio di Torres, che è un “talento naturale” nell’individuare l’inganno, è basato sullo studio di Maureen O’Sullivan chiamato The Wizards Project.

Delle 13.000 persone che sono state testate nelle loro tecniche di rilevazione dell’inganno, solo 31 erano considerati “maghi”, erano in grado di dire “se una persona sta mentendo, se una menzogna riguarda una certa opinione, come si sente qualcuno o rilevare un furto”.

Vuoi conoscere l’opinione della dottoressa O’Sullivan su Lie to Me? Leggi questo articolo!

Qual è l’impatto sociale dello spettacolo?

I ricercatori della Michigan State University, guidati dal professore di comunicazione Timothy Levine, hanno messo alla prova le capacità di inganno degli spettatori di Lie to Me in un nuovo studio intitolato “L’impatto di Lie to Me sull’effettiva capacità degli spettatori di rilevare l’inganno”.

Lo studio che è stato pubblicato sul Journal of Communication Research osserva che Lie to Me “aumenta il sospetto verso gli altri, ma ciò riduce la capacità di rilevare l’inganno”.

Lo studio suggerisce che gli spettatori di Lie to Me non dovrebbero accettare tutte le informazioni presentate nello show come accurate o pensare di saperne di più sul rilevamento delle bugie senza ricevere un addestramento formale.

Vuoi saper riconoscere le menzogne e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2020/02/were-you-a-fan-of-lie-to-me/

Le espressioni facciali non sono universali?

In un recente studio Rachael Jack e colleghi hanno sfidato centinaia di studi che documentano l’universalità delle espressioni facciali.

Le conclusioni di questo articolo intitolato Le confusioni culturali mostrano che le espressioni facciali non sono universali, sono altamente imperfette per molte ragioni e di seguito ne descrivo alcune:

1. Un’attenta ispezione dei risultati indica che i dati grezzi nello studio supportano il riconoscimento universale dell’emozione.

2. La differenza culturale nel riconoscimento delle emozioni non è una scoperta nuova. Esistono ricerche con gli stessi risultati già 20 anni fa.

3. Come sostenuto allora, le differenze culturali nel riconoscimento delle emozioni non possono e non contestano l’universalità delle emozioni. L’universalità nel riconoscimento dell’espressione è dimostrata dal fatto che gli osservatori in tutte le culture studiate concordano su quale emozione sia rappresentata a livelli “al di sopra del caso”. Questo è esattamente ciò che hanno trovato, replicando gli stessi risultati per anni. Differenze culturali possono verificarsi per molte ragioni, comprese le regole culturali su come decodificare le espressioni facciali universali. È noto da anni che coesistono universalità e culture specifiche nel riconoscimento delle emozioni. Litigare per la loro reciproca esclusività è una strategia abbandonata da tempo.

4. Inoltre il disgusto confuso con la rabbia e la paura con la sorpresa – sono confusioni che si verificano in tutto il mondo. Non sono specifiche solo per le culture dell’Asia orientale e sono una scoperta pubblicata da oltre 20 anni fa. Il fatto che si verifichino in tutte le culture testate finora dice qualcosa in più su quelle emozioni di quanto non facciano sulle differenze culturali.

5. Una lettura attenta delle scoperte degli autori indica che le loro scoperte relative al tracciamento oculare non giustificano le loro conclusioni.

6. Inoltre, le differenze tra l’Asia orientale e gli Stati Uniti d’America nelle procedure di scansione di scene, oggetti e volti è un risultato consolidato da anni e non è nuovo. Le differenze nel contatto visivo mostrano una tipica risposta asiatica, ovvero la messa a fuoco nell’area del ponte occhi / naso piuttosto che sull’intero viso. La letteratura ha dimostrato per anni che i caucasici differiscono dagli afroamericani e dagli asiatici americani in termini di quanto tempo trascorrono guardando diverse parti del viso per vedere se riconoscono qualcuno (i caucasici guardano più il viso e i capelli, africani e asiatici guardano più nella zona del ponte occhi-naso). Pertanto, ciò che gli autori riportano in questo articolo non può quindi spiegare le differenze specifiche di emozione nei giudizi.

7. Il campione dell’Asia orientale era di 13 persone (12 cinesi, 1 giapponese). Un numero così piccolo non poteva dirci nulla di fronte alle prove schiaccianti per l’universalità nella produzione di espressioni facciali di emozioni.

8. Infine, i soggetti dell’Asia orientale nel loro studio erano in realtà immigrati nel Regno Unito, e non è noto quale tipo di auto-selezione, competenza linguistica o pregiudizi di acculturazione possano essere stati esercitati nei dati.

Non c’è nulla di sbagliato nei dati presentati nell’articolo in questione, ma le conclusioni tratte dai dati non sono empiricamente giustificate.

Vuoi saper riconoscere le emozioni e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da http://bps-research-digest.blogspot.com/2009/08/facial-emotional-expressions-are-not.html

Le espressioni facciali non bastano per leggere le emozioni?

Quando si tratta di comprendere lo stato d’animo di una persona, lo scenario e le azioni che si compiono sono tanto importanti quanto le espressioni facciali e il linguaggio del corpo.

Il nuovo punto di vista sfida decenni di ricerca che afferma che l’intelligenza e il riconoscimento emotivo si basano in gran parte sulla capacità di leggere le espressioni facciali. Si riteneva che le espressioni fossero un indicatore di felicità, tristezza, rabbia, paura, sorpresa, disgusto, disprezzo e altri stati d’animo e sentimenti positivi e negativi.

I ricercatori dell’Università della California, Berkeley, danno l’esempio dell’attore James Franco nel film candidato all’Oscar “127 ore”. In una scena, Franco sembra vagamente felice mentre registra un diario video nel film. Ma quando la telecamera si ingrandisce, il pubblico vede che il suo braccio è schiacciato sotto un masso e che il suo sorriso smentisce la sua agonia.

Il nuovo studio, apparso sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences, suggerisce che il rilevamento emotivo richiede più di una “lettura” facciale.

“Il nostro studio rivela che il riconoscimento delle emozioni è fondamentalmente una questione di contesto tanto quanto una questione di volti”, ha detto l’autore principale Zhimin Chen, uno studente di dottorato in psicologia presso l’UC Berkeley.

Nello studio, i ricercatori hanno offuscato i volti e i corpi degli attori in dozzine di clip mute di film di Hollywood e di video domestici. Nonostante l’invisibilità virtuale dei personaggi, centinaia di partecipanti allo studio sono stati in grado di riconoscere accuratamente le emozioni esaminando lo sfondo e il modo in cui interagivano con l’ambiente circostante.

Il modello di “tracciamento affettivo” che Chen ha creato per lo studio consente ai ricercatori di tenere traccia di come le persone valutano le emozioni dei personaggi mentre guardano i video.

Il metodo di Chen è in grado di raccogliere grandi quantità di dati in breve tempo e potrebbe eventualmente essere utilizzato per valutare come le persone con disturbi come l’autismo e la schizofrenia leggano le emozioni in tempo reale e potrebbe aiutare con le diagnosi.

“Alcune persone potrebbero avere deficit nel riconoscere le espressioni facciali, ma possono riconoscere le emozioni dal contesto. Per gli altri, è il contrario”.

Inoltre, i risultati, basati su analisi statistiche delle valutazioni raccolte, potrebbero aiutare nello sviluppo della tecnologia di riconoscimento facciale.

“In questo momento, le aziende stanno sviluppando algoritmi di apprendimento automatico per riconoscere le emozioni, ma addestrano i loro modelli solo su volti ritagliati e quei modelli possono solo leggere le emozioni dai volti”, ha detto Chen. “La nostra ricerca mostra che i volti non rivelano le emozioni vere in modo molto accurato e che l’identificazione dello stato d’animo di una persona dovrebbe tener conto anche del contesto”.

“Nel complesso, i risultati suggeriscono che il contesto non è solo sufficiente per percepire l’emozione, ma anche necessario per percepire l’emozione di una persona”, ha affermato il dottor David Whitney, autore senior dello studio e professore di psicologia alla UC Berkeley. “Ammettiamolo, il volto non è abbastanza per percepire l’emozione”.

Vuoi saper riconoscere le emozioni e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://psychcentral.com/news/2019/03/18/facial-expressions-alone-may-not-convey-emotional-state/143285.html

27 sfumature di emozioni

Per gli amanti delle emoji, il mondo potrebbe presto diventare più gratificante poiché la convinzione che le emozioni umane rientrino in sei categorie distinte potrebbe diventare obsoleta.

In un recente studio, alcuni ricercatori hanno studiato il modo in cui le persone reagiscono ai video e hanno scoperto 27 categorie di emozioni che si interconnettono.

Gli psicologi credono da tempo che le emozioni rientrino nelle categorie universali di felicità, tristezza, rabbia, sorpresa, paura e disgusto.

I ricercatori dell’Università della California – UC Berkeley hanno utilizzato nuovi modelli statistici per analizzare le risposte di oltre 800 uomini e donne a oltre 2.000 videoclip che evocano le emozioni.

L’analisi ha identificato 27 categorie distinte di emozioni. I ricercatori di Berkeley hanno quindi utilizzato i modelli per creare una mappa multidimensionale e interattiva che mostra come le emozioni sono collegate. I loro risultati sono pubblicati negli atti della rivista National Academy of Sciences.

“Abbiamo scoperto che 27 dimensioni distinte, non sei, erano necessarie per spiegare il modo in cui centinaia di persone hanno riferito in modo affidabile sentimenti in risposta a ciascun video”, ha affermato l’autore senior dello studio Dacher Keltner, professore di psicologia alla UC Berkeley ed esperto di scienza delle emozioni.

Inoltre, in contrasto con l’idea che ogni stato emotivo sia un’isola, lo studio ha scoperto che “ci sono diversi gradi di emozione tra, diciamo, soggezione e tranquillità, orrore e tristezza, e divertimento e adorazione”, ha detto Keltner.

“Non otteniamo gruppi finiti di emozioni nella mappa perché tutto è interconnesso”, ha dichiarato l’autore principale dello studio Alan Cowen, uno studente di dottorato in neuroscienze presso l’UC Berkeley.

“Le esperienze emotive sono molto più ricche e sfumate di quanto si pensasse in precedenza.”

“La nostra speranza è che le nostre scoperte aiuteranno altri scienziati e ingegneri a catturare con maggiore precisione gli stati emotivi che sono alla base di stati d’animo, attività cerebrale e segnali espressivi”.

Cowen ritiene che questa conoscenza favorirà trattamenti psichiatrici migliorati e migliorerà la comprensione delle basi cerebrali delle emozioni. I risultati aprono anche la strada a diversi modi in cui la tecnologia può essere utilizzata per identificare e quindi rispondere ai nostri bisogni emotivi.

Per lo studio, un gruppo demograficamente diversificato di 853 uomini e donne è andato online per vedere un campionamento casuale di video silenziosi da cinque a 10 secondi destinati a suscitare una vasta gamma di emozioni.

“Le loro risposte riflettevano una gamma ricca e sfumata di stati emotivi, che vanno dalla nostalgia al sentirsi disgustati”, ha detto Cowen.

Gli sperimentatori hanno scoperto che i partecipanti convergevano su risposte simili, con oltre la metà degli spettatori che riportava la stessa categoria di emozione per ogni video.

I ricercatori sono stati in grado di prevedere in che modo i partecipanti avrebbero valutato i video in base a come i partecipanti precedenti avevano valutato le emozioni suscitate dai video.

Attraverso la modellistica statistica e le tecniche di visualizzazione, i ricercatori hanno organizzato le risposte emotive a ciascun video in un atlante semantico di emozioni umane. Sulla mappa, ciascuna delle 27 distinte categorie di emozione corrisponde a un colore particolare.

“Volevamo far luce sull’intera gamma di emozioni che colorano il nostro mondo interiore”, ha detto Cowen.

Vuoi sapere come riconoscere le emozioni e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://psychcentral.com/news/2017/09/08/new-study-emotions-abound-with-27-different-varieties/

Emozioni vs Espressioni

Sappiamo che ci sono sette emozioni “di base”, ma non esistono anche altre emozioni?

In effetti, c’è una differenza significativa tra quali emozioni viviamo e come i nostri volti sono in grado di esprimere queste emozioni. Mentre montagne di ricerche precedenti hanno stabilito l’esistenza di sette espressioni emotive di base, la ricerca in corso cerca di quantificare esattamente quante emozioni ci siano davvero.

I ricercatori dell’Università della California, Berkeley, hanno tentato di fare proprio questo. In un recente studio, gli psicologi hanno condotto un’analisi approfondita con oltre 800 partecipanti, tentando di provocare e registrare le loro espressioni emotive.

Ogni partecipante è stato esposto a una selezione di oltre 2000 brevi videoclip, destinati a scatenare varie emozioni. Questi video andavano da splendidi scatti naturalistici e matrimoni romantici a macabre immagini di sofferenza umana e catastrofi naturali.

Al primo gruppo sono stati mostrati 30 di questi video e gli è stato chiesto semplicemente di scrivere qualunque emozione provassero, raccogliendo una vasta gamma di descrizioni. Quindi, un secondo gruppo, nuovamente esposto a una selezione di video, è stato invitato a identificare le proprie emozioni da un elenco predeterminato. Questo elenco variava in modo impressionante dalla rabbia o ansia al romanticismo o al trionfo, ma cercava di fornire un terreno comune tra i singoli rapporti.

È interessante notare che circa la metà del secondo gruppo ha selezionato le stesse emozioni dopo aver visto gli stessi video.

Infine, a una terza coorte è stato chiesto di classificare le proprie esperienze emotive su una scala di nove punti dopo aver visto una serie di 12 video. Durante l’analisi di tutti e tre questi risultati attraverso modelli statistici, gli autori dello studio hanno riscontrato significative sovrapposizioni tra le reazioni a un determinato video. Compilando tutte queste reazioni sovrapposte, si è stabilito uno spettro di 27 emozioni condivise.

Tuttavia, gli autori dello studio hanno avvertito che queste diverse emozioni non erano del tutto distinte. L’autore principale, il dottor Dacher Keltner, ha sottolineato che “ci sono sfumature nei gradi di emozione tra, diciamo, soggezione e tranquillità, orrore e tristezza, divertimento e adorazione”.

Esiste un potenziale conflitto tra questa visione espansa di 27 emozioni e la visione più limitata delle sette emozioni di base universali.

Ma, come chiarisce il dottor David Matsumoto di Humintell, questa domanda viene risolta distinguendo tra emozioni vissute ed espressioni non verbali di queste emozioni. Mentre possiamo provare una vasta gamma di emozioni, ci sono solo sette espressioni facciali che gli umani usano universalmente per esprimerle.

La distinzione del dottor Matsumoto spiega anche un’altra differenza tra emozioni ed espressioni. Le sette espressioni emotive universali sono categorie distinte e separate. Ad esempio, la combinazione emotiva di tristezza e rabbia non ha un’espressione facciale universale. D’altra parte, le emozioni, come ha spiegato il dottot Keltner, non sono così categoricamente distinte. Tristezza e rabbia possono sovrapporsi, le emozioni posso essere più sfumate e continue rispetto allo loro semplice divisione in categorie.

Vuoi sapere come riconoscere le emozioni e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2017/09/emotions-vs-expressions/

Le macchine della verità funzionano davvero?

La macchina della verità nota come “poligrafo” funziona secondo gli stessi principi del rilevamento dei comportamenti legati all’inganno ed è vulnerabile agli stessi problemi. L’esame del poligrafo non rileva le bugie, solo i segni delle emozioni.

Come funziona una macchina della verità?

I fili del poligrafo sono collegati al sospetto per misurare i cambiamenti nella sudorazione, nella respirazione e nella pressione sanguigna. Gli aumenti della pressione sanguigna o la sudorazione non sono di per sé segni di inganno. Le mani diventano umide e il cuore batte più forte quando si vive un’emozione.

Prima di eseguire il test del poligrafo, la maggior parte degli operatori del poligrafo tenta di convincere il sospetto che il poligrafo non fallisca mai nel riconoscere un bugiardo, effettuando quello che è noto come test di “stimolazione” o “stim. La tecnica più comune è dimostrare al sospettato che la macchina sarà in grado di dire quale carta il sospetto prende da un mazzo. Dopo che il sospettato ha preso una carta e l’ha rimessa nel mazzo, gli viene chiesto di dire di no ogni volta che l’operatore del poligrafo gli chiede se si tratta di una carta particolare.

Alcuni di quelli che usano questa tecnica non commettono errori, perché non si fidano della registrazione del poligrafo per catturare la bugia e usano un set di carte marcato. Giustificano l’inganno verso l’indagato per due motivi. Se è innocente, è importante che pensi che la macchina non commetta errori; altrimenti, potrebbe mostrare paura di non essere creduto. Se è colpevole, è importante aver paura di essere catturato; in caso contrario, la macchina non funzionerà davvero. La maggior parte degli operatori del poligrafo non si cimenta in questo inganno, ma si affida ai dati del poligrafo per individuare quale carta è stata presa.

Quando non funzionano gli esami del poligrafo?

L’indagato deve credere nell’abilità del cacciatore di bugie. I segni della paura sarebbero ambigui a meno che le cose non possano essere organizzate in modo tale che solo il bugiardo avrà paura, e non chi racconta la verità. Gli esami del poligrafo falliscono non solo perché alcuni innocenti temono di essere accusati falsamente o per altri motivi, ma anche perché alcuni criminali non credono nella “magia” della macchina. Sanno che possono cavarsela e, se lo sanno, hanno maggiori probabilità di poterlo fare.

Alcuni operatori del poligrafo tentano di ottenere una confessione convincendo i loro sospettati di non poter battere la macchina. Quando un sospetto non confessa, alcuni operatori del poligrafo intimidiscono il sospetto, dicendo all’indagato che la macchina ha dimostrato che lui non sta dicendo la verità.

Migliorando nella comprensione del rilevamento delle menzogne, la speranza è di riconoscere i colpevoli. Gli innocenti possono subire le false accuse ma presumibilmente saranno rilasciati. Sfortunatamente, sotto tali pressioni alcuni innocenti possono confessare un fatto non commesso solo per ottenere sollievo.

Vuoi sapere come riconoscere la Menzogna e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.paulekman.com/lies-and-deception/do-lie-detectors-actually-work/

Scoprire le menzogne dei bambini

I genitori e chiunque lavori con i bambini possono attestare la tendenza a mentire di molti bambini.

Le menzogne possono assumere la forma di piccole frottole come tipo di inganno comune, ma non è solo la nostra impressione che i bambini siano spesso disonesti. Come spiega la dottoressa Wendy Patrick, ci sono molte prove che dimostrano che è molto probabile che i bambini pratichino l’inganno. L’aspetto positivo di questo è che il comportamento dell’infanzia è un ottimo caso di studio per comprendere le pratiche dell’inganno umano.

Ad esempio, il dottor Patrick cita uno studio del 2011 che ha scoperto che, mentre i bambini più piccoli mentono frequentemente, la disonestà diminuisce man mano che crescono verso la adolescenza. Gli autori hanno ipotizzato che ciò potrebbe essere dovuto a una maggiore consapevolezza morale o a una migliore comprensione delle possibili conseguenze della scoperta di una loro bugia.

Un altro studio simile del 2016 ha concluso che i bambini non mentono solo in modo casuale, ma selezionano varie forme di inganno basate sul vantaggio sociale percepito. Questa conclusione ha portato gli autori a suggerire che con l’avanzare dell’età i bambini inizino a usare metodi di inganno socialmente accettabili, come le bugie bianche.

Forse l’aspetto più interessante è che questo studio del 2016 ha anche scoperto che i bambini con maggiori abilità sociali tenono a mentire di più. Ciò è decisamente in linea con le ricerche precedenti che hanno esplorato una correlazione tra la popolarità degli adolescenti e le menzogne.

In uno studio del 1999, ad esempio, il dottor Robert Feldman ha intervistato un gruppo di ragazzi di età compresa tra 11 e 16 anni. Mentre i bambini più grandi potrebbero mentire meno frequentemente, ha scoperto che sono più bravi a farlo, sia controllando il comportamento non verbale che con una migliore verbalizzazione delle loro bugie. Il dottor Feldman scoprì anche che i bambini socialmente più competenti o popolari erano più bravi a mentire:

“una menzogna convincente è in realtà associata a buone capacità sociali. Ci vogliono abilità sociali per essere in grado di controllare le tue parole e ciò che dici non verbalmente”

Ma che impatto ha tutto ciò sulle nostre relazioni con i bambini? Il monitoraggio del comportamento infantile ci rende dei migliori rilevatori di bugie?

Il dottor Patrick sostiene che, mentre possiamo sviluppare migliori abilità nel riconoscere le menzogne dei nostri bambini, queste abilità possono essere limitate a loro, e i nostri figli di conseguenza sviluppano capacità migliori per dirci bugie.

Quando riusciamo a individuare le bugie in alcuni bambini, non è necessariamente perché abbiamo sbloccato le capacità universali di rilevazione delle bugie, ma perché siamo abili nel confrontare i loro comportamenti con possibili comportamenti divergenti. Ad esempio, un bambino che mantiene sempre il contatto visivo viene scoperto quando non riesce a incontrare il nostro sguardo, ma un altro bambino può semplicemente essere troppo timido per mantenere livelli simili di contatto visivo.

Inoltre, mentre possiamo praticare il rilevamento della menzogna analizzando comportamenti divergenti, i nostri figli monitorano anche il nostro comportamento per deviazioni simili. Nel loro caso, analizzano segnali di sfiducia o sospetto, imparando quale comportamento non verbale sta portando alla possibile rilevazione del loro inganno e adeguando il comportamento in risposta a ciò.

Mentre le nostre interazioni sociali possono allenarci fino a un certo punto per un’efficace rilevazione della menzogna, ci sono comportamenti ed espressioni universali che possono scoprire l’inganno.

Vuoi sapere come riconoscere la Menzogna e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2017/08/detecting-deception-close-to-home/

Riconoscere gli occhi ingannevoli

Gli occhi sono una parte incredibilmente importante del riconoscimento emotivo, ma che ruolo hanno nel permetterci di rilevare l’inganno?

Mentre l’opinione convenzionale tende a sostenere che l’incapacità di mantenere il contatto visivo sia un segno rivelatore dell’inganno, in realtà questo è solo un mito leggendario. Tuttavia, poiché gli occhi sono così importanti nella lettura delle emozioni, possono anche aiutarci a valutare la veridicità (o meno) di un altra persona.

La nostra fissazione sull’importanza degli occhi ha una giustificazione. Come saprà chi segue questo blog, ricerche recenti indicano che mostriamo le emozioni più chiaramente nei nostri occhi.

Mentre questa enfasi intuitiva sugli occhi ha portato all’idea che l’osservazione del contatto visivo sia un metodo affidabile di rilevazione della menzogna, questo semplicemente non è vero. Come spiegato in un articolo precedente, numerosi studi non hanno trovato alcuna relazione tra la bugia e la mancanza di contatto visivo, nonostante il fatto che, attraverso le culture, questo mito continua ad essere ampiamente diffuso.

Come spiega la dottoressa Wendy Patrick, il contatto visivo o la sua mancanza possono essere dovuti a personalità o background culturali diversi che determinano la tendenza a stabilire un contatto visivo. Come lei ha detto in un altro articolo, è necessario analizzare il livello di contatto visivo di un determinato individuo rispetto alla sua “linea di base personale” (baseline).

Tuttavia, il contatto visivo è ancora uno strumento utile per identificare correttamente l’inganno. Ad esempio, uno studio del 2012 ha rilevato cambiamenti significativi nella pupilla nei partecipanti che mentivano. In questo studio, i ricercatori hanno chiesto ad alcuni partecipanti di rubare piccole somme di denaro, lasciando gli altri partecipanti liberi dal compiere tale gesto.

Quindi, a ciascun partecipante è stato chiesto di rispondere a una serie di domande sul furto, senza far sapere all’esaminatore se fossero colpevoli. Durante la compilazione di questi questionari, le telecamere hanno monitorato le dimensioni della pupilla, riscontrando un aumento del diametro della pupilla tra i soggetti colpevoli. Dopo aver concluso lo studio, gli autori hanno sottolineato che tale aumento era coerente con studi precedenti sull’inganno.

Allo stesso modo, dal punto di vista di coloro che rilevano l’inganno, uno studio separato del 2016 ha scoperto che concentrarsi sugli occhi ha fornito uno strumento molto efficace per il rilevamento delle bugie. In questo studio, i partecipanti hanno tentato di rilevare le bugie sia di soggetti con i volti coperti da un hijab, con solo gli occhi scoperti, sia di altri soggetti lasciati a volto scoperto.

Sorprendentemente, i partecipanti sono stati più precisi nel rilevare l’inganno tra quelli con l’hijab. Questa conclusione ha indicato che il concentrarsi solo sull’occhio ha aiutato significativamente il rilevamento della bugia, poiché i partecipanti sono stati costretti a concentrarsi sugli occhi, piuttosto che essere distratti da altre caratteristiche del viso.

Mentre concentrarsi sugli occhi può essere uno strumento importante per rilevare l’inganno, spesso è difficile per noi sapere esattamente cosa rivela una bugia. Ciò richiede una formazione specializzata, non possiamo certamente misurare la dimensione della pupilla con un righello!

Vuoi sapere come interpretare il contatto visivo e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2017/08/reading-deceptive-eyes/