Gambe incrociate: seduzione e altro

 

Basic instinctSeduti a un bar, stiamo amabilmente chiacchierando con una nostra amica quando lei improvvisamente accavalla le gambe… sarà seduzione o qualcos’altro?
Accavallare le gambe può significare diverse cose, una di questa ci viene tramandata da film come Basic instinct, in cui l’elemento chiave è la seduzione. Le gambe, infatti, sono da sempre considerate uno degli elementi di attrazione più forti nella nostra razza (quella umana, una e indivisibile); va detto che questo gesto è più tipicamente femminile, in primo luogo poiché usano la gonna, ma anche perché hanno gambe più belle degli uomini, con buona pace per tutti i maschi che stanno leggendo. Accavallare le gambe viene usato per mostrare centimetri di carne (di solito parte della coscia) e calamitare, in questo modo, l’attenzione.

L’aspetto tipico della seduzione nel movimento di accavallamento delle gambe è la velocità, più il movimento è lento e più stimola l’interesse di chi ci osserva, se poi il fatale accavallamento delle gambe è accompagnato da uno sguardo d’interesse (contatto visivo diretto e prolungato), allora il gioco è più che esplicito.
Un altro elemento nell’uso delle gambe è legato all’uso dei cosiddetti segnali di barriera (configurazioni del corpo finalizzate alla difesa delle parti più sensibili del corpo stesso, quali il tronco, la gola e il pube); chiudere le gambe, infatti, indica un atteggiamento di difesa nei confronti dell’interlocutore, bisogna però fare attenzione anche su come si accavallano le gambe. Innanzitutto bisogna verificare se la persona di fronte a noi stia accavallando le gambe semplicemente per stare più comodo oppure se l’uso delle gambe è mirato, inconsciamente, a difendere la propria persona da un attacco, sia esso fisico o psicologico, reale o percepito. Ci può aiutare in questo anche la direzione dell’accavallamento: se avviene in direzione opposta all’interlocutore potrebbe essere una barriera; al contrario, se l’accavallamento viene fatto verso l’interlocutore esprime apertura.

Un buon modo per effettuare questa distinzione è quello di verificare il grado di chiusura delle gambe stesse (e se questa chiusura viene rafforzata dal movimento di chiusura delle braccia o dalla protezione del tronco nei confronti dell’interlocutore). In linea di massima, se il punto dove si incrociano le gambe coincide con la zona inguinale si tende ad attribuire il massimo della difesa, se il punto di chiusura è invece all’altezza del ginocchio o più in basso (ad esempio le caviglie), si tende ad assegnare un valore di chiusura molto più basso. È da tenere conto, però, che le donne quando incrociano le gambe, lo fanno prevalentemente all’altezza dell’inguine, questo non vuol dire che indichi sempre il massimo grado di chiusura.
Una curiosità sulle gambe incrociate da seduti è la posizione del quattro (molto diffusa in America e in altre culture che si stanno progressivamente occidentalizzando), in questo modo si mostra l’inguine, questo indica, specialmente in contesti lavorativi, apertura al dialogo e al confronto, ma può anche dimostrare un atteggiamento competitivo, storicamente questa posizione era anche conosciuta dei nazisti, che durante la seconda guerra mondiale, osservavano le persone sedute per riconoscere un americano.
Bisogna però fare attenzione, poiché in alcune zone asiatiche, questo gesto è considerato un vero e proprio insulto perché mostra al nostro interlocutore la suola della scarpa, azione ritenuta offensiva poiché tale parte delle calzature viene a contatto con la sporcizia delle strade.

Ovviamente è sempre utile fare attenzione al momento in cui si accavallano le gambe, se la persona di fronte a noi compie questo movimento quando stiamo parlando di un argomento specifico, forse il nostro discorso non le è così gradito. Se poi, oltre ad accavallare le gambe, l’interlocutore compie altri gesti, come quello di incrociare le braccia o di spostare il busto o la testa all’indietro, allora il senso di chiusura che ci viene comunicato risulta più forte e gli indizi per credere che qualcosa l’abbia infastidito diventano più consistenti.

 

Tratto dal libro: “101 cose da sapere sul linguaggio segreto del corpo” di Francesco Di Fant, Newton Compton editori, Roma 2012.

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: