Braccia incrociate

 

braccia incrociateStiamo parlando con una persona, la conversazione è amabile, ma a un tratto il nostro interlocutore incrocia le braccia… che cosa succede? Sente freddo? Ѐ offeso per qualcosa? Sta riposando le braccia? Quante volte questi pensieri sono passati per la vostra testa, durante una festa o in qualsiasi altra occasione in cui avete avuto il sospetto che quelle braccia incrociate significassero qualcosa di più?

Incrociare le braccia, a livello istintivo, è un cosiddetto segnale di barriera; vengono usati quando, consciamente o inconsciamente, scatta l’istinto di difesa e si interpongono tra chi ci sta di fronte e il nostro corpo. Gli esempi sono tanti: in guerra si usava uno scudo, in una conversazione sono le braccia a porsi come barriera, in un litigio può essere una sedia, un relatore per difendersi da un pubblico che spaventa può rimanere dietro la cattedra.

Per provare a interpretare il significato delle braccia conserte la prima cosa da fare è verificare la posizione del bacino, se il bacino è portato in avanti durante l’atto di incrociare le braccia, allora è più facile pensare che l’atto sia compiuto con l’intento di stare più comodi, infatti il bacino in avanti fa da appoggio per le braccia che scaricano il peso su di esso e conseguentemente lungo tutte le gambe, in questo caso le spalle dovrebbero naturalmente scendere leggermente verso il basso.
Se invece il bacino non si sposta in avanti e la posizione del nostro interlocutore è piuttosto dritta (o addirittura rigida), in questo caso è lecito pensare che sia un riflesso psicologico di chiusura. In tal caso è utile porre l’attenzione su un paio di aspetti: 1) se sposta il tronco indietro potrebbe essere ancora più forte il sentimento di chiusura che prova in quella situazione, infatti è considerato un accenno alla fuga, 2) poniamo attenzione al momento in cui ha incrociato le braccia, sforziamoci di ricordare cosa abbiamo detto o fatto per provocare quella reazione inconscia ma significativa (e se possibile, proviamo a rimediare!).

A volte, però, questo gesto può assumere anche delle valenze particolari, ad esempio se al termine di un ragionamento una persona incrocia le braccia e abbassa la testa, puntando con lo sguardo fisso in basso sta, in effetti, chiudendosi ma per pensare meglio e facilitare la riflessione, il suo corpo sta momentaneamente trovando rifugio dall’esterno per poter meglio concentrare le energie verso uno specifico pensiero, lo sguardo fisso e in basso taglia fuori dal contatto visivo i nostri interlocutori e cerca un luogo meno dinamico dove riposare lo sguardo e ridurre gli stimoli del mondo circostante (interlocutori compresi).

Un altro esempio può essere quello di incrociare le braccia con le gambe larghe e il mento in alto: questa posa indica aggressività; le braccia sono chiuse per proteggere il busto e prepararsi a un imminente scontro, le gambe comunicano fermezza e il mento superiorità.

Quando entriamo in relazione con qualcuno, i gesti di chiusura tendono a sciogliersi e trasformarsi in segnali di apertura, ad esempio due persone che parlano tra di loro tenendo le braccia incrociate, è probabile che dopo un po’ che parlino tra loro, apriranno progressivamente le braccia per finire in una posizione di apertura. Un facile e veloce metodo per riconoscere delle braccia incrociate per il freddo è far caso alle mani, che in questo caso vanno sempre a finire sotto le ascelle per scaldarsi.

Delle ricerche condotte in America hanno messo in evidenza come effettuare questo gesto porti con sé un doppio problema, oltre che essere considerati meno credibili, è stato effettivamente provato che compromette notevolmente la propria capacità di ascolto e aumenti i pensieri negativi nei confronti dell’interlocutore, quindi state attenti a non incrociare le braccia, a meno che non faccia parte di una vostra strategia comunicativa.

 

Tratto dal libro: “101 cose da sapere sul linguaggio segreto del corpo” di Francesco Di Fant, Newton Compton editori, Roma 2012.

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: