Perchè allo stadio si diventa aggressivi?

 

Esiste un concetto in psicologia che prende il nome di “ridefinizione del significato della situazione”, ovvero il contesto può influenzare gli individui al punto da annullare la consapevolezza personale, via via sostituita da comportamenti eteronomici, ovvero guidati da fattori esterni quali l’autorità, i gruppi d’appartenenza e le regole istituzionali.

Col termine “stato eteronomico” si intende un comportamento non basato su scelte autonome, ma imposte dall’esterno. I soggetti etrano in una determinata situazione sociale con un bagaglio comportamentale autonomo, col tempo però la libera scelta diventava sempre più difficile e la maggioranza dei soggetti può spingersi oltre i propri valori per lasciare spazio a una condotta regolata dall’esterno.

Esempi di questo fenomeno possono essere quotidianamente osservati nel tifo da stadio o nel più preoccupante fenomeno delle bande o “gang” giovanili e della psicologia del “branco”, dove la soggettività viene messa in disparte, con un rassererante senso di deresponsabilizzazione, per lasciar spazio a comportamenti impersonali spesso aggressivi.

Come accennato, un luogo tipico in cui l’uomo mostra una particolare regressione è allo stadio; infatti, anche gli uomini adulti adorano i giochi con la palla e scatenano la loro energia e passione sugli spalti. Inoltre, va considerato che gli sport con la palla simboleggiano un ritorno all’attività di caccia praticata dalle tribù primitive; la palla inseguita dai calciatori rappresenterebbe, in questo modo, la preda inseguita dai cacciatori e le squadre rappresentano le diverse “tribù” di appartenenza.

Per questo motivo si vedono uomini e donne di tutte le estrazioni sociali che allo stadio possono temporaneamente “perdere il senno” e mettere in atto comportamenti dettati dalla passione e dall’aggressività, piuttosto che dalla ragione e dal buon senso, come urlare a squarciagola, insultare gli avversari e, nel peggiore dei casi, litigare o venire alle mani con altri tifosi sugli spalti.

 

Tratto e adattato dal libro: “Come riconoscere uno stronzo al primo sguardo” di Francesco Di Fant, Newton Compton editori, Roma 2014.

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: