Come individuare menzogne in situazioni ad alto rischio

Secondo uno studio del 2004 dell’Università della California, solo lo 0,25% delle persone è in grado di rilevare una bugia l’80% delle volte. Però possiamo migliorare.

Pamela Meyer spiega come: “In una situazione dove la posta in gioco è alta devi stare attento perché le persone sono molto stressate. È facile fraintendere ciò che qualcuno sta facendo e pensare che stia mentendo”. Meyer delinea il suo metodo “BASIC” in cinque passaggi.

1) Identifica una linea di base del comportamento (baseline)

Il Baselining è l’aspetto più cruciale del processo. “Ciò che stiamo cercando è un punto di riferimento affidabile sul quale possiamo misurare i cambiamenti”, afferma Meyer. Inizia facendo domande facili e osserva la tua controparte, in particolare le sue abitudini posturali, insieme ai movimenti degli occhi e al battito di ciglia. La CIA si riferisce a questo passaggio come “L2”: guardare e ascoltare. “Questo non è un trucco da salotto, devi stare molto attento e aumentare le tue abilità di osservazione”.

2) Poni domande aperte

“Anche se a tutti piace pensare che un ottimo interrogatorio assomigli allo show televisivo Law & Order, in cui metti qualcuno sotto torchio, in realtà, è una delle cose più noiose che io abbia mai visto”, afferma Meyer. Poni quante più domande possibili. L’obiettivo è triplice: sviluppare un rapporto, elaborare informazioni e ascoltare un tema nelle risposte. “Vuoi che il tuo soggetto riveli ciò che è importante per lui. Persegui i fatti, non la persona”.

3) Studia bene gesti e parole

La menzogna mette le persone sotto un carico cognitivo maggiore e nel frattempo gli altri cercano segnali di menzogna. Questi possono essere Non Verbali: gesti di cura come toccarsi gli occhi, spolverarsi le spalle, roteare i capelli, la parte superiore del corpo si congela, occhi chiusi, scrollate di spalle asimmetriche ed espirazione post-colloquio. Gli indizi Verbali includono un linguaggio con affermazioni nette e dichiarazioni rafforzanti.

4) Usa l’intuito per capire “ciò che manca”

A questo punto, fai un passo indietro e pensa a “ciò che manca”. Il momento migliore per farlo è tra le interviste. “Quando qualcuno è ingannevole ci sono molti buchi nella sua storia, indipendentemente da quanto possa apparire convincente, afferma Meyer. Cerca lacune nei fatti, nella logica e nelle emozioni della persona che stai esaminando.

Confronta i dati con le tue ricerche e note precedenti. Quando trovi una lacuna, “è allora che puoi tornare su un argomento e aumentare il carico cognitivo sul soggetto.

5) Conferma le tue impressioni

Fai attenzione: “È importante non accusare qualcuno in modo errato, afferma Meyer. Tre ultime tattiche: minimizzare il significato del reato (“ti diranno di più”); chiedi al soggetto come pensa che andrà a finire l’indagine – le parti colpevoli tendono a privilegiare termini come “dovrebbero” o “si spera”; e infine, pensa con quanta rabbia la persona reagisce alle accuse – la rabbia durante l’intervista (al contrario di reazioni eccessive a domande specifiche) tende a indicare l’innocenza.

Vuoi saper riconoscere le menzogne e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.wired.co.uk/article/spot-a-lie-in-high-stakes-negotiations/

Microespressioni e bugie ad alto rischio

La verità è che tutti mentono. Ma non tutte le bugie sono uguali.

Ci sono bugie bianche. Per la maggior parte sono considerate innocue, forse anche necessarie se risparmiano i sentimenti di qualcuno o li fanno sentire supportati. Queste sono bugie di basso livello: nessuno si fa davvero male e non c’è un grande lato negativo nel farsi scoprire. Gli psicologi ci dicono che di solito non c’è un grande aumento di emozioni o attività cognitiva quando si dicono bugie bianche, il che significa che le persone tendono a non mostrare microespressioni quando usano questo tipo di menzogna.

Le menzogne “ad alto rischio” con una posta in gioco alta sono piuttosto diverse dalle altre.

Maureen O’Sullivan, professoressa dell’UCSF che studia i cosiddetti “maghi della verità” (“truth wizards”) – persone che sono “macchine della verità” naturali – afferma che le “bugie ad alto rischio” con una posta in gioco alta prendono forma quando “bugiardi e cacciatori di menzogne sono altamente motivati, sia per motivi personali o da alcuni significativi rinforzi positivi e/o negativi (ricompense importanti, gravi punizioni)”.

Mentire sul banco dei testimoni o mentire al proprio partner su una relazione sarebbero sicuramente considerate menzogne con poste alte.

C’è una domanda fondamentale: “come si può sapere se qualcuno sta mentendo?”

Proviamo a cambiare il focus della nostra attenzione. La maggior parte della nostra attenzione è solitamente focalizzata sulle parole che una persona sta dicendo. Tuttavia, numerose ricerche suggeriscono che fino al 90% dei messaggi che comunichiamo in qualsiasi interazione di persona sono di tipo Non Verbale. E di questi messaggi non verbali, il volto è il canale di comunicazione più importante. Questo è il motivo per cui imparare a riconoscere le microespressioni è un’abilità di base per imparare a vedere i “punti caldi” (hot spots), che possono essere indizi importanti nel rilevare l’inganno.

Quindi è ovvio che se vogliamo essere in grado di rilevare un inganno, dovremmo essere molto più che bravi ascoltatori.

Vuoi saper riconoscere le microespressioni e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2009/08/microexpressions-in-high-stakes-lies/

4 idee sbagliate sulle Microespressioni

Pensi di sapere tutto sulle microespressioni? Dai un’occhiata a questo elenco di idee comuni errate sulle microespressioni:

1) Vedere una microespressione significa automaticamente che una persona sta mentendo

Le microespressioni si verificano quando le persone stanno cercando di nascondere le proprie emozioni, il più delle volte in situazioni dove la posta in gioco è alta. Quando vedi una microespressione, non dare per scontato che l’altra persona stia mentendo. La prima cosa che devi fare è stabilire una linea di base (baseline): chiediti qual è il comportamento normale della persona.

Se noti davvero un’incongruenza (hot spot) in cui le azioni verbali contraddicono le azioni non verbali, fermati e poni più domande. Non dare per scontato che ciò che stanno dicendo sia una bugia.

2) Le microespressioni includono quanto segue:

Sbattere velocemente le palpebre, la direzione in cui si muovono gli occhi, irrequietezza, respiro pesante

Tutte le azioni di cui sopra sono ottimi esempi di comportamento non verbale che possono essere indicativi del fatto che qualcuno sta mentendo, ma non sono microespressioni. Mentre le microespressioni sono un tipo di comportamento non verbale che si verifica sul viso, non implicano la frequenza con cui una persona sbatte le palpebre o quanto sia pesante il respiro.

Le microespressioni rappresentano comunemente le sette emozioni di base: felicità, paura, tristezza, rabbia, disprezzo, disgusto e sorpresa. Si verificano in meno di 1/25 di secondo e sono classificate in base alla velocità con cui si verifica l’espressione sul viso di una persona.

3) Solo i “Maghi della Verità” (Truth Wizards) possono vedere le microespressioni

Questi maghi della verità” che furono scoperti da Maureen O’Sullivan durante il suo Wizards Project erano un gruppo selezionato di persone particolarmente brave a rilevare l’inganno. Non devi essere un mago per vedere le microespressioni. Chiunque può imparare a vedere le microespressioni, soprattutto con l’addestramento appropriato.

4) Le microespressioni sono state scoperte di recente

Nonostante lo spettacolo Lie to Me trasmesso su FOX, le microespressioni sono state scoperte per la prima volta da Haggard e Isaacs oltre 40 anni fa. Pubblicarono un rapporto su queste espressioni, che chiamarono espressioni “micromomentarie” nel 1966. L’articolo che scrissero era intitolato Espressioni facciali micro-momentanee come indicatori dei meccanismi dell’Io in psicoterapia. Molti studi successivi sono stati condotti sulla base della ricerca di Haggard e Isaacs, ma la scoperta della microespressioni dovrebbe essere attribuita a loro.

Per ulteriori informazioni sulla storia dietro le microespressioni, dai un’occhiata a questo articolo.

Vuoi saper riconoscere le microespressioni e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2009/08/common-misconceptions-about-microexpressions/

Le Microespressioni

Le microespressioni sono brevi espressioni involontarie delle emozioni. Di solito si verificano quando si vive un’emozione forte ma si cerca di nascondere i sentimenti.

Possono anche verificarsi perché una persona sperimenta più emozioni in rapida successione. A differenza delle normali espressioni facciali, è difficile produrre o neutralizzare volontariamente le microespressioni. Possono esprimere una qualsiasi delle sette emozioni universalmente espresse sul viso (disgusto, rabbia, paura, felicità, tristezza, sorpresa e disprezzo) e si verificano in un tempo brevissimo (tra 1/15 e 1/30 di secondo).

La storia delle Microespressioni:

Le microespressioni furono scoperte per la prima volta da Haggard e Isaacs (1966). Nel loro studio, Haggard e Isaacs hanno descritto come hanno scoperto queste espressioni “micromomentarie durante la scansione di ore di filmati di psicoterapia, alla ricerca di indizi di Comunicazione Non Verbale tra paziente e terapista.

Più o meno nello stesso periodo, Condon e Ogston (1967) sono stati i pionieri nello studio delle interazioni a livello di frazione di secondo. Condon, nel suo famoso progetto di ricerca, ha esaminato un segmento di video di quattro ore e mezza, fotogramma per fotogramma, in cui ogni fotogramma rappresentava 1/25 di secondo. Dopo aver studiato questo video per un anno e mezzo, ha distinto i micromovimenti interazionali, come la moglie che muoveva la spalla esattamente quando le mani del marito si sono alzate, definendo degli schemi di micrortimi. Il lavoro di Condon, tuttavia, non si è concentrato sulle espressioni facciali.

Successivamente, Ekman e Friesen (1969, 1974) hanno introdotto il concetto di riconoscimento della microespressione nei loro studi sull’inganno. I risultati di questo lavoro sono stati riportati nel libro Telling Lies (Ekman, 1985) e sono stati resi popolari nei mass media attraverso la serie televisiva Lie To Me. Svolgono anche un ruolo centrale nel lavoro postumo di Robert Ludlum, The Ambler Warning, in cui il personaggio centrale, Harrison Ambler, è un agente dell’intelligence in grado di vedere le microespressioni. Allo stesso modo, uno dei personaggi principali del romanzo di fantascienza di Alastair Reynolds Absolution Gap, Aura può leggere facilmente le microespressori. In Law & Order: Criminal Intent, il detective Robert Goren è esperto nel rilevare microespressioni.

Sebbene l’esistenza di microespressoni sia stata segnalata negli anni ’60, il primo rapporto pubblicato in un articolo scientifico peer-reviewed, a conferma della loro esistenza, era Porter e ten Brinke (2008). Il primo rapporto pubblicato in un articolo scientifico peer-reviewed sulle capacità individuali di riconoscimento della microespressione era Matsumoto et al. (2000).

Alcuni studi hanno indicato che la capacità di leggere le microespressioni è effettivamente correlata alla capacità di rilevare l’inganno; ironicamente, gli studi più recenti suggeriscono che la capacità di leggere espressioni sottili (espressioni di bassa intensità), e non le microespressioni, è meglio correlata alla capacità di rilevare l’inganno.

Vuoi saper riconoscere le microespressioni e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/microexpressions-2/

La verità dietro Lie to Me

Grazie alla popolarità della serie Lie to Me le persone si sono interessate alle microespressioni e al mondo del comportamento non verbale.

Recentemente dei ricercatori della Michigan State University guidati dal professore di comunicazione, Timothy Levine, hanno messo alla prova le capacità di inganno di Lie to Me in un nuovo studio intitolato “L’impatto di Lie to Me sull’effettiva capacità degli spettatori di rilevare l’inganno”.

Lo studio pubblicato sul Journal of Communication Research osserva che Lie to Me “aumenta il sospetto verso gli altri, ma ciò riduce la capacità di rilevare l’inganno”.

I risultati dello studio hanno dimostrato che gli spettatori di Lie to Me “non erano più in grado di distinguere le verità dalle bugie ma erano più propensi dei controllori a identificare erroneamente gli intervistati onesti. Guardare Lie to Me riduce il pregiudizio per la verità, aumentando così il sospetto nei confronti degli altri, riducendo allo stesso tempo la capacità di rilevazione dell’inganno” secondo l’abstract dello studio.

Quanto è accurata la scienza rappresentata nello spettacolo?

Mentre una parte dello spettacolo è “radicato nella scienza reale”, un’altra parte di esso è esagerato e le informazioni dovrebbero essere prese con un certo distacco.

In uno dei primi episodi, c’è una grande frase del Dottor Lightman: “Il corpo contraddice le parole, sta mentendo”. Ciò che è importante ricordare è che se il corpo di una persona, o un comportamento non verbale, contraddice le parole o il comportamento verbale, non significa automaticamente che sta mentendo. Significa semplicemente che bisogna indagare di più sulla situazione e cercare di capire perché stiano cercando di nascondere qualcosa.

Ci sono altre parti dello spettacolo che sono esagerate per l’effetto drammatico. Lo spettacolo menziona spesso i gesti manipolatori, che sono comportamenti non verbali di una persona che manipola il proprio corpo (ad esempio grattandosi il naso o il collo). Molti di questi comportamenti possono essere un indizio per rilevare l’inganno se cambiano dal comportamento di base (baseline) di una persona. Questo dettaglio estremamente importante viene spesso escluso dallo spettacolo. Solo perché una persona si gratta il naso non significa che menta automaticamente. Potrebbe essere un segno di inganno, o solo un segno di nervosismo.

Ognuno ha i propri “segnali” quando mente, ma questo differisce da persona a persona. Ciò che è importante notare è che non c’è un segnale sicuro che dica che qualcuno stia stanno mentendo: il naso di Pinocchio non esiste.

Gli spettatori di Lie to Me non dovrebbero accettare tutte le informazioni presenti nello show come accurate o pensare di saper rilevare meglio le menzogne senza ricevere un preciso addestramento.

Vuoi saper riconoscere le menzogne e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2009/09/the-truth-behind-lie-to-me/ e https://www.humintell.com/2010/07/lie-to-me-viewers-impact/

Sei un fan di Lie to Me?

Cos’è Lie to Me?

Lie to Me era una popolare serie americana di 3 stagioni trasmessa dalla Fox TV Network. Nonostante il tempo trascorso, i fan non hanno dimenticato Cal Lightman (interpretato da Tim Roth) e il suo The Lightman Group.

Per chi non lo conoscesse, Lie to Me era vagamente basato sul lavoro del dottor Paul Ekman nel campo delle microespressioni. Tuttavia, come ogni programma televisivo, va ricordato che Lie to Me era una serie televisiva in cui venivano fabbricate linee di trama, personaggi immaginari e la verità veniva spesso esagerata. Dopotutto, è intrattenimento.

Ma quanto è accurata la scienza rappresentata nella serie TV? Mentre una parte delle informazioni date dalla serie è “radicata nella scienza reale”, una parte della narrazione è esagerata e le informazioni non dovrebbero essere viste come sicure.

Chi è Cal Lightman?

Il gruppo Lightman è guidato dal dottor Cal Lightman, un “rivelatore di menzogne umane” che ha trascorso anni a lavorare per l’FBI prima di fondare la propria azienda. Lui e il suo team sono assunti per aiutare nei casi in cui si mette in dubbio l’onestà delle persone. Nella serie vediamo il dottor Lightman parlare con qualcuno in una normale conversazione e, in pochi secondi, essere in grado di dire se mente o no.

Un malinteso che potrebbe nascere dallo show è che un’azienda come The Lightman Group esista effettivamente, quando in realtà non esiste nella vita reale.

Mentre è vero che gli psicologi possono aiutare le aziende e le forze dell’ordine a determinare se qualcuno è onesto, ciò richiede innumerevoli ore di ricerca e analisi di filmati.

Ciò è in contrasto con la falsa rappresentazione che uno psicologo che studia l’espressione facciale e il comportamento non verbale può sapere se qualcuno sta mentendo dopo 2 minuti di conversazione. Il lavoro svolto da questi psicologi è spesso noioso; coinvolge la codifica facciale, stabilendo una baseline per la persona osservata e confrontando le loro azioni non verbali e verbali.

I “maghi della verità” esistono?

Sebbene una società come The Lightman Group non esista nella vita reale, ci sono persone come Ria Torres. Il personaggio di Torres, che è un “talento naturale” nell’individuare l’inganno, è basato sullo studio di Maureen O’Sullivan chiamato The Wizards Project.

Delle 13.000 persone che sono state testate nelle loro tecniche di rilevazione dell’inganno, solo 31 erano considerati “maghi”, erano in grado di dire “se una persona sta mentendo, se una menzogna riguarda una certa opinione, come si sente qualcuno o rilevare un furto”.

Vuoi conoscere l’opinione della dottoressa O’Sullivan su Lie to Me? Leggi questo articolo!

Qual è l’impatto sociale dello spettacolo?

I ricercatori della Michigan State University, guidati dal professore di comunicazione Timothy Levine, hanno messo alla prova le capacità di inganno degli spettatori di Lie to Me in un nuovo studio intitolato “L’impatto di Lie to Me sull’effettiva capacità degli spettatori di rilevare l’inganno”.

Lo studio che è stato pubblicato sul Journal of Communication Research osserva che Lie to Me “aumenta il sospetto verso gli altri, ma ciò riduce la capacità di rilevare l’inganno”.

Lo studio suggerisce che gli spettatori di Lie to Me non dovrebbero accettare tutte le informazioni presentate nello show come accurate o pensare di saperne di più sul rilevamento delle bugie senza ricevere un addestramento formale.

Vuoi saper riconoscere le menzogne e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2020/02/were-you-a-fan-of-lie-to-me/

Le macchine della verità funzionano davvero?

La macchina della verità nota come “poligrafo” funziona secondo gli stessi principi del rilevamento dei comportamenti legati all’inganno ed è vulnerabile agli stessi problemi. L’esame del poligrafo non rileva le bugie, solo i segni delle emozioni.

Come funziona una macchina della verità?

I fili del poligrafo sono collegati al sospetto per misurare i cambiamenti nella sudorazione, nella respirazione e nella pressione sanguigna. Gli aumenti della pressione sanguigna o la sudorazione non sono di per sé segni di inganno. Le mani diventano umide e il cuore batte più forte quando si vive un’emozione.

Prima di eseguire il test del poligrafo, la maggior parte degli operatori del poligrafo tenta di convincere il sospetto che il poligrafo non fallisca mai nel riconoscere un bugiardo, effettuando quello che è noto come test di “stimolazione” o “stim. La tecnica più comune è dimostrare al sospettato che la macchina sarà in grado di dire quale carta il sospetto prende da un mazzo. Dopo che il sospettato ha preso una carta e l’ha rimessa nel mazzo, gli viene chiesto di dire di no ogni volta che l’operatore del poligrafo gli chiede se si tratta di una carta particolare.

Alcuni di quelli che usano questa tecnica non commettono errori, perché non si fidano della registrazione del poligrafo per catturare la bugia e usano un set di carte marcato. Giustificano l’inganno verso l’indagato per due motivi. Se è innocente, è importante che pensi che la macchina non commetta errori; altrimenti, potrebbe mostrare paura di non essere creduto. Se è colpevole, è importante aver paura di essere catturato; in caso contrario, la macchina non funzionerà davvero. La maggior parte degli operatori del poligrafo non si cimenta in questo inganno, ma si affida ai dati del poligrafo per individuare quale carta è stata presa.

Quando non funzionano gli esami del poligrafo?

L’indagato deve credere nell’abilità del cacciatore di bugie. I segni della paura sarebbero ambigui a meno che le cose non possano essere organizzate in modo tale che solo il bugiardo avrà paura, e non chi racconta la verità. Gli esami del poligrafo falliscono non solo perché alcuni innocenti temono di essere accusati falsamente o per altri motivi, ma anche perché alcuni criminali non credono nella “magia” della macchina. Sanno che possono cavarsela e, se lo sanno, hanno maggiori probabilità di poterlo fare.

Alcuni operatori del poligrafo tentano di ottenere una confessione convincendo i loro sospettati di non poter battere la macchina. Quando un sospetto non confessa, alcuni operatori del poligrafo intimidiscono il sospetto, dicendo all’indagato che la macchina ha dimostrato che lui non sta dicendo la verità.

Migliorando nella comprensione del rilevamento delle menzogne, la speranza è di riconoscere i colpevoli. Gli innocenti possono subire le false accuse ma presumibilmente saranno rilasciati. Sfortunatamente, sotto tali pressioni alcuni innocenti possono confessare un fatto non commesso solo per ottenere sollievo.

Vuoi sapere come riconoscere la Menzogna e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.paulekman.com/lies-and-deception/do-lie-detectors-actually-work/

Scoprire le menzogne dei bambini

I genitori e chiunque lavori con i bambini possono attestare la tendenza a mentire di molti bambini.

Le menzogne possono assumere la forma di piccole frottole come tipo di inganno comune, ma non è solo la nostra impressione che i bambini siano spesso disonesti. Come spiega la dottoressa Wendy Patrick, ci sono molte prove che dimostrano che è molto probabile che i bambini pratichino l’inganno. L’aspetto positivo di questo è che il comportamento dell’infanzia è un ottimo caso di studio per comprendere le pratiche dell’inganno umano.

Ad esempio, il dottor Patrick cita uno studio del 2011 che ha scoperto che, mentre i bambini più piccoli mentono frequentemente, la disonestà diminuisce man mano che crescono verso la adolescenza. Gli autori hanno ipotizzato che ciò potrebbe essere dovuto a una maggiore consapevolezza morale o a una migliore comprensione delle possibili conseguenze della scoperta di una loro bugia.

Un altro studio simile del 2016 ha concluso che i bambini non mentono solo in modo casuale, ma selezionano varie forme di inganno basate sul vantaggio sociale percepito. Questa conclusione ha portato gli autori a suggerire che con l’avanzare dell’età i bambini inizino a usare metodi di inganno socialmente accettabili, come le bugie bianche.

Forse l’aspetto più interessante è che questo studio del 2016 ha anche scoperto che i bambini con maggiori abilità sociali tenono a mentire di più. Ciò è decisamente in linea con le ricerche precedenti che hanno esplorato una correlazione tra la popolarità degli adolescenti e le menzogne.

In uno studio del 1999, ad esempio, il dottor Robert Feldman ha intervistato un gruppo di ragazzi di età compresa tra 11 e 16 anni. Mentre i bambini più grandi potrebbero mentire meno frequentemente, ha scoperto che sono più bravi a farlo, sia controllando il comportamento non verbale che con una migliore verbalizzazione delle loro bugie. Il dottor Feldman scoprì anche che i bambini socialmente più competenti o popolari erano più bravi a mentire:

“una menzogna convincente è in realtà associata a buone capacità sociali. Ci vogliono abilità sociali per essere in grado di controllare le tue parole e ciò che dici non verbalmente”

Ma che impatto ha tutto ciò sulle nostre relazioni con i bambini? Il monitoraggio del comportamento infantile ci rende dei migliori rilevatori di bugie?

Il dottor Patrick sostiene che, mentre possiamo sviluppare migliori abilità nel riconoscere le menzogne dei nostri bambini, queste abilità possono essere limitate a loro, e i nostri figli di conseguenza sviluppano capacità migliori per dirci bugie.

Quando riusciamo a individuare le bugie in alcuni bambini, non è necessariamente perché abbiamo sbloccato le capacità universali di rilevazione delle bugie, ma perché siamo abili nel confrontare i loro comportamenti con possibili comportamenti divergenti. Ad esempio, un bambino che mantiene sempre il contatto visivo viene scoperto quando non riesce a incontrare il nostro sguardo, ma un altro bambino può semplicemente essere troppo timido per mantenere livelli simili di contatto visivo.

Inoltre, mentre possiamo praticare il rilevamento della menzogna analizzando comportamenti divergenti, i nostri figli monitorano anche il nostro comportamento per deviazioni simili. Nel loro caso, analizzano segnali di sfiducia o sospetto, imparando quale comportamento non verbale sta portando alla possibile rilevazione del loro inganno e adeguando il comportamento in risposta a ciò.

Mentre le nostre interazioni sociali possono allenarci fino a un certo punto per un’efficace rilevazione della menzogna, ci sono comportamenti ed espressioni universali che possono scoprire l’inganno.

Vuoi sapere come riconoscere la Menzogna e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2017/08/detecting-deception-close-to-home/

Riconoscere gli occhi ingannevoli

Gli occhi sono una parte incredibilmente importante del riconoscimento emotivo, ma che ruolo hanno nel permetterci di rilevare l’inganno?

Mentre l’opinione convenzionale tende a sostenere che l’incapacità di mantenere il contatto visivo sia un segno rivelatore dell’inganno, in realtà questo è solo un mito leggendario. Tuttavia, poiché gli occhi sono così importanti nella lettura delle emozioni, possono anche aiutarci a valutare la veridicità (o meno) di un altra persona.

La nostra fissazione sull’importanza degli occhi ha una giustificazione. Come saprà chi segue questo blog, ricerche recenti indicano che mostriamo le emozioni più chiaramente nei nostri occhi.

Mentre questa enfasi intuitiva sugli occhi ha portato all’idea che l’osservazione del contatto visivo sia un metodo affidabile di rilevazione della menzogna, questo semplicemente non è vero. Come spiegato in un articolo precedente, numerosi studi non hanno trovato alcuna relazione tra la bugia e la mancanza di contatto visivo, nonostante il fatto che, attraverso le culture, questo mito continua ad essere ampiamente diffuso.

Come spiega la dottoressa Wendy Patrick, il contatto visivo o la sua mancanza possono essere dovuti a personalità o background culturali diversi che determinano la tendenza a stabilire un contatto visivo. Come lei ha detto in un altro articolo, è necessario analizzare il livello di contatto visivo di un determinato individuo rispetto alla sua “linea di base personale” (baseline).

Tuttavia, il contatto visivo è ancora uno strumento utile per identificare correttamente l’inganno. Ad esempio, uno studio del 2012 ha rilevato cambiamenti significativi nella pupilla nei partecipanti che mentivano. In questo studio, i ricercatori hanno chiesto ad alcuni partecipanti di rubare piccole somme di denaro, lasciando gli altri partecipanti liberi dal compiere tale gesto.

Quindi, a ciascun partecipante è stato chiesto di rispondere a una serie di domande sul furto, senza far sapere all’esaminatore se fossero colpevoli. Durante la compilazione di questi questionari, le telecamere hanno monitorato le dimensioni della pupilla, riscontrando un aumento del diametro della pupilla tra i soggetti colpevoli. Dopo aver concluso lo studio, gli autori hanno sottolineato che tale aumento era coerente con studi precedenti sull’inganno.

Allo stesso modo, dal punto di vista di coloro che rilevano l’inganno, uno studio separato del 2016 ha scoperto che concentrarsi sugli occhi ha fornito uno strumento molto efficace per il rilevamento delle bugie. In questo studio, i partecipanti hanno tentato di rilevare le bugie sia di soggetti con i volti coperti da un hijab, con solo gli occhi scoperti, sia di altri soggetti lasciati a volto scoperto.

Sorprendentemente, i partecipanti sono stati più precisi nel rilevare l’inganno tra quelli con l’hijab. Questa conclusione ha indicato che il concentrarsi solo sull’occhio ha aiutato significativamente il rilevamento della bugia, poiché i partecipanti sono stati costretti a concentrarsi sugli occhi, piuttosto che essere distratti da altre caratteristiche del viso.

Mentre concentrarsi sugli occhi può essere uno strumento importante per rilevare l’inganno, spesso è difficile per noi sapere esattamente cosa rivela una bugia. Ciò richiede una formazione specializzata, non possiamo certamente misurare la dimensione della pupilla con un righello!

Vuoi sapere come interpretare il contatto visivo e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2017/08/reading-deceptive-eyes/

Il mito del contatto visivo

Secondo lo psicologo sociale ed esperto di microespressioni Mark Frank, il contatto visivo (o la sua mancanza) è “uno degli aspetti più fraintesi dell’inganno”

Molti video, articoli e interviste suggeriscono che il contatto visivo e/o lo sguardo di una persona spesso hanno un significato nascosto: guardare in alto a destra significa che qualcuno sta inventando qualcosa. Alzare lo sguardo a sinistra significa che si sta ricordando qualcosa. Se qualcuno non ti sta guardando, sta mentendo. La lista potrebbe continuare all’infinito.

Ma quanto sono precise queste affermazioni?

Ci sono stati oltre 30 studi che hanno esaminato il contatto visivo come una variabile quando mentivano e la maggior parte di loro ha dimostrato che non c’è alcun segno rivelatore quando qualcuno sa mentendo.

Secondo il dottor Frank, 6 di questi 30 studi hanno osservato la mancanza di contatto visivo (l’atto di distogliere lo sguardo da un oggetto su cui si era precedentemente focalizzato). Tutti e 6 gli studi hanno concluso che il contatto visivo non cambia significativamente in funzione della menzogna o del dire la verità.

Studi recenti sono giunti alla stessa conclusione. Nel 2008, il dottor Stephen Porter della Dalhousie University ha pubblicato uno studio intitolato “Menzogna? Il viso tradisce le vere emozioni del bugiardo, ma in modi inaspettati”.

Porter ha concluso che è proprio la faccia che rileva i bugiardi, ma non nei modi stereotipati in cui crediamo.

Per lui “non sono gli occhi sfuggenti o la fronte sudata o il naso allungato (alla Pinocchio) che il rilevatore di bugie dovrebbe cercare. Invece, altri elementi del volto di un bugiardo lo smaschereranno, “apparendo” brevemente e permettendo a manifestazioni di vera emozione di affluire sul viso”.

Tuttavia, nonostante le prove schiaccianti che il contatto visivo non abbia nulla a che fare con la menzogna, è stato condotto uno studio da oltre 90 scienziati ha esaminato oltre 5.000 persone in 75 paesi su quello che loro credono a proposito dei bugiardi. La risposta numero uno in tutte le culture è stata la (falsa) convinzione che i bugiardi non ti guarderanno negli occhi. Questa convinzione risale a quasi 3000 anni fa, ai testi sacri della cultura indù.

Allora perché esiste questo malinteso?

Non esiste una risposta semplice a questa complessa domanda, ma il dottor Frank allude al fatto che potrebbe essere associato al comportamento dei bambini quando mentono. Afferma che il contatto visivo è probabilmente un buon indizio dell’inganno con i bambini più piccoli – probabilmente a causa dell’emozione della colpa – ma crescendo i bambini imparano socialmente che devono mantenere il contatto visivo per mentire con successo.

Da adulti, molte persone hanno imparato a stabilire un contatto visivo quando mentono. Tuttavia, la convinzione che il contatto visivo sia correlato all’inganno può ancora persistere.

Vuoi sapere come interpretare il contatto visivo e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2009/09/the-eye-contact-myth/

5 falsi miti sui bugiardi

Quali sono i 5 miti più importanti da sfatare sui bugiardi?

Ecco a voi un elenco dei 5 falsi miti più rilevanti a proposito di chi mente:

1. I bugiardi non ti guardano negli occhi

La mancanza di contatto visivo (o avversione allo sguardo) è uno dei più grandi miti nel rilevamento della menzogna. Dei molti studi che hanno riguardato lo sguardo e la menzogna, la maggior parte ha concluso che una mancanza di contatto visivo non indica necessariamente mentire o dire la verità.

2. I bugiardi balbettano e fanno molte pause mentre parlano

Anche se inconsciamente potremmo presumere che non siano onesti, la balbuzie o le pause non sono necessariamente segni di menzogna di per sé. Potrebbero semplicemente dirci che la persona è nervosa. Perché l’altra persona si sente così? Non possiamo dirlo a meno che non facciamo qualche altra domanda. Ricordate: il rilevamento della menzogna è molto più che semplicemente “guardare l’altro”.

3. I bugiardi si toccano il viso

Anche questo è un altro mito popolare nel riconoscimento delle bugie. Ci sono poche prove scientifiche che toccarsi il viso sia sicuramente un indizio di menzogna. Ti ricordi l’ultima volta che ti sei toccato il naso o hai coperto la tua bocca? Stavi mentendo?

4. I bugiardi sono nervosi

Le persone possono essere nervose a causa di innumerevoli ragioni, incluso non solo perché mentono, ma anche perché vogliono dimostrare la loro innocenza. Molte persone che dicono la verità sono nervose perché potrebbero essere preoccupate di non essere credute.

5. I bugiardi si agitano

L’irrequietezza è il nostro quinto mito sul rilevamento delle bugie: quasi nessuna ricerca la collega in modo affidabile ai bugiardi. Come puoi vedere, la maggior parte di questi miti sono associati al nervosismo. Quindi la domanda che dovremmo considerare è: perché la persona è nervosa?

Vuoi sapere come riconoscere le menzogne e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2020/01/lies-lies-and-more-lies-plus-the-top-5-myths-about-liars/

Bugie, bugie e ancora bugie

Uno studio dimostra che mentire è più facile per coloro che mentono spesso!

Un nuovo studio sul cervello recentemente pubblicato su Nature Neuroscience si concentra sugli effetti della menzogna sull’amigdala, una piccola parte nascosta del cervello che elabora le emozioni negative. Utilizzando volontari umani vivi che sono stati incentivati a mentire ripetutamente, questo studio è stato in grado di dimostrare che l’attività dell’amigdala è diminuita dopo la prima menzogna e ha continuato a diminuire prima e dopo le successive menzogne. Si dice che questo studio sia “la prima prova empirica che la menzogna si intensifica a causa dell’adattamento emotivo”.

I risultati dello studio offrono prove scientifiche del perché mentire è così facile per alcune persone, mentre altre faticano a dire anche una “piccola bugia bianca”. Sembra che i bugiardi abituali vengano lasciati in pace dalla loro amigdala!

Quando una persona racconta più bugie, il cervello, nel tentativo di ridurre lo stress emotivo, diventa sempre meno sensibile al disagio inizialmente causato dall’atto di mentire. Lo studio riporta che a seguito di questa riduzione dell’angoscia emotiva, raccontare più bugie diventa più facile nel tempo. L’autore dello studio e direttore dell’Affective Brain Lab, il Dottor Tali Sharot, afferma che lo studio dimostra che le piccole bugie hanno facilmente un effetto “a valanga” nel tempo (diventando sempre più grandi) e che le bugie successive creano un disagio emotivo meno negativo.

Le piccole bugie portano a bugie più grandi (che possono essere raccontate più facilmente)

Questo studio ha implicazioni che vanno oltre la semplice scienza del cervello. Può aiutare gli investigatori criminali a capire perché alcune persone interrogate possono mentire in modo così credibile e con tale disinvoltura. Le persone che operano regolarmente nel mondo del crimine e navigano nell’illegalità con bugie abituali sono abituate al disagio emotivo che molte persone provano quando si impegnano a mentire.

I bugiardi esperti potrebbero essersi sentiti a disagio quando si sono impegnati nella loro prima menzogna, ma nel tempo e attraverso le bugie successive, non si sentono più a disagio. Il disagio negativo, di solito una risposta naturale del cervello alla menzogna, non viene più elaborato dall’amigdala. Lo studio riporta inoltre che l’uso costante della menzogna può influire sulla salute del cervello e rendere un individuo più suscettibile alla menzogna patologica.

Man mano che il cervello si adatta a mentire, il corpo dell’individuo reagisce sempre meno all’atto di mentire e il bugiardo diventa più abile nel non mostrare i classici segnali emotivi e comportamentali normalmente associati alla menzogna. Non impallidisce più quando inizia a mentire; non sbatte più rapidamente le palpebre quando costruisce una falsità. Gli investigatori criminali riconoscono che alcune persone possono mentire attraverso piccoli dettagli senza avere la minima idea dei loro sentimenti spiacevoli nel dire una menzogna, mentre altre possono mostrare più chiaramente il loro livello di preoccupazione quando mentono.

Dire menzogne diventa più facile con l’aumentare del numero e dell’intensità delle bugie, gli investigatori come possono leggere in modo efficace segnali comportamentali o espressioni facciali per estrarre informazioni affidabili?

Man mano che le persone si sentono più a loro agio con la menzogna, il loro cervello sperimenta meno disagio, ma i segnali emotivi, sebbene possano essere gravemente ridotti, possono comunque fuoriuscire sotto forma di espressioni facciali o altre reazioni.

La scienza moderna e la tecnologia avanzata hanno portato allo sviluppo di alcuni strumenti molto efficaci per aiutare a “leggere” le espressioni di coloro che sono così bravi a mentire. La formazione di esperti nell’interpretazione di espressioni facciali sottili può aiutare gli investigatori a individuare gli indizi che cercano nel loro tentativo di scoprire la verità.

Vuoi sapere come riconoscere le bugie e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.w-z.com/2017/02/03/lies-lies-and-more-lies-the-clever-brain-that-lets-liars-get-away-easily/

Guida definitiva antistronzi – Cosmopolitan (luglio 2019)

COSMOTÌVATI

<<Prima di diagnosticarti depressione o bassa autostima>>, dice William Gibson, scrittore cyberpunk e di fantascienza, <<assicurati di non essere circondato da stronzi>>. Esseri tutt’altro che alieni, anzi potenzialmente sempre tra noi e a volte insospettabili: <<Ci sono persone che anche nei rapporti più stretti possono diventare subdole, aggressive, e adoperarsi più o meno consapevolmente per distruggere l’altro>>, avverte Luca Bidogia, psicologo, autore di La nobile via del miglioramento personale (Flaccovio). Ma dallo scontro si può uscire, se non sempre vincenti, almeno con classe: ossia senza reazioni scomposte, tutt’al più scocciate e piene di commiserazione per l’altro. Perchè lo stronzo potrà anche essere uno di successo, ma fidati, non è felice di se stesso: <<In tedesco esiste una parola, Schadenfreude, che indica il godere delle disgrazie altrui: si riscontra spesso di chi ha bassa autostima. E prova piacere nel sentirsi migliore attraverso la svalutazione degli altri>>, scrive Francesco Di Fant, consulente e formatore in Comunicazione Non Verbale e autore di Come riconoscere uno stronzo al primo sguardo (Newton Compton): <<Mentre assiste alle sventure del prossimo, in lui si attiva lo striato, zona cerebrale che fa parte del circuito della ricompensa. E che provoca piacere attraverso il rilascio di dopamina, un neurotrasmettitore che influenza positivamente l’umore>>. Ecco: lui gode per una malignità, quanto noi per una fetta di Sacher.

SPOSTATI SUBITO, PRIMA IO

<<Gli stronzi agiscono per ricavare un guadagno da una situazione, senza curarsi troppo di chi sta tra loro e l’obiettivo>>, dice Bidogia. Si dividono in egocentrici ed egoisti. Gli egocentrici devono essere i più bravi, i più belli, solo loro devono parlare e bisogna parlare solo di loro. Sono arroganti, tendono a occupare tutti gli spazi. Il 90% non si rende conto di essere così….

Poi ci sono gli egoisti: il loro modo di fare non è legato a problemi di identità, ma è diretto a impadronirsi di qualcosa. Vogliono cogliere tutte le occasioni che si presentano, sgomitano, il loro mantra è “prima io”. Sono così concentrati su quel che potrebbero ottenere che perdono di vista chi stra loro davanti. Non ce l’hanno con te, proprio non ti considerano: <<Pensano che ci sia solo un primo posto, e devono averlo loro altrimenti si sentono una nullità>>, continua Bidogia. In genere si tratta di persone narcisiste,un po’ come la regina di Biancaneve che se non è riconosciuta come la più bella del reame ne esce distrutta. Appena sentono odore di successo, egocentrici ed egoisti colgono l’occasione senza troppi scrupoli: <<Se a due amiche piace lo stesso ragazzo, la più empatica avrà qualche remora a mettersi con lui>>, chiarisce Bodogia. <<La stronza invece punta all’obiettivo senza problemi, in quel momento l’amicizia è fuori dal suo campo di attenzione. La sua risposta, se venisse criticata, sarebbe: “È capitato così… che dovevo fare?”. Non le è chiaro di essersi comportata in modo scorretto. Diverso è se dice “me ne frego: a qual punto siamo di fronte a situazioni gravi, quasi mai affrontabili direttamente; ed è meglio chiedersi perché si sia scelta proprio una persona così, come amica>>.

TU NON SAI CHI SONO IO

Un’altra tipologia di stronzetti è quella di chi vuole mettere in chiaro che sta un gradino (due, tre…) sopra il tuo: <<Come accade tra gli animali, c’è un “mostrare i denti” che non è morso, un’aggressività solo ritualizzata che segna il nostro grado di importanza. È diffusa soprattutto nelle società gerarchiche, come la nostra>>, spiega Francesco Rende, psicologo, autore di Keep calm e difenditi dagli stronzi (firmato con lo pseudonimo Fabio Farini, ed. Newton Compton). Pensi al boss che ti chiede se hai voglia di portargli un caffè, visto che è tanto stanco e tu proprio l’ultima arrivata? Ecco, per esempio. <<Si può diventare aggressivi e prepotenti anche quando qualcosa spaventa, o fa arrabbiare>>, continua Rende: <<O quando si è frustrati: chi è ostacolato nel raggiungimento dei propri scopi, e in più è l’anello debole della catena, può accumulare aggressività e scaricarla poi su chi gli capita a tiro>>. Come il tipo che ti strombazza appena scatta il verde, o ti dà risposte sgarbate solo perché in quel momento gli gira male (se stai pensando con orrore a te stessa, tranquilla: momenti di frustrazione-stronzaggine capitano assolutamente a tutti).

TI ADORO, ANZI VATTENE

E poi c’è la carogna seriale, lo stronzo di default e non perché quel giorno gli gira male. Magari non è cattivo, ma sofferente. Come chi è ambivalente negli affetti perché ha paura della intimità: ti vuole, poi però ti allontana, e poi ti cerca… <<Se nell’infanzia l’eccessiva vicinanza gli ha creato problemi, è facile che, da adulto, sentirsi invaso negli spazi intimi o messo alle strette scateni in lui aggressività>>. Spiega Rende. Chiariamo: capire non vuol dire giustificare. Se ti ritrovi a dire “ma che stronzo!” un tot di volte e non i nervi a pezzi, valuta l’opzione-fuga. Renderti conto delle motivazioni nascoste, però, ti aiuta a non considerare come sgarbi personali atteggiamenti arroganti, di cui magari l’altro non è consapevole: una ricerca dello psicologo Jonathan Freeman ha rivelato che il 98% degli intervistati di considerava tra la metà più gentile, empatica e piacevole della popolazione. Praticamente gli stronzi non esistono.

FATTI UN KIT DI AUTODIFESA. IN TRE STEP

PREVENIRE: SE LO CONOSCI LO EVITI

Quando sai in anticipo di avere a che fare con un potenziale stronzo, puoi tutelarti: non gli mostri i tuoi punti deboli, non incoraggi l’intimità, ed eviti gli atteggiamenti che possono trasformarti in vittima, <<come esagerare nel mostrarti buona e ingenua>>, spiega Luca Bidogia, <<o avere gesti provocatori, che possono innescare la miccia>>. Secondo Francesco Di Fant, devono metterti in allarme <<le promesse mirabolanti, esagerate. Il sorriso solo con la bocca: anche gli occhi devono contrarsi. Chi invade troppo il tuo spazio, sia fisico sia con domande troppo personali. Chi, mentre ti parla, ha le gambe che “guardano” da un’altra parte rispetto alla testa. Chi ti parla nascondendo le mani, grattandosi il viso, il naso o un braccio, segnali di tensione. Chi ha modi troppo amichevoli, che percepisci forzati: spesso chi intende sfruttare l’altro vuole fargli abbassare le difese, per poi dare la mazzata>>. Attenta a chi parla male degli assenti: è un’aggressione indiretta che colpirà anche te, quando giri l’angolo. A proposito, se qualcuno nel tuo gruppo sparge gossip antipatici e vuoi sgamarlo, usa questo giochino suggerito da Di Fant: <<Racconta alle due o tre persone di cui sospetti altrettante storie diverse: quella che si diffonderà, ti dirà chi è il pettegolo>>. Eppure sembra così simpatica… sarò io paranoica? Se ti senti stupida a diffidare della tua nuova collega, perché in fondo è così ironica e gioviale, sappi che alcuni esemplari di stronzi <<necessitano di un ambiente rilassato e allegro per potersi esprimere e funzionare al meglio. Per esempio, hanno l’esigenza di far battute per sentirsi apprezzati ed evitare che altri abbiano pensieri negativi nei loro confronti>>, scrive Di Fant.

SOTTO ATTACCO: SELF CONTROL, E STAI LEGGERA

Ti hanno fatto una carognata e sei demoralizzata, perché non hai avuto la risposta pronta? Brava invece, vuol dire che sei sana: <<Ci sono aggressioni indirette paragonabili a quelle fisiche: e non tutti hanno pronte da sfoderare armi verbali o emotive per controbattere>>, spiega Luca Bidogia. Agire d’impulso poi non è una buona idea: può metterti in situazioni di pericolo o farti rompere rapporti a cui tieni, magari per un malinteso: <<È più facile differire la risposta>>, dice Francesco Rende: <<Ricordo un ragazzo, che maltrattato da un docente in sede d’esame non ha ribattuto; ma quando alla fine il professore gli ha dato la mano, lui non gliel’ha stretta. Morale: rispondo alla tua aggressione, ma con classe>>.

Strategie light. L’ironia è un’arma efficace ed elegante: anziché piccarsi, dire con un sorriso: “ma sai che hai ragione? Ci penserò!”, è spiazzante e rimette l’altro al suo posto>>, consiglia Bidogia. <<La soluzione migliore è comunque dire sempre come ci si sente e perché: “Sai, mi hai ferito quando hai detto/fatto la tal cosa”. In modo chiaro, non arrogante: l’altro potrebbe non essere consapevole di averci offeso e si sentirebbe attaccato. O farebbe la vittima, ritirandosi senza averci capito nulla. Ovvio che se risponde con un chissenefrega, ripenserò al valore di quel rapporto. Ma potrò rafforzarmi, chiedendomi cosa mi sarebbe piaciuto che l’altro facesse, e perché>>.

Come spiega Monica Morganti, psicoterapeuta, autrice di La Rabbia delle Donne e Gestire la rabbia (FrancoAngeli): <<Se di fronte a uno sgarbo provi una gran rabbia, è perché ti ha riaperto ferite profonde. Si “sbarella” quando ci accade qualcosa che ci tocca le viscere. Esserne consapevoli può aiutare a conoscerci meglio, mettendo l’altro in secondo piano>>.

INSISTE? FOCALIZZATI SU DI TE

Se qualcuno ti ha scambiato per il suo bersaglio, ed è una persona a cui tieni molto, Bidogia consiglia di aprire con lui quello che chiama “dialogo nobile”: <<Il senso del mio discorso sarà: “So che non lo fai apposta, ma il tuo comportamento mi ferisce, perché da te mi aspetto altro, e meglio”. Così do valore al rapporto, e chiarisco che il mio problema non è aver ragione, ma non rovinare la relazione, a cui tengo e che il suo comportamento sta mettendo in pericolo>>. Sul suo blog (studiobidogia.it) suggerisce una tecnica in tre step. 1) Scrivi a un ipotetico amico comune, sfogando tutta la tua rabbia e raccontando quel che dell’altro non ti va giù. 2) Indossa i suoi panni: raccogli informazioni su di lui, interpreta nel modo più veritiero possibile i suoi modi di fare, di pensare. Poi descrivi la vostra situazione conflittuale dal suo punto di vista. Sii Preciso. 3) Ora rivedi le vostre posizioni e scegli il modo più efficace per agire. <<Esempio: se mi rendo conto che l’altra vuol essere la più bella del reame, glielo dirò: “Sai che sei stronza? Però sei una figa pazzesca!”>>, dice Bidogia. <<Così avrò messo in chiaro il mio punto di vista, ma avrò restituito all’altro qualcosa, e curato la sua ferita interiore>>.

Se vuole la guerra. Quando invece sei di fronte a un tipo pericoloso, ossia che sa quel che fa e magari ne gode, devi toglierti dal suo campo d’azione. Non puoi? Non accettare provocazioni e mantieni la calma: come sottolinea Rende, chi è stronzo se la prende di più con chi ha reazioni scomposte. Ma soprattutto concentrati sulle tue potenzialità e costruisciti attorno uno scudo di energia positiva: <<Per metterci al riparo dai colpi degli altri e non viverli come nostro disvalore, abbiamo almeno tre armi>>, continua Rende: <<L’assertività, ossia essere soddisfatti della nostra vita e dei nostri scopi. L’autoefficacia, ossia la sensazione di potercela fare: è interessante sapere che tanto più pensiamo di riuscire, tanto più riusciamo, a parità di competenze – e il discorso vale anche se vogliamo evitare una persona maligna. Infine, l’autostima>>.

Da vittima a imperatrice. Proprio l’autostima, secondo Morganti, tiene lontani gli stronzi come l’aglio le streghe: <<Le persone disturbate trattano in modo umiliante chi si pone da vittima, da perdente. Ma se sei imperatrice, e vai nel mondo da imperatrice, gli altri ti tratteranno da imperatrice. Non dev’essere solo un abito però, ma un modo di sentirsi>>. E se così facendo ti viene l’aria un po’ stronzetta, poco male. In amore, poi, nella giusta accezione può fare la differenza. Come scrive Sherry Argov in Falli soffrire. Gli uomini preferiscono le stronze (Piemme). <<La stronza non è una donna che parla con un tono di voce aspro. Non è caustica o volgare. È cortese ma chiara. Sa cosa le piace, e non ha difficoltà a esprimerlo in modo schietto. Tiene se stessa in gran considerazione, e il risultato è che spesso ottiene ciò che vuole>>. Compreso l’uomo dei suoi sogni: come dice anche la nonna, i ragazzi adorano quelle che sanno farsi rispettare.

I PARENTI SERPENTI

4 classici dell’arte della stronzaggine: strategie fast per uscirne con classe (e possibilmente illese)

Tua sorella/tuo Fratello

Lei mette in vendita su ebay la borsa vintage che ti aveva chiesto in prestito. Lui ignora la vostra famiglia e si fa i fatti suoi. <<Una persona adulta ha diritto di gestire la sua vita come crede, e se decide di non frequentare o offrire personalmente aiuto a un familiare, sono fatti suoi>>- Dice Monica Morganti. <<Il punto è fare in modo che il suo sottrarsi non diventi il tuo caricarti di peso. Per eliminare la rabbia dovuta alla frustrazione, devi trovare soluzioni. Per esempio, dirai al fratello di pagare una persona per la parte di assistenza che gli spetta>>. Quanto alla sorella che ha venduto la tua Dior Anni ‘70, <<se ti chiede scusa ok, accetti le scuse. Ma chiederai come pensa di ripagarti il danno. Chi ami può essere perdonato, ma deve mostrarsi responsabile e riparare la perdita>>, afferma Bidogia.

L’amica di sempre

Le dici che ti piacerebbe farti un pixie cut, e il giorno dopo se lo fa lei. Andate a ballare, ma ti molla appena arrivate per stare con tipo che le piace. <<Chiediti perché hai un’amica così, ragiona sui motivi delle tue scelte>>, consiglia Luca Bodogia. <<Se vuoi darle una chance, dille che ti sei sentita offesa: “Ti ritenevo un’amica, ma è la seconda volta che mi fai una carognata”. Se cade dalle nuvole, guarda come si comporterà in futuro. Rimarcale la tua tristezza. Ma con onore. Senza vittimismi. E senza dire: “Sei una stronza”, accusa che porta solo a chiusure reciproche>>.

Il tuo ragazzo

Torna dal lavoro, e anziché stare con te si fionda su tv o smartphone perché “ha bisogno di decompressione”. <<Uomini e donne hanno esigenze diverse>>, dice Francesco Di Fant: <<Esempio: una donna dice circa 12.000 parola al giorno, un uomo 5-6mila. La sera lui avrà esaurito la sua quota, lei no!>>. E per far defluire lo stress lei ha bisogno di parlare, lui di stare un po’ da solo, o con un amico. Se però il tuo istinto ti dice che si stronzo si tratta, parla chiaro e agisci: <<Nel contratto sentimentale>>, dice Monica Morganti, <<metto paletti e chiarisco confini. L’altro deve sapere che se li travalica perde la relazione. Quel che dico, però, devo mantenere: i gran discorsi delle mendicanti d’amore pronte a ritrattare, perdono credibilità>>.

La mamma di lui

Ti fa sentire intrusa, ti esclude dai discorsi “di famiglia”, entra in casa vostra col suo paio di chiavi senza avvisare. <<Una persona così ha bisogno di controllo sulle vite degli altri>>, dice Francesco Rende: <<Ma se qualcuno cerca di invadere i nostri spazi personali è necessario ridefinire le regole e non fare concessioni, in questo caso arrivando a cambiare la serratura di casa>>. Tu, però non ti esporre: <<Sarà suo figlio a farsi carico del problema, così come di altri atti sgarbati verso di te>>.

Laura Minetto

https://www.cosmopolitan.com/it/

Riconoscere la menzogna: 5 condizioni utili – Hdemos

In contesti lavorativi particolari, come in alcune situazioni personali, riuscire a riconoscere una menzogna può essere importante per evitare conseguenze indesiderate. Nella professione dell’avvocato, ad esempio, questo aspetto assume una grande importanza quando si ha a che fare per lavoro con la ricerca della verità e, di conseguenza, della menzogna.

Raccontare una menzogna può sembrare una cosa più o meno facile, la difficoltà può cambiare a seconda dell’esperienza e della personalità e del bugiardo; ci sono alcune condizioni particolari che possono far sì che una persona che sta mentendo si tradisca e riveli la sua bugia.

Scienza, ricerca e menzogna

Nell’analisi e nel riconoscimento della menzogna ci può dare una mano il Dottor Paul Ekman, lo psicologo americano considerato uno dei più importanti ricercatori viventi sulle emozioni, la Comunicazione Non Verbale e lo studio della menzogna. Nelle sue ricerche è emerso che esistono 5 condizioni specifiche che possono aumentare la tensione della persona che sta mentendo e che, di conseguenza, potrebbe produrre un numero maggiore di segnali di menzogna.

Quali sono le condizioni che portano un bugiardo a tradirsi?

1) La persona che mente sa di avere di fronte una persona che è in grado di poterla smascherare: questa prima condizione si verifica quando il bugiardo sa che l’osservatore è una persona allenata o esperta nel riconoscere le menzogne; questa consapevolezza può spaventare il bugiardo spingendolo a innalzare le sue difese e a mostrare maggiori segnali di tensione.

2) La persona che mente non è abituata a raccontare bugie: questa condizione particolare avviene quando il bugiardo non ha l’abitudine di mentire agli altri, o è consapevole di essere un pessimo bugiardo; questa consapevolezza lo porterà a vivere il fatto di dover raccontare una bugia come un compito difficile da portare a termine con successo, tutto questo porterà il bugiardo a vivere la situazione con ansia.

3) La persona che mente ha la fama di essere un bugiardo: questa condizione è opposta alla precedente, quando una persona è nota per raccontare bugie a destra e a manca questo potrebbe costituire una problema qualora si provi a ingannare gli altri; sapere che l’altro ha un forte pregiudizio su di noi complica il racconto di una bugia, il bugiardo dovrà impegnarsi molto e con probabilità appariranno diversi segnali di tensione e di menzogna.

4) La posta in gioco nella menzogna è alta, c’è in ballo qualcosa di valore: quando la posta in gioco è importante la tensione aumenta, come può aumentare lo stress a un tavolo da gioco quando il piatto è ricco. Una posta alta può alzare la tensione del bugiardo e spingerlo a compiere qualche passo falso; con un premio considerevole in gioco, anche i bugiardi più esperti potrebbero perdere la calma e mostrare dei segnali di menzogna.

5) La persona che mente sa la punizione sarà severa qualora non venga creduto: quando in una specifica situazione la punizione per aver mentito è pesante,la tensione della persona che sta mentendo può crescere e portare anche i bugiardi più abili a trovare difficoltà nel raccontare la propria storia menzognera mantenendo il pieno controllo delle proprie parole e dei propri segnali del corpo.

A voi è capitato di identificare una menzogna con una o più di queste condizioni particolari? Vi siete mai trovati in difficoltà a mentire a qualcuno in presenza di una di queste condizioni?

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

RADIO 2 – Crisi di governo e Linguaggio del Corpo: analisi di Francesco Di Fant

RADIO 2 – Francesco Di Fant ospite de “I Rimandati” (Luca Restivo, Davide D’Addato e Federico Vozzi) per analizzare la crisi del governo giallo-verde attraverso il Linguaggio del Corpo e dare altri utili consigli sulla Comunicazione Non Verbale presenti nel suo suo libro Come riconoscere uno stronzo al primo sguardo (20 agosto 2019)

https://www.raiplayradio.it/programmi/irimandati/