Il Linguaggio del Corpo degli occhi rivela ciò che il cuore nasconde – Joe Navarro

I nostri occhi sono anche formidabili comunicatori di sentimenti, tra cui conforto e disagio, che ci aiutano a decifrare gli altri sin dalla tenera età. Gli occhi rivelano l’eccitazione per la mamma che cammina nella stanza, ma rivelano anche preoccupazione quando siamo turbati. Spesso ciò che non viene detto ad alta voce viene espresso in modo speciale dagli occhi. In effetti mi è stato chiesto di scrivere oggi questo articolo mentre stavo visitando un collega di ricerca e i suoi occhi, a distanza, mi hanno detto che c’era qualcosa che non andava, suo padre era morto.

Mentre gli occhi di una madre riflettono la disperazione che può provare quando il suo bambino è ricoverato in ospedale, al contrario rivelano la gioia di aver scoperto che il bambino è sano e sta bene. Poche cose riflettono le nostre emozioni tanto rapidamente quanto gli occhi. I bambini che hanno appena diversi giorni rispondono già agli occhi della madre e possono capire la differenza tra uno sguardo distratto e gli occhi dilatati spalancati. I bambini possono capire la differenza tra una madre felice e contenta e una che è stressata, solo guardandole gli occhi.

Gli occhi servono come canali di informazione su cui abbiamo fatto affidamento per migliaia di anni. Ci affidiamo a loro per la loro precisione. L’uomo a cui viene chiesto di aiutare qualcuno a muoversi si coprirà gli occhi con le dita mentre si strofina mentre risponde: “Sì, ti aiuterò”, quando senza dubbio questo è un problema per lui. Questo “comportamento di blocco” rivela autenticamente come egli si sente anche se lo aiuterà.

Comportamenti di blocco degli occhi come: coprire gli occhi, proteggere gli occhi, abbassare le palpebre per un periodo prolungato, ritardare l’apertura degli occhi sono così fortemente radicati in noi che i bambini che nascono ciechi, quando sentono qualcosa di spiacevole che non vedono coprono anche loro gli occhi. Ovviamente questo comportamento è radicato in noi, fa parte dei nostri paleo-circuiti e rappresenta un adattamento allo stress o ad altri stimoli negativi che ci ha servito bene in questi millenni.

Il blocco degli occhi è solo una delle cose più ovvie che facciamo. Quando siamo turbati, frustrati o alle prese con qualcosa di emotivamente stressante, le nostre palpebre possono anche chiudersi forte e rimanere chiuse oppure possono muoversi rapidamente come espressione del nostro sentimento. Hugh Grant è famoso nei film per il battito delle sue palpebre ogni volta che combina qualche guaio.

La ricerca mostra anche che quando siamo nervosi o turbati aumenta il nostro battito di ciglia, un fenomeno spesso visto con i bugiardi ma spesso visto anche con le persone sotto stress. Non chiamerei nessuno bugiardo solo perché il suo battito di ciglia aumenta, anche se mentre studiavo Richard Nixon ho notato che quando stava affrontando i fatti mentre parlava con la stampa il suo battito di ciglia è passato da circa 12 al minuto a 68 volte al minuto. Bill Clinton durante la sua deposizione mostrò un alto battito di ciglia a volte superiore a 92 al minuto, ma si trattava comunque di individui molto stressati in quel momento.

Quando si interpretano i comportamenti oculari, esistono molte idee sbagliate. Il contatto visivo scarso o nullo viene erroneamente percepito da alcuni come un classico segno di inganno, specialmente durante l’interrogatorio, mentre le persone che dicono la verità dovrebbero “bloccare gli occhi” sull’interlocutore. Questo non è supportato dalla ricerca o dall’esperienza ed è completamente falso. In effetti, Alder Vrij e altri hanno scoperto che i bugiardi tendono a impegnarsi in un maggiore contatto visivo perché sanno che stiamo cercando segni di inganno.

Il contatto visivo è in effetti un fenomeno sociale / culturale praticato in modo diverso in tutto il mondo. A New York, per convenzione sociale, possiamo guardarci l’un l’altro per 1,68 secondi. In altre culture, specialmente in America Latina e altrove, la tua capacità di guardare gli altri può essere piuttosto estesa fintanto che non è percepita come minacciosa.

Distogliere lo sguardo è praticato da molte culture tra cui latinoamericani e afroamericani, per mostrare rispetto per coloro che detengono l’autorità. Quindi quando un bambino nero guarda in basso mentre viene castigato, quel guardare in basso è in realtà un segno di rispetto e deferenza che spesso viene interpretato erroneamente come mancanza di rispetto o peggio, inganno.

È interessante notare che quando ci sentiamo più a nostro agio abbiamo il lusso di distogliere lo sguardo e troviamo conforto mentre ricordiamo dei fatti nella nostra memoria o meditiamo sul futuro.

Gli occhi si sposteranno da un lato all’altro, guarderanno in basso o resteranno fermi mentre elaboriamo le informazioni. Basta chiedere a qualcuno di moltiplicare a mente 56 x 89 e guardare i loro occhi. Il carico cognitivo posto su di loro dal compito della moltiplicazione provocherà tutti i tipi di movimenti oculari o persino la chiusura degli occhi. Tutto ciò che possiamo imparare da questo è che la persona sta elaborando le informazioni, non che stia dicendo la verità o mentendo come alcuni individui ben intenzionati ma mal informati vorrebbero farti credere.

Guardo gli occhi principalmente per capire quando qualcuno è a suo agio e rilassato. Guardo anche gli occhi per capire quando qualcuno è improvvisamente turbato da un argomento o da un evento. Immediatamente vedrò le orbite ristrette, quello che chiamo l’effetto Clint Eastwood (come in quei western italiani, proprio prima che sparasse strizzava sempre gli occhi). Deviare lo sguardo o il restringimento delle orbite oculari indicano, con molta precisione, disagio, stress, rabbia o problemi. Ho compreso meglio questo comportamento nelle negoziazioni mentre gli avvocati dell’avversario leggono ad alta voce ogni paragrafo; abbiamo potuto vedere quali articoli nel documento sarebbero stati problematici dal socchiudere gli occhi ad ogni dettaglio preoccupante. Questo comportamento ha ovviamente milioni di anni e comunica in modo molto elegante come ci sentiamo esattamente in quel momento.

Joe Navarro

https://www.jnforensics.com/post/the-body-language-of-the-eyes-the-eyes-reveal-what-the-heart-conceals

Creare contatto fisico e psicologico – Copia Originale

 

Nell’interazione con gli altri è importante riuscire a entrare in contatto, creare un legame. Questo contatto può essere facilitato da alcuni gesti e comportamenti.

Oltre al contatto fisico vero e proprio è possibile anche entrare lentamente e con riguardo nella “bolla personale” dell’altro (1 metro). Altri modi di creare un legame psicologico possono essere: contatto visivo, sorriso, empatia, attenzione (piegate la testa di lato per segnalare una profonda attenzione) e ascolto attivo dell’altro.

 

Francesco Di Fant

https://www.copiaoriginale.it/post/creare-contatto-fisico-psicologico-2

Tutto quello che avreste voluto sapere sul Linguaggio del Corpo (ma non avete mai osato chiedere) – COACHMAG n.28

– ovvero come sfatare i luoghi comuni errati nel Linguaggio del Corpo –

 

Quante volte avete letto un articolo sul Linguaggio del Corpo scoprendo consigli per osservare il movimento altrui e comprenderne emozioni e intenzioni? A volte la disciplina del Linguaggio del Corpo (o Comunicazione Non Verbale) non viene trattata e approfondita con il rigore e la scientificità necessaria per un corpus di studi che comprende nozioni di biologia, etologia, neuroscienze, psicologia, sociologia e comunicazione (solo per citare le principali scienze e discipline prese in considerazione).
A volte si leggono nozioni sul Linguaggio del Corpo che non sempre risultano corrette o, nel migliore dei casi, applicabili in tutte le situazioni comunicative. Andiamo quindi a sfatare tali luoghi comuni errati che vengono proposti con più frequenza negli articoli di varie riviste.

 

GESTI DI CHIUSURA:
Il primo luogo comune da sfatare è quello per cui chi tiene le braccia incrociate segnala sempre chisura rispetto agli altri, questo può essere vero ma non sempre. Le braccia vengono messe in posizione incorciata anche per riposare, in particolare quando la postura del corpo è rilassata e il bacino è leggermente spostato in avanti a reggere il peso delle braccia.

 

MANI E MANIPOLATORI:
Un altro segnale del corpo che viene spesso spacciato come universale è quello dei gesti manipolatori. L’azione di auto-contatto del corpo (toccarsi il viso, un braccio, la nuca, ecc.) viene spesso indicata come sinonimo di tensione e disagio e viene spesso citata come indizio di menzogna. Questo è vero solo in parte, infatti i gesti manipolatori possono anche essere presenti in altre situazioni, come in momenti di noia, di estremo agio e come forma di auto-carezza quando si è da soli.
Un’altra indicazione scorretta è quella per cui chi mette le mani dietro la schiena ha qualcosa da nascondere o mostra scarsa disponibilità alla comunicazione, tale gesto infatti può anche indicare rispetto verso l’altro (es. gerachie formali o informali, come nell’esercito o nel rapporto maestro-alunno) o venire usato per assumere una postura composta in particolari situazioni formali (es. cerimonie, riti di vario genere).

 

CONTATTO FISICO:
Altre indicazioni scorrette che sono spesso presenti nella divulgazione di basso livello sono relative al contatto fisico. Viene spesso detto che una persona che cerca il contatto fisico con l’altro dimostri sicurezza e apertura comunicativa, questo però non è sempre vero. Una persona che tocca continuamente il suo interlocutore dimostra spesso insicurezza, in questo caso il contatto diventa una incessante richiesta di attenzione nei propri confronti; è tipico il caso delle persone che mentre parlano tengono l’avambraccio altrui con una mano, come se avessero paura che l’altro si allontani. Lo stesso vale per le strette di mano forti e prolungate, interpretate spesso come sinonimo di fiducia e apertura rispetto alle strette di mano deboli e brevi. Una stretta eccessivamente volitiva e prolungata potrebbe, al contrario, essere indice di una certa aggressività e della volontà di controllare e dominare gli altri.

 

SGUARDO E MENZOGNA:
Un altro luogo comune molto diffuso è quello secondo cui chi ci sta mentendo tende ad abbassare lo sguardo o comunque a evitare lo sguardo altrui. Questo può essere corretto ma non sempre, infatti molte persone preferiscono fissare l’interlocutore quando mentono per poter controllare meglio le reazioni dell’altro rispetto all’inganno perpetrato.

 

SORRISI SINCERI:
L’ultima indicazione sul Linguaggio del Corpo da correggere è legata al sorriso. Viene spesso detto che per riconoscere un sorriso basta osservare la posizione degli angoli delle labbra che devono essere rivolti all’esterno e verso l’alto. In realtà questo vale per il cosiddetto sorriso “sociale” ovvero quello usato con frequenza verso sconosciuti o conoscenti. Per riconoscere un sorriso sincero, che implichi anche un’emozione positiva, è importante osservare la parte alta nel viso, in particolare la zona degli occhi. Un sorriso sincero di vera gioia si riconosce da due elementi: la formazione di rughe al lato degli occhi (le cosiddette “zampe di gallina”) e l’innalzamento del muscolo zigomatico, che spinge lo zigomo in alto occludendo parzialmente la parte inferiore dell’occhio.

Spero di aver fatto luce su alcuni segnali del Linguaggio del Corpo e di aver stimolato la vostra curiosità per questa moderna e affascinante disciplina, utile sia per riconoscere le emozioni e gli stati d’animo altrui sia per comunicare attivamente ed efficamente con il nostro corpo.

 

Francesco Di Fant

 

Articolo pubblicato sulla rivista COACHMAG n.28, Anno 7, Luglio 2016, nella rubrica “Silenzio! Parla il corpo”.
www.coachmag.it

 

Ti prude il naso?

 

Il naso non è solo l’organo dedicato all’olfatto, nonché alla respirazione e alla fonazione, è anche uno degli elementi fondamentali della fisionomia, essendo collocato al centro del volto, concorre a creare le varie espressioni del viso, aiuta a farsi un’idea del carattere di un individuo e definisce la linea del profilo.

La sua influenza nell’armonia del viso è notevole, non a caso una delle operazioni chirurgiche estetiche più gettonate, al di là dei casi di reale necessità per la salute, è proprio la rinoplastica, volta a modificare la struttura del naso così all’esterno come all’interno.

Il naso è un organo molto sensibile e possiede numerose innervazioni, in particolare la cavità interna, la quale è innervata da rami di diversi nervi: trigemino, infraorbitario, alveolare, olfattivo e fibre del sistema nervoso autonomo, insomma una vera macchina da guerra per quel che riguarda la ricezione di stimoli chimici e ambientali di varia natura. Non ci deve stupire la complessità di quest’organo, basti pensare al naso di molte specie animali che si rivela essere uno strumento ancora più complicato e sensibile, con caratteristiche fisiche incredibili; un esempio sopra tutti è l’olfatto del cane, spesso utilizzato dall’uomo come valido aiuto in diverse circostanze, quali, ad esempio, la ricerca di persone scomparse o sommerse da una valanga e l’individuazione di tartufi.

Lo starnuto avviene spesso in presenza di modificazioni della temperatura o dell’umidità, anche polvere e pollini posso provocare questa rumorosa comunicazione corporea, così come l’esposizione al sole; per non parlare delle persone allergiche che non possono certo festeggiare l’arrivo della primavera ma anzi la vivono (ahi loro!) come la porta a una stagione di antistaminici e difficoltà respiratorie.

Riguardo alla personalità, è interessante notare quali tipi di naso influenzano maggiormente l’idea che gli altri possono farsi di una persona: il naso greco comunica l’idea di durezza a causa dell’incavo del naso poco pronunciato, il naso all’insù, detto anche alla francese, fa pensare a persone vivaci e sbarazzine, solitamente viene considerato come attraente, il naso aquilino, infine, dà al volto un’aria nobile e rigorosa a causa della sua sporgenza. Il naso piccolo comunica un idea di timidezza e compostezza, mentre un naso grande ci rimanda all’idea di generosità, intelligenza e dinamismo, non a caso esiste il detto avere naso per qualcosa, che sta a indicare una particolare propensione per alcuni tipi di attività o campi della vita. Molte facce con nasi particolari, poi, possono ispirare simpatia proprio a causa della loro peculiarità, non a caso diversi comici hanno saputo sfruttare anche il proprio naso per creare un maggiore effetto di empatia con il pubblico, pensiamo al grande Totò!

Il naso pizzica in diverse occasioni, ad esempio in presenza di una forte emozione come la commozione, questo avviene sempre prima dell’inizio del pianto; anche le persone che generalmente non esternano molto i propri sentimenti quando avvertono l’arrivo di un’emozione si grattano prontamente il naso, gesto volto, in questo caso, a fermare il moto emotivo sul nascere, prima che diventi coinvolgente a tal punto da propagarsi a nervi e muscoli facciali e tramutarsi in un’espressione del viso o anche di più. A volte il naso può pizzicare anche se diciamo una bugia; infatti dal nostro cervello possono arrivare dei segnali che fanno pizzicare il naso e, a volte, vedere qualcuno che si gratta il naso mentre parla può essere un indizio di menzogna, se lo fa mentre ascolta forse l’argomento trattato lo mette a disagio per qualche motivo.

Chi si massaggia il naso, magari chiudendo gli occhi, lo fa per ridurre la stanchezza e concentrare le energie mentali; di solito questo massaggio viene effettuato alla base del naso, in corrispondenza degli occhi, ed è tipico delle persone che portano a lungo gli occhiali a causa di un normale indolenzimento della zona. L’effetto di questo massaggio, che di solito dura pochi secondi, è quello di ritrovare l’efficienza mentale stimolando una reazione attraverso le piccole vibrazioni provocate dal gesto, le quali arrivano fin dentro la testa; gli occhi chiusi aiutano, in questo caso, a eliminare ulteriori stimoli esterni per qualche istante.

 

Tratto dal libro: “101 cose da sapere sul linguaggio segreto del corpo” di Francesco Di Fant, Newton Compton editori, Roma 2012.

 

GENTE (giugno 2015) – Non solo gli elettori, anche Agnese si stacca

La gioiosa intesa di un tempo sembra essersi raffreddata. Piccoli segni, sfumature, linguaggio del corpo: gli esperti “leggono” le immagini e giudicano

 

Giulio Andreotti diceva che il potere logora chi non ce l’ha, ma era un amante dei paradossi. In realtà sembra vero il contrario, guardando le foto di questo nostro servizio dedicato al premier Matteo Renzi e alla moglie Agnese. Una coppia che di recente in pubblico parrebbe meno unita e forse meno in sintonia che in passato. Perlomeno questo potrebbero indicare certi piccoli segnali che si colgono mettendo a confronto le immagini. Nel 2011 Renzi, ancora sindaco di Firenze, passeggiava mano nella mano con Agnese ed entrambi sorridevano lieti. Nel 2014 Matteo, già capo del governo, presenziava alle sue prime cerimonie ufficiali in questo ruolo con la moglie accanto, sempre molto vicina, e i due si cercavano con lo sguardo, tanto da isolarsi a volte dal contesto intorno. Ora invece il premier e la sua signora camminano per strada separati da una certa distanza, a volte neppure affiancati, e i loro occhi non si incontrano come prima, ma ognuno lascia vagare il proprio sguardo altrove, come assorbito nei propri pensieri.

Sono piccoli particolari, sfumature, come si è detto, ma potrebbero indicare che il logorio del potere abbia cominciato a fare presa sulla coppia. Il linguaggio del corpo colto da queste fotografie significherebbe forse che lo stress imposto a entrambi dal ruolo pubblico ha incrinato la loro precedente armonia, disperdendo le energie che Renzi e signora prima dedicavano l’uno all’altra. Lui ha affrontato sfide impegnative, come iI Jobs Act e l’Italicum, ed è uscito dalle elezioni regionali con i primi cali di consenso, dovendo fare i conti anche con la fronda interna nel Pd. Agnese è stata coinvolta, come insegnante, nel dibattito sulla contestata riforma scolastica del governo di suo marito e nei giorni scorsi ha cercato con determinazione di mantenere una posizione defilata. La stessa già da lei scelta a suo tempo, quando non volle seguire il marito a Palazzo Chigi, a Roma, per restare a Pontassieve, vicino a Firenze, con i loro tre figli.

Adesso i consolidati equilibri della coppia Renzi potrebbero essere cambiati? Dopo aver esaminato le foto di queste pagine, la psicologa Gianna Schelotto afferma: «L’apparenza indicherebbe questo, ma se una coppia funziona può rielaborare la sua immagine pubblica, restando solida nel privato. All’inizio i Renzi avevano bisogno di mostrarsi innamorati e felici, poi sono passati a un tipo di comunicazione esterna più distaccata. È probabilmente una forma di difesa dalla pressione dei tanti nuovi impegni». Forse tra loro non è cambiato nulla. «Sì. Le dinamiche interne a una coppia sono molto difficili da decifrare per chiunque altro. Secondo me, Matteo e Agnese hanno solo deciso di cambiare immagine, preservando la loro intimità».

Francesco Di Fant, autore di I segreti per parlare e capire il linguaggio del corpo (Newton Compton), ritiene invece che la nostra sequenza fotografica dei coniugi Renzi dimostri un certo distacco subentrato tra loro. «Si coglie nella distanza attuale tra i loro corpi e i loro sguardi», spiega. «Toccare qualcuno, tenerlo per mano, significa creare un contatto empatico, rassicurarsi a vicenda. Tra loro non avviene, quindi l’atmosfera tra i Renzi pare raffreddata. È difficile ipotizzarne i motivi. Forse lui ha troppe preoccupazioni, forse lei ha qualche motivo di malinconia. Però secondo me il loro è un modo di porsi da cambiare subito: tra un leader e la moglie la sintonia deve essere perfetta agli occhi del pubblico, deve essere palese. Un leader deve apparire sempre affidabile e il più sereno possibile agli elettori».

Un altro aspetto che ci rivelano le foto recenti dei coniugi Renzi è la perfetta forma di Agnese, elegante e con una linea invidiabile. «È fisicamente aggraziata ed è entrata nel ruolo di first lady», commenta l’esperto di comunicazione Klaus Davi. «È una donna più sciolta e più consapevole che in passato, pur avendo mantenuto la riservatezza e la sobrietà a lei abituali. Sono doti che piacciono molto, anche alle altre donne, e che le fanno guadagnare consenso». Forse per questo nelle foto lei non è vicina al marito come prima. Ora Agnese sa camminare anche da sola.

Igor Ruggeri

 

Articolo completo – Gente n.23/2015

 

IL LINGUAGGIO SEGRETO DEI CAPELLI – LIE TO MANA’ (30 settembre 2013)

Ospite in studio Francesco Di Fant, esperto di Linguaggio del Corpo, con la rubrica LIE TO MANA’ nella trasmissione “Qua la Manà” condotta da Stefania Lillo, Rodrigo De Maio e Alessandro Lillo. Oggi parliamo dei diversi significati dei capelli, delle acconciature e del contatto con essi nel Linguaggio del corpo! – 30 settembre 2013




Buon ascolto! 🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I GESTI MANIPOLATORI NELLA CNV – LIE TO MANA’ (5 settembre 2013)

Ospite in studio Francesco Di Fant, esperto di Linguaggio del Corpo, con la rubrica LIE TO MANA’ nella trasmissione “Qua la Manà” condotta da Stefania Lillo, Rodrigo De Maio e Alessandro Lillo. Oggi parliamo dei gesti manipolatori e del loro ampio uso nella vita quotidiana! – 5 settembre 2013




Buon ascolto! 🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LE ZONE DEL CORPO ACCESSIBILI – “Chiamate Paperoga!” 27 giugno 2012 (ELLE RADIO)

Collegamento telefonico come esperto di Linguaggio del Corpo nella trasmissione “Chiamate Paperoga!” condotta da Paolo Di Censo e Valeria Biotti su ELLE RADIO FM 88.100 (www.elleradio.it) – Oggi si parla delle zone del corpo accessibili al contatto altrui!



Buon ascolto! 🙂