Coronavirus: Comunicazione Non Verbale reale e digitale

La pandemia di Coronavirus ci ha bloccato dentro le nostre case e porta a connetterci attraverso il web e le telecomunicazioni.

Il recente passaggio dalla comunicazione personale a quella digitale ha indubbiamente cambiato il modo di leggere le persone. Come è cambiato il modo in cui osserviamo le persone e interpretiamo il loro Linguaggio del Corpo?

David Matsumoto, psicologo e direttore di Humintell, suggerisce che ciò deriva in gran parte dal fatto che gli umani non si sono evoluti per fare comunicazioni “bidimensionali”, come ad esempio attraverso uno schermo di computer. Al contrario, abbiamo evoluto i nostri sensi percettivi per vivere in un mondo tridimensionale e il nostro senso della realtà è fondato su questo fatto.

“Le interazioni si basano sull’essere vivi e di persona. Essere vivi e di persona con qualcuno e interagire con loro è parte di come ci siamo evoluti ed è ciò che abbiamo imparato a fare per tutta la vita”

È vero che quando si comunica digitalmente, la stimolazione visiva del comportamento di una persona o delle sue espressioni facciali è quasi la stessa di essere faccia a faccia, soprattutto dato il livello di tecnologia che abbiamo ora. Inoltre, è presente la tua percezione uditiva (capacità uditiva), poiché puoi sentire chiaramente il tono di voce dell’altra persona. Ma ci sono chiaramente alcune differenze sostanziali tra l’essere dal vivo rispetto al virtuale, tra cui una riduzione della Comunicazione Non Verbale e del comportamento non verbale.

Quali sono alcune di queste differenze?

Differenze di comunicazione tra vita reale e digitale

In un contesto dal vivo quando interagiamo con gli altri, riceviamo quelli che sono chiamati “pacchetti non verbali completi”. Questo pacchetto completo non include solo le espressioni del viso e del viso, ma include anche la voce, i gesti, la postura del corpo, nonché i movimenti di gambe, mani e piedi. Di persona abbiamo anche la capacità aggiuntiva di percepire la distanza tra loro, ascoltare suoni e provare vari odori.

“Anche se siamo in grado di comunicare attraverso queste tecnologie di comunicazione remota, vi è una riduzione generale delle informazioni che possiamo ottenere in modo non verbale”

Praticamente abbiamo molti meno segnali osservabili. Di solito non puoi vedere tutto il corpo e quindi non puoi vedere molti dei movimenti del corpo dalla vita in giù che puoi vedere dal vivo. Ci sono anche più distrazioni: sullo schermo, puoi vedere te stesso e concentrarti su come sembri. Gli sfondi delle persone sono statici e portano alla noia e alla perdita di attenzione. È facile prestare meno attenzione alla persona con cui stai parlando.

A livello digitale c’è anche una grande riduzione dei dati nella capacità di rilevare espressioni sottili del viso. Le impostazioni tridimensionali (3D) sono particolarmente importanti per la lettura dei volti. Le espressioni sono cambiamenti di aspetto che si verificano a causa di modelli di rughe e di come la luce cade su quei contorni delle rughe. Pertanto, la percezione bidimensionale (2D) riduce il numero di stimoli che possiamo osservare per leggere le espressioni facciali delle emozioni.

Quindi la nostra mente è programmata per comprendere meglio le interazioni personali in presenza piuttosto che attraverso uno schermo, il rischio di avere meno ricchezza comunicativa in un incontro virtuale è molto alto. E voi che ne pensate?

Vuoi imparare a comunicare meglio via web e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2020/04/how-has-communication-changed-from-the-covid-19-pandemic/

Coronavirus, relazioni e comunicazione digitale

Nell’era del Coronavirus incontri personali e riunioni di lavoro viaggiano su internet. Quali sono le implicazioni a lungo termine dell’uso esclusivo o predominante di riunioni virtuali?

Rimanere a casa implica una grande riduzione del contatto e dell’interazione umana che normalmente abbiamo nella nostra vita quotidiana, specialmente con una varietà di persone. Probabilmente “vediamo” i nostri familiari e amici meno frequentemente, se non del tutto.

La verità che fa riflettere è che l’attuale quarantena in atto nel mondo, sebbene necessaria, facilita un maggiore isolamento sociale, i cui effetti sono ampi e pervasivi. Queste implicazioni sono maggiori se l’isolamento sociale è più lungo.

Inoltre, il monitoraggio degli effetti psicologici dell’aumento dell’uso della tecnologia mobile e dei social media è stato ampiamente studiato. Lo psicologo Jean Twenge ha scritto un interessante articolo per The Atlantic dal titolo “Gli smartphone hanno distrutto una generazione?”.

“I tassi di depressione e suicidio degli adolescenti sono saliti alle stelle dal 2011. Non è esagerato descrivere le nuove generazioni (“iGen”) come sull’orlo della peggiore crisi di salute mentale degli ultimi decenni. Gran parte di questo deterioramento può essere ricondotto ai loro telefoni”

Poiché è evidente che l’isolamento sociale e il lockdown possono avere ripercussioni estremamente negative, dobbiamo assicurarci di creare anche tempo per avere interazioni umane reali. Questo è positivo non solo per la relazione con gli altri, ma anche per mantenere la nostra salute mentale.

Questioni di contesto

“Vedere i volti delle persone è diverso dal sentire solo l’audio. Tuttavia, è chiaro che anche vedendo i volti delle persone in una riunione remota, è diverso dall’essere in diretta”

Forse il modo più grande in cui la comunicazione digitale ha cambiato il modo in cui interagiamo con gli altri, ha a che fare con il contesto.

Le differenze tra interazioni virtuali e di persona hanno anche a che fare con l’innesco nella nostra mente dell’impostazione o del contesto in cui ci troviamo. In ogni interazione, c’è una contestualizzazione che avviene nella nostra testa che ci prepara ad essere più sensibili a certe cose.

Dall’età di pochi mesi, le regole sociali e culturali sono tutte contestualizzate e trasmesse attraverso contesti specifici. Tutti in tutto il mondo imparano le regole su come comportarsi, come pensare, come sentire, come agire da quando siamo bambini. Questo fenomeno viene chiamato “inculturazione”.

Quando siamo adulti, i nostri due contesti principali sono in genere lavoro e casa. Impariamo a pensare in modo diverso, agire in modo diverso e interagire con le persone in modo diverso in quei contesti. Ma ora che il lavoro è a casa nostra, è facile essere confusi. Abbiamo una mentalità diversa e tutte le nostre reti neurali che legano insieme il nostro apprendimento, il pensiero e i sentimenti sono disgiunti. Vi è una mancanza di profondità dei segnali visivi e una mancanza di profondità dell’elaborazione cognitiva.

L’assenza di un contesto preciso, la mancanza di reale contatto umano e di Comunicazione Non Verbale rendono più difficile la comunicazione digitale. Come viviamo e vivremo nel futuro questi cambiamenti nella comunicazione umana? E voi che ne pensate?

Vuoi imparare a comunicare meglio via web e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2020/04/how-has-communication-changed-from-the-covid-19-pandemic/

“Strategia Digital & Smart (o remote) Working” – Webinar (21-05-2020)

Gli strumenti e le metodologie per gestire al meglio il cambiamento e costruire nuove opportunità (in Smart working)

Informazioni sull’evento

Un Webinar per comprendere e pianificare le azioni giuste e avere sotto controllo il digitale in modo veramente competitivo.

– Stiamo lavorando veramente in modo smart o semplicemente in remote working?

-Cosa potremmo fare diversamente per lavorare in modo più efficiente?

-Cosa è cambiato che dovrebbe farci ripensare la nostra Digital Strategy?

– Come dovrebbe cambiare la nostra strategia?

Se volete una risposta a queste domande, e se vi interessa approfondire il tema della Digital Strategy e metodologie collaborative, siete invitati al Webinar Gratuito “Strategie Digital e Smart (o Remote) Working”, giovedì 21 maggio alle 17.

A chi è rivolto:
Board e primi riporti di funzione, Dirigenti, Marketing Manager di aziende operanti sia nel B2B che nel B2C.

Obiettivi:
Comprendere come adattare la propria Digital Strategy al momento attuale. Trovare la soluzione chiave per affrontare correttamente l’emergenza, sperimentando nuovi metodi per lavorare insieme, a distanza, in modo collaborativo.

Organizzatori:
Innovation People, The Innovation Digital Agency

Società di consulenza specializzata in Strategie di Digital Marketing e Comunicazione, fondata da ex Manager Yahoo ed Oracle, con alle spalle una lunga esperienza nel settore.

Speakers:
Enrica Fantoni

Esperta di Digital Marketing e Business Innovation Manager con oltre 15 anni di esperienza, ha lavorato in Yahoo e, nel 2015, ha fondato Innovation People, The Innovation Digital Agency.

Andrea Guida

Esperto internazionale di CO-design e System Leadership, ha lavorato tra le tante organizzazioni per il World Economic Forum, Airbus e la Oxford University

Ospite:
Francesco di Fant

Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna – Scrittore, Speaker, Consulente e Formatore

Il webinar è gratuito ma i posti sono limitati. Se volete assicurarvi un posto, iscrivetevi al più presto!

https://www.eventbrite.it/e/registrazione-strategie-digital-e-smart-o-remote-working-webinar-gratuito-104735181748

https://www.eventbrite.it/e/registrazione-strategie-digital-e-smart-o-remote-working-webinar-gratuito-104735181748

COVID-19, Comunicazione remota e Linguaggio del Corpo

Siamo tutti di fronte a una sfida senza precedenti per quanto riguarda la pandemia di Coronavirus. Di conseguenza, anche la comunicazione è cambiata.

Quando non è possibile incontrarsi di persona e comunicare da dietro una mascherina, incontri faccia a faccia, interviste e trattative si svolgono virtualmente o per telefono. I servizi di videoconferenza basati su cloud, hanno visto moltiplicarsi gli utenti quotidiani nelle ultime settimane.

In che modo questo passaggio dalla comunicazione personale a quella digitale ha cambiato il modo in cui leggiamo le persone e il loro Linguaggio del Corpo? Vista la perdita di segnali contestuali e non verbali nelle riunioni virtuali, quali sono alcuni suggerimenti su come avere una comunicazione più efficace?

Suggerimenti per una comunicazione remota efficace

Molti di noi stanno attualmente cercando di trovare un equilibrio mentre lavorano da casa. Quali sono alcuni suggerimenti per avere una comunicazione virtuale più efficace?

– Creare un contesto favorevole per riunioni di lavoro

Se possibile, ritaglia uno spazio di lavoro fisico a casa e tratta quello spazio come faresti con un ambiente di lavoro. Se hai una riunione, vestiti come se stessi andando a una riunione. Il contesto conta nella comunicazione!

– Controlla il tuo aspetto

Ora che possiamo vederci sullo schermo, è bello sapere come appariamo. Guarda come sembri prima dell’incontro; controlla l’angolazione della tua fotocamera. Controlla lo sfondo, i suoni e le luci per assicurarti che sia appropriato.

– Rimani concentrato sull’interazione

È facile distrarsi e pensare che gli altri non prestino attenzione

– Usa segnali non verbali per confermare la comprensione

Usa segnali non verbali – volto e voce – insieme al contenuto verbale per confermare che stai comprendendo. Queste riunioni remote potrebbero richiedere più tempo e potrebbe essere necessario compiere ulteriori sforzi per assicurarci di essere tutti allineati. Fai domande e conferma la comprensione anche verbalmente. Le incomprensioni possono avere conseguenze disastrose.

– Registra e osservati

Se il tuo servizio consente la registrazione delle tue interazioni, controlla come ti comporti durante una videochiamata. È una grande esperienza di apprendimento rivedersi dall’esterno.

Le differenze tra comunicazione personale e virtuale sono pervasive e dobbiamo essere realistici sulle nostre aspettative e capire che ci sarà una riduzione della Comunicazione Non Verbale e del comportamento non verbale.

Tuttavia, dobbiamo anche capire che la nostra situazione attuale è temporanea. Con pazienza e comprensione supereremo queste sfide senza precedenti! E voi che ne pensate?

Vuoi imparare a comunicare meglio via web e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2020/04/how-has-communication-changed-from-the-covid-19-pandemic/

Come leggere le espressioni facciali con la mascherina

Come possiamo identificare le espressioni del viso e l’inganno quando le persone indossano mascherine?

È vero che quando le persone indossano delle mascherine, la quantità di segnali visivi che abbiamo (la superficie osservabile del viso) è notevolmente ridotta.

Ma non tutte le maschere sono uguali. Alcune coprono l’intera area della bocca e delle labbra mentre altri hanno una gamma più piccola. Quindi c’è una certa variabilità.

Indipendentemente dal tipo di mascherina, quello che puoi sempre vedere è l’area sopra il naso. Alcune persone possono avere le loro maschere proprio sopra il naso, altre le poggiano sulla punta del naso, ma è possibile quasi sempre vedere sopra il naso.

Quelli di voi che sono allenati a leggere le espressioni facciali delle emozioni, sanno che ci sono molte cose che accadono nella metà superiore del viso. Chiaramente non puoi vedere la zona della bocca, ma puoi ancora raccogliere indizi nella parte superiore del viso.

Quali espressioni facciali si possono vedere?

– Le rughe del disgusto sono visibili tra gli occhi nella parte superiore del naso.

– È visibile il sollevamento delle palpebre superiori nella paura o nella sorpresa (soprattutto nella paura)

– Puoi vedere i movimenti delle sopracciglia alzate e degli occhi spalancati tipici della sorpresa

– Puoi anche vedere gli angoli interni delle sopracciglia che salgono nella tristezza o angoscia

Quindi, anche se non siamo in grado di vedere l’intero viso, ci sono segnali che possiamo analizzare. Ovviamente, dobbiamo essere concentrati nell’osservare questi segnali o rischiamo di non riconoscerli, specie se vengono effettuati in modo veloce.

Se la mascherina è un po’ più stretta sul viso, anche se non riesci a vedere esattamente cosa sta succedendo ai lati della bocca puoi ancora vedere alcuni cambiamenti di aspetto accanto alle labbra. Quindi puoi ancora capire se la persona mostra un sorriso o se mostra disprezzo. Anche questi sono segnali importanti che possiamo ottenere.

Quindi anche se qualcuno indossa una mascherina, è possibile raccogliere diversi segnali di emozione sul viso.

E’ notizia di questi giorni dell’invenzione di una mascherina chirurgica con la parte della bocca creata con materiale trasparente per permettere di osservare i segnali di emozioni sulla bocca. Un segnale della riscoperta dell’importanza di un sorriso in questo periodo difficile? E voi che ne pensate?

Vuoi imparare a leggere le espressioni facciali delle emozioni anche se è coperta una parte del viso? Vuoi conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2020/04/how-to-read-facial-expressions-of-emotion-when-people-are-wearing-masks/

Coronavirus e MES: la rabbia di Conte contro Salvini e Meloni

Quando è troppo è troppo: Conte demolisce in diretta nazionale le bugie di Salvini e Meloni

Ieri sera nella conferenza stampa in diretta nazionale il premier Giuseppe Conte ha perso la sua naturale calma ed eleganza e si è concesso 2 minuti di rabbia spontanea (e forse anche in parte trattenuta) di fronte a milioni di telespettatori – in un momento mediatico ormai considerato “sacro” per la nazione – accusando apertamente Matteo Salvini e Giorgia Meloni di indebolire il paese, in piena crisi Coronavirus, con le loro irresponsabili menzogne per racimolare qualche voto.

Mentre le destre di tutto il mondo soffiano sul fuoco del COVID-19 per alimentare sovranismi e scontento popolare sperando anche in ribaltoni governativi, in Italia il gusto per le fake news diventa più che allarmante quando a mentire spudoratamente sono dei politici di rilievo come Salvini e Meloni.

Salvini e Meloni sono accusati di aver hanno diffuso notizie false a proposito del MES (Meccanismo Europeo di Stabilità: il dibattuto “fondo salva-Stati” europeo) creando allarme e disinformazione. Purtroppo non è la prima volta che certi personaggi politici preferiscono fare propaganda elettorale e terrorismo nei confronti dei cittadini piuttosto che essere al servizio di questi ultimi, specialmente in questi giorni di crisi globale.

Un politico che viene sconfessato in diretta nazionale dal premier non si vede tutti i giorni, quando I politici impallinati sono 2 la notizia è ancora più grande. Conte ha sbugiardato in diretta Salvini e Meloni a proposito delle loro affermazioni menzognere a proposito di presunti accordi segreti sul MES (mai avvenuti) siglati dal governo col “favore delle tenebre” (citando le parole più accalorate del premier Conte).

Per un politico, avere addosso l’etichetta del bugiardo e dell’agitatore di folle è sicuramente il peggior biglietto da visita per avere ancora credibilità nel dibattito politico italiano e internazionale.

Come esprime la rabbia il Linguaggio del Corpo di Conte?

Quando parla delle menzogne di Salvini e Meloni Conte manifesta una grande energia nella voce e nei gesti. Prima di iniziare il suo attacco Conte poggia la mano sinistra sul bracciolo della sedia, questo gesto indica sia la volontà di occupare più spazio col corpo e apparire più minaccioso sia la ricerca di un punto di appoggio, un trampolino (il bracciolo) prima di “tuffarsi” nella sua invettiva verbale.

Passa dai gesti effettuati in modo circolare (che usa spesso per indicare unità e collaborazione) a gesti lineari per colpire ed essere incisivo e diretto verso chi sta accusando.

È ben visibile il dito indice puntato e agitato con forza che indica con veemenza la telecamera “bacchettando” virtualmente i politici ritenuti bugiardi.

La voce ha un cambiamento netto: diventa più cadenzata, secca con un aumento deciso del volume. Anche nel viso possiamo osservare diversi segnali universali dell’espressione della rabbia: lo sguardo fisso e cupo, gli occhi socchiusi con le palpebre tese, le sopracciglia abbassate a formare una “V” e la bocca squadrata.

E voi cosa ne pensate di questa vicenda?

Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

Vuoi imparare a riconoscere le emozioni e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

L’abbraccio all’Italia contro il Coronavirus

L’abbraccio dell’infermiera che culla l’Italia è uno dei simboli della guerra al Coronavirus nel nostro paese. Nel Linguaggio del Corpo l’abbraccio è un gesto di supporto molto potente.

Questa immagine, che sta facendo il giro del web, è diventata icona di civiltà, impegno e sostegno in un momento difficile per l’Italia e il mondo intero, con medici e operatori sanitari chiamati in prima linea a gestire un’emergenza sanitaria mai vissuta prima.

Nella nostra nazione, e non solo, sono in atto misure stringenti che limitano gli spostamenti delle persone e che invitano a rimanere a casa per contenere la pandemia del Coronavirus. Si vive ogni giorno con il triste bollettino dei morti, con la preoccupazione per la salute di tutti e per gli ingenti danni all’economia nazionale e globale.

Cosa rappresenta l’abbraccio nella Comunicazione Non Verbale?

L’abbraccio è una forma di contatto tipica degli esseri umani e tra molte specie animali, è un gesto manipolatorio con cui il nostro corpo entra in contatto con un’altra persona, questo tipo di gesti sono comunemente usati per alleviare l’ansia e cercare supporto. Sin da bambino l’essere umano impara il potere affettivo ed empatico dell’abbraccio.

Gli abbracci si effettuano con un movimento circolare, i gesti compiuti in modo circolare comunicano collaborazione, disponibilità all’ascolto e all’incontro.

Con l’abbraccio c’è una “distanza zero” nella prossemica, nello spazio tra i corpi: un contatto totale con l’altro a livello corporeo e, soprattutto, psicologico. L’abbraccio è potente poiché implica il contatto di buona parte della nostra superficie corporea con l’altro: braccia, gran parte del busto e una parte del viso.

Abbracci e Ossitocina: ormone di amore e benessere

L’effetto dell’abbraccio sul benessere fisico e psicologico è enorme, stimola ossitocina, rafforza il sistema immunitario,abbassa la pressione del sangue, ha un effetto antidolorifico, riduce tristezza e stress più di una carezza o di un bacio. A volte basta abbracciare qualcuno per placare ansia o stati depressivi.

L’ossitocina, il cosiddetto ormone dell’amore e del benessere, contribuisce anche alla produzione di serotonina e dopamina; tutto ciò ha diversi effetti positivi:fisici, psicologici, emotivi esociali.

Quando il nostro organismo produce ossitocina, l’amigdala innesca delle reazioni che si concretizzano in un atteggiamento più positivo verso la vita e in un comportamento più tranquillo e generoso.

In questi giorni di isolamento forzato in cui la nostra socialità esiste quasi solamente via telefono e su internet, riscoprire il potere di un abbraccio con le persone vicine – sia esso fisico o virtuale – può essere un’arma in più per darci reciproco supporto in questa guerra contro il Coronavirus.

In un articolo precedente ho scritto della paura del virus e dell’aumento della distanza personale nei primi giorni del contagio globale, ora questa distanza è aumentata al punto da farci coscienziosamente stare a casa e rimanere vicino alla persone con cui conviviamo.

L’abbraccio fonde due persone in una cosa sola, le sintonizza in modo armonico. L’abbraccio produce una forte risposta emotiva; in un mondo in cui il contatto fisico è ridotto al minimo, stiamo perdendo l’abitudine a toccare ed essere toccati.

Forse è arrivato il momento di riscoprire il vero potere dell’abbraccio in questi giorni difficili.

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

Vuoi conoscere il Linguaggio del Corpo per migliorare le tue relazioni e facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Coronavirus e Linguaggio del Corpo della paura

Il noto Coronavirus (COVID-19) è un virus molto contagioso partito dalla Cina che si è diffuso a livello globale, cambiando le abitudini di vita di moltissime persone

L’impatto del virus ha avuto diversi effetti negativi – oltre alle morti dei soggetti più a rischio – sull’economia e sulla popolazione: confusione e paura, spostamenti di persone e merci limitati, contatti fisici da evitare, manifestazioni e aggregazioni pubbliche sospese in luoghi di divertimento, di lavoro, di formazione e di culto. Inoltre, nel tentativo di limitare i possibili focolai del contagio del virus, la quarantena rende le cose ancora più difficili nelle zone più colpite dal Coronavirus.

L’ondata di caos e paura sembra essere diventata uno tsunami a livello mondiale, come riconoscere la paura di chi ci è vicino leggendo il Linguaggio del Corpo? Diamo questi e altri utili consigli sulla Comunicazione Non Verbale che possono risultare utili in questo periodo di confusione dovuto al virus.

Nella Comunicazione Non Verbale i segnali della paura nell’espressione del viso sono i seguenti: sopracciglia sollevate e ravvicinate, rughe centrali sulla fronte, palpebra superiore sollevata con quella inferiore contratta e sollevata, bocca aperta e labbra tese o stirate all’indietro.

Inoltre la paura può manifestarsi con l’immobilizzazione del corpo, la cosiddetta tanatosi.

Quali sono i segnali della tanatosi nell’essere umano? Le manifestazioni tipiche sono: rigidità del collo e degli arti, tendenza a spostare la testa o il corpo all’indietro, sguardo evitato o fisso sull’altro per controllarlo. Inoltre in caso di forte tensione è possibile che una persona immobile arrivi anche a trattenere il respiro per diversi secondi.

Insieme alla paura del Coronavirus, è possibile vedere anche espressioni legate all’emozione del disgusto. Il disgusto si manifesta con la chiusura degli organi di senso (occhi, bocca, naso) con le labbra sollevate col labbro inferiore premuto contro quello superiore, il naso arricciato, le guance sollevate, le sopracciglia abbassate con le palpebre che si stringono fino a chiudere gli occhi.

Altri segnali legati alla paura possono essere i segnali di barriera: capita di proteggere il proprio corpo con degli oggetti (es. giornali, borse) – oltre alla classica mascherina usata in questi giorni – oppure esistono dei gesti di barriera che proteggono il corpo come uno scudo come le braccia e le gambe incrociate.

Inoltre le indicazioni per limitare il contagio del Coronavirus prevedono di evitare il più possibile il contatto fisico e di rimanere a distanza di sicurezza, quindi sarà normale osservare un aumento della distanza prossemica tra le persone, passando dalla sfera personale (1 mt) a quella sociale (1-3 mt) anche nella relazione con amici e familiari.

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

Vuoi saper riconoscere la paura e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.