Braccia incrociate: 9 verità svelano un mito sul Linguaggio del Corpo

Se incroci le braccia, ti difendi dagli altri e invii un messaggio negativo. Ma è sempre vero?

Lascia che ti informi ora che non lo è. È un malinteso semplicistico, simile ad altri miti, come l’idea che se distogli lo sguardo, stai mentendo. Esaminiamo un po’ più da vicino il comportamento di incrociare le braccia, spesso diffamato, poco compreso, ma molto utile, e vediamo se possiamo aggiungere un po’ di chiarezza:

Auto-abbraccio. Probabilmente avrai notato che si incrociano le braccia più frequentemente in pubblico che in privato. In un certo senso, è come un abbraccio di se stessi – ed è confortante in quel momento. Lo facciamo ascoltando un oratore o aspettando che inizi una presentazione. Ovviamente non stiamo cercando di tenere lontano nessuno; stiamo solo contribuendo al nostro conforto. Ecco perché lo facciamo nella maggior parte dei casi. Chiedi a qualcuno in un pubblico con le braccia incrociate se sono a loro agio e probabilmente diranno di sì, perché lo sono davvero.

Alleviare lo stress. Quando siamo stressati, riceviamo conforto incrociando le braccia attraverso il busto in modo da poter raggiungere e massaggiare le braccia con le mani opposte. Questo comportamento, che aiuta a calmarci, ha lo stesso scopo di strizzarci le mani. Ancora una volta, questo non è un comportamento bloccante, ma comunica a un osservatore che esiste una sorta di ansia, il che spiega perché gli insegnanti lo vedono nei giorni degli esami.

Mascherare insicurezza. Le persone che si sentono insicure possono incrociare le braccia per non sentirsi troppo esposte. Nel suo famoso dibattito presidenziale del 1960, Richard Nixon incrociava le braccia quando parlava con John F. Kennedy fuori onda, forse perché, come notò il suo biografo, Nixon si sentì sempre insicuro nei confronti dei “tipi dell’elite”, anche se era vice presidente al tempo e aveva una statura internazionale.

Ansia e paura. A proposito di insicurezza, quando abbiamo paura o proviamo un’ansia elevata, incrociare le braccia può essere una risposta a quell’angoscia. L’incrocio delle braccia può essere unito a frequenti toccamenti del collo o coprendo con le braccia lo spazio vicino al collo. Il contatto con il collo è indicativo di tensione, ansia, insicurezza o angoscia emotiva: una persona inizia con le braccia incrociate, poi libera una mano per toccarlo, poi ritorna sul busto.

Mirroring. Cosa succede tra due uomini che hanno entrambe le braccia incrociate, ciascuna appoggiata a un muro con una spalla e con le gambe incrociate allo stesso modo? C’è un conflitto tra i due? La risposta è no. Il fatto che si stiano rispecchiando a vicenda, con le braccia e le gambe incrociate, dice che tra loro va tutto bene. In particolare incrociamo le gambe – mettendoci in equilibrio – quando ci sentiamo abbastanza a nostro agio con un’altra persona. Allora perché le loro braccia sono incrociate? Semplicemente perché sono comodi e focalizzati su un argomento.

Autocontrollo o frustrazione. Non c’è dubbio, usiamo le braccia incrociate quando siamo arrabbiati, ma questo è principalmente una forma di autocontrollo ed è usata, ancora una volta, per confortarci. I bambini lo fanno sempre. Quando viene chiesto loro di fare qualcosa che non vogliono fare, incrociano le braccia, a volte stringono i pugni, stringono forte il busto, quasi come se avessero una giacca dritta. Serve a comunicare in molti modi, in modo molto vivido, come si sentono, senza dire una parola. Si vedono uomini adulti comportarsi in modo simile: le loro braccia incrociate strettamente con le mani a pugno, i loro volti arrabbiati, trattenendosi perché erano arrabbiati. Ma ancora una volta, questo non è un comportamento bloccante; è un comportamento autosufficiente.

Postura di potere. Gli uomini, in particolare, usano la posa delle braccia incrociate per apparire più grandi, ma anche alcune donne lo fanno. I buttafuori nei club lo fanno sempre, così come altri uomini che sentono il bisogno di intimidire gli altri. In ogni caso, come con molti comportamenti dei primati che ci fanno sembrare più grandi, questo comunica che c’è un problema e si è abbastanza grandi da gestirlo. Superman è spesso raffigurato in questa posa, ed è interessante notare che la impiega anche la nuova statua di Martin Luther King Jr. a Washington DC. Nei cortili scolastici, questa è quella che gli insegnanti purtroppo chiamano “la posa del bullo”.

Isolamento. Ogni tanto ti imbatti in qualcuno che è semplicemente odioso, e vuoi creare una distanza, se non altro per isolarti. Oltre che allontanarsi fisicamente, le braccia incrociate possono aiutare a creare una barriera psicologica e fisica.

Fa freddo. A volte la spiegazione è quella più semplice: ammettiamolo, a volte incrociamo le braccia solo perché fa freddo …

Quindi, incrociare le braccia dà una brutta impressione? Dipende. Gli studi dimostrano che le persone si sentono un po ‘più distanti quando incrociano le braccia, ma ciò è più probabile se gli altri sono estranei. Se si è con amici o colleghi, non si valuta come un comportamento di blocco; in effetti, molte persone incrociano le braccia mostrando interesse e quando sono seriamente impegnati su un argomento.

Questo potrebbe spiegare perché vediamo questo comportamento così spesso tra coloro che lavorano regolarmente insieme ma hanno affari importanti da discutere. Lo vedremo tra i politici, così come negli ospedali tra i medici che si consultano nel corridoio. Penso che importi davvero se le persone si conoscano o meno. Esistono altri comportamenti più accoglienti che incrociare le braccia, ma dobbiamo anche riconoscere che non è sempre un comportamento bloccante.

Quando studiamo un comportamento non verbale, dobbiamo considerare il contesto, l’ambiente e tutti i comportamenti che vediamo, non solo uno. Ciò significa leggere tutto il corpo, dalla testa ai piedi. Sfortunatamente, i miti sulla Comunicazione Non Verbale abbondano e incrociare le braccia troppo spesso viene erroneamente visto come un comportamento di blocco quando in realtà ci possono essere una varietà di ragioni per questo.

Quindi la prossima volta che vedrai questo comportamento, non essere sorpreso se la persona si sta semplicemente rilassando.

Vuoi sapere come interpretare correttamente il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.jnforensics.com/post/9-truths-exposing-a-myth-about-body-language

Comportamenti particolari delle mani

Quando le dita gridano: “Sto lottando!”

Per molti lettori, quando si tratta di Linguaggio del Corpo, l’attenzione va principalmente sul viso. Ma per da capire davvero gli altri, specialmente a distanza, è importante non dimenticare le mani. Le nostre mani esprimono in modo forte i nostri sentimenti – se ne dubiti, esamina come tocchiamo le cose a cui teniamo e quelle che amiamo. Al contrario, osserva come usiamo le mani per lisciare i nostri vestiti, farci aria o massaggiarle insieme quando siamo leggermente ansiosi.

Ci sono due comportamenti delle mani piuttosto interessanti perché esistono pochi studi in merito e, il più delle volte, si osservano solo quando qualcuno è in difficoltà o ha difficoltà con qualcosa di emotivo. Poiché di solito non vediamo questi due comportamenti utilizzati, li possiamo definire come comportamenti particolari (o riservati). In altre parole, li usiamo in modo particolare, riservato a quando le cose sono particolarmente difficili.

Il primo è il comportamento più familiare che io chiamo “Dita intrecciate a tenda”. Le dita sono intrecciate (i palmi rivolti l’uno verso l’altro), ma piuttosto che premute come in preghiera, o come quando ci stringiamo le mani, in questo caso le dita rimangono molto rigide. Le dita possono mantenere momentaneamente questa posizione o scivoleranno lentamente (e questa è una distinzione importante) avanti e indietro rimanendo strettamente intrecciate.

Questo è stato osservato quando qualcuno sta lottando per avere ragione in una conversazione, o quando si ha qualcosa da dire che ha conseguenze molto negative. Spesso questo gesto si vede al lavoro quando qualcuno deve dire al capo che qualcosa è andato storto e anche nella terapia di coppia quando l’uno o l’altro partner sta raccontando qualcosa di doloroso.

Il secondo comportamento è simile, ma un po ‘più contorto, poiché le dita sono ancora una volta intrecciate, ma i palmi questa volta sono rivolti verso l’alto. Questa è una variante estrema dell’intrecciamento delle dita per scaricare lo stress. In questo gesto la persona tiene le mani in alto e intreccia le dita, quindi i pollici sono rivolti in avanti.

Provalo e noterai quanto sia strano tenere le mani in questo modo, eppure, se osservi bene le mani altrui, lo vedrai abbastanza spesso quando succede qualcosa di angosciante.

Perché agiamo questi comportamenti? Si ipotizza che l’intrecciamento delle dita aumenti la superficie dei nervi digitali, molto sensibili, che normalmente utilizziamo per sentire e percepire, questo funge da carezza tattile per liberare lo stress.

La contorsione aggiuntiva delle mani e delle dita quando i palmi sono rivolti verso l’alto sollecita i muscoli, le articolazioni e i tendini delle dita, tale contorsione sembra fornire ancora più stimoli tattili. Ciò, a sua volta, serve ad alleviare lo stress in situazioni altamente cariche dal punto di vista emotivo.

Quindi, mentre tutti gli altri cercano da vicino quelle tanto decantate ma altamente sfuggenti “micro-espressioni”, puoi fare alcune osservazioni molto accurate anche a 10 metri di distanza.

Vuoi sapere come interpretare il Linguaggio del Corpo delle mani e facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.psychologytoday.com/intl/blog/spycatcher/201906/reserved-behaviors-the-hands

Braccia incrociate nella Comunicazione Non Verbale – Copia Originale

 

Incrociare le braccia è un gesto che può avere diversi significati, anche contrastanti. Quali sono? Come possono essere interpretati dalla Comunicazione Non Verbale?

Innanzitutto è utile verificare la posizione del bacino, se è spostato in avanti è probabile che sia una posizione di relax, infatti il bacino in avanti fa da appoggio per le braccia incrociate scaricandone il peso. Con le braccia incrociate per il freddo, invece, le mani vanno spesso a finire sotto le ascelle per scaldarsi.

Incrociare le braccia può essere un segnale di barriera quando il bacino non è spostato in avanti e la postura del corpo è rigida. Incrociare le braccia col busto o la testa spostati all’indietro segnala una chiusura ancora più forte, quasi un accenno di fuga.

Incrociare le braccia con le gambe larghe e il mento in alto indica aggressività; le braccia proteggono il busto da uno scontro, le gambe comunicano fermezza e il mento superiorità.

Si possono incrociare le braccia anche per concentrarsi e riflettere meglio, il corpo si “chiude” per minimizzare le distrazioni presenti nell’ambiente, altri gesti come stringere gli occhi e guardare in basso rinforzano tale postura che aiuta la concentrazione.

Alcuni studi statunitensi hanno inoltre evidenziato che incrociare le braccia rende meno credibili agli occhi altrui, inoltre compromette la propria capacità di ascolto e aumenta il pensieri negativi nei confronti dell’interlocutore, attenzione quindi a non incrociare le braccia in momenti poco opportuni!

 

Francesco Di Fant

https://www.copiaoriginale.it/post/braccia-incrociate-comunicazione-non-verbale

Gambe incrociate e Linguaggio del Corpo – Copia Originale

 

Incrociare o accavallare le gambe, oltre a stare comodi, può avere diversi significati nel Linguaggio del Corpo, quali possono essere?

Uno di questi è la seduzione. le donne accavallano le gambe per calamitare l’attenzione dell’altro sesso. Un elemento chiave in questo movimento è la velocità, se fatto lentamente stimola maggiormente l’interesse altrui.
Bisogna fare attenzione alla direzione dell’accavallamento: se avviene in direzione opposta all’interlocutore potrebbe anche funzionare da barriera; se invece l’accavallamento viene fatto verso l’interlocutore è probabile che esprima apertura.

Incrociare le gambe può essere un segnale di barriera (una difesa per le parti più sensibili del corpo) ed è utile verificare il grado di chiusura delle gambe. Se il punto dove si incrociano le gambe coincide con la zona inguinale indica il massimo grado di difesa, se l’incrocio è all’altezza del ginocchio o delle caviglie la difesa è più lieve.

Una curiosità sulle gambe incrociate da seduti è la posizione del quattro (diffusa in America e in Occidente), mostrando l’inguine si segnala apertura al dialogo ma può anche dimostrare un atteggiamento competitivo. I nazisti erano addestrati a riconoscere una spia americana con una tale postura delle gambe.

Attenzione però ad accavallare le gambe in pubblico, nella nostra cultura e in diverse culture asiatiche questo gesto può essere considerato offensivo poiché mostra all’altro la suola della scarpa, che viene a contatto con la sporcizia delle strade.

 

Francesco Di Fant

https://www.copiaoriginale.it/post/gambe-incrociate-linguaggio-del-corpo