7 tradizioni internazionali di Capodanno

Il nuovo anno è il momento di ricominciare da capo, augurare buona fortuna e sperare nel successo per il prossimo anno.

Ogni paese ha rituali diversi per accogliere il nuovo anno con il piede giusto. È sempre divertente imparare e acquisire consapevolezza della diversità delle tradizioni e dei costumi.

– 12 chicchi d’uva: quando l’orologio segna mezzanotte alla vigilia di Capodanno, è tradizione per gli spagnoli, i latinoamericani e i filippini mangiare una dozzina di chicchi d’uva. Ogni chicco ha lo scopo di portare fortuna e soldi per ogni mese nel prossimo anno.

– 108 rintocchi di campane: i templi buddisti in Giappone eseguono un rituale fatto di campane allo scoccare della mezzanotte della vigilia di Capodanno. Questa tradizione si chiama Joya no Kane (除夜の鐘). Le campane suonano 108 volte per purificare da tutte le sofferenze e le delusioni dell’anno passato.

– Bruciare il vecchio anno: è normale vedere persone dal Messico all’Uruguay acquistare e poi bruciare spaventapasseri pieni di carta. Questa tradizione rappresenta il bruciare, il lasciarsi andare e la purificazione del vecchio anno.

– Rompere i vecchi piatti: molti danesi mettono da parte i vecchi piatti per lanciarli alla porta di amici e familiari. Più grande è il mucchio di piatti rotti davanti alla tua porta, più amici hai!

– Valigia intorno all’isolato: allo scoccare della mezzanotte di Capodanno, la maggior parte dei latinoamericani corre intorno all’isolato con una valigia sperando in un anno pieno di viaggi.

– Cipolle: per i greci, le cipolle rappresentano fertilità, rinascita e crescita. Pertanto, appenderle all’interno della casa porta benedizioni, salute e longevità. Se appendere una cipolla alla porta non è sufficiente, i genitori picchiettano anche i loro bambini sulla testa con una cipolla il giorno di Capodanno.

– Biancheria intima colorata: sudamericani, spagnoli e italiani sono noti per inaugurare il nuovo anno indossando biancheria intima colorata. Ogni colore ha un significato diverso, quindi scegli con saggezza:

Rosso: amore
Giallo: denaro
Verde: buona fortuna
Blu: buona salute
Bianco: pace e felicità

Anche se non ti consideri superstizioso, acquisire consapevolezza culturale delle diverse tradizioni seguite in tutto il mondo è un modo divertente di vedere la diversità. Cercare di seguire alcune di queste tradizioni può diventare un’esperienza unica di Capodanno.

Suggerimento professionale: non indossare biancheria intima nera, porta sfortuna.

Vuoi sapere come interpretare il Linguaggio del Corpo nelle diverse culture per facilitare i tuoi viaggi e la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto dal sito: https://www.protocolww.com/7-international-new-years-eve-traditions/

Disprezzo e politica – David Matsumoto

Le emozioni modellano gran parte della nostra vita, quindi ha senso che possano influenzare anche il modo in cui gestiamo le discussioni politiche.

Nella sua rubrica sul New York Times, Arthur Brooks affronta la difficile questione della polarizzazione politica. Una grande quantità di borse di studio in scienze politiche ha cercato di esaminare come gli atteggiamenti delle persone verso la politica si stiano allontanando sempre di più tra loro e cosa significhi per i partiti lavorare insieme. Mentre la maggior parte degli studiosi si concentra su valori culturali, interessi economici o altre opinioni politiche, Brooks suggerisce che è molto più semplice: proviamo disprezzo.

L’autore comincia spiegando alcune ricerche recenti sull’asimmetria dell’attribuzione del motivo. Tali ricerche hanno scoperto che tendiamo ad attribuire motivi amorevoli ai nostri alleati politici e motivi odiosi ai nostri nemici, indipendentemente dal nostro partito.

È questa asimmetria che ci consente di sviluppare un profondo senso di disprezzo per l’altro lato. Questo va oltre le preoccupazioni sull’inciviltà e sulla spinta di questa emozione particolarmente potente nelle nostre valutazioni. Il disprezzo, dice, crea una sorta di dipendenza, poiché i social media e le élite politiche la sfruttano per demonizzare l’opposizione politica e rendere impossibile il compromesso.

Il disprezzo non solo rende difficile il compromesso, ma può anche renderci profondamente infelici. L’American Psychological Association ha scoperto che le esperienze di disprezzo possono far sentire gli individui respinti dai loro coetanei, causando ansia e depressione.

La maggior parte delle persone non vuole sentirsi così. La maggior parte dei sondaggi rileva che le maggioranze forti vogliono un disaccordo e un compromesso civili, piuttosto che ostilità e disprezzo.

La diagnosi di disprezzo di Brooks come fonte di molti mali politici non è priva di prove. Come abbiamo scritto qualche tempo fa, il disprezzo, insieme alla rabbia e al disgusto, può prevedere la violenza politica e di gruppo. Uno dei primi passi nella disumanizzazione dei gruppi esterni è la coltivazione di un sentimento di disprezzo verso quel gruppo.

Il disprezzo è profondamente radicato rispetto ad altre persone, e spesso nasce dalla valutazione che gli altri sono inferiori in una gerarchia e privi di uno status rispettabile. Questo può tradursi nel fatto che quella persona sia percepita come cattiva, disgustosa o non degna di considerazione morale.

Brooks osserva che un modo in cui il disprezzo può modellare le nostre interazioni politiche è il modo in cui ha sempre più eroso le amicizie. Sostiene che 1 americano su 6 ha smesso di parlare con un amico o un familiare durante la campagna presidenziale del 2016.

Se questo è a causa del disprezzo, non è la prima volta che il disprezzo ha ucciso una relazione. In effetti, il Dr. John Gottman, un rinomato esperto di emozioni e relazioni, descrisse il disprezzo come uno dei “quattro cavalieri” dell’apocalisse delle relazioni.

Meglio leggere il Linguaggio del Corpo – David Matsumoto

Spesso ci siamo concentrati sulle microespressioni, leggere le persone però spesso dipende dall’identificare anche il resto del loro Linguaggio del Corpo.

Il dottor David Matsumoto di Humintell ha svolto un lavoro entusiasmante sul ruolo del linguaggio del corpo nella comunicazione umana e sul modo in cui modelli simili abbracciano le culture. Come abbiamo notato, è necessario distinguere le espressioni universali da quelle che si differenziano in base alla cultura e, a questo proposito, il linguaggio del corpo non è diverso.

Un recente articolo su Discover Magazine ha approfondito alcuni dei lavori passati del dottor Matsumoto sul linguaggio del corpo e sulla postura. Nello specifico, l’autrice Teal Burrell ha discusso il lavoro di Matsumoto sulle posture degli atleti paralimpici e ciechi di tutto il mondo. Questa ricerca ha rilevato che, indipendentemente dalla vista, gli atleti vittoriosi hanno costantemente assunto la stessa posizione di trionfo.

Pur dimostrando con forza gli elementi universali attraverso le culture, questa stessa ricerca ha anche indicato il ruolo della cultura. Ad esempio, gli atleti sconfitti spesso scrollano le spalle per la vergogna, ma questo è meno comune per coloro che provengono da culture che scoraggiano manifestazioni esteriori di vergogna. Tuttavia, atleti ciechi provenienti da quegli stessi paesi hanno scrollato le spalle indipendentemente dalla cultura.

Questo aiuta a mostrare sia la tendenza a scrollare le spalle per la vergogna, ma anche la capacità della cultura di insegnare alle persone a evitare quella forma di espressione.

La ricerca del dottor Matsumoto sottolinea l’importanza del linguaggio del corpo nel comprendere le persone e la cultura che le influenza. Possiamo anche sfruttare il nostro linguaggio del corpo per avere un impatto positivo sul nostro umore.

Ad esempio, sorridere può aiutare a ridurre il nostro livello di stress, mentre le cosiddette “posture di potere” possono migliorare la nostra fiducia. Una postura di potere, come abbiamo scritto in precedenza, è quando il petto è spinto in fuori con le mani che poggiano sui fianchi, in un modo che Burrell descrive giustamente come una posa alla “Wonder Woman”. La ricerca sulle posizioni di potere indica che esse conducono a un grande senso di potere, ma tali correlazioni ancora non sono del tutto verificate.

Il linguaggio del corpo non consiste solo nel cambiare il modo in cui ci sentiamo, ma può anche modellare la percezione che le persone hanno di noi. Il contatto visivo, sebbene non sia sempre un indicatore di inganno, aiuta a promuovere una percezione di fiducia. Allo stesso modo, una postura simile a quella dell’altro e le espressioni facciali aiutano a mostrare che stiamo ascoltando e che siamo empatici.

Questo aiuta a mostrare quanto sia importante per noi il linguaggio del corpo, ma come per molte espressioni universali gli esseri umani non sono i soli a usare tali strumenti comunicativi. Infatti, Burrell sottolinea come il linguaggio corporeo sia critico per le api per comunicare, e simili tipi di danze comunicative sono presenti tra i pesci. Allo stesso modo, i corvi – altamente intelligenti – usano i loro becchi per indicare e gesticolare, aiutando a formare legami interpersonali.

Comprendere quanto sia universale e potente il linguaggio del corpo è tanto importante quanto capire come viene mediato dalla cultura. Con una migliore comprensione di entrambi questi aspetti del comportamento, possiamo imparare come leggere meglio le persone e comunicare efficacemente.

Sorrisi “russi”? – David Matsumoto

È quasi un cliché, anche tra i russi e americani, scherzare sul fatto che i russi sorridano poco. Ma questo riflette diversi livelli di felicità?

Ci sono alcune prove del fatto che i russi siano meno felici degli americani, ma la ricerca attuale suggerisce che ciò non sia dovuto a enormi differenze sottostanti. Invece, ciò può essere spiegato meglio dalle diverse aspettative culturali. Mentre gli americani sono incoraggiati a sorridere in pubblico, i russi sono fortemente scoraggiati dal farlo.

Come spiega il Dr. David Matsumoto di Humintell, i russi, come molte società collettiviste, vivono sotto aspettative più rigide di controllo emotivo. Questo è vero soprattutto con gli estranei, poiché aiuta a sottolineare le differenze tra amici e sconosciuti.

Nonostante il contegno spesso gelido, il Dr. Matsumoto ha sottolineato che ciò non significa che i russi non possano mai essere espressivi. Devi solo conoscerli e aspettare che si aprano.

In effetti, il Dr. Matsumoto ha osservato “Una volta che si bevono bicchierini di vodka insieme, sono più espressivi di chiunque altro”.

Questo può sembrare strano per molti americani, che sono incoraggiati a sorridere nei contesti quotidiani, ma i nostri sorrisi sembrano piuttosto strani ad altre culture! Molti russi possono vedere la nostra espressività come un segno di un atteggiamento ingenuo.

Nel nostro blog poche settimane fa abbiamo discusso di come la cultura giapponese incoraggi i sorrisi in pubblico e con estranei, ma ancora in modi diversi rispetto agli americani. Molte persone dal Giappone possono sorridere per nascondere altre emozioni, piuttosto che esprimere felicità o cordialità. Questo è notevolmente diverso dai russi che manterranno un’espressione neutrale in quei contesti.

Il significato culturale del sorriso – David Matsumoto

Sappiamo che le espressioni sono differenti nelle varie culture, ma l’analisi di come riconosciamo i sorrisi porta questa osservazione in primo piano.

In un importante studio del 1993, il dottor David Matsumoto e il dottor Tsutomu Kudoh di Humintell hanno cercato di esplorare le differenze tra il modo in cui gli americani e i giapponesi esprimono e percepiscono i sorrisi. Ciò rivelerebbe diverse ipotesi culturali ma tale studio è anche riuscito a dimostrare alcune somiglianze potenzialmente inaspettate.

I sorrisi sono oggetti ideali per iniziare questo tipo di lavoro, poiché ci sono molti tipi di sorrisi e tutti rivelano emozioni diverse o servono a funzioni sociali diverse.

Inizialmente, è importante notare che gli americani e i giapponesi, quando sono da soli, tendono a mostrare espressioni molto simili di disgusto, rabbia, paura e tristezza. Questi hanno dimostrato di essere espressioni universali, dopo tutto. Tuttavia, questo non è sempre vero quando gli altri sono presenti nella stanza, come molti partecipanti giapponesi sorrideranno nonostante siano esposti a immagini disgustose o tristi.

Ciò sarebbe spiegato dal fatto che i sorrisi hanno alcune connotazioni negative in Giappone, dove la maturità è vista come radicata nello stoicismo e nella serietà nonostante le emozioni sottostanti. Invece di esprimere gioia, i sorrisi sono spesso usati per questo scopo: nascondere le emozioni sottostanti anziché mostrarle.

A causa dei loro diversi usi, quindi, sarebbe ragionevole pensare che persone di culture diverse leggano in sorrisi in modo diverso. Se siamo abituati a sorridere durante i momenti in cui siamo tristi, sarà meno probabile attribuire la felicità ad altre persone che stanno sorridendo.

Matsumoto e Kudoh hanno cercato di comprendere ulteriormente questo fenomeno esponendo i partecipanti americani e giapponesi a immagini di entrambi i sorrisi e facce neutre. A loro è stato poi chiesto di valutare per ciascun caso l’attrattività, l’intelligenza, la cordialità e la socievolezza. L’obiettivo generale di questo studio era determinare se la cultura partecipante avesse avuto un impatto significativo in queste valutazioni.

A quanto pare, gli americani hanno giudicato i volti sorridenti più intelligenti, americani e giapponesi hanno entrambi giudicato i volti sorridenti più socievoli. Mentre erano d’accordo su quest’ultimo punto, gli americani giudicavano le facce sorridenti molto più socievoli rispetto alle loro controparti giapponesi.

Entrambe queste distinzioni si adattano all’idea che gli americani enfatizzano maggiormente il sorriso nelle interazioni sociali. Gli americani percepirebbero la mancanza di un sorriso da parte di un individuo giapponese come un segno potenzialmente negativo, mentre il giapponese potrebbe fare il contrario.

Eppure, nonostante queste differenze, entrambi i partecipanti hanno giudicato i sorrisi come un elemento attraente. Ciò potrebbe indicare che i sorrisi riflettono le caratteristiche esterne piuttosto che più nozioni interne come socialità e intelligenza.

E’ chiaro che il sorriso è una componente incredibilmente importante per leggere efficacemente le persone, ma dobbiamo analizzarlo con una comprensione delle differenze culturali.

Il nostro bisogno di spazio – Psychology Today

Il nostro bisogno di spazio è personale e culturale e varia di momento in momento.

Da bambino, mi meravigliavo di come gli uccelli migratori scendevano sulle linee elettriche, ognuno apparentemente equidistante l’uno dall’altro, come se sapessero esattamente dove atterrare, mai troppo vicini, ognuno perfettamente distanziato. Non è diverso, forse, per gli umani che aspettano in fila, in apparenza istintivamente, per acquistare un biglietto per il teatro a Broadway – con ogni persona abbastanza vicina all’altra. Forse erano immagini come queste, che tutti abbiamo vissuto, che hanno spinto il grande antropologo Edward T. Hall a studiare come le molte varietà di animali in natura usano lo spazio per l’armonia sociale – questo ha definito lo studio della prossemica.

La prossemica è stata molto utile per comprendere le interazioni sociali, sia che si tratti di bambini che giocano, di colleghi seduti attorno a un tavolo da conferenza, o di quante persone si possono mettere in un ascensore prima che ci sia un alto grado di disagio. Il lavoro di Hall è stato ampiamente citato da sociologi, psicologi, antropologi e persino primatologi, perché abbiamo tutti dei bisogni spaziali. Hall ha notato che ci sono quattro zone di base condivise da noi umani e variano in dimensioni:

  1. Zona pubblica: da 3 metri in poi, utile per parlare in pubblico e riunioni all’aperto
  2. Zona sociale: da 1 metro circa a 3 metri, una buona distanza sociale per le interazioni con i conoscenti
  3. Zona personale: da 50 cm. a 1 metro circa, una distanza confortevole per la famiglia e gli amici intimi
  4. Zona intima: dalla pelle a 50 cm., distanze associate a sussurri, tocco, abbracci, ecc.

Si noti che queste distanze sono approssimazioni e possono variare ampiamente, come nella “zona pubblica” sopra. Ciò che Hall ha anche scoperto è che quando queste distanze spaziali vengono violate, anche se con buone intenzioni, ci sono conseguenze – sia psicologiche che fisiologiche.

Se un estraneo ti sta troppo vicino, potresti ritrovarti a scappare mentre la tua pelle arrossisce, il tuo cuore batte, il tuo petto si stringe e le tue labbra si comprimono, mostrando visibilmente il tuo disagio. Queste reazioni sono causate dall’eccitazione limbica – l’attivazione subconscia di vari sistemi all’interno del cervello – per proteggerti e assicurare la sopravvivenza. Mentre tutte queste cose stanno avendo luogo, c’è un “dirottamento limbico”, il tuo cervello è così preoccupato del disagio psicologico che ha la precedenza su tutto ciò che viene discusso. Tutto ciò a cui possiamo pensare è prendere le distanze dagli altri, un fenomeno che tutti abbiamo incontrato.

Siamo così sensibili sul nostro spazio che quando qualcuno si siede troppo vicino a noi su una spiaggia vuota, sperimentiamo un disagio psicologico, mentre riflettiamo sul perché qualcuno si sieda inutilmente così vicino. O quando entri in un ascensore e vai in un angolo, se la prossima persona che arriva si mette proprio accanto a te, puoi avvertire molto disagio. Stare così vicini è normale quando ci sono otto persone nell’ascensore, ma non quando ci sono solo due di voi. Ci siamo evoluti per reagire alle violazioni spaziali ai fini della sopravvivenza, e dobbiamo essere sensibili ai bisogni spaziali – i nostri e quelli degli altri.

Sfortunatamente, le esigenze spaziali variano in base alla cultura e alle preferenze personali, e non è sempre chiaro cosa soddisfi ciascuna persona. In molti paesi dell’America Latina, le persone parlano a una distanza che molti negli Stati Uniti o in Norvegia, per esempio, troverebbero troppo vicina. Mentre, allo stesso tempo, molti in America Latina scoprono che noi negli Stati Uniti ci troviamo troppo distanti, dando l’impressione di freddezza. Mentre la cultura influenza quanto strettamente interagiamo, ci sono molti altri fattori. Anche negli Stati Uniti noterai una differenza tra i bisogni spaziali di un newyorkese e quelli di un contadino di Des Moines, Iowa o di un nativo americano che vive lungo il fiume Colorado. Questi sono tutti i posti in cui sono stato, e le distante in cui le persone interagiscono sono molto diverse.

Il fatto è che non esiste una distanza nordamericana o una distanza sudamericana, europea o asiatica, ma solo una media misurata da coloro che studiano la prossemica. Mentre il lavoro di Hall è utile, ho appreso in oltre quattro decenni di osservazioni che, mentre gli indizi culturali sono importanti, alla fine, come ogni diplomatico apprende presto, le preferenze personali prevalgono sulle aspettative sociali.

Quanti di voi hanno avuto qualcuno che si è avvicinato troppo mentre parlava con voi? Apparentemente tutti hanno avuto questa esperienza. Perché? Perché ci viene insegnato a salutarci l’un l’altro, ma non come farlo – almeno non riguardo allo spazio personale che può variare da 50 cm. a 1 metro circa.

Per prima cosa lo spazio intorno a noi, come risulta, non è perfettamente simmetrico. Siamo più sensibili alle violazioni dello spazio da dietro che di fronte. La maggior parte delle persone non ama se qualcuno è troppo vicino a loro a un bancomat durante il giorno e ancor più durante la notte. La nostra sensibilità ai bisogni spaziali aumenta quando le persone sono dietro di noi. Ancora una volta, questo varia con le persone (vedi figura).

Anche l’ora del giorno e l’ubicazione sono variabili interessanti. In un vicolo isolato, potremmo sentirci a disagio con qualcuno che cammina a meno di 10 metri da noi e, di notte, questa distanza può raddoppiare o addirittura triplicare.

L’età e il genere influenzano i nostri bisogni spaziali. Un’adolescente può permettere ad altri di starle molto vicino a una festa (meno di un metro o poco più), ma quando avrà 35 anni, richiederà quasi quattro volte la distanza. Con l’età arriva un maggiore bisogno di spazio.

Le emozioni influenzano anche il nostro bisogno di spazio. Le coppie che hanno appena litigato possono aver bisogno di 7 metri o più di spazio di separazione (quanto spesso si sente la frase “Stasera dormi sul divano!”), mentre solo poche ore prima si coccolavano insieme. In alternativa, alcuno occasioni nelle nostre vite possono costringerci a permettere anche a estranei di abbracciarci e parlarci all’interno della nostra Zona Intima, qualcosa che non avremmo mai permesso prima.

Le persone con uno status sociale più elevato, in quasi tutte le culture studiate, preferiscono quelle di status inferiore per mantenere una distanza maggiore. Quando i conquistadores arrivarono nel cosiddetto Nuovo Mondo, scoprirono che il re locale richiedeva uno spazio maggiore, proprio come nella corte della regina Isabella a 5.600 miglia di distanza.

Una persona che percepisce una sorta di disagio psicologico può anche richiedere uno spazio extra. Le persone clinicamente depresse hanno commentato come preferirebbero che gli altri stessero lontani, anche i membri della famiglia.

Il tatto e l’olfatto influiscono sui nostri bisogni spaziali. Se qualcuno sembra non essersi lavato la testa o cambiato i vestiti da giorni o settimane, o ha un odore sgradevole, tutto questo ci fa desiderare di stare più lontano.

Una persona paranoica, così come una afflitta da schizofrenia, può diventare agitata se qualcuno arriva a distanze che per la maggior parte di noi sembrano normali, ma per loro sono estremamente allarmanti. Ho visto alcune di queste persone lamentarsi quando le persone si trovavano a meno di 10 metri da loro. Questo può rappresentare un problema per tali categorie di persone quando vivono in una città affollata.

Tendiamo ad allontanarci da quelli che sono agitati o irrequieti. Forse riconosciamo istintivamente che dovremmo dare loro più spazio. Allo stesso modo, siamo più distanti da quelli che parlano a voce troppo alta o chiassosa, e alcuni si tirano indietro da quelli che gesticolano troppo con le loro mani. Al contrario, i non udenti si avvicinano spesso agli altri, in modo che possano sentire meglio.

Ci sono altri fattori, come puoi ben immaginare, come il nostro stato emotivo e se le persone intorno a noi sono conosciute o sono degli estranei. Indipendentemente da ciò, alla fine, l’importante è riconoscere che i bisogni spaziali sono universali; tuttavia, lo spazio di cui ognuno di noi ha bisogno non è fisso e rigido, ma piuttosto fluido, governato da ciò che preferiamo singolarmente.

Spetta a tutti noi valutare le preferenze e le esigenze spaziali degli altri nel contesto di una determinata situazione. È qui che entra in gioco l’intelligenza sociale e le buone maniere. Dopo tutto, non vogliamo essere ricordati come quella persona che sta sempre troppo vicina agli altri.

Cosa possiamo fare per evitare di stare troppo vicino?

Un modo per ottenere questo risultato è di notare, prima di avvicinare qualcuno, a quale distanza le altre persone si trovano l’una dall’altra. Questo non è sempre possibile ma è un consiglio utile. Quindi, avvicinati abbastanza da lontano per salutare una persona, poi dovresti piegarti leggermente in avanti per allungare la mano e stringere la sua mano. Dopo fai un piccolo passo indietro e resta leggermente inclinato in avanti. Se la persona è a suo agio con quella distanza, è probabile che non si sposterà. Se gli altri preferiscono che ti avvicini, questo può accadere in America Latina o in Medio Oriente, si avvicineranno loro a te. Se loro sono a disagio, anche quando fai un passo indietro, loro stessi andranno ancora più indietro.

Teniamo questo a mente: la maggior parte delle persone, quando gli viene domandato esplicitamente, preferirebbe che gli altri si fermassero un po’ più indietro – ci costa poco accogliere gli altri nel modo appropriato, e alla fine, questo atteggiamento metterà tutti più a loro agio.

Conclusioni:

  1. Ci siamo evoluti per reagire alle violazioni spaziali.
  2. I bisogni spaziali sono prima di tutto personali – ognuno ha le sue preferenze.
  3. Con l’età, i nostri bisogni spaziali cambiano: diventano più grandi.
  4. Le emozioni spesso determinano quanto vicino o quanto lontano vogliamo che gli altri si avvicinino a noi.
  5. La rabbia tende a farci desiderare che gli altri siano a una distanza maggiore.
  6. Gli odori altrui possono influenzare la distanza con gli altri.
  7. I problemi emotivi e psicologici possono causare agitazione in alcune persone quando il loro spazio viene violato.
  8. Sta a noi valutare i bisogni spaziali degli altri in base al contesto e alle loro preferenze personali.
  9. È più sicuro e più confortante stare un po’ più indietro rispetto alla distanza normale con qualcuno che hai appena incontrato.
  10. Rispettando i bisogni spaziali degli altri, contribuiamo a contribuire al benessere psicologico.

Joe Navarro
Cacciatore di bugie

https://www.psychologytoday.com/us/blog/spycatcher/201808/our-spatial-needs

Risate universali e menzogna – David Matsumoto

 

16 agosto 2018

Le risate sono riconosciute allo stesso modo nelle diverse culture? E se è così, possiamo dire se le persone di culture diverse stanno fingendo le loro risate?

Questo è esattamente ciò a cui un team di ricercatori ha tentato di rispondere in una recente pubblicazione su Psychological Science. Un gruppo incredibilmente numeroso di 31 ricercatori ha cercato di analizzare le reazioni alle risate in 21 società in sei regioni del mondo. Poiché la risata è praticata in qualche forma in tutte le culture, hanno cercato di capire se valgono anche universalmente alcuni sottili indizi che possono rivelare una risata reale o finta.

Fondamentalmente, hanno esplorato cosa significasse tale universalità nei primi usi evolutivi della risata, che vengono considerati fondamentalmente un segnale di affiliazione o un desiderio di cooperare. Gli osservatori dovrebbero essere in grado di notare se la risata è un vero segnale di affiliazione o se è falsa. Questa è la distinzione tra risate spontanee genuine e risate volontarie non genuine.

Questo non vuol dire che le risate volontarie debbano essere ingannevoli. Invece, le risate volontarie possono essere utilizzate per trasmettere il riconoscimento di una necessità di cooperazione o altri segnali sociali. Gli autori dello studio suggeriscono che questo è in realtà l’uso più comune di risate volontarie o non genuine.

Se la risata ha questa profonda base evolutiva, allora non dovrebbe importare da quale cultura provenga qualcuno per poter fare una distinzione. Le ricerche passate hanno scoperto che le risate spontanee e volontarie sono sostanzialmente diverse, dopo tutto.

Per testare quest’ipotesi, i ricercatori hanno chiesto a persone di diverse parti del mondo come Los Angeles, Europa centrale, Iran, India e Giappone di partecipare allo studio, per un totale di 884 partecipanti. Questi partecipanti sono stati poi esposti a registrazioni audio che contenevano risate spontanee o volontarie e gli è stato chiesto di identificarle come false o genuine.

Nel complesso, le persone possono effettuare la distinzione in modo affidabile, notando cambiamenti di intensità o di un tono più alto nella risata. Tutto ciò suggerisce che gli ascoltatori captano una sottile variazione emotiva nelle risate. Mentre una ricerca passata ha scoperto che le persone sono brave in questo nella loro cultura, questa scoperta è certamente un’espansione importante per tale studio.

C’è molto da imparare da questo studio in termini di come leggere meglio le persone e scoprire l’inganno. E’ piuttosto sorprendente come le persone siano in grado di notare se la risata è falsa o meno. Come abbiamo notato, il rilevamento dell’inganno si basa strettamente sul confronto tra il comportamento agito dalle persone e la loro baseline (comportamento di base) già conosciuta. La familiarità che solitamente assiste nel rilevamento della menzogna è completamente assente nell’analisi di queste clip audio.

Detto questo, ciò è in linea con la ricerca precedente secondo cui le persone possono classificare le voci parlate in modo accurato in base alla loro intuizione che l’oratore possa mentire.

La cosa più importante, forse, è il modo in cui questo studio aiuta a legare le risate a un senso di espressione emotiva universale. Mentre la gioia è un’emozione di base universale, la risata non deve essere necessariamente sinonimo di gioia. Tuttavia, questa ricerca ci aiuta mostrandoci che le risate, come i gesti di trionfo, possono essere un’espressione universale.

 

Universal Laughter and Deception