Le macchine della verità funzionano davvero?

La macchina della verità nota come “poligrafo” funziona secondo gli stessi principi del rilevamento dei comportamenti legati all’inganno ed è vulnerabile agli stessi problemi. L’esame del poligrafo non rileva le bugie, solo i segni delle emozioni.

Come funziona una macchina della verità?

I fili del poligrafo sono collegati al sospetto per misurare i cambiamenti nella sudorazione, nella respirazione e nella pressione sanguigna. Gli aumenti della pressione sanguigna o la sudorazione non sono di per sé segni di inganno. Le mani diventano umide e il cuore batte più forte quando si vive un’emozione.

Prima di eseguire il test del poligrafo, la maggior parte degli operatori del poligrafo tenta di convincere il sospetto che il poligrafo non fallisca mai nel riconoscere un bugiardo, effettuando quello che è noto come test di “stimolazione” o “stim. La tecnica più comune è dimostrare al sospettato che la macchina sarà in grado di dire quale carta il sospetto prende da un mazzo. Dopo che il sospettato ha preso una carta e l’ha rimessa nel mazzo, gli viene chiesto di dire di no ogni volta che l’operatore del poligrafo gli chiede se si tratta di una carta particolare.

Alcuni di quelli che usano questa tecnica non commettono errori, perché non si fidano della registrazione del poligrafo per catturare la bugia e usano un set di carte marcato. Giustificano l’inganno verso l’indagato per due motivi. Se è innocente, è importante che pensi che la macchina non commetta errori; altrimenti, potrebbe mostrare paura di non essere creduto. Se è colpevole, è importante aver paura di essere catturato; in caso contrario, la macchina non funzionerà davvero. La maggior parte degli operatori del poligrafo non si cimenta in questo inganno, ma si affida ai dati del poligrafo per individuare quale carta è stata presa.

Quando non funzionano gli esami del poligrafo?

L’indagato deve credere nell’abilità del cacciatore di bugie. I segni della paura sarebbero ambigui a meno che le cose non possano essere organizzate in modo tale che solo il bugiardo avrà paura, e non chi racconta la verità. Gli esami del poligrafo falliscono non solo perché alcuni innocenti temono di essere accusati falsamente o per altri motivi, ma anche perché alcuni criminali non credono nella “magia” della macchina. Sanno che possono cavarsela e, se lo sanno, hanno maggiori probabilità di poterlo fare.

Alcuni operatori del poligrafo tentano di ottenere una confessione convincendo i loro sospettati di non poter battere la macchina. Quando un sospetto non confessa, alcuni operatori del poligrafo intimidiscono il sospetto, dicendo all’indagato che la macchina ha dimostrato che lui non sta dicendo la verità.

Migliorando nella comprensione del rilevamento delle menzogne, la speranza è di riconoscere i colpevoli. Gli innocenti possono subire le false accuse ma presumibilmente saranno rilasciati. Sfortunatamente, sotto tali pressioni alcuni innocenti possono confessare un fatto non commesso solo per ottenere sollievo.

Vuoi sapere come riconoscere la Menzogna e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.paulekman.com/lies-and-deception/do-lie-detectors-actually-work/

Scoprire le menzogne dei bambini

I genitori e chiunque lavori con i bambini possono attestare la tendenza a mentire di molti bambini.

Le menzogne possono assumere la forma di piccole frottole come tipo di inganno comune, ma non è solo la nostra impressione che i bambini siano spesso disonesti. Come spiega la dottoressa Wendy Patrick, ci sono molte prove che dimostrano che è molto probabile che i bambini pratichino l’inganno. L’aspetto positivo di questo è che il comportamento dell’infanzia è un ottimo caso di studio per comprendere le pratiche dell’inganno umano.

Ad esempio, il dottor Patrick cita uno studio del 2011 che ha scoperto che, mentre i bambini più piccoli mentono frequentemente, la disonestà diminuisce man mano che crescono verso la adolescenza. Gli autori hanno ipotizzato che ciò potrebbe essere dovuto a una maggiore consapevolezza morale o a una migliore comprensione delle possibili conseguenze della scoperta di una loro bugia.

Un altro studio simile del 2016 ha concluso che i bambini non mentono solo in modo casuale, ma selezionano varie forme di inganno basate sul vantaggio sociale percepito. Questa conclusione ha portato gli autori a suggerire che con l’avanzare dell’età i bambini inizino a usare metodi di inganno socialmente accettabili, come le bugie bianche.

Forse l’aspetto più interessante è che questo studio del 2016 ha anche scoperto che i bambini con maggiori abilità sociali tenono a mentire di più. Ciò è decisamente in linea con le ricerche precedenti che hanno esplorato una correlazione tra la popolarità degli adolescenti e le menzogne.

In uno studio del 1999, ad esempio, il dottor Robert Feldman ha intervistato un gruppo di ragazzi di età compresa tra 11 e 16 anni. Mentre i bambini più grandi potrebbero mentire meno frequentemente, ha scoperto che sono più bravi a farlo, sia controllando il comportamento non verbale che con una migliore verbalizzazione delle loro bugie. Il dottor Feldman scoprì anche che i bambini socialmente più competenti o popolari erano più bravi a mentire:

“una menzogna convincente è in realtà associata a buone capacità sociali. Ci vogliono abilità sociali per essere in grado di controllare le tue parole e ciò che dici non verbalmente”

Ma che impatto ha tutto ciò sulle nostre relazioni con i bambini? Il monitoraggio del comportamento infantile ci rende dei migliori rilevatori di bugie?

Il dottor Patrick sostiene che, mentre possiamo sviluppare migliori abilità nel riconoscere le menzogne dei nostri bambini, queste abilità possono essere limitate a loro, e i nostri figli di conseguenza sviluppano capacità migliori per dirci bugie.

Quando riusciamo a individuare le bugie in alcuni bambini, non è necessariamente perché abbiamo sbloccato le capacità universali di rilevazione delle bugie, ma perché siamo abili nel confrontare i loro comportamenti con possibili comportamenti divergenti. Ad esempio, un bambino che mantiene sempre il contatto visivo viene scoperto quando non riesce a incontrare il nostro sguardo, ma un altro bambino può semplicemente essere troppo timido per mantenere livelli simili di contatto visivo.

Inoltre, mentre possiamo praticare il rilevamento della menzogna analizzando comportamenti divergenti, i nostri figli monitorano anche il nostro comportamento per deviazioni simili. Nel loro caso, analizzano segnali di sfiducia o sospetto, imparando quale comportamento non verbale sta portando alla possibile rilevazione del loro inganno e adeguando il comportamento in risposta a ciò.

Mentre le nostre interazioni sociali possono allenarci fino a un certo punto per un’efficace rilevazione della menzogna, ci sono comportamenti ed espressioni universali che possono scoprire l’inganno.

Vuoi sapere come riconoscere la Menzogna e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2017/08/detecting-deception-close-to-home/

Riconoscere gli occhi ingannevoli

Gli occhi sono una parte incredibilmente importante del riconoscimento emotivo, ma che ruolo hanno nel permetterci di rilevare l’inganno?

Mentre l’opinione convenzionale tende a sostenere che l’incapacità di mantenere il contatto visivo sia un segno rivelatore dell’inganno, in realtà questo è solo un mito leggendario. Tuttavia, poiché gli occhi sono così importanti nella lettura delle emozioni, possono anche aiutarci a valutare la veridicità (o meno) di un altra persona.

La nostra fissazione sull’importanza degli occhi ha una giustificazione. Come saprà chi segue questo blog, ricerche recenti indicano che mostriamo le emozioni più chiaramente nei nostri occhi.

Mentre questa enfasi intuitiva sugli occhi ha portato all’idea che l’osservazione del contatto visivo sia un metodo affidabile di rilevazione della menzogna, questo semplicemente non è vero. Come spiegato in un articolo precedente, numerosi studi non hanno trovato alcuna relazione tra la bugia e la mancanza di contatto visivo, nonostante il fatto che, attraverso le culture, questo mito continua ad essere ampiamente diffuso.

Come spiega la dottoressa Wendy Patrick, il contatto visivo o la sua mancanza possono essere dovuti a personalità o background culturali diversi che determinano la tendenza a stabilire un contatto visivo. Come lei ha detto in un altro articolo, è necessario analizzare il livello di contatto visivo di un determinato individuo rispetto alla sua “linea di base personale” (baseline).

Tuttavia, il contatto visivo è ancora uno strumento utile per identificare correttamente l’inganno. Ad esempio, uno studio del 2012 ha rilevato cambiamenti significativi nella pupilla nei partecipanti che mentivano. In questo studio, i ricercatori hanno chiesto ad alcuni partecipanti di rubare piccole somme di denaro, lasciando gli altri partecipanti liberi dal compiere tale gesto.

Quindi, a ciascun partecipante è stato chiesto di rispondere a una serie di domande sul furto, senza far sapere all’esaminatore se fossero colpevoli. Durante la compilazione di questi questionari, le telecamere hanno monitorato le dimensioni della pupilla, riscontrando un aumento del diametro della pupilla tra i soggetti colpevoli. Dopo aver concluso lo studio, gli autori hanno sottolineato che tale aumento era coerente con studi precedenti sull’inganno.

Allo stesso modo, dal punto di vista di coloro che rilevano l’inganno, uno studio separato del 2016 ha scoperto che concentrarsi sugli occhi ha fornito uno strumento molto efficace per il rilevamento delle bugie. In questo studio, i partecipanti hanno tentato di rilevare le bugie sia di soggetti con i volti coperti da un hijab, con solo gli occhi scoperti, sia di altri soggetti lasciati a volto scoperto.

Sorprendentemente, i partecipanti sono stati più precisi nel rilevare l’inganno tra quelli con l’hijab. Questa conclusione ha indicato che il concentrarsi solo sull’occhio ha aiutato significativamente il rilevamento della bugia, poiché i partecipanti sono stati costretti a concentrarsi sugli occhi, piuttosto che essere distratti da altre caratteristiche del viso.

Mentre concentrarsi sugli occhi può essere uno strumento importante per rilevare l’inganno, spesso è difficile per noi sapere esattamente cosa rivela una bugia. Ciò richiede una formazione specializzata, non possiamo certamente misurare la dimensione della pupilla con un righello!

Vuoi sapere come interpretare il contatto visivo e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2017/08/reading-deceptive-eyes/

Il mito del contatto visivo

Secondo lo psicologo sociale ed esperto di microespressioni Mark Frank, il contatto visivo (o la sua mancanza) è “uno degli aspetti più fraintesi dell’inganno”

Molti video, articoli e interviste suggeriscono che il contatto visivo e/o lo sguardo di una persona spesso hanno un significato nascosto: guardare in alto a destra significa che qualcuno sta inventando qualcosa. Alzare lo sguardo a sinistra significa che si sta ricordando qualcosa. Se qualcuno non ti sta guardando, sta mentendo. La lista potrebbe continuare all’infinito.

Ma quanto sono precise queste affermazioni?

Ci sono stati oltre 30 studi che hanno esaminato il contatto visivo come una variabile quando mentivano e la maggior parte di loro ha dimostrato che non c’è alcun segno rivelatore quando qualcuno sa mentendo.

Secondo il dottor Frank, 6 di questi 30 studi hanno osservato la mancanza di contatto visivo (l’atto di distogliere lo sguardo da un oggetto su cui si era precedentemente focalizzato). Tutti e 6 gli studi hanno concluso che il contatto visivo non cambia significativamente in funzione della menzogna o del dire la verità.

Studi recenti sono giunti alla stessa conclusione. Nel 2008, il dottor Stephen Porter della Dalhousie University ha pubblicato uno studio intitolato “Menzogna? Il viso tradisce le vere emozioni del bugiardo, ma in modi inaspettati”.

Porter ha concluso che è proprio la faccia che rileva i bugiardi, ma non nei modi stereotipati in cui crediamo.

Per lui “non sono gli occhi sfuggenti o la fronte sudata o il naso allungato (alla Pinocchio) che il rilevatore di bugie dovrebbe cercare. Invece, altri elementi del volto di un bugiardo lo smaschereranno, “apparendo” brevemente e permettendo a manifestazioni di vera emozione di affluire sul viso”.

Tuttavia, nonostante le prove schiaccianti che il contatto visivo non abbia nulla a che fare con la menzogna, è stato condotto uno studio da oltre 90 scienziati ha esaminato oltre 5.000 persone in 75 paesi su quello che loro credono a proposito dei bugiardi. La risposta numero uno in tutte le culture è stata la (falsa) convinzione che i bugiardi non ti guarderanno negli occhi. Questa convinzione risale a quasi 3000 anni fa, ai testi sacri della cultura indù.

Allora perché esiste questo malinteso?

Non esiste una risposta semplice a questa complessa domanda, ma il dottor Frank allude al fatto che potrebbe essere associato al comportamento dei bambini quando mentono. Afferma che il contatto visivo è probabilmente un buon indizio dell’inganno con i bambini più piccoli – probabilmente a causa dell’emozione della colpa – ma crescendo i bambini imparano socialmente che devono mantenere il contatto visivo per mentire con successo.

Da adulti, molte persone hanno imparato a stabilire un contatto visivo quando mentono. Tuttavia, la convinzione che il contatto visivo sia correlato all’inganno può ancora persistere.

Vuoi sapere come interpretare il contatto visivo e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2009/09/the-eye-contact-myth/

5 falsi miti sui bugiardi

Quali sono i 5 miti più importanti da sfatare sui bugiardi?

Ecco a voi un elenco dei 5 falsi miti più rilevanti a proposito di chi mente:

1. I bugiardi non ti guardano negli occhi

La mancanza di contatto visivo (o avversione allo sguardo) è uno dei più grandi miti nel rilevamento della menzogna. Dei molti studi che hanno riguardato lo sguardo e la menzogna, la maggior parte ha concluso che una mancanza di contatto visivo non indica necessariamente mentire o dire la verità.

2. I bugiardi balbettano e fanno molte pause mentre parlano

Anche se inconsciamente potremmo presumere che non siano onesti, la balbuzie o le pause non sono necessariamente segni di menzogna di per sé. Potrebbero semplicemente dirci che la persona è nervosa. Perché l’altra persona si sente così? Non possiamo dirlo a meno che non facciamo qualche altra domanda. Ricordate: il rilevamento della menzogna è molto più che semplicemente “guardare l’altro”.

3. I bugiardi si toccano il viso

Anche questo è un altro mito popolare nel riconoscimento delle bugie. Ci sono poche prove scientifiche che toccarsi il viso sia sicuramente un indizio di menzogna. Ti ricordi l’ultima volta che ti sei toccato il naso o hai coperto la tua bocca? Stavi mentendo?

4. I bugiardi sono nervosi

Le persone possono essere nervose a causa di innumerevoli ragioni, incluso non solo perché mentono, ma anche perché vogliono dimostrare la loro innocenza. Molte persone che dicono la verità sono nervose perché potrebbero essere preoccupate di non essere credute.

5. I bugiardi si agitano

L’irrequietezza è il nostro quinto mito sul rilevamento delle bugie: quasi nessuna ricerca la collega in modo affidabile ai bugiardi. Come puoi vedere, la maggior parte di questi miti sono associati al nervosismo. Quindi la domanda che dovremmo considerare è: perché la persona è nervosa?

Vuoi sapere come riconoscere le menzogne e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2020/01/lies-lies-and-more-lies-plus-the-top-5-myths-about-liars/

Bugie, bugie e ancora bugie

Uno studio dimostra che mentire è più facile per coloro che mentono spesso!

Un nuovo studio sul cervello recentemente pubblicato su Nature Neuroscience si concentra sugli effetti della menzogna sull’amigdala, una piccola parte nascosta del cervello che elabora le emozioni negative. Utilizzando volontari umani vivi che sono stati incentivati a mentire ripetutamente, questo studio è stato in grado di dimostrare che l’attività dell’amigdala è diminuita dopo la prima menzogna e ha continuato a diminuire prima e dopo le successive menzogne. Si dice che questo studio sia “la prima prova empirica che la menzogna si intensifica a causa dell’adattamento emotivo”.

I risultati dello studio offrono prove scientifiche del perché mentire è così facile per alcune persone, mentre altre faticano a dire anche una “piccola bugia bianca”. Sembra che i bugiardi abituali vengano lasciati in pace dalla loro amigdala!

Quando una persona racconta più bugie, il cervello, nel tentativo di ridurre lo stress emotivo, diventa sempre meno sensibile al disagio inizialmente causato dall’atto di mentire. Lo studio riporta che a seguito di questa riduzione dell’angoscia emotiva, raccontare più bugie diventa più facile nel tempo. L’autore dello studio e direttore dell’Affective Brain Lab, il Dottor Tali Sharot, afferma che lo studio dimostra che le piccole bugie hanno facilmente un effetto “a valanga” nel tempo (diventando sempre più grandi) e che le bugie successive creano un disagio emotivo meno negativo.

Le piccole bugie portano a bugie più grandi (che possono essere raccontate più facilmente)

Questo studio ha implicazioni che vanno oltre la semplice scienza del cervello. Può aiutare gli investigatori criminali a capire perché alcune persone interrogate possono mentire in modo così credibile e con tale disinvoltura. Le persone che operano regolarmente nel mondo del crimine e navigano nell’illegalità con bugie abituali sono abituate al disagio emotivo che molte persone provano quando si impegnano a mentire.

I bugiardi esperti potrebbero essersi sentiti a disagio quando si sono impegnati nella loro prima menzogna, ma nel tempo e attraverso le bugie successive, non si sentono più a disagio. Il disagio negativo, di solito una risposta naturale del cervello alla menzogna, non viene più elaborato dall’amigdala. Lo studio riporta inoltre che l’uso costante della menzogna può influire sulla salute del cervello e rendere un individuo più suscettibile alla menzogna patologica.

Man mano che il cervello si adatta a mentire, il corpo dell’individuo reagisce sempre meno all’atto di mentire e il bugiardo diventa più abile nel non mostrare i classici segnali emotivi e comportamentali normalmente associati alla menzogna. Non impallidisce più quando inizia a mentire; non sbatte più rapidamente le palpebre quando costruisce una falsità. Gli investigatori criminali riconoscono che alcune persone possono mentire attraverso piccoli dettagli senza avere la minima idea dei loro sentimenti spiacevoli nel dire una menzogna, mentre altre possono mostrare più chiaramente il loro livello di preoccupazione quando mentono.

Dire menzogne diventa più facile con l’aumentare del numero e dell’intensità delle bugie, gli investigatori come possono leggere in modo efficace segnali comportamentali o espressioni facciali per estrarre informazioni affidabili?

Man mano che le persone si sentono più a loro agio con la menzogna, il loro cervello sperimenta meno disagio, ma i segnali emotivi, sebbene possano essere gravemente ridotti, possono comunque fuoriuscire sotto forma di espressioni facciali o altre reazioni.

La scienza moderna e la tecnologia avanzata hanno portato allo sviluppo di alcuni strumenti molto efficaci per aiutare a “leggere” le espressioni di coloro che sono così bravi a mentire. La formazione di esperti nell’interpretazione di espressioni facciali sottili può aiutare gli investigatori a individuare gli indizi che cercano nel loro tentativo di scoprire la verità.

Vuoi sapere come riconoscere le bugie e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.w-z.com/2017/02/03/lies-lies-and-more-lies-the-clever-brain-that-lets-liars-get-away-easily/

Piedi e gambe: cosa dicono di noi?

Spesso ignorati, i piedi e le gambe offrono indizi preziosi sull’inganno.

I nostri piedi e le nostre gambe, spesso trascurati nello studio del linguaggio del corpo, trasmettono molte informazioni preziose su ciò che percepiamo, pensiamo e sentiamo. Prestiamo così tanta attenzione al viso e alle altre parti del corpo, che dimentichiamo l’importanza di queste appendici vitali.

È un errore che la maggior parte di noi commette, e non dovremmo, perché in molti modi i piedi e le gambe sono la parte più accurata del nostro corpo. Riflettono le nostre vere emozioni e intenzioni, in tempo reale, a differenza del nostro viso e di altre parti del corpo, e possono essere utili nella rilevazione dell’inganno.

Nel corso di milioni di anni, il nostro sistema limbico si è assicurato che i nostri piedi e le nostre gambe reagissero istantaneamente a qualsiasi minaccia o preoccupazione; la loro affidabilità ha assicurato, in parte, la nostra sopravvivenza. Qualcuno ci viene incontro a tarda notte mentre siamo al bancomat e le nostre gambe si serrano e i nostri piedi si orientano verso una via di fuga, preparandoci a fuggire se necessario.

Allo stesso modo, il nostro cervello limbico dice ai nostri piedi di non camminare troppo vicino al bordo del canyon, quindi non lo facciamo. Incrociamo le gambe quando ci sentiamo a nostro agio nell’ascensore, eppure quando entra un gruppo di sconosciuti, smettiamo di incrociare le gambe in modo da poter fuggire se necessario. Stiamo parlando con un buon amico e improvvisamente notiamo che uno dei piedi è puntato in fondo alla strada. Non c’è bisogno di chiedere, i piedi devono andare, sono in ritardo per un appuntamento.

Vuoi sapere se due persone che parlano in corridoio vogliono che ti unisca alla loro conversazione? Se i loro piedi non si muovono verso di te per “darti il benvenuto” e ruotano i loro corpi solo sui fianchi, continua pure a camminare dritto. Quando una relazione diventa difficile, ci sarà sempre meno contatto con i piedi. Due persone possono tenersi per mano in pubblico, ma i loro piedi semplicemente si evitano a vicenda.

Questi sono esempi di reazioni limbiche, riflesse nei piedi e nelle gambe, a determinate situazioni, sensazioni e intenzioni. Sono molto puntuali e precise.

Allo stesso modo, un bambino può essere seduto a mangiare, ma se vuole uscire e giocare, nota come oscillano i suoi piedi, come si allungano per raggiungere il pavimento dal seggiolone, anche quando non ha ancora finito di mangiare. Puoi provare a tenerlo in posizione, ma lui si muoverà e i suoi piedi si gireranno verso l’uscita desiderata più vicina, un riflesso accurato di dove i suoi piedi vogliono andare. Questo è un indizio di intenzione, e ne abbiamo diversi che utilizziamo per riflettere il nostro bisogno di fare qualcosa.

Poiché i nostri piedi e le nostre gambe sono così onesti, pongo particolare enfasi su ciò che comunicano mentre si mente. La maggior parte delle persone si concentra sul viso, ma sfortunatamente, i nostri volti sono molto abili nell’inganno. Fin da piccoli ci viene detto, “non fare quella faccia”, anche se odiamo ciò che ci stanno dando da mangiare. Man mano che cresciamo, su richiesta degli altri mettiamo un “volto da festa” o sorridiamo perché la cultura da cui veniamo lo richiede. E così falsiamo ciò che sentiamo o pensiamo con i nostri volti (facendo una “faccia da poker“) per mantenere l’armonia sociale. Lo facciamo anche per proteggerci dall’essere scoperti quando siamo disonesti. I nostri piedi e gambe, poiché sono necessari per la sopravvivenza, non fanno tali concessioni.

Nervosismo, stress, paura, ansia, cautela, noia, irrequietezza, felicità, gioia, dolore, timidezza, timidezza, umiltà, goffaggine, fiducia, sottomissione, depressione, letargia, giocosità, sensualità e rabbia possono manifestarsi attraverso i piedi e le gambe. Concentrarsi sui piedi e sulle gambe aiuta a rivelare tante informazioni su quello che c’è nella mente degli altri e i bugiardi pensano molto a gestire il loro viso ma non le loro gambe e piedi.

Quando le persone iniziano a mentire, spesso prendono le distanze (parte della risposta di allontanamento) stando più lontano da te. Oppure, puntano i piedi lontano da te ma si voltano verso di te con il busto. A una prima osservazione può sembrare tutto a posto, ma si tratta di comportamenti per prendere le distanze che rivelano molto su ciò che accade nel cervello altrui.

I bugiardi tendono a non enfatizzare gli argomenti. Sanno cosa dire, ma non le emozioni che accompagnano ciò che stanno dicendo, quindi vediamo meno comportamenti anti-gravità (che sono associati a sensazioni positive) quando parlano. Le persone oneste tendono a sfidare la gravità alzandosi sulle punte dei piedi quando sottolineano un concetto o inarcano le sopracciglia. I bugiardi non lo fanno, perché i comportamenti che sfidano la gravità sono derivati dal sistema limbico: esclamazioni emotive che esprimiamo attraverso il nostro linguaggio del corpo, che mancano nella menzogna.

Quando diciamo la verità, i nostri piedi tendono ad assumere una posizione più ampia e più solida. Nel momento in cui ci sentiamo insicuri su ciò che stiamo dicendo o se mentiamo, i nostri piedi tendono a riunirsi. Ancora una volta, questa è una risposta limbica legata a come ci sentiamo (insicuri) su ciò che viene detto. Quando non siamo mentalmente sicuri, si riflette nelle nostre gambe e piedi.

Quando mente, il bugiardo è preoccupato di essere scoperto e ciò che si può osservare è che a volte la preoccupazione spinge a quella che si può definire “caviglia tremante”. La caviglia inizia a muoversi facendo dondolare la persona avanti e indietro lungo tutto il piede (dal tacco alla punta del piede). Una persona sincera non ha bisogno di tranquillizzarsi con questo comportamento di dondolio ripetitivo, ma un bugiardo può trovare tali comportamenti poco visibili utili per calmarsi.

Questi ovviamente non sono tutti i comportamenti di piedi e gambe da notare, ad esempio, osservate una persona che fa una dichiarazione e poi fa il gesto di pulirsi le gambe con le mani. Sfregando le mani (a volte più volte) sulla parte superiore delle gambe mentre è seduto, questo gesta rassicura l’individuo che sta mentendo o che ha la conoscenza sporca. Questo si verifica spesso quando vengono poste domande molto dirette o dal forte impatto emotivo, che causano un alto grado di disagio.

Quindi, mentre meditate sui comportamenti degli altri per determinare ciò che pensano, sentono o intendono fare, ricordate che piedi e gambe sono preziosi in questa ricerca perché non ci deludono grazie alla loro precisione.

Vuoi sapere come saper riconoscere le menzogne per cambiare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.psychologytoday.com/intl/blog/spycatcher/200911/what-the-feet-and-legs-say-about-us

Riconoscere la menzogna: 5 condizioni utili – Hdemos

In contesti lavorativi particolari, come in alcune situazioni personali, riuscire a riconoscere una menzogna può essere importante per evitare conseguenze indesiderate. Nella professione dell’avvocato, ad esempio, questo aspetto assume una grande importanza quando si ha a che fare per lavoro con la ricerca della verità e, di conseguenza, della menzogna.

Raccontare una menzogna può sembrare una cosa più o meno facile, la difficoltà può cambiare a seconda dell’esperienza e della personalità e del bugiardo; ci sono alcune condizioni particolari che possono far sì che una persona che sta mentendo si tradisca e riveli la sua bugia.

Scienza, ricerca e menzogna

Nell’analisi e nel riconoscimento della menzogna ci può dare una mano il Dottor Paul Ekman, lo psicologo americano considerato uno dei più importanti ricercatori viventi sulle emozioni, la Comunicazione Non Verbale e lo studio della menzogna. Nelle sue ricerche è emerso che esistono 5 condizioni specifiche che possono aumentare la tensione della persona che sta mentendo e che, di conseguenza, potrebbe produrre un numero maggiore di segnali di menzogna.

Quali sono le condizioni che portano un bugiardo a tradirsi?

1) La persona che mente sa di avere di fronte una persona che è in grado di poterla smascherare: questa prima condizione si verifica quando il bugiardo sa che l’osservatore è una persona allenata o esperta nel riconoscere le menzogne; questa consapevolezza può spaventare il bugiardo spingendolo a innalzare le sue difese e a mostrare maggiori segnali di tensione.

2) La persona che mente non è abituata a raccontare bugie: questa condizione particolare avviene quando il bugiardo non ha l’abitudine di mentire agli altri, o è consapevole di essere un pessimo bugiardo; questa consapevolezza lo porterà a vivere il fatto di dover raccontare una bugia come un compito difficile da portare a termine con successo, tutto questo porterà il bugiardo a vivere la situazione con ansia.

3) La persona che mente ha la fama di essere un bugiardo: questa condizione è opposta alla precedente, quando una persona è nota per raccontare bugie a destra e a manca questo potrebbe costituire una problema qualora si provi a ingannare gli altri; sapere che l’altro ha un forte pregiudizio su di noi complica il racconto di una bugia, il bugiardo dovrà impegnarsi molto e con probabilità appariranno diversi segnali di tensione e di menzogna.

4) La posta in gioco nella menzogna è alta, c’è in ballo qualcosa di valore: quando la posta in gioco è importante la tensione aumenta, come può aumentare lo stress a un tavolo da gioco quando il piatto è ricco. Una posta alta può alzare la tensione del bugiardo e spingerlo a compiere qualche passo falso; con un premio considerevole in gioco, anche i bugiardi più esperti potrebbero perdere la calma e mostrare dei segnali di menzogna.

5) La persona che mente sa la punizione sarà severa qualora non venga creduto: quando in una specifica situazione la punizione per aver mentito è pesante,la tensione della persona che sta mentendo può crescere e portare anche i bugiardi più abili a trovare difficoltà nel raccontare la propria storia menzognera mantenendo il pieno controllo delle proprie parole e dei propri segnali del corpo.

A voi è capitato di identificare una menzogna con una o più di queste condizioni particolari? Vi siete mai trovati in difficoltà a mentire a qualcuno in presenza di una di queste condizioni?

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

Meglio leggere il Linguaggio del Corpo – David Matsumoto

Spesso ci siamo concentrati sulle microespressioni, leggere le persone però spesso dipende dall’identificare anche il resto del loro Linguaggio del Corpo.

Il dottor David Matsumoto di Humintell ha svolto un lavoro entusiasmante sul ruolo del linguaggio del corpo nella comunicazione umana e sul modo in cui modelli simili abbracciano le culture. Come abbiamo notato, è necessario distinguere le espressioni universali da quelle che si differenziano in base alla cultura e, a questo proposito, il linguaggio del corpo non è diverso.

Un recente articolo su Discover Magazine ha approfondito alcuni dei lavori passati del dottor Matsumoto sul linguaggio del corpo e sulla postura. Nello specifico, l’autrice Teal Burrell ha discusso il lavoro di Matsumoto sulle posture degli atleti paralimpici e ciechi di tutto il mondo. Questa ricerca ha rilevato che, indipendentemente dalla vista, gli atleti vittoriosi hanno costantemente assunto la stessa posizione di trionfo.

Pur dimostrando con forza gli elementi universali attraverso le culture, questa stessa ricerca ha anche indicato il ruolo della cultura. Ad esempio, gli atleti sconfitti spesso scrollano le spalle per la vergogna, ma questo è meno comune per coloro che provengono da culture che scoraggiano manifestazioni esteriori di vergogna. Tuttavia, atleti ciechi provenienti da quegli stessi paesi hanno scrollato le spalle indipendentemente dalla cultura.

Questo aiuta a mostrare sia la tendenza a scrollare le spalle per la vergogna, ma anche la capacità della cultura di insegnare alle persone a evitare quella forma di espressione.

La ricerca del dottor Matsumoto sottolinea l’importanza del linguaggio del corpo nel comprendere le persone e la cultura che le influenza. Possiamo anche sfruttare il nostro linguaggio del corpo per avere un impatto positivo sul nostro umore.

Ad esempio, sorridere può aiutare a ridurre il nostro livello di stress, mentre le cosiddette “posture di potere” possono migliorare la nostra fiducia. Una postura di potere, come abbiamo scritto in precedenza, è quando il petto è spinto in fuori con le mani che poggiano sui fianchi, in un modo che Burrell descrive giustamente come una posa alla “Wonder Woman”. La ricerca sulle posizioni di potere indica che esse conducono a un grande senso di potere, ma tali correlazioni ancora non sono del tutto verificate.

Il linguaggio del corpo non consiste solo nel cambiare il modo in cui ci sentiamo, ma può anche modellare la percezione che le persone hanno di noi. Il contatto visivo, sebbene non sia sempre un indicatore di inganno, aiuta a promuovere una percezione di fiducia. Allo stesso modo, una postura simile a quella dell’altro e le espressioni facciali aiutano a mostrare che stiamo ascoltando e che siamo empatici.

Questo aiuta a mostrare quanto sia importante per noi il linguaggio del corpo, ma come per molte espressioni universali gli esseri umani non sono i soli a usare tali strumenti comunicativi. Infatti, Burrell sottolinea come il linguaggio corporeo sia critico per le api per comunicare, e simili tipi di danze comunicative sono presenti tra i pesci. Allo stesso modo, i corvi – altamente intelligenti – usano i loro becchi per indicare e gesticolare, aiutando a formare legami interpersonali.

Comprendere quanto sia universale e potente il linguaggio del corpo è tanto importante quanto capire come viene mediato dalla cultura. Con una migliore comprensione di entrambi questi aspetti del comportamento, possiamo imparare come leggere meglio le persone e comunicare efficacemente.

I lavori in cui i bugiardi hanno successo

È un grattacapo: in alcuni posti di lavoro, essere meno affidabili significa che le altre persone si fideranno di te per essere più bravo in quel lavoro.

Ho una confessione: mento. Un sacco. Mento per fermare o iniziare conversazioni, per risparmiare i sentimenti altrui, o il mio, e per semplificare la vita sociale o professionale in un milione di modi.

In una certa misura, sappiamo che le persone con cui lavoriamo ci mentono. Non possono sempre avere una buona giornata, essere entusiasti del lavoro o essere completamente felici per un collega che è stato promosso al posto di loro.

Ma che dire quando l’inganno non riguarda solo l’umore, ma è inserito nel contenuto di un lavoro? Una nuova ricerca suggerisce che una delle ragioni per cui persiste in certe professioni è la convinzione che le persone con atteggiamenti flessibili nei confronti della verità siano effettivamente migliori in questi posti di lavoro.

Atteggiamenti verso i bugiardi sul posto di lavoro

In generale, l’inganno sul posto di lavoro è visto negativamente – se qualcuno deve ricorrere alla menzogna, probabilmente non deve essere molto bravo nel suo lavoro. E l’inganno può essere tossico per una cultura di fiducia e lavoro di squadra. Ma secondo recenti ricerche degli accademici statunitensi Brian C. Gunia ed Emma E. Levine, c’è un’eccezione per i lavori che sono percepiti ad alto contenuto nell’orientamento alla vendita piuttosto che nell’orientamento al cliente.

Un sondaggio ha rilevato che le persone credono che colore che mentono di più sarebbero migliori nei posti di lavoro (Foto: Alamy Stock Photo)

Nello studio di marketing, l’orientamento al cliente consiste nel soddisfare le esigenze di un cliente, mentre l’orientamento alla vendita si riferisce al raggiungimento degli obiettivi propri del venditore. Alcune professioni, come le vendite e gli investimenti bancari, sono stereotipate per quanto riguarda l’orientamento alla vendita (sebbene in pratica, naturalmente, i venditori possono essere profondamente premurosi e gli operatori di assistenza possono essere egoisti).

I ricercatori Gunia e Levine hanno chiesto ai loro partecipanti allo studio – che hanno incluso oltre 500 studenti di business e sondaggisti sul sito di Amazon per il crowdsourcing di Mechanical Turk negli Stati Uniti – di classificare determinati posti di lavoro in termini di orientamento alla vendita percepito e di valutare gli individui in termini di competenza percepita . Ai partecipanti sono stati dati scenari come il seguente: quando si registrano le spese, “Julie” afferma che una corsa in taxi costa più di quanto effettivamente vale; “James” finge di godersi la vela per andare avanti con un capo appassionato di vela.

In definitiva, gli intervistati credevano che le persone che avevano mostrato l’inganno avrebbero avuto maggiore successo nei lavori di orientamento alla vendita e che li avrebbero assunti per quel compito. Ad esempio, l’84% dei partecipanti ha scelto di assumere bugiardi per un compito ad alto orientamento di vendita, mentre il 75% ha scelto di assumere persone oneste per un compito a basso orientamento di vendita .

I risultati sono interessanti ma non definitivi. (Per prima cosa, i partecipanti alla ricerca sono stati pagati molto poco, mercati di indagine come Mechanical Turk sono controversi per pagare tariffe basse e sono accusati di sfruttamento).

Non è nemmeno sicuro di come le convinzioni degli intervistati rispondano alle azioni dei responsabili delle assunzioni. Ci sono prove contrastanti sul fatto che l’orientamento al cliente o l’orientamento alla vendita sia più efficace nella pratica, sebbene l’orientamento al cliente sembri avere un vantaggio in termini di vendite finali.

Pensaci: vorresti davvero che un’assistente di volo ti dicesse che dovresti preoccuparti delle turbolenze? (Foto: Alamy Stock Photo)

Nel recente studio sul legame tra inganno percepito e competenza percepita, “abbiamo reclutato intenzionalmente studenti in modo che potessimo essere certi che gli stereotipi che esaminiamo siano effettivamente posseduti da futuri professionisti”, spiega Levine, della University of Chicago Booth School of Business. Gli studenti che aspirano a lavori manageriali “possono effettivamente credere che l’inganno segnali competenza in queste occupazioni e quindi applicare queste credenze in future pratiche di assunzione”.

C’è un lato positivo nel mentire al lavoro?

Mentire è naturale, in una certa misura. “La natura è inondata di inganni”, scrive il filosofo David Livingstone Smith nel suo libro Why We Lie: The Evolutionary Roots of Deception and the Unconscious Mind. I virus ingannano il sistema immunitario dei loro ospiti, mentre i camaleonti usano il mimetismo per ingannare i predatori. E gli umani non fanno eccezione, anche sul posto di lavoro. I gestori che assumono riconoscono che quasi tutti i candidati di lavoro esagerino le loro qualifiche, ad esempio.

L’inganno è assolutamente necessario in certi lavori (gli investigatori sotto copertura possono attestarlo). E la diplomazia è sinonimo di mentire, per alcune persone. L’inganno può anche essere strategico in un’azienda, ad esempio quando un call center ordina ai dipendenti di fingere di trovarsi in un altro paese a causa dei pregiudizi dei clienti.

Più in generale, la definizione di inganno sul posto di lavoro può essere confusa. I ruoli del servizio clienti, e in particolare i tipi di lavoro emotivo frequentemente svolti dalle donne, in genere richiedono ai lavoratori di mascherare i loro sentimenti. Vuoi davvero che un assistente di volo, un barista o uno psichiatra ti dica che dovresti essere preoccupato dalla turbolenza, che ti disprezzano o che si sentono apatici nel trattarti?

Alcuni lavori richiedono una prestazione di affabilità o di cura che è intrinsecamente in parte artificiale (e stressante). Come dice Levine, “la gente crede che le persone che possono regolare le proprie emozioni siano più competenti di quelle che non possono farlo”. La falsa rappresentazione emotiva è un comportamento razionale.

Questo può essere particolarmente vero per gli influencer dei social media che confondono le linee tra autenticità e capacità di vendita. Le star di Instagram mettono in scena sontuosi impegni “a sorpresa”, ad esempio, anche se questo può ritorcersi contro quando l’illusione viene distrutta.

Ci si aspetta che alcune professioni usino l’inganno – gli investigatori privati ​​sotto copertura, ad esempio (Foto: Alamy Stock Photo)

Dolci bugie

A volte la menzogna benevola viene vista come l’opzione più etica. “Attraverso la mia ricerca, trovo che molte persone accolgano e apprezzino le bugie che vengono dette a loro beneficio”, commenta Levine. Per esempio, “i dipendenti credono che i loro colleghi dovrebbero proteggerli da feedback che non possono attuare e serviranno solo a ferire i loro sentimenti, e i pazienti oncologici apprezzano la falsa speranza più di quanto realizzino i loro oncologi”.

Qual è la chiave per la menzogna pro-sociale, o il tipo di disonestà inteso ad aiutare gli altri, è che non si tratta di ottenere un vantaggio ingiusto o di essere egoisti. Si tratta di offrire piccole “bugie bianche” come una cura.

Può esserci un’influenza culturale su questo tipo di atteggiamento, poiché alcune ricerche suggeriscono che le persone provenienti da culture collettiviste hanno maggiori probabilità di mentire per salvare la faccia e proteggere l’armonia del gruppo. Uno studio, scritto da Michele Gelfand, psicologo dell’Università del Maryland, ha collocato oltre 1.500 studenti provenienti da otto paesi in uno scenario di negoziazione aziendale in cui mentire sarebbe stato utile. Quelli provenienti dai paesi più collettivisti (come la Corea del Sud e la Grecia) usavano l’inganno più di quelli provenienti dai paesi più individualisti (come Australia e Germania), sebbene l’uso della menzogna fosse complessivamente elevato.

D’altra parte, “pensare fuori dagli schemi a volte può riguardare la rottura delle regole”, commenta Gelfand. Alcune ricerche indicano un legame tra creatività e disonestà, poiché le persone che lavorano nei campi creativi trovano più facile razionalizzare il loro imbroglio.

La tolleranza (o persino l’incoraggiamento) dell’inganno sul posto di lavoro può essere difficile da fiutare. Long Wang, professore di management presso la City University di Hong Kong, sottolinea che “qualsiasi norma organizzativa o industriale a favore dell’inganno è spesso tenuta come una sorta di segreto, almeno per il pubblico”. Ma dubita che tali norme organizzative o industriali siano sostenibili, affermando: “A lungo termine potrebbero essere eliminate”.

L’inganno lieve non è sempre tossico. Ma in generale, naturalmente, i luoghi di lavoro saranno più efficaci se le persone si sentiranno autorizzate a fare affidamento sulla verità. Alcuni politici di spicco sono buoni esempi dei risultati estremamente dannosi e divisivi che possono derivare dal mentire sul posto di lavoro.

Quindi, tutte le piccole bugie che dico mi fanno migliorare nel mio lavoro? Probabilmente no. Ma non ho nemmeno bisogno di sottolinearlo troppo. Come dice Levine: “Ci preoccupiamo molto se gli altri hanno buone intenzioni nei nostri confronti, ma non ci importa sempre se gli altri parlino della verità”.

Christine Ro
26 giugno 2019

http://www.bbc.com/capital/story/20190625-the-jobs-where-liars-excel

Approfondiamo il rilevamento della Menzogna – David Matsumoto

La settimana scorsa abbiamo scritto dell’importanza di distinguere le micro e le macro-espressioni, osserviamo come questo rientra nel rilevamento della menzogna.

Le microespressioni differiscono dalle loro controparti di lunga durata in molti modi, ma uno dei più salienti è il fatto che possono tradire le emozioni sottostanti. La microespressione sfuggente può mostrare rabbia o sorpresa nel caso in cui qualcuno stia cercando di nasconderlo, e un’efficace individuazione della menzogna può spesso implicare la percezione di queste microespressioni, per quanto difficile possa essere per una persona non allenata.

Come sottolineano i dottori Matsumoto e Hwang, ci sono molti fattori che rendono le persone abili nell’individuazione delle bugie. Questi includono caratteristiche di personalità come l’apertura all’esperienza e alla coscienziosità, ma anche l’empatia e la regolazione emotiva.

Uno dei principali aspetti dello studio della scorsa settimana è stata la definizione più precisa di ciò che sono le microespressioni, impegnandoci a vederle come incredibilmente fugaci e che durino meno di mezzo secondo.

Questo è stato approfondito in uno studio del 2018 condotto dai dottori Matsumoto e Hwang che consideravano le microespressioni come elementi chiave per differenziare la verità dalle bugie, rendendo operativa questa particolare definizione della lunghezza delle microespressioni. Sottolineano che la ricerca precedente ha trovato risultati misti nel collegare le microespressioni al rilevamento degli inganni, ma che tale ricerca non ha definito rigorosamente la durata della microespressione.

Gran parte di questa letteratura passata, sebbene abbia messo in luce il potenziale dello studio sulle microespressioni, non definiva correttamente le microespressioni basandosi sulle osservazioni di come effettivamente funzionano. Alcune di queste ricerche hanno classificato le microespressioni come espressioni che potevano durare fino a quattro secondi!

Tale definizione rivista ha molto senso quando si guarda al rilevamento di un inganno. Gran parte del tentativo di concettualizzare le microespressioni deriva dal tentativo di vedere il loro ruolo nel mostrare espressioni spontanee e nascoste. È più difficile che le durate più lunghe siano segni di emozioni represse e nascoste.

Questo studio del 2018 ha poi cercato di esaminare il ruolo delle microespressioni nel rilevamento delle menzogne, data questa definizione più rigorosa. In primo luogo, hanno esaminato se si sono verificate microespressioni al di sotto di mezzo secondo e se potevano distinguere in modo affidabile la verità dall’inganno. Hanno anche osservato espressioni più lunghe per vedere se queste potrebbero essere viste come costantemente spontanee.

Hanno scoperto che tali espressioni erano generalmente frequenti e fungevano da indicatori affidabili di inganno, molto più delle espressioni più lunghe di un secondo. Interessante notare che alcune espressioni molto brevi di meno di 0,3 secondi non erano indicatori utili.

Siamo curiosi di ciò che i nostri lettori hanno da dire su questo argomento. Notate queste espressioni sfuggenti? Pensate che siano chiaramente distinguibili dalle espressioni più lunghe? Commentate e fateci sapere cosa ne pensate!

CLICCA QUI PER L’ESTRATTO E PER L’ARTICOLO COMPLETO

Come agisce un cacciatore di bugie? – David Matsumoto

Individuare una menzogna è difficile per molte persone, ma perché ad alcune persone capita di essere più brave di altre?

Questa è una domanda importante non solo per i nostri tentativi di comprendere come rilevare l’inganno ma anche per capire meglio il ruolo del riconoscimento emotivo nella rilevazione della menzogna. Un nuovo studio pubblicato nel Personality and Social Psychology Bulletin ha cercato di distinguere le varie caratteristiche del riconoscimento emotivo come un modo per spiegare le variazioni nelle capacità dei partecipanti di rilevare l’inganno.

Gli autori dello studio esaminano diverse variabili che potrebbero spiegare la variazione nel rilevamento dell’inganno. Una è la Teoria della mente che esamina la capacità generale di un individuo di leggere gli stati mentali degli altri. Allo stesso modo, hanno esaminato l’intelligenza emotiva che, anche se simile alla Teoria della Mente, si concentra maggiormente sulla competenza interpersonale e sul riconoscimento emotivo.

È importante distinguere il rilevamento della verità dal rilevamento della menzogna. Questo dovrebbe essere abbastanza intuitivo, poiché spesso abbiamo una chiara sensazione intuitiva del fatto che ci stanno mentendo, ma questo non significa che abbiamo sempre un “intuito affermativo” quando un’altra persona ci dice la verità. Invece, spesso “sentiamo che non ci stanno mentendo” e concludiamo quindi che stanno dicendo la verità.

I ricercatori hanno anche distinto tra menzogna ad “alto rischio” e “basso rischio”, nell’ipotesi che i comportamenti sarebbero significativamente differenti nei due casi. Vale a dire che hanno notato che la ricerca passata ha scoperto che le persone tendono a credere agli altri in situazioni di “basso rischio”, mentre diventano più attente quando aumenta la posta in gioco.

Per esplorare le relazioni tra questi argomenti, gli autori dello studio hanno eseguito un esperimento su oltre 100 partecipanti. Nell’esperimento, a ciascun partecipante è stato chiesto di analizzare una serie di video di persone che parlano di eventi ad alto rischio, come casi di presunto omicidio. Nella metà di questi video erano presenti menzogne.

Dopo aver visto ogni video, ai partecipanti è stato chiesto di determinare chi stava dicendo la verità e chi no. Poiché l’intelligenza emotiva e altre variabili sono state misurate da una serie di questionari e test pre-esperimento, i ricercatori sono stati in grado di esplorare le relazioni statistiche tra quei tratti emotivi e i tassi di accuratezza dell’analisi dei video.

Nel complesso, hanno scoperto che, come sospettato, la rilevazione della verità e dell’inganno era diversa, con diversi elementi predittori che si dimostrano significativi per ciascun caso. Ad esempio, la Teoria della Mente ha rappresentato un elemento di grande varietà nel rilevamento dell’inganno e i partecipanti emotivamente intelligenti hanno spesso provato troppa simpatia per i bugiardi.

Questa distinzione sembra radicata nella necessità di un ragionamento distaccato nel rilevare l’inganno. Sebbene riconoscere e comprendere le emozioni sia utile, spesso deve essere associato a un approccio calcolato e logico. Questo può essere difficile per le persone con alti livelli di empatia, anche se tendono a essere bravi a notare le emozioni come il senso di colpa.

Parole e voce della menzogna: come riconoscerla – Hdemos

Chi si fregia di fronte agli altri di essere una “persona assolutamente onesta” dovrebbe fare i conti con diversi recenti studi sulla menzogna: sembra che tutti, ma proprio tutti, non siamo immuni dal fascino della menzogna, infatti uomini e donne mentono almeno sette volte al giorno.
Ovviamente in questo numero vanno anche comprese le cosiddette “bugie bianche”, ovvero quelle bugie a fin di bene che non prevedono una vittima e hanno la finalità di preservare la relazione tra le persone (pensate a una classica bugia bianca: “come ti sta bene quel vestito” anche se ciò non è vero, questa piccola bugia serve principalmente a non svelare una verità brutale e inutile mantenendo una relazione positiva tra le parti).

Per un avvocato o un giurista, così come per altri professionisti che sono a contatto con le persone, riuscire in tempo a identificare una possibile menzogna (di un teste, di un cliente, di un altro collega) può risultare di grandissima utilità sul piano professionale, migliorando le proprie capacità di osservazione e riuscendo a intervenire tempestivamente per correggere la situazione con criterio.

Come riconoscere una menzogna?

Prendiamo in esame alcuni aspetti della menzogna, tralasciando l’analisi della Comunicazione Non Verbale nella bugia (che sono numerosi e che tratteremo in un articolo futuro) possiamo focalizzarci sugli aspetti legati all’analisi del discorso e alle parole pronunciate (canale verbale) e alla qualità della voce con cui si comunica (canale paraverbale).

Parole e Menzogna.

Cominciando ad analizzare l’uso di determinate parole che dovrebbero far suonare un campanello d’allarme per la possibile presenza di una bugia. Di solito chi prende le distanze dall’oggetto del discorso potrebbe mentire, quando si usano aggettivi, verbi e sostantivi che indicano una volontà di allontanarsi dal discorso potrebbe essere un tentativo di scaricare delle responsabilità. Se ad esempio dico la frase “questo mio amico” e dopo affermo “quel mio amico” il passaggio da “questo” a “quello” indica letteralmente un distanziamento dall’oggetto e dovrebbe far sorgere delle domande in chi ascolta. Lo stesso vale quando si cambia il verbo dalla prima alla terza persona (es. “io credo che…” e “si crede che”). Un altro indizio della possibile presenza di una bugia è la scarsità di dettagli in un racconto, un bugiardo tende a inserire pochi dettagli in una storia inventata per non correre il pericolo di non ricordare, anche a distanza di tempo, i dettagli – mai avvenuti – della bugia raccontata ed essere così scoperto.

La voce delle bugie.

Un altro aspetto interessante per rilevare una menzogna è l’analisi della comunicazione paravebrale, con questo termine indichiamo la qualità della voce con cui si comunica, come se fosse un vero e proprio strumento musicale che produce suoni più o meno armoniosi.
Un primo indizio può essere il ritmo, quando è spezzato o sincopato può indicare difficoltà ad articolare il pensiero, segnalando che si sta prendendo tempo per inventare qualcosa, esattamente come succede in presenza di pause sospette o silenzi prolungati.

Un altro indizio è un tono più alto del normale, lo stress nel raccontare una bugia può mettere in tensione le corde vocali e produrre un suono più alto del solito. Altri possibili indizi di menzogna sono le piccole imprecisioni come balbettio, false partenze, parole spezzate o masticate.

Conclusioni.

Quando questi elementi dei canali verbale e paraverbale diventano visibili, dovrebbe suonare dentro di noi un campanello d’allarme: chi ci sta di fronte forse ci sta raccontando una frottola.

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

https://www.hdemos.it/parole-e-voce-della-menzogna-come-riconoscerla/

L’investigatore del Non Verbale – David Matsumoto

La maggior parte delle procedure investigative si concentra su fatti fisici e prove concreti, ma qual è il ruolo del rilevamento del comportamento non verbale?

Un nuovo studio nel Journal of Nonverbal Behaviour ha cercato di mettere in discussione la saggezza convenzionale che enfatizzava i fatti fisici rispetto al comportamento non verbale. Replicando uno studio precedente con varianti leggermente diverse, il dottor Eric Novotny e il suo team hanno cercato di spiegare il ruolo dell’osservazione del comportamento non verbale nello sviluppo del “sospetto” che guida le indagini iniziali sul comportamento criminale.

Il documento sottolinea che molte ricerche precedenti mettono in dubbio l’uso del rilevamento non verbale nelle indagini. Mentre esiste una grande quantità di ricerche per scoprire che la rilevazione non verbale può essere efficace, le ricerche precedenti mettono in dubbio che tale osservazione venga effettivamente usato dagli investigatori della polizia o dai non addetti ai lavori.

Tuttavia, in ricercatori di questo nuovo studio sostengono che bisogna fare una distinzione tra “scoprire” e “sospettare” una bugia. Quando scopriamo una bugia, abbiamo finito un’indagine e abbiamo concluso che è stata detta una menzogna, ma cosa ci fa inizialmente sospettare una bugia?

La tesi centrale è che il sospetto non dipende da prove concrete perché è intrinsecamente l’atto di intuire o sospettare che esistano prove concrete. Quindi, il sospetto, in primo luogo, ha un ruolo fondamentale nel condurre all’indagine vera e propria.

È qui che i segnali comportamentali e l’osservazione del Non Verbale entrano in scena. È nel notare le deviazioni da una linea di riferimento comportamentale che gli individui spesso arrivano a pensare che qualcosa sia nascosto o che stia avendo luogo un inganno.

Nel replicare il lavoro precedente che enfatizzava il ruolo delle prove concrete, lo studio attuale ha investigato non solo quali fattori inducevano i partecipanti a “scoprire” una bugia, ma nel gruppo di trattamento si chiedeva invece cosa li portasse a “sospettare” una bugia.

A ciascun partecipante è stato chiesto di ricordare una volta precedente in cui avevano scoperto qualcuno dire una bugia e di spiegare esattamente quali fattori hanno portato a tale conclusione. In effetti, hanno scoperto che molti partecipanti facevano affidamento su prove concrete per scoprire bugie, ma la storia per quanto riguardo il sospetto era molto diversa.

Oltre il 40% degli intervistati ha indicato il comportamento non verbale come uno stimolo per iniziare a sospettare una bugia, con solo il 19% che punta a prove fisiche.

Ciò ha presentato prove convincenti per il ruolo del comportamento non verbale nell’iniziare a sospettare l’inganno. Per comprendere ulteriormente tale fenomeno, la ricerca ha continuato conducendo uno studio aggiuntivo, questa volta chiedendo in modo più esplicito se le menzogne fossero state scoperte/sospettate attraverso prove concrete o prove comportamentali, dividendo i partecipanti in gruppi.

Ancora una volta, i loro risultati hanno confermato l’ipotesi principale. Le persone hanno citato le prove comportamentali molto più spesso per determinare il sospetto, mentre preferiscono prove non comportamentali per scoprire la verità.

Questa ricerca dà il suo contributo al ruolo molto importante delle valutazioni non verbali nel rilevamento degli inganni; operazione che, come è stato spesso discusso, non è una cosa facile da fare.

Come leggere le microespressioni e migliorare le tue capacità di osservazione – David Matsumoto

Questo post speciale presenta un’intervista recente con il Dr. David Matsumoto di Humintell.

Il laboratorio di comportamento online, Science of People, gli ha chiesto di approfondire la questione di come possiamo usare le capacità di osservazione per determinare l’intento di altre persone e per valutare la possibilità di inganno, così come il loro background personale.

Science of People ha messo in luce la recente ricerca del dottor Matsumoto che ha scoperto che le microespressioni possono essere utili nel rilevare l’inganno.

Tuttavia, il Dr. Matsumoto ha acconsentito a dare un po’ più di spiegazioni su cosa intenda per “capacità di osservazione” e sulla sua visione del futuro della ricerca in questione.

Nello specifico, ha sottolineato che le capacità di osservazione necessarie per un’efficace individuazione dell’inganno non sono solo qualcosa che facciamo in modo passivo o naturale. Invece, dobbiamo cercare di utilizzare attivamente queste abilità, sviluppando così le nostre capacità.

Molto semplicemente, egli ha detto “Se vuoi migliorare in questa abilità, osserva.”

Come esercizio, il dottor Matsumoto suggerisce di contare il numero di volte in cui l’intervistatrice, Vanessa, ha fatto un gesto con la mano destra durante l’intervista. Riesci a contare il numero finale? La risposta corretta è rivelata alla fine del video!

Oppure, se sei più ambizioso, ti raccomanda di guardare interviste con politici e celebrità. Quando questi discorsi sono “fuori copione”, puoi vedere come le espressioni sottili delle persone tradiscano le loro emozioni e puoi iniziare a imparare a vedere quegli stessi schemi nelle conversazioni di tutti i giorni.

Certo, non c’è un elemento specifico che possa tradire l’emozione di qualcuno. Invece, i cluster di comportamenti non verbali sono incredibilmente importanti, anche se sottostimati. Questo può includere cambiamenti nel tipo o nella frequenza dei gesti o nel modo in cui cambia il loro discorso. Ciò non dipende solo dallo specifico contesto emozionale, ma dipende anche dall’individuo.

Sono questi tipi di gruppi di comportamento per cui il dottor Matsumoto ha espresso interesse per studi futuri. In che modo una combinazione di fattori determina in modo univoco gli stati emotivi?

La ricerca sulle microespressioni non richiede solo una sorta di sintesi, ma il dottor Matsumoto è andato oltre enfatizzando la necessità di un coordinamento ancora più elevato tra i ricercatori interessati.

Poiché questo campo richiede che molti singoli pezzi si uniscano, lo stato attuale degli studi soffre di un problema di dispersione in cui i risultati disparati devono essere messi insieme. Questo può essere difficile e sottolinea la necessità di un maggiore coordinamento.