Emozioni vs Espressioni

Sappiamo che ci sono sette emozioni “di base”, ma non esistono anche altre emozioni?

In effetti, c’è una differenza significativa tra quali emozioni viviamo e come i nostri volti sono in grado di esprimere queste emozioni. Mentre montagne di ricerche precedenti hanno stabilito l’esistenza di sette espressioni emotive di base, la ricerca in corso cerca di quantificare esattamente quante emozioni ci siano davvero.

I ricercatori dell’Università della California, Berkeley, hanno tentato di fare proprio questo. In un recente studio, gli psicologi hanno condotto un’analisi approfondita con oltre 800 partecipanti, tentando di provocare e registrare le loro espressioni emotive.

Ogni partecipante è stato esposto a una selezione di oltre 2000 brevi videoclip, destinati a scatenare varie emozioni. Questi video andavano da splendidi scatti naturalistici e matrimoni romantici a macabre immagini di sofferenza umana e catastrofi naturali.

Al primo gruppo sono stati mostrati 30 di questi video e gli è stato chiesto semplicemente di scrivere qualunque emozione provassero, raccogliendo una vasta gamma di descrizioni. Quindi, un secondo gruppo, nuovamente esposto a una selezione di video, è stato invitato a identificare le proprie emozioni da un elenco predeterminato. Questo elenco variava in modo impressionante dalla rabbia o ansia al romanticismo o al trionfo, ma cercava di fornire un terreno comune tra i singoli rapporti.

È interessante notare che circa la metà del secondo gruppo ha selezionato le stesse emozioni dopo aver visto gli stessi video.

Infine, a una terza coorte è stato chiesto di classificare le proprie esperienze emotive su una scala di nove punti dopo aver visto una serie di 12 video. Durante l’analisi di tutti e tre questi risultati attraverso modelli statistici, gli autori dello studio hanno riscontrato significative sovrapposizioni tra le reazioni a un determinato video. Compilando tutte queste reazioni sovrapposte, si è stabilito uno spettro di 27 emozioni condivise.

Tuttavia, gli autori dello studio hanno avvertito che queste diverse emozioni non erano del tutto distinte. L’autore principale, il dottor Dacher Keltner, ha sottolineato che “ci sono sfumature nei gradi di emozione tra, diciamo, soggezione e tranquillità, orrore e tristezza, divertimento e adorazione”.

Esiste un potenziale conflitto tra questa visione espansa di 27 emozioni e la visione più limitata delle sette emozioni di base universali.

Ma, come chiarisce il dottor David Matsumoto di Humintell, questa domanda viene risolta distinguendo tra emozioni vissute ed espressioni non verbali di queste emozioni. Mentre possiamo provare una vasta gamma di emozioni, ci sono solo sette espressioni facciali che gli umani usano universalmente per esprimerle.

La distinzione del dottor Matsumoto spiega anche un’altra differenza tra emozioni ed espressioni. Le sette espressioni emotive universali sono categorie distinte e separate. Ad esempio, la combinazione emotiva di tristezza e rabbia non ha un’espressione facciale universale. D’altra parte, le emozioni, come ha spiegato il dottot Keltner, non sono così categoricamente distinte. Tristezza e rabbia possono sovrapporsi, le emozioni posso essere più sfumate e continue rispetto allo loro semplice divisione in categorie.

Vuoi sapere come riconoscere le emozioni e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2017/09/emotions-vs-expressions/

Guida utile alla rabbia – Humintell

La rabbia è una delle nostre emozioni di base, ma è anche una delle più preoccupanti.

Sappiamo che la rabbia può causare una grande quantità di sconvolgimento emotivo per noi stessi, ma sappiamo anche che la rabbia ha il potenziale per condurre le persone alla violenza o all’odio. È proprio perché la rabbia è allo stesso tempo così importante e così problematica che merita attenzione. Forse è per quel motivo che l’NPR ha condotto una serie di interviste per indagare il ruolo della rabbia nelle nostre emozioni.

Non c’è spazio per discutere di ognuna di queste interviste, ma porremo l’attenzione su “La rabbia può essere contagiosa”, “Cercare la rabbia negli animali” e “Se sei spesso arrabbiato o irritabile, potresti essere depresso”.

Del primo caso “La rabbia può essere contagiosa” abbiamo già scritto sul processo di contagio emotivo, ma il ruolo della rabbia merita sicuramente di essere enfatizzato. Questa prima intervista sottolinea quanto sia facile per le emozioni influenzare altre persone, ma il dottor Jeff Hancock dell’Università di Stanford ha sottolineato che emozioni come la rabbia sono ancora più contagiose di quelle positive.

Durante l’analisi della comunicazione su Facebook, Hancock ha scoperto che quando gli amici tendono a pubblicare post carichi di emozioni, si tradurranno in un aumento dei post emotivi per vari membri del loro gruppo di amici. Ciò era ancora più evidente per la tristezza e la rabbia.

Questo studio si concentra principalmente sulla diffusione delle emozioni sui social media, ma sappiamo già che l’interazione interpersonale, o anche solo vedere il volto di qualcuno, può avere effetti simili.

Nella seconda intervista “Cercare la rabbia negli animali”, l’NPR si tuffa nella storia evolutiva della rabbia. Questo si espande nei nostri scritti precedenti sul ruolo dell’evoluzione nello sviluppo delle nostre emozioni di base, ma prende una prospettiva diversa.

In particolare, il dottor David Anderson della Caltech discute le sfide nello studio delle emozioni negli animali, vale a dire che sono più difficili da identificare che nell’uomo. Anderson esamina i livelli ormonali, la frequenza cardiaca e l’attività cerebrale per spiegare come gli animali sperimentano la rabbia.

Anderson analizza che la rabbia viene spesso innescata quando un animale è sotto attacco e che i marcatori fisiologici della rabbia sono molto simili tra le varie specie. La rabbia può essere innescata quando vari animali vedono le loro specie in conflitto violento, per esempio.

La terza intervista “Se sei spesso arrabbiato o irritabile, potresti essere depresso” mette in evidenza le connessioni tra emozioni centrali, vale a dire rabbia e tristezza. Mentre la maggior parte delle persone pensa che siano piuttosto distinte, potrebbe non essere così. Questa intervista prende in analisi quanto sia comune per le persone che soffrono di depressione confondere quei sintomi con rabbia o sperimentare picchi o esplosioni di rabbia.

Il dottor Maurizio Fava della Harvard Medical School sottolinea che l’irritabilità e la mancanza di controllo sul carattere sono sintomi comuni della depressione. Queste esplosioni emotive portano spesso a rimorsi e a profondi sentimenti di rabbia.

Speriamo di aver dimostrato quanto sia importante l’argomento della rabbia e di averti motivato a dare un’occhiata all’intera serie di interviste!

Le sette emozioni di base: le conosci? – Humintell

Gli strumenti di addestramento per il riconoscimento delle emozioni validati scientificamente presentano immagini di individui che ritraggono le 7 emozioni di base: Rabbia, Disprezzo, Paura, Disgusto, Felicità, Tristezza e Sorpresa.

Ma quali sono esattamente le emozioni di base e dove si inseriscono altre emozioni come la vergogna, la colpa e l’orgoglio?

Le emozioni di base sono emozioni che hanno una certa espressione facciale associata, questo è scientificamente provato. In effetti, sviluppare l’abilità di leggere le microespressioni può aiutare a rilevare aspetti di queste espressioni che sono sottili o difficili da determinare.

Ad esempio, l’emozione di base della rabbia può essere riconosciuta dalla seguente immagine in tutto il mondo, non importa l’età, la religione o il genere, la lingua parlata e potrebbe essere una delle emozioni più importanti per rilevare comportamenti minacciosi.

Allo stesso modo, anche la paura è un’emozione di base. La paura è riconosciuta in tutto il mondo da una precisa espressione facciale dell’emozione, con le caratteristiche che si possono vedere sotto. È importante notare che anche altre parole che descrivono la paura sono espresse da questa stessa faccia (o parti di questa faccia). Emozioni come spavento, mortificazione, orrore e pietrificazione hanno tutte caratteristiche di questa espressione.

Ci sono altre emozioni di base come disgusto, disprezzo, felicità, tristezza e sorpresa.

Le caratteristiche delle 7 emozioni universali:

Spesso osserviamo emozioni come la vergogna, l’orgoglio, la gelosia e la colpa. Sebbene queste emozioni siano importanti, non sono ancora considerate parte del set di emozioni di base. Ad esempio, non esistono prove scientifiche che dimostrino l’esistenza di un’espressione universale di vergogna riconosciuta in tutto il mondo come vergogna. Fai attenzione quando vedi o ascolti le persone etichettare le espressioni come emozioni quando non rientrano nel set delle 7 emozioni di base. Vi sono poche prove a sostegno delle loro affermazioni.

Vuoi sapere come riconoscere le emozioni e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2010/06/the-seven-basic-emotions-do-you-know-them/

Comprendere il contagio emotivo – Humintell

È noto che le emozioni possono diffondersi ad altre persone del gruppo, ma qual è il ruolo del riconoscimento emotivo in questo processo?

Esiste sicuramente una lunga storia di ricerche e osservazioni su come le emozioni delle altre persone possono influire sulle nostre, ma l’esatto meccanismo causale è un po’ sfuggente. Perché qualcuno che sembra triste ci rende tristi? La risposta potrebbe essere correlata alle microespressioni o alla lettura di espressioni sottili.

Il contagio emotivo sembra essere un fenomeno molto reale, piuttosto che l’ennesimo esempio di creazione di miti psicologici. Come dice la dott.ssa Elaine Hatfield dell’Università delle Hawaii:

“Quando guardiamo le altre persone, per qualche ragione, siamo collegati per sincronizzarci con loro su così tante cose che in qualche modo ti sconvolge la mente… è così veloce da non poterlo fare consapevolmente. “

Hatfield sottolinea che c’è qualcosa di primitivo ed istintivo nel contagio emotivo. Afferma che ciò può accadere anche quando nessuno dei due è consapevole di provare una forte emozione.

Possiamo già speculare su una connessione con il riconoscimento emotivo, poiché le espressioni emotive sono profondamente radicate nella nostra evoluzione e possono essere percepite durante processi quasi immediati e involontari.

Hatfield e suo marito, il dottor Dick Rapson, collegano il contagio emotivo alla nostra imitazione inconscia delle sottili espressioni dei nostri vicini. Questo porta a un fenomeno in cui imitiamo le loro emozioni, anche quando nessuno di noi può essere consapevole del fatto che qualcuno nelle vicinanze si senta così!

In effetti, questo mimetismo inconscio assomiglia molto ai processi automatici nati dai neuroni specchio.

Mentre i dottori Hatfield e Rapson declinano dall’indagine più approfondita dei fenomeni delle microespressioni, c’è qualche motivo per ipotizzare che questi svolgano un ruolo causale.

Per rispondere a questa domanda, sarà utile citare un’intervista che il dottor David Matsumoto di Humintell ha condotto con NPR. In quell’intervista, Matsumoto sottolinea la natura fugace e incredibilmente rapida delle microespressioni. Spesso, quando altre persone notano le nostre microespressioni, passano attraverso la comprensione cosciente.

Le microespressioni di solito non sembrano avere senso, anche se riusciamo a vederle, ma Matsumoto ha notato che hanno il potenziale per svolgere ruoli significativi nelle interazioni interpersonali. Tuttavia, ha sottolineato che spesso si tratta di notare sottili espressioni emotive, piuttosto che effettive microespressioni che sono molto fugaci.

Quindi, potremmo notare l’espressione di tristezza di qualcuno, senza vederla per quello che è, e quindi ci sentiremo tristi quando imiteremo inconsciamente quell’espressione, ma non è chiaro se ciò equivale al rilevamento di microespressione.

Come osserva Matsumoto, le microespressioni sono incredibilmente difficili da rilevare per le persone che non sono addestrate a notarle; è improbabile che le persone senza quell’allenamento stiano effettivamente rilevando microespressioni.

Tutto ciò suggerisce che la risposta all’enigma del contagio emotivo, sebbene non radicata nelle microespressioni, sia in qualche modo collegata a simili processi immediati e non coscienti di riconoscimento emotivo e mimetismo facciale.