Comportamenti particolari delle mani

Quando le dita gridano: “Sto lottando!”

Per molti lettori, quando si tratta di Linguaggio del Corpo, l’attenzione va principalmente sul viso. Ma per da capire davvero gli altri, specialmente a distanza, è importante non dimenticare le mani. Le nostre mani esprimono in modo forte i nostri sentimenti – se ne dubiti, esamina come tocchiamo le cose a cui teniamo e quelle che amiamo. Al contrario, osserva come usiamo le mani per lisciare i nostri vestiti, farci aria o massaggiarle insieme quando siamo leggermente ansiosi.

Ci sono due comportamenti delle mani piuttosto interessanti perché esistono pochi studi in merito e, il più delle volte, si osservano solo quando qualcuno è in difficoltà o ha difficoltà con qualcosa di emotivo. Poiché di solito non vediamo questi due comportamenti utilizzati, li possiamo definire come comportamenti particolari (o riservati). In altre parole, li usiamo in modo particolare, riservato a quando le cose sono particolarmente difficili.

Il primo è il comportamento più familiare che io chiamo “Dita intrecciate a tenda”. Le dita sono intrecciate (i palmi rivolti l’uno verso l’altro), ma piuttosto che premute come in preghiera, o come quando ci stringiamo le mani, in questo caso le dita rimangono molto rigide. Le dita possono mantenere momentaneamente questa posizione o scivoleranno lentamente (e questa è una distinzione importante) avanti e indietro rimanendo strettamente intrecciate.

Questo è stato osservato quando qualcuno sta lottando per avere ragione in una conversazione, o quando si ha qualcosa da dire che ha conseguenze molto negative. Spesso questo gesto si vede al lavoro quando qualcuno deve dire al capo che qualcosa è andato storto e anche nella terapia di coppia quando l’uno o l’altro partner sta raccontando qualcosa di doloroso.

Il secondo comportamento è simile, ma un po ‘più contorto, poiché le dita sono ancora una volta intrecciate, ma i palmi questa volta sono rivolti verso l’alto. Questa è una variante estrema dell’intrecciamento delle dita per scaricare lo stress. In questo gesto la persona tiene le mani in alto e intreccia le dita, quindi i pollici sono rivolti in avanti.

Provalo e noterai quanto sia strano tenere le mani in questo modo, eppure, se osservi bene le mani altrui, lo vedrai abbastanza spesso quando succede qualcosa di angosciante.

Perché agiamo questi comportamenti? Si ipotizza che l’intrecciamento delle dita aumenti la superficie dei nervi digitali, molto sensibili, che normalmente utilizziamo per sentire e percepire, questo funge da carezza tattile per liberare lo stress.

La contorsione aggiuntiva delle mani e delle dita quando i palmi sono rivolti verso l’alto sollecita i muscoli, le articolazioni e i tendini delle dita, tale contorsione sembra fornire ancora più stimoli tattili. Ciò, a sua volta, serve ad alleviare lo stress in situazioni altamente cariche dal punto di vista emotivo.

Quindi, mentre tutti gli altri cercano da vicino quelle tanto decantate ma altamente sfuggenti “micro-espressioni”, puoi fare alcune osservazioni molto accurate anche a 10 metri di distanza.

Vuoi sapere come interpretare il Linguaggio del Corpo delle mani e facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.psychologytoday.com/intl/blog/spycatcher/201906/reserved-behaviors-the-hands