Emozioni di gruppo e Violenza – David Matsumoto

 

2 novembre 2018

In un articolo precedente abbiamo discusso il ruolo del disprezzo, del disgusto e della rabbia nella violenza, ma qual è il ruolo dell’identità e della differenziazione del gruppo?

In effetti, la recente ricerca scientifica si è concentrata sempre più sul ruolo delle emozioni a livello di gruppo, in contrapposizione a quelle di ciascun individuo. Ciò può avere effetti significativi nel fatto che membri del gruppo o interi gruppi mettano in atto atti di violenza.

L’apprensione di un gruppo esterno, ad esempio, è un fattore importante nel prevedere la violenza. I membri del gruppo naturalmente distinguono tra dentro (in-group) e fuori (out-group), ma è più difficile definire la natura precisa di come dovrebbero sentirsi rispetto al gruppo esterno. Questa confusione è alimentata dal tentativo di riconciliare esperienze passate con quel gruppo e aspettative, spesso ambigue, all’interno del proprio gruppo per vedere come il gruppo esterno dovrebbe essere visto.

Una teoria importante è conosciuta come “Teoria dell’Infraumanizzazione. Essa sostiene che le distinzioni tra gruppi portano ad una tendenza a vedere i membri del proprio gruppo come più umani e quelli del gruppo esterno come estranei in qualche modo. Ciò può generare disprezzo e disgusto per il gruppo esterno, mentre continua a stimolare la compassione e la fiducia per il proprio gruppo.

Spesso, ciò implica la sensazione che altri gruppi siano animali, implicando la sensazione di essere minori e bestiali. I contesti di genocidio vedono spesso, ad esempio, l’uso prevalente di un linguaggio legato a vermi o parassiti come giustificazione.

Quindi, come nascono le emozioni a livello di gruppo? Alcuni sostengono che i violenti predittori di rabbia, disgusto e disprezzo derivino da sentimenti di gruppo che demonizzano gruppi che hanno violato i valori del proprio gruppo, come la comunità o la divinità.

Spesso queste emozioni possono essere promosse efficacemente da storie e narrazioni che distinguono i gruppi. Queste hanno il vantaggio pragmatico di essere facili da capire e condividere, dando ai leader del gruppo la capacità di organizzare le emozioni contro un gruppo esterno.

Queste narrative si concentrano spesso sull’out-group come una sorta di oppressore, minaccia esterna o sovversiva. In ogni caso, l’in-group è ritratto come minacciato da dominazione, conquista o degrado. Naturalmente, queste narrazioni possono basarsi su un senso di opposizione binaria, in cui il gruppo è naturalmente tutto ciò che il loro nemico non è. Se il nemico è malvagio o pazzo, il gruppo è buono e stabile.

Mentre questa discussione sulle emozioni a livello di gruppo può sembrare meno rilevante per il contesto di previsione della violenza, specialmente in una situazione di violenza domestica, il contesto che circonda una situazione potenzialmente violenta è spesso importante.

Per esempio, un agente di polizia in interrogatorio con un sospetto terrorista deve cimentarsi con il potenziale disgusto e disprezzo del terrorista, così come le narrazioni che stanno dando forma a questa ostilità.

Il riconoscimento delle differenze dei gruppi e del contesto emotivo può aiutarci molto non solo nel rilevare le minacce, ma anche nel riconciliare differenze culturali apparentemente ingestibili in situazioni di contenzioso.

 

Group Emotions of Violence