7 tradizioni internazionali di Capodanno

Il nuovo anno è il momento di ricominciare da capo, augurare buona fortuna e sperare nel successo per il prossimo anno.

Ogni paese ha rituali diversi per accogliere il nuovo anno con il piede giusto. È sempre divertente imparare e acquisire consapevolezza della diversità delle tradizioni e dei costumi.

– 12 chicchi d’uva: quando l’orologio segna mezzanotte alla vigilia di Capodanno, è tradizione per gli spagnoli, i latinoamericani e i filippini mangiare una dozzina di chicchi d’uva. Ogni chicco ha lo scopo di portare fortuna e soldi per ogni mese nel prossimo anno.

– 108 rintocchi di campane: i templi buddisti in Giappone eseguono un rituale fatto di campane allo scoccare della mezzanotte della vigilia di Capodanno. Questa tradizione si chiama Joya no Kane (除夜の鐘). Le campane suonano 108 volte per purificare da tutte le sofferenze e le delusioni dell’anno passato.

– Bruciare il vecchio anno: è normale vedere persone dal Messico all’Uruguay acquistare e poi bruciare spaventapasseri pieni di carta. Questa tradizione rappresenta il bruciare, il lasciarsi andare e la purificazione del vecchio anno.

– Rompere i vecchi piatti: molti danesi mettono da parte i vecchi piatti per lanciarli alla porta di amici e familiari. Più grande è il mucchio di piatti rotti davanti alla tua porta, più amici hai!

– Valigia intorno all’isolato: allo scoccare della mezzanotte di Capodanno, la maggior parte dei latinoamericani corre intorno all’isolato con una valigia sperando in un anno pieno di viaggi.

– Cipolle: per i greci, le cipolle rappresentano fertilità, rinascita e crescita. Pertanto, appenderle all’interno della casa porta benedizioni, salute e longevità. Se appendere una cipolla alla porta non è sufficiente, i genitori picchiettano anche i loro bambini sulla testa con una cipolla il giorno di Capodanno.

– Biancheria intima colorata: sudamericani, spagnoli e italiani sono noti per inaugurare il nuovo anno indossando biancheria intima colorata. Ogni colore ha un significato diverso, quindi scegli con saggezza:

Rosso: amore
Giallo: denaro
Verde: buona fortuna
Blu: buona salute
Bianco: pace e felicità

Anche se non ti consideri superstizioso, acquisire consapevolezza culturale delle diverse tradizioni seguite in tutto il mondo è un modo divertente di vedere la diversità. Cercare di seguire alcune di queste tradizioni può diventare un’esperienza unica di Capodanno.

Suggerimento professionale: non indossare biancheria intima nera, porta sfortuna.

Vuoi sapere come interpretare il Linguaggio del Corpo nelle diverse culture per facilitare i tuoi viaggi e la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto dal sito: https://www.protocolww.com/7-international-new-years-eve-traditions/

Gesti da tutto il mondo

In generale, tendiamo a pensare che sia meglio non insultare il tuo paese ospitante quando viaggi all’estero. Quindi, prima di offendere involontariamente qualcuno di un’altra cultura, dai un’occhiata a questa guida ai gesti delle mani in tutto il mondo.

Alcuni gesti mandano un messaggio personale:

Grecia = “I am ignoring you” (“Ti sto ignorando”)
Messico = “You’re stingy” (“Sei avaro”)

Alcuni gesti hanno significati diversi in alcuni paesi:

USA = “Terrific” (“Eccezionale”)
Iran = “F**k you” (“Vaff…”)

USA = “Rock on” (“Spacchi di brutto”)
Spagna = “Your wife is unfaithful” (“Tua moglie è infedele”)

USA = “Okay”
Brazil = “Asshole” / “F**k you” (“Stronzo” o “Vaff…”)

Altri gesti hanno significati strani:

Sud Italia = “Crazy like a pepper mill” (“Matto come un macinapepe”)
Stati Arabi = “You have 5 fathers” / “Your mom gets around” (“Tu hai 5 padri” / “Tua madre è infedele”)
Grecia = “To hell with you” (“Vai all’inferno”)
Pakistan = “I will rub s**t in your face” (“Spalmerò feci sul tuo viso”)
Panama = “I will dishonor your sister” (“Andrò a letto con tua sorella”)
“Jay-Z is awesome” / “The Illuminati shall reign supreme” (“Jay-Z è fantastico” / “Gli Illuminati regneranno”)

Vuoi sapere come i gesti quotidiani possono cambiare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Guida utile alla rabbia – Humintell

La rabbia è una delle nostre emozioni di base, ma è anche una delle più preoccupanti.

Sappiamo che la rabbia può causare una grande quantità di sconvolgimento emotivo per noi stessi, ma sappiamo anche che la rabbia ha il potenziale per condurre le persone alla violenza o all’odio. È proprio perché la rabbia è allo stesso tempo così importante e così problematica che merita attenzione. Forse è per quel motivo che l’NPR ha condotto una serie di interviste per indagare il ruolo della rabbia nelle nostre emozioni.

Non c’è spazio per discutere di ognuna di queste interviste, ma porremo l’attenzione su “La rabbia può essere contagiosa”, “Cercare la rabbia negli animali” e “Se sei spesso arrabbiato o irritabile, potresti essere depresso”.

Del primo caso “La rabbia può essere contagiosa” abbiamo già scritto sul processo di contagio emotivo, ma il ruolo della rabbia merita sicuramente di essere enfatizzato. Questa prima intervista sottolinea quanto sia facile per le emozioni influenzare altre persone, ma il dottor Jeff Hancock dell’Università di Stanford ha sottolineato che emozioni come la rabbia sono ancora più contagiose di quelle positive.

Durante l’analisi della comunicazione su Facebook, Hancock ha scoperto che quando gli amici tendono a pubblicare post carichi di emozioni, si tradurranno in un aumento dei post emotivi per vari membri del loro gruppo di amici. Ciò era ancora più evidente per la tristezza e la rabbia.

Questo studio si concentra principalmente sulla diffusione delle emozioni sui social media, ma sappiamo già che l’interazione interpersonale, o anche solo vedere il volto di qualcuno, può avere effetti simili.

Nella seconda intervista “Cercare la rabbia negli animali”, l’NPR si tuffa nella storia evolutiva della rabbia. Questo si espande nei nostri scritti precedenti sul ruolo dell’evoluzione nello sviluppo delle nostre emozioni di base, ma prende una prospettiva diversa.

In particolare, il dottor David Anderson della Caltech discute le sfide nello studio delle emozioni negli animali, vale a dire che sono più difficili da identificare che nell’uomo. Anderson esamina i livelli ormonali, la frequenza cardiaca e l’attività cerebrale per spiegare come gli animali sperimentano la rabbia.

Anderson analizza che la rabbia viene spesso innescata quando un animale è sotto attacco e che i marcatori fisiologici della rabbia sono molto simili tra le varie specie. La rabbia può essere innescata quando vari animali vedono le loro specie in conflitto violento, per esempio.

La terza intervista “Se sei spesso arrabbiato o irritabile, potresti essere depresso” mette in evidenza le connessioni tra emozioni centrali, vale a dire rabbia e tristezza. Mentre la maggior parte delle persone pensa che siano piuttosto distinte, potrebbe non essere così. Questa intervista prende in analisi quanto sia comune per le persone che soffrono di depressione confondere quei sintomi con rabbia o sperimentare picchi o esplosioni di rabbia.

Il dottor Maurizio Fava della Harvard Medical School sottolinea che l’irritabilità e la mancanza di controllo sul carattere sono sintomi comuni della depressione. Queste esplosioni emotive portano spesso a rimorsi e a profondi sentimenti di rabbia.

Speriamo di aver dimostrato quanto sia importante l’argomento della rabbia e di averti motivato a dare un’occhiata all’intera serie di interviste!

Creare “Rapport” con l’altro – Copia Originale

 

In un articolo precedente abbiamo parlato di Mirroring, questa tecnica viene anche usata per creare “Rapport”, un rapporto di affinità e fiducia che ci dà anche la possibilità di operare un cambiamento sull’altro.

 

Le 3 fasi del Rapport:

1) calibrazione (osservazione del comportamento altrui),

2) ricalco (imitazione degli aspetti verbali, paraverbali e non verbali dell’altro),

3) guida (una volta agganciato l’altro con il ricalco è possibile modificare il proprio comportamento per “guidare” l’altro).

 

Francesco Di Fant

https://www.copiaoriginale.it/post/creare-rapport-laltro-2