I poliziotti riescono a riconoscere i bugiardi?

I poliziotti sono più abili di noi nel riconoscere un bugiardo?

Osserviamo questi due sillogismi:

1) La maggior parte delle persone ha solo la possibilità di rilevare bugie.

La maggior parte dei poliziotti sono persone.

Pertanto, la maggior parte dei poliziotti ha solo la possibilità di individuare bugie.

Vi sembra corretto o preferite il numero 2?

2) I “maghi della verità” (Truth Wizards) sono in grado di rilevare bugie nella maggior parte dei casi.

Alcuni maghi della verità sono poliziotti.

Pertanto, alcuni poliziotti possono rilevare l’inganno per la maggior parte del tempo.

Entrambi i sillogismi sono corretti. La maggior parte dei poliziotti, come la maggior parte delle persone, sono “a rischio” con la loro normale abilità di rilevare menzogne. Ma alcuni poliziotti sono rilevatori di bugie esperti. Queste conclusioni vengono da studi condotti su gruppi non selezionati di personale delle forze dell’ordine e su individui e gruppi di personale delle forze dell’ordine altamente selezionati.

Negli anni ’90, Paul Ekman, Mark Frank e Maureen O’Sullivan hanno descritto come altamente efficaci due specifici gruppi di forze dell’ordine (agenti dei servizi segreti e investigatori federali altamente motivati). Hanno anche riportato solo punteggi casuali di accuratezza nel rilevare menzogne in diversi altri gruppi di professionisti della polizia. Più recentemente, in uno studio condotto in Inghilterra, Mark Frank ha riscontrato differenze di accuratezza tra i diversi tipi di personale delle forze dell’ordine. Gli investigatori di omicidi erano molto precisi mentre gli agenti di pattuglia no. Quindi alcuni tipi di poliziotti possono riconoscere meglio i bugiardi a volte.

Nel 2000, vennero intervistati i cosiddetti “Truth Wizards”, persone che hanno ottenuto punteggi pari o superiori all’80% su almeno due delle tre misure standardizzate di rilevamento delle menzogne. Questi non erano test facili poiché la maggior parte delle persone ha ottenuto solo punteggi casuali (vicino al 50%). Tutti e tre i test mostrano “bugie ad alto rischio” in cui i bugiardi e i cacciatori di menzogne erano fortemente motivati, per motivi personali o da un significativo rinforzo positivo e/o negativo (ricompense importanti, punizioni severe).

Paul Ekman ha sostenuto per molti anni che sono necessarie situazioni ad alto rischio per determinare l’accuratezza del rilevamento delle bugie, altrimenti le bugie e le verità non avranno i corretti comportamenti emotivi e cognitivi necessari per scoprire la verità. Ricordi l’ultima volta che un agente di polizia ti ha interrogato? Il tuo cuore batteva forte? La tua mente era annebbiata? La tua bocca era secca? Questo può accadere anche in un semplice interrogatorio a proposito di un fanale posteriore rotto o di una disattenzione alla guida. Immagina se l’interrogatorio riguardasse un omicidio. La polizia è abituata a interrogare le persone in situazioni in cui sono molto attive sia dal punto di vista emotivo che cognitivo.

Questa ipotesi è stata esaminata in un’analisi su tutti gli studi sull’accuratezza del rilevamento delle bugie nei gruppi di polizia. Si è scoperto che gli agenti di polizia testati con bugie con una posta in gioco alta erano significativamente più precisi di quelli testati con bugie con una posta in gioco bassa. Nessun funzionario di polizia testato con menzogne con una bassa posta in gioco è risultato al di sopra delle normali probabilità di riconoscimento.

Quindi, per determinare se gli agenti di polizia sono accurati nel rilevamento delle bugie, assicurati di specificare se si tratta di “alcuni” o “tutti” i poliziotti.

Vuoi saper riconoscere le menzogne e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.psychologytoday.com/intl/blog/deception/200906/can-cops-catch-liars