2 comportamenti che trasmettono interesse – Psychology Today

Come i piedi e il collo ci aiutano a comunicare interesse.

Spesso mi viene chiesto se c’è qualcosa che possiamo fare non verbalmente per far sapere alla gente che siamo pienamente coinvolti e interessati a ciò che hanno da dire. La mia risposta è sì, ma le mie scelte sono probabilmente cose a cui non hai mai pensato.

Ovviamente, sappiamo che avere un buon contatto visivo e sorridere sono molto utili per mostrare interesse – lo sappiamo da quando Dale Carnegie pubblicò Come conquistare gli amici e influenzare le persone negli anni ’30. Oltre a ciò, lasciatemi suggerire questi due comportamenti: inclinare la testa e / o incrociare le gambe stando in piedi. Non ci hai mai pensato? Provalo, o forse lo hai già fatto, e non sapevi che lo stavi facendo naturalmente.

Inclinare la testa

Hai mai visto persone riunirsi attorno a un neonato e notare che inclinava la testa di lato? Il principe William, e in particolare Kate, la duchessa di Cambridge, sono entrambi famosi per inclinare la testa quando parlano con gli altri. Perché lo fanno? Perché funziona. Funziona con i bambini, funziona con gli adulti.

Quando incliniamo la testa, i bambini sembrano sorridere e rilassarsi. Guarda le coppie innamorate: si siederanno accanto per ore, le teste inclinate, fissandosi l’un l’altro con amore. Questo comportamento in sostanza espone il nostro collo, e io sospetto che ci faccia apparire più vulnerabili e quindi più gradevoli.

Dopo aver studiato questo comportamento nel corso degli anni, invariabilmente coloro che inclinano la testa sono percepiti come più interessati, attenti e premurosi. In altre parole, le persone riferiscono di sentirsi come se la persona li stia ascoltando con più attenzione, escludendo gli altri. E’ un atteggiamento potente nel corteggiamento e non meno in un contesto lavorativo.

In modo non sorprendente, attraverso l’eco del corpo o l’isoprassi (Mirroring), quando entrambe le persone inclinano la testa, c’è una maggiore tendenza a rimanere a parlare più a lungo. Che si tratti di un corridoio, di un ufficio o di una strada, gli individui tendono a intrattenersi più a lungo quando inclinano la testa, come si evince dalle interviste post-osservazione.

In piedi con le gambe incrociate

Come scritto in un post precedente, di solito incrociamo le gambe mentre stiamo in piedi solo quando siamo a nostro agio con gli altri. Qualunque cosa sia percepita come una minaccia (es. il bordo di un edificio alto) o qualsiasi tipo di acrimonia sociale ci fa mantenere entrambi i piedi ben saldi in modo da non essere fuori equilibrio. Il sistema limbico, responsabile della nostra sicurezza, lo fa in modo abbastanza efficace senza molto pensiero cosciente.

Vuoi mettere gli altri a loro agio mentre sei in piedi? Prova ad incrociare le gambe. Inconsciamente comunica che si è interessati a quello che gli altri hanno da dire. Se siamo fortunati, anche l’altra persona si sentirà a suo agio con noi e farà lo stesso. In sostanza, le gambe dicono: se sei a mio agio con me, sono a mio agio con te. Come con l’inclinazione della testa, l’incrocio delle gambe in posizione eretta, quando ricambiato, crea quasi sempre una maggiore durata dell’incontro. E gli incontri faccia a faccia si trovano soprattutto negli affari e nelle relazioni personali.

Ovviamente se qualcuno è di fretta e ha un appuntamento nessuna quantità di linguaggio del corpo da parte nostra garantirà che l’altro rimarrà lì ad ascoltarci. Ma se ne hai l’opportunità, e gli altri non hanno fretta di andarsene, prova queste tecniche e vedi se gli interlocutori si attardano più a lungo per una conversazione più piacevole.

Joe Navarro
Cacciatore di bugie

https://www.psychologytoday.com/intl/blog/spycatcher/201812/2-behaviors-convey-interest

Comunicazione Non Verbale efficace per avvocati: empatia e Mirroring – Hdemos

Nella comunicazione professionale essere efficaci e persuasivi è sicuramente uno degli obiettivi di primaria importanza, i professionisti di tutti i settori conoscono bene questo aspetto e anche gli avvocati e i giuristi prestano la giusta attenzione a tali obiettivi professionali.

L’empatia.

Nella comunicazione tra esseri umani c’è un elemento imprescindibile e che a volte viene sottostimato: l’empatia. Riconoscere se stesso nell’altro – almeno in parte – e “sentire come” sente l’altro è una delle prerogative dell’essere umano e, da un punto di vista evolutivo, l’empatia è l’ingrediente chiave che permette la vita sociale e di gruppo garantendo la sopravvivenza alla nostra specie.

A livello comunicativo l’empatia permette, appunto, di “parlare la stessa lingua” riconoscendosi nell’altro e facilitando la relazione e la comprensione reciproca superando eventuali resistenze cognitive o emotive. Appare chiaro come questo possa facilitare l’attività professionale di avvocati e giuristi che sono costantemente a contatto con persone diverse.

Esistono alcune tecniche che lavorano sull’empatia, nella Comunicazione Non Verbale, una delle tecniche più utilizzare è quella del Mirroring (“rispecchiamento”), questa tecnica è presa dalla Programmazione Neuro Linguistica. Illustriamo brevemente in cosa consiste tale disciplina: la Programmazione Neuro Linguistica (PNL) afferma che è possibile modificare gli schemi di comportamento di un individuo agendo sul linguaggio e sui processi mentali. Tale disciplina è assolutamente autonoma e vasta, nella Comunicazione Non Verbale si utilizzano alcune tecniche presenti nella PNL tra cui, appunto, il Mirroring.

Cosa è il Mirroring? Come funziona?

Il Mirroring è una tecnica semplice e potente che permette di entrare empaticamente in sintonia con un’altra persona, si basa sui “neuroni specchio” presenti nel nostro cervello (come in quello dei primati) che sono alla base dell’attività mimica del comportamento e dell’apprendimento tra simili. Questi neuroni ci aiutano a identificare ciò che è simile da ciò che è diverso da noi, determinando una situazione IN-OUT, definendo un confine tra “io” e “altro”.
Il Mirroring si basa sull’imitazione del comportamento dell’altro: nel canale Verbale (parole), nel canale Paraverbale (qualità della voce: tono, velocità, ritmo, ecc.) e nel canale Non Verbale (gesti, posture, espressioni facciali, fisiologia e respiro).

Qualche semplice consiglio per iniziare a utilizzare il Mirroring.

1) focalizzate la vostra attenzione su gesti ben visibili (ad esempio braccia e mani) e provate a replicare tali movimenti.
2) oltre ai gesti, provate a imitare alcuni aspetti della voce dell’altro (i più semplici da imitare potrebbero essere il volume e la velocità del parlato), questo aiuterà molto a essere percepiti come simili dal nostro interlocutore.

Provate per credere!

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

https://www.hdemos.it/comunicazione-non-verbale-efficace-per-avvocati-empatia-e-mirroring/

Sistemi Rappresentazionali e CNV: il metodo “VAK” – Copia Originale

 

In alcuni articoli precedenti abbiamo parlato di Mirroring (https://www.copiaoriginale.it/post/mirroring-rispecchiare-altro/) e di Rapport (https://www.copiaoriginale.it/post/creare-rapport-laltro-2/) per entrare in empatia e comunicare con gli altri in modo efficace; è possibile applicare tale tecniche in maniera più precisa unendo a esse la conoscenza dei sistemi rappresentazionali (VAK).

I sistemi di rappresentazione sensoriali (o stili di apprendimento) si riferiscono ai processi sensoriali che regolano il comportamento. Tutti noi interpretiamo la realtà e ci esprimiamo usando i cinque sensi: l’utilizzo di un particolare senso dominante definisce il nostro stile di apprendimento come Visivo (V), Auditivo (A) e Cinestesico (K).

  • I Visivi (V) pensano e si esprimono per immagini, sono dinamici, parlano e si muovono rapidamente con un respiro veloce, usano molto contatto visivo. Hanno una gestualità veloce e ampia, guardano spesso in alto.
  • Gli Auditivi (A) preferiscono suoni e parole, si focalizzano sulla logica e sui concetti, a volte girano la testa di lato per ascoltare meglio. Parlano in maniera sciolta e melodiosa scegliendo attentamente le parole, respirano regolarmente e spesso guardano di lato o in basso a sinistra (dialogo interno).
  • I Cinestesici (K) utilizzano principalmente gli altri tre sensi (tatto, gusto e olfatto) e sono focalizzati su emozioni e sensazioni. Si muovono e respirano lentamente, parlano con ritmo lento e volume basso.
    Gesticolano poco e utilizzano poco il contatto visivo, spesso guardano in basso a destra (memoria cinestesica) e utilizzano il contatto fisico con gli altri o rivolto verso oggetti o se stessi.

 

Francesco Di Fant

https://www.copiaoriginale.it/post/sistemi-rappresentazionali-cnv-metodo-vak/

Creare “Rapport” con l’altro – Copia Originale

 

In un articolo precedente abbiamo parlato di Mirroring, questa tecnica viene anche usata per creare “Rapport”, un rapporto di affinità e fiducia che ci dà anche la possibilità di operare un cambiamento sull’altro.

 

Le 3 fasi del Rapport:

1) calibrazione (osservazione del comportamento altrui),

2) ricalco (imitazione degli aspetti verbali, paraverbali e non verbali dell’altro),

3) guida (una volta agganciato l’altro con il ricalco è possibile modificare il proprio comportamento per “guidare” l’altro).

 

Francesco Di Fant

https://www.copiaoriginale.it/post/creare-rapport-laltro-2

Il Mirroring: rispecchiare l’altro – Copia Originale

 

Gli appassionati di PNL sanno sicuramente cos’è il “Mirroring”, per gli altri è utile spiegare che la tecnica del “Rispecchiamento” è un semplice e potente strumento, alla portata di tutti, per entrare in empatia con gli altri velocemente.

Il Mirroring si basa sull’imitazione dell’altro nel suo comportamento verbale (parole, metafore, modi di dire), paraverbale (tono, velocità, ritmo e inflessioni della voce) e non verbale (gesti, posture, espressioni facciali, fisiologia e respiro). Provate anche voi!

Francesco Di Fant

https://www.copiaoriginale.it/post/mirroring-rispecchiare-altro

MIRRORING E RISPECCHIAMENTO ALTRUI – “Chiamate Paperoga!” 11 luglio 2012 (ELLE RADIO)

Collegamento telefonico come esperto di Linguaggio del Corpo nella trasmissione “Chiamate Paperoga!” condotta da Paolo Di Censo e Valeria Biotti su ELLE RADIO FM 88.100 (www.elleradio.it) – Oggi si parla di Mirroring, Rapport e del rispecchiamento dell’altro!



Buon ascolto! 🙂