I poliziotti riescono a riconoscere i bugiardi?

I poliziotti sono più abili di noi nel riconoscere un bugiardo?

Osserviamo questi due sillogismi:

1) La maggior parte delle persone ha solo la possibilità di rilevare bugie.

La maggior parte dei poliziotti sono persone.

Pertanto, la maggior parte dei poliziotti ha solo la possibilità di individuare bugie.

Vi sembra corretto o preferite il numero 2?

2) I “maghi della verità” (Truth Wizards) sono in grado di rilevare bugie nella maggior parte dei casi.

Alcuni maghi della verità sono poliziotti.

Pertanto, alcuni poliziotti possono rilevare l’inganno per la maggior parte del tempo.

Entrambi i sillogismi sono corretti. La maggior parte dei poliziotti, come la maggior parte delle persone, sono “a rischio” con la loro normale abilità di rilevare menzogne. Ma alcuni poliziotti sono rilevatori di bugie esperti. Queste conclusioni vengono da studi condotti su gruppi non selezionati di personale delle forze dell’ordine e su individui e gruppi di personale delle forze dell’ordine altamente selezionati.

Negli anni ’90, Paul Ekman, Mark Frank e Maureen O’Sullivan hanno descritto come altamente efficaci due specifici gruppi di forze dell’ordine (agenti dei servizi segreti e investigatori federali altamente motivati). Hanno anche riportato solo punteggi casuali di accuratezza nel rilevare menzogne in diversi altri gruppi di professionisti della polizia. Più recentemente, in uno studio condotto in Inghilterra, Mark Frank ha riscontrato differenze di accuratezza tra i diversi tipi di personale delle forze dell’ordine. Gli investigatori di omicidi erano molto precisi mentre gli agenti di pattuglia no. Quindi alcuni tipi di poliziotti possono riconoscere meglio i bugiardi a volte.

Nel 2000, vennero intervistati i cosiddetti “Truth Wizards”, persone che hanno ottenuto punteggi pari o superiori all’80% su almeno due delle tre misure standardizzate di rilevamento delle menzogne. Questi non erano test facili poiché la maggior parte delle persone ha ottenuto solo punteggi casuali (vicino al 50%). Tutti e tre i test mostrano “bugie ad alto rischio” in cui i bugiardi e i cacciatori di menzogne erano fortemente motivati, per motivi personali o da un significativo rinforzo positivo e/o negativo (ricompense importanti, punizioni severe).

Paul Ekman ha sostenuto per molti anni che sono necessarie situazioni ad alto rischio per determinare l’accuratezza del rilevamento delle bugie, altrimenti le bugie e le verità non avranno i corretti comportamenti emotivi e cognitivi necessari per scoprire la verità. Ricordi l’ultima volta che un agente di polizia ti ha interrogato? Il tuo cuore batteva forte? La tua mente era annebbiata? La tua bocca era secca? Questo può accadere anche in un semplice interrogatorio a proposito di un fanale posteriore rotto o di una disattenzione alla guida. Immagina se l’interrogatorio riguardasse un omicidio. La polizia è abituata a interrogare le persone in situazioni in cui sono molto attive sia dal punto di vista emotivo che cognitivo.

Questa ipotesi è stata esaminata in un’analisi su tutti gli studi sull’accuratezza del rilevamento delle bugie nei gruppi di polizia. Si è scoperto che gli agenti di polizia testati con bugie con una posta in gioco alta erano significativamente più precisi di quelli testati con bugie con una posta in gioco bassa. Nessun funzionario di polizia testato con menzogne con una bassa posta in gioco è risultato al di sopra delle normali probabilità di riconoscimento.

Quindi, per determinare se gli agenti di polizia sono accurati nel rilevamento delle bugie, assicurati di specificare se si tratta di “alcuni” o “tutti” i poliziotti.

Vuoi saper riconoscere le menzogne e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.psychologytoday.com/intl/blog/deception/200906/can-cops-catch-liars

Le macchine della verità funzionano davvero?

La macchina della verità nota come “poligrafo” funziona secondo gli stessi principi del rilevamento dei comportamenti legati all’inganno ed è vulnerabile agli stessi problemi. L’esame del poligrafo non rileva le bugie, solo i segni delle emozioni.

Come funziona una macchina della verità?

I fili del poligrafo sono collegati al sospetto per misurare i cambiamenti nella sudorazione, nella respirazione e nella pressione sanguigna. Gli aumenti della pressione sanguigna o la sudorazione non sono di per sé segni di inganno. Le mani diventano umide e il cuore batte più forte quando si vive un’emozione.

Prima di eseguire il test del poligrafo, la maggior parte degli operatori del poligrafo tenta di convincere il sospetto che il poligrafo non fallisca mai nel riconoscere un bugiardo, effettuando quello che è noto come test di “stimolazione” o “stim. La tecnica più comune è dimostrare al sospettato che la macchina sarà in grado di dire quale carta il sospetto prende da un mazzo. Dopo che il sospettato ha preso una carta e l’ha rimessa nel mazzo, gli viene chiesto di dire di no ogni volta che l’operatore del poligrafo gli chiede se si tratta di una carta particolare.

Alcuni di quelli che usano questa tecnica non commettono errori, perché non si fidano della registrazione del poligrafo per catturare la bugia e usano un set di carte marcato. Giustificano l’inganno verso l’indagato per due motivi. Se è innocente, è importante che pensi che la macchina non commetta errori; altrimenti, potrebbe mostrare paura di non essere creduto. Se è colpevole, è importante aver paura di essere catturato; in caso contrario, la macchina non funzionerà davvero. La maggior parte degli operatori del poligrafo non si cimenta in questo inganno, ma si affida ai dati del poligrafo per individuare quale carta è stata presa.

Quando non funzionano gli esami del poligrafo?

L’indagato deve credere nell’abilità del cacciatore di bugie. I segni della paura sarebbero ambigui a meno che le cose non possano essere organizzate in modo tale che solo il bugiardo avrà paura, e non chi racconta la verità. Gli esami del poligrafo falliscono non solo perché alcuni innocenti temono di essere accusati falsamente o per altri motivi, ma anche perché alcuni criminali non credono nella “magia” della macchina. Sanno che possono cavarsela e, se lo sanno, hanno maggiori probabilità di poterlo fare.

Alcuni operatori del poligrafo tentano di ottenere una confessione convincendo i loro sospettati di non poter battere la macchina. Quando un sospetto non confessa, alcuni operatori del poligrafo intimidiscono il sospetto, dicendo all’indagato che la macchina ha dimostrato che lui non sta dicendo la verità.

Migliorando nella comprensione del rilevamento delle menzogne, la speranza è di riconoscere i colpevoli. Gli innocenti possono subire le false accuse ma presumibilmente saranno rilasciati. Sfortunatamente, sotto tali pressioni alcuni innocenti possono confessare un fatto non commesso solo per ottenere sollievo.

Vuoi sapere come riconoscere la Menzogna e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.paulekman.com/lies-and-deception/do-lie-detectors-actually-work/

Microespressioni del viso: solo un mito?

Come sono percepite le “micro-espressioni” del viso e il loro significato? Quanto gli viene data rilevanza nel rilevare l’inganno?

Come esperto di Linguaggio del Corpo e Analisi della Menzogna, espressioni del viso e microespressioni sono un argomento piuttosto comune di cui parlare durante corsi e training.

Ormai la maggior parte della gente ha sentito parlare di “micro-espressioni” come risultato della serie TV Lie to Me, o perché il termine è stato reso popolare dai media. In effetti, incontro regolarmente persone che affermano di aver seguito corsi di microespressioni o che vogliono diventare esperti di microespressioni.

Ma cosa fare riguardo al resto del corpo? Dopotutto, il resto del corpo trasmette informazioni su pensieri, desideri, paure, emozioni e intenzioni con molta più regolarità. Se qualcuno si fa aria con la maglietta o nasconde i pollici mentre vengono poste domande, dovresti sapere cosa significa se non sanno cosa fare con le mani (significa: problemi, disagio, insicurezze) perché potrebbero non esserci microespressioni per aiutarci a comprendere.

Per capire adeguatamente, cominciamo col significato del termine “micro-espressioni”. Nel 1966 due ricercatori di nome Haggard e Isaacs scoprirono, mentre guardavano dei filmati di coppie in terapia, quelle che descrivevano come “espressioni micro-momentanee”. Hanno notato comportamenti che apparivano così rapidamente che erano difficili da vedere se non rallentando il video. Qualche anno dopo, basandosi su questo lavoro precedente e osservando questi stessi comportamenti, Paul Ekman ha coniato il termine “micro-espressioni” mentre studiava l’inganno. Ekman in seguito lo incorporò nel suo libro I volti della menzogna, che è davvero un libro di culto consigliato a tutti coloro che sono interessati alla Comunicazione Non Verbale.

Il Dalai Lama insieme a Paul Ekman

Ciò che Haggard e Isaacs, così come altri, hanno scoperto è che i nostri volti spesso rivelano sentimenti nascosti che vengono nascosti intenzionalmente. Ciò è stato ovviamente utile per rilevare problemi durante la terapia di coppia. Sfortunatamente, nel tempo il termine microespressioni è cresciuto fino a includere troppe cose; non riuscendo, ad esempio, a distinguere tra distorsioni facciali minuscole, piccole e grandi. C’è stato anche un errore nel distinguere tra i comportamenti che erano veloci e quelli che erano superveloci, ma che avevano poco a che fare con l’essere “micro” o piccoli. Infine c’è stato un fallimento nel differenziare comportamenti asimmetrici o che si bloccano stranamente sul posto, come quando teniamo un sorriso teso a un cane ringhiante.

Di conseguenza, poiché molte cose sono state raggruppate sotto la denominazione di “microespressione”, è spesso difficile determinare di cosa si sta parlando. Quindi vediamo se possiamo aggiungere un po’ di chiarezza qui per aiutare a capire meglio i comportamenti del viso, che sono spesso raggruppati sotto il termine “microespressioni” o che vengono completamente ignorati.

Innanzitutto dovremmo riconoscere, come ha sottolineato David Matsumoto, che ci sono comportamenti, gesti o espressioni del viso che si verificano senza stimoli coscienti che rivelano i nostri veri sentimenti o emozioni. Alcuni di questi comportamenti o espressioni appaiono molto rapidamente (1/15, 1/25 di secondo) e altri sembrano durare troppo a lungo. Inoltre ci sono comportamenti che sono difficili da osservare perché sono molto piccoli (ad esempio i muscoli che si contraggono appena sotto l’occhio) mentre altri sono abbastanza grandi.

David Matsumoto

Ciò che è importante per gli osservatori è che mentre si verificano questi comportamenti, non bisogna attribuire a essi più significato di quanto dovremmo. In serie TV come Lie to Me sembra che anche solo uno di questi comportamenti indichi che una persona sita mentendo. Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Come ci hanno ripetutamente detto Ekman, Frank, DePaulo, Burgoon e Vrij, non esiste un unico comportamento indicativo di inganno (Matsumoto, et. Al. 2011, 1-4; Navarro 2008). Ci sono indicatori di stress, disagio psicologico, ansia, antipatia, problemi o tensione, ma non esclusivamente di “inganno”.

In effetti, piuttosto che concentrarsi sull’inganno, nella mia esperienza, è molto più utile diventare un “rilevatore di problemi” perché è proprio quello che stiamo osservando. Quando vediamo le manifestazioni fisiche del disagio psicologico, stiamo davvero vedendo i nostri corpi comunicare che ci sono “problemi”; in altre parole qualcosa ci dà fastidio, la vera domanda è “Cosa?”.

Vuoi sapere come interpretare correttamente le espressioni del viso e approfondire il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.jnforensics.com/post/body-language-vs-micro-expressions-debunking-the-myths-of-micro-expressions

Svelare le bugie: cinque cose da sapere

 

Quando si dice una bugia si può avere più o meno paura di essere scoperti, a seconda della tipologia di bugia e a chi la raccontiamo. Riguardo agli studi sulla menzogna, uno dei punti di riferimento è sicuramente lo psicologo americano Paul Ekman che, dopo anni di ricerche, ha riepilogato sinteticamente le circostanze in cui una persona che sta mentendo è più preoccupata di essere scoperta e sbugiardata.
La paura di essere scoperti può, a seconda della sua intensità e della sua natura, generare una tensione maggiore rispetto a una situazione di normalità. L’emozione che si prova con la paura è sempre forte e difficilmente controllabile, inoltre chi mente sta facendo uno sforzo (di concentrazione e di controllo delle parole e del corpo), quindi le sue risorse mentali sono impegnate nel compito di raccontare una bugia credibile e al tempo stesso controllare il proprio corpo e quello del destinatario della bugia; se a tutto questo aggiungiamo lo stress che deriva dalla tensione collegata alla paura, allora il controllo diventa ancora più difficile ed è probabile che affiorino dei piccoli o grandi segni rivelatori di menzogna.

  • La persona che mente sa di avere di fronte una persona in grado di poterla smascherare: più si ritiene che una persona che ci ascolta sia in grado di scoprire una menzogna più diventa facile che sfuggano al nostro controllo alcune spie sintomatiche della menzogna (per esempio collegate alla paura). Se volessi mettere in difficoltà una persona che sospetto mi stia mentendo potrei rivelare la mia specializzazione aumentando così le probabilità di una reazione che induca il/la bugiardo/a a tradirsi; di solito cerco di evitarlo, in quanto questa rivelazione può provocare un leggero imbarazzo negli altri.
  • La persona che mente non è abituata a mentire: come in tutte le cose, più ci si esercita e più si è efficaci, ma chi, nel corso degli anni, non ha sperimentato abbastanza con successo l’arte di mentire non ha imparato, di conseguenza, a gestire la (complessa) faccenda di raccontare una menzogna credibile…
  • La persona che mente sa che in gioco c’è qualcosa di valore: quando si tratta di soldi, affari in generale o anche di benefici di altra natura, riuscire a mentire può essere più duro a causa della paura di rischiare di perdere il premio in palio.
  • La persona che mente sa che, qualora scoperta, corre il rischio di essere punito severamente: in situazioni di vita o di morte, diventa decisamente più rischioso e difficile mentire di fronte al pericolo, questo è uno degli elementi più stressanti di tutti in quanto il nostro istinto di sopravvivenza ci porta necessariamente a dire la verità in alcune circostanze, se questo significa avere maggiori possibilità di salvezza (un esempio classico è dato dalla letteratura filmica e televisiva, allorché il poliziotto duro minaccia la vita del criminale per avere informazioni importanti). Analogamente quando si rischia di subire una punizione fisica, finire in prigione, perdere degli affetti, compromettere situazioni lavorative o comunque qualcosa a cui si tiene molto o che abbia un’importanza oggettiva, la paura di rischiare è spesso grande e questo, ovviamente, può emergere con dei gesti, degli indizi involontari che segnalano l’inganno. Sembra che la paura della punizione sia una delle prime molle che scattano nel bambino per spingerlo a mentire anche in tenera età.
  • La persona che mente è nota per essere un bugiardo: ovviamente, nel gioco delle aspettative reciproche, chi viene etichettato come una persona poco affidabile avrà più paura di essere smascherato e, inoltre, per farsi credere anche quando afferma il vero usa normalmente più energie degli altri; la tensione che si aggiunge nel momento in cui si dice una bugia non può che aggravare la situazione di timore che vive. Un simpatico esempio della escalation delle bugie, a cui si può essere costretti per non esser smascherati, è il protagonista del telefilm Billy il bugiardo in cui un ragazzo dalla vita monotona sogna un luogo in cui è considerato da tutti un eroe; alcuni errori commessi lo spingono a raccontare frottole sempre più grandi, per evitare punizioni sempre più pesanti; così le persone cominciano a non credergli più.

Ovviamente queste sono circostanze generali in cui ci si può trovare maggiormente in difficoltà nel mentire, va da sé che occorre, oltre a questo, conoscere i vari modi in cui il corpo comunica segnali (o meglio indizi) di tensione o, eventualmente, menzogna.

 

Tratto dal libro: “101 cose da sapere sul linguaggio segreto del corpo” di Francesco Di Fant, Newton Compton editori, Roma 2012