Coronavirus e Linguaggio del Corpo della paura

Il noto Coronavirus (COVID-19) è un virus molto contagioso partito dalla Cina che si è diffuso a livello globale, cambiando le abitudini di vita di moltissime persone

L’impatto del virus ha avuto diversi effetti negativi – oltre alle morti dei soggetti più a rischio – sull’economia e sulla popolazione: confusione e paura, spostamenti di persone e merci limitati, contatti fisici da evitare, manifestazioni e aggregazioni pubbliche sospese in luoghi di divertimento, di lavoro, di formazione e di culto. Inoltre, nel tentativo di limitare i possibili focolai del contagio del virus, la quarantena rende le cose ancora più difficili nelle zone più colpite dal Coronavirus.

L’ondata di caos e paura sembra essere diventata uno tsunami a livello mondiale, come riconoscere la paura di chi ci è vicino leggendo il Linguaggio del Corpo? Diamo questi e altri utili consigli sulla Comunicazione Non Verbale che possono risultare utili in questo periodo di confusione dovuto al virus.

Nella Comunicazione Non Verbale i segnali della paura nell’espressione del viso sono i seguenti: sopracciglia sollevate e ravvicinate, rughe centrali sulla fronte, palpebra superiore sollevata con quella inferiore contratta e sollevata, bocca aperta e labbra tese o stirate all’indietro.

Inoltre la paura può manifestarsi con l’immobilizzazione del corpo, la cosiddetta tanatosi.

Quali sono i segnali della tanatosi nell’essere umano? Le manifestazioni tipiche sono: rigidità del collo e degli arti, tendenza a spostare la testa o il corpo all’indietro, sguardo evitato o fisso sull’altro per controllarlo. Inoltre in caso di forte tensione è possibile che una persona immobile arrivi anche a trattenere il respiro per diversi secondi.

Insieme alla paura del Coronavirus, è possibile vedere anche espressioni legate all’emozione del disgusto. Il disgusto si manifesta con la chiusura degli organi di senso (occhi, bocca, naso) con le labbra sollevate col labbro inferiore premuto contro quello superiore, il naso arricciato, le guance sollevate, le sopracciglia abbassate con le palpebre che si stringono fino a chiudere gli occhi.

Altri segnali legati alla paura possono essere i segnali di barriera: capita di proteggere il proprio corpo con degli oggetti (es. giornali, borse) – oltre alla classica mascherina usata in questi giorni – oppure esistono dei gesti di barriera che proteggono il corpo come uno scudo come le braccia e le gambe incrociate.

Inoltre le indicazioni per limitare il contagio del Coronavirus prevedono di evitare il più possibile il contatto fisico e di rimanere a distanza di sicurezza, quindi sarà normale osservare un aumento della distanza prossemica tra le persone, passando dalla sfera personale (1 mt) a quella sociale (1-3 mt) anche nella relazione con amici e familiari.

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

Vuoi saper riconoscere la paura e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Il nostro bisogno di spazio – Psychology Today

Il nostro bisogno di spazio è personale e culturale e varia di momento in momento.

Da bambino, mi meravigliavo di come gli uccelli migratori scendevano sulle linee elettriche, ognuno apparentemente equidistante l’uno dall’altro, come se sapessero esattamente dove atterrare, mai troppo vicini, ognuno perfettamente distanziato. Non è diverso, forse, per gli umani che aspettano in fila, in apparenza istintivamente, per acquistare un biglietto per il teatro a Broadway – con ogni persona abbastanza vicina all’altra. Forse erano immagini come queste, che tutti abbiamo vissuto, che hanno spinto il grande antropologo Edward T. Hall a studiare come le molte varietà di animali in natura usano lo spazio per l’armonia sociale – questo ha definito lo studio della prossemica.

La prossemica è stata molto utile per comprendere le interazioni sociali, sia che si tratti di bambini che giocano, di colleghi seduti attorno a un tavolo da conferenza, o di quante persone si possono mettere in un ascensore prima che ci sia un alto grado di disagio. Il lavoro di Hall è stato ampiamente citato da sociologi, psicologi, antropologi e persino primatologi, perché abbiamo tutti dei bisogni spaziali. Hall ha notato che ci sono quattro zone di base condivise da noi umani e variano in dimensioni:

  1. Zona pubblica: da 3 metri in poi, utile per parlare in pubblico e riunioni all’aperto
  2. Zona sociale: da 1 metro circa a 3 metri, una buona distanza sociale per le interazioni con i conoscenti
  3. Zona personale: da 50 cm. a 1 metro circa, una distanza confortevole per la famiglia e gli amici intimi
  4. Zona intima: dalla pelle a 50 cm., distanze associate a sussurri, tocco, abbracci, ecc.

Si noti che queste distanze sono approssimazioni e possono variare ampiamente, come nella “zona pubblica” sopra. Ciò che Hall ha anche scoperto è che quando queste distanze spaziali vengono violate, anche se con buone intenzioni, ci sono conseguenze – sia psicologiche che fisiologiche.

Se un estraneo ti sta troppo vicino, potresti ritrovarti a scappare mentre la tua pelle arrossisce, il tuo cuore batte, il tuo petto si stringe e le tue labbra si comprimono, mostrando visibilmente il tuo disagio. Queste reazioni sono causate dall’eccitazione limbica – l’attivazione subconscia di vari sistemi all’interno del cervello – per proteggerti e assicurare la sopravvivenza. Mentre tutte queste cose stanno avendo luogo, c’è un “dirottamento limbico”, il tuo cervello è così preoccupato del disagio psicologico che ha la precedenza su tutto ciò che viene discusso. Tutto ciò a cui possiamo pensare è prendere le distanze dagli altri, un fenomeno che tutti abbiamo incontrato.

Siamo così sensibili sul nostro spazio che quando qualcuno si siede troppo vicino a noi su una spiaggia vuota, sperimentiamo un disagio psicologico, mentre riflettiamo sul perché qualcuno si sieda inutilmente così vicino. O quando entri in un ascensore e vai in un angolo, se la prossima persona che arriva si mette proprio accanto a te, puoi avvertire molto disagio. Stare così vicini è normale quando ci sono otto persone nell’ascensore, ma non quando ci sono solo due di voi. Ci siamo evoluti per reagire alle violazioni spaziali ai fini della sopravvivenza, e dobbiamo essere sensibili ai bisogni spaziali – i nostri e quelli degli altri.

Sfortunatamente, le esigenze spaziali variano in base alla cultura e alle preferenze personali, e non è sempre chiaro cosa soddisfi ciascuna persona. In molti paesi dell’America Latina, le persone parlano a una distanza che molti negli Stati Uniti o in Norvegia, per esempio, troverebbero troppo vicina. Mentre, allo stesso tempo, molti in America Latina scoprono che noi negli Stati Uniti ci troviamo troppo distanti, dando l’impressione di freddezza. Mentre la cultura influenza quanto strettamente interagiamo, ci sono molti altri fattori. Anche negli Stati Uniti noterai una differenza tra i bisogni spaziali di un newyorkese e quelli di un contadino di Des Moines, Iowa o di un nativo americano che vive lungo il fiume Colorado. Questi sono tutti i posti in cui sono stato, e le distante in cui le persone interagiscono sono molto diverse.

Il fatto è che non esiste una distanza nordamericana o una distanza sudamericana, europea o asiatica, ma solo una media misurata da coloro che studiano la prossemica. Mentre il lavoro di Hall è utile, ho appreso in oltre quattro decenni di osservazioni che, mentre gli indizi culturali sono importanti, alla fine, come ogni diplomatico apprende presto, le preferenze personali prevalgono sulle aspettative sociali.

Quanti di voi hanno avuto qualcuno che si è avvicinato troppo mentre parlava con voi? Apparentemente tutti hanno avuto questa esperienza. Perché? Perché ci viene insegnato a salutarci l’un l’altro, ma non come farlo – almeno non riguardo allo spazio personale che può variare da 50 cm. a 1 metro circa.

Per prima cosa lo spazio intorno a noi, come risulta, non è perfettamente simmetrico. Siamo più sensibili alle violazioni dello spazio da dietro che di fronte. La maggior parte delle persone non ama se qualcuno è troppo vicino a loro a un bancomat durante il giorno e ancor più durante la notte. La nostra sensibilità ai bisogni spaziali aumenta quando le persone sono dietro di noi. Ancora una volta, questo varia con le persone (vedi figura).

Anche l’ora del giorno e l’ubicazione sono variabili interessanti. In un vicolo isolato, potremmo sentirci a disagio con qualcuno che cammina a meno di 10 metri da noi e, di notte, questa distanza può raddoppiare o addirittura triplicare.

L’età e il genere influenzano i nostri bisogni spaziali. Un’adolescente può permettere ad altri di starle molto vicino a una festa (meno di un metro o poco più), ma quando avrà 35 anni, richiederà quasi quattro volte la distanza. Con l’età arriva un maggiore bisogno di spazio.

Le emozioni influenzano anche il nostro bisogno di spazio. Le coppie che hanno appena litigato possono aver bisogno di 7 metri o più di spazio di separazione (quanto spesso si sente la frase “Stasera dormi sul divano!”), mentre solo poche ore prima si coccolavano insieme. In alternativa, alcuno occasioni nelle nostre vite possono costringerci a permettere anche a estranei di abbracciarci e parlarci all’interno della nostra Zona Intima, qualcosa che non avremmo mai permesso prima.

Le persone con uno status sociale più elevato, in quasi tutte le culture studiate, preferiscono quelle di status inferiore per mantenere una distanza maggiore. Quando i conquistadores arrivarono nel cosiddetto Nuovo Mondo, scoprirono che il re locale richiedeva uno spazio maggiore, proprio come nella corte della regina Isabella a 5.600 miglia di distanza.

Una persona che percepisce una sorta di disagio psicologico può anche richiedere uno spazio extra. Le persone clinicamente depresse hanno commentato come preferirebbero che gli altri stessero lontani, anche i membri della famiglia.

Il tatto e l’olfatto influiscono sui nostri bisogni spaziali. Se qualcuno sembra non essersi lavato la testa o cambiato i vestiti da giorni o settimane, o ha un odore sgradevole, tutto questo ci fa desiderare di stare più lontano.

Una persona paranoica, così come una afflitta da schizofrenia, può diventare agitata se qualcuno arriva a distanze che per la maggior parte di noi sembrano normali, ma per loro sono estremamente allarmanti. Ho visto alcune di queste persone lamentarsi quando le persone si trovavano a meno di 10 metri da loro. Questo può rappresentare un problema per tali categorie di persone quando vivono in una città affollata.

Tendiamo ad allontanarci da quelli che sono agitati o irrequieti. Forse riconosciamo istintivamente che dovremmo dare loro più spazio. Allo stesso modo, siamo più distanti da quelli che parlano a voce troppo alta o chiassosa, e alcuni si tirano indietro da quelli che gesticolano troppo con le loro mani. Al contrario, i non udenti si avvicinano spesso agli altri, in modo che possano sentire meglio.

Ci sono altri fattori, come puoi ben immaginare, come il nostro stato emotivo e se le persone intorno a noi sono conosciute o sono degli estranei. Indipendentemente da ciò, alla fine, l’importante è riconoscere che i bisogni spaziali sono universali; tuttavia, lo spazio di cui ognuno di noi ha bisogno non è fisso e rigido, ma piuttosto fluido, governato da ciò che preferiamo singolarmente.

Spetta a tutti noi valutare le preferenze e le esigenze spaziali degli altri nel contesto di una determinata situazione. È qui che entra in gioco l’intelligenza sociale e le buone maniere. Dopo tutto, non vogliamo essere ricordati come quella persona che sta sempre troppo vicina agli altri.

Cosa possiamo fare per evitare di stare troppo vicino?

Un modo per ottenere questo risultato è di notare, prima di avvicinare qualcuno, a quale distanza le altre persone si trovano l’una dall’altra. Questo non è sempre possibile ma è un consiglio utile. Quindi, avvicinati abbastanza da lontano per salutare una persona, poi dovresti piegarti leggermente in avanti per allungare la mano e stringere la sua mano. Dopo fai un piccolo passo indietro e resta leggermente inclinato in avanti. Se la persona è a suo agio con quella distanza, è probabile che non si sposterà. Se gli altri preferiscono che ti avvicini, questo può accadere in America Latina o in Medio Oriente, si avvicineranno loro a te. Se loro sono a disagio, anche quando fai un passo indietro, loro stessi andranno ancora più indietro.

Teniamo questo a mente: la maggior parte delle persone, quando gli viene domandato esplicitamente, preferirebbe che gli altri si fermassero un po’ più indietro – ci costa poco accogliere gli altri nel modo appropriato, e alla fine, questo atteggiamento metterà tutti più a loro agio.

Conclusioni:

  1. Ci siamo evoluti per reagire alle violazioni spaziali.
  2. I bisogni spaziali sono prima di tutto personali – ognuno ha le sue preferenze.
  3. Con l’età, i nostri bisogni spaziali cambiano: diventano più grandi.
  4. Le emozioni spesso determinano quanto vicino o quanto lontano vogliamo che gli altri si avvicinino a noi.
  5. La rabbia tende a farci desiderare che gli altri siano a una distanza maggiore.
  6. Gli odori altrui possono influenzare la distanza con gli altri.
  7. I problemi emotivi e psicologici possono causare agitazione in alcune persone quando il loro spazio viene violato.
  8. Sta a noi valutare i bisogni spaziali degli altri in base al contesto e alle loro preferenze personali.
  9. È più sicuro e più confortante stare un po’ più indietro rispetto alla distanza normale con qualcuno che hai appena incontrato.
  10. Rispettando i bisogni spaziali degli altri, contribuiamo a contribuire al benessere psicologico.

Joe Navarro
Cacciatore di bugie

https://www.psychologytoday.com/us/blog/spycatcher/201808/our-spatial-needs