Riconoscere la corruzione? – David Matsumoto

Molti di noi si preoccupano della corruzione tra le élite politiche, ma potrebbe essere possibile riconoscerla nei loro volti?

In uno studio piuttosto creativo, un gruppo di psicologi del California Institute of Technology ha cercato di scoprire se la gente potesse rilevare indizi di corruzione da parte dei funzionari governativi fornendo loro le immagini dei loro volti. Questo studio aiuta a far luce sia sugli sforzi per leggere efficacemente altre persone, ma anche sugli sforzi dei cittadini per valutare meglio i nostri rappresentanti eletti.

Sebbene questo possa sembrare inizialmente un’idea piuttosto inverosimile, c’è una lunga storia di ricerca che mostra che le persone tendono a prendere decisioni competenti sull’affidabilità delle persone dalle immagini dei loro volti. Questo è stato persino applicato ai potenziali leader, dove i risultati prosociali portano a valutazioni positive.

Tuttavia, questo studio rappresenta una svolta importante nel passaggio dalla valutazione del carisma e della competenza percepita di una persona alla determinazione effettiva della pratica dell’inganno. Tuttavia, vi è una certa credibilità a prima vista in quanto le espressioni colpevoli sono generalmente identificabili.

Per rispondere alla loro domanda, gli autori dello studio hanno intrapreso una serie di disegni sperimentali, mostrando immagini di politici e chiedendo ai partecipanti di identificare tratti salienti come corruttibilità, disonestà ed egoismo, ma includendo anche altre tendenze prosociali come competenza e ambizione.

Nel primo di questi studi, i partecipanti sono stati esposti a una serie di 72 foto di effettivi funzionari eletti negli Stati Uniti. Di questi, la metà era stata giudicata colpevole di una qualche forma di corruzione, come le violazioni delle leggi sui finanziamenti della campagna elettorale.

Prima di esporre i partecipanti a queste foto, è stato loro richiesto di definire il livello ufficiale (1-5) di uno specifico tratto il più rapidamente possibile, e avevano solo circa quattro secondi per farlo. Ciò ha aiutato a garantire che le persone giudicassero sulla base di reazioni spontanee di riconoscimento emotivo.

Gli studi successivi hanno funzionato allo stesso modo nel tentativo di rafforzare la generalizzabilità di qualsiasi risultato. Ciò includeva la variazione del livello di influenza sul governo che un determinato funzionario possedeva, oppure utilizzava varianti dei tratti iniziali.

Complessivamente, questa serie di esperimenti ha trovato ampio sostegno per la capacità dei partecipanti di identificare la corruzione politica in presenza di funzionari eletti. Questo ha creato difficoltà con le varianti, suggerendo che si sarebbe applicato più ampiamente al di fuori di un ambiente sperimentale limitato.

Mentre rimangono molte domande sulla generalizzabilità e sui meccanismi causali precisi, questo studio ambizioso ci fornisce ulteriori prove che la nostra capacità di leggere i volti e individuare l’inganno ha un grande potenziale anche nelle fotografie.

Nel frattempo, potete dare un’occhiata al lavoro del dott. Matsumoto sulla politica e l’inganno.

Quanti volti sai riconoscere? – David Matsumoto

Chi è quella persona nel tuo ufficio? Sul tuo autobus? In televisione?

Molti di noi sono costantemente “bombardati” da volti diversi, e può essere difficile tenere traccia o persino ricordare alcuni volti familiari! Eppure, perché succede questo?

In un recente articolo in Proceedings of the Royal Society, un team di ricercatori ha cercato di analizzare se creiamo una sorta di elenco o catalogo di facce che conosciamo. In altre parole, quanti volti siamo capaci di ricordare in un dato momento? Mentre trovano una media di circa 5000 volti ricordati, la variazione individuale sembra giocare un enorme fattore nella capacità di riconoscere i volti.

È importante sottolineare che questo non è un documento che descrive ciò che la nostra memoria è in grado di conoscere. Piuttosto, stanno cercando di determinare quanti volti le persone tendono a conservare nella loro memoria di lavoro. È interessante notare che la maggior parte della ricerca antropologica rileva che gli esseri umani tendono a piccoli gruppi di circa 100 persone, ma questo deve essere messo a confronto con le richieste della società moderna di riconoscere una moltitudine di volti ogni giorno.

Ci sono, naturalmente, molti tipi di riconoscimento facciale, in generale, che complicano questo sforzo. Ad esempio, potremmo riconoscere volti di persone che non abbiamo mai incontrato o che non abbiamo mai visto di persona, oppure potremmo non riconoscere qualcuno se visto in un nuovo contesto. Per la precisione, questo articolo ha cercato di verificare se il riconoscimento facciale fosse inibito quando si vedeva una faccia familiare in contesti nuovi.

Questo è stato valutato utilizzando un progetto sperimentale. Ai partecipanti sono stati mostrati 3441 personaggi pubblici e gli hanno chiesto quali hanno riconosciuto. Questi personaggi pubblici sono stati casualmente intervallati da lievi variazioni di quelle stesse facce per altre 3441 volte, quindi ogni faccia è stata vista due volte. Ciò ha permesso ai ricercatori di osservare se il viso fosse stato richiamato da un’esposizione precedente.

Questo è solo un tipo di riconoscimento facciale, tuttavia, infatti i ricercatori hanno dovuto confrontarsi con la moltitudine di persone che vediamo ogni giorno e che conosciamo personalmente. Questo è stato osservato dando ai partecipanti chiari criteri per ciò che costituiva una “memoria facciale” e chiedendo loro di scrivere dettagliati rapporti personali di coloro che conoscono personalmente, comprese le persone che potrebbero semplicemente capitare di vedere ogni giorno sull’autobus.

Combinando i tassi di richiamo di personaggi famosi con resoconti di persone conosciute personalmente, i ricercatori si sono basati su metodi statistici per ricavare una stima media di circa 5000 persone riconosciute, anche se questa stima si trova di fronte a un’incredibile varianza individuale da circa uno a diecimila, a seconda del partecipante.

Queste stesse differenze individuali erano presenti durante ogni tentativo di controllo della solidità del test. Ciò significa che i ricercatori hanno suddiviso i partecipanti in diverse gruppi e hanno anche modificato le misure di richiamo in casi meno rigorosi. Ad esempio, ciò implicava non osservare se riconoscono entrambi i volti in una coppia di immagini di un personaggio famoso, ma se riconoscono qualunque immagine.

Che cosa ci insegna questo sul riconoscimento facciale? Questo ci dice che le persone hanno abilità incredibilmente diverse per riconoscere i volti in tali contesti. Alcune persone potrebbero essere poco abili in questo.

Tuttavia, dato il modo in cui il riconoscimento facciale è intrecciato con il riconoscimento emotivo, non si tratta di una capacità innata, questa può essere allenata come qualsiasi altra abilità.

Età del viso e Riconoscimento – David Matsumoto

A volte è molto importante valutare l’età solamente in base al volto di qualcuno, ma questo può essere abbastanza difficile.

Questa è in realtà una questione sorprendentemente importante poiché l’età è rilevante in ogni tipo di contesto commerciale, sociale o politico. Mentre sembra intuitivo che dovremmo essere in grado di riconoscere abbastanza facilmente le età delle persone, questo è stato sfidato, se non confutato, dalla ricerca emergente. Ad esempio, in una serie di esperimenti del Dr. Colin Clifford e del suo team, sembra che le persone tendano ad essere incredibilmente incapaci nel giudicare con precisione l’età.

Non solo è spesso imbarazzante o sconveniente non essere in grado di giudicare l’età di qualcuno, ma anche l’età è soggetta a una grande quantità di valutazioni sociali. L’identificazione di gruppo, le valutazioni emotive e altri giudizi vari sono fortemente determinati dalle nostre percezioni dell’età, questo non dovrebbe sorprendere la maggior parte dei lettori.

Data l’importanza delle valutazioni sull’età nelle interazioni sociali, il team del Dr. Clifford ha tentato di esporre i partecipanti dell’esperimento a un enorme database di fotografie di passaporti, incaricandoli di stimare l’età delle persone.

Il design sperimentale era relativamente semplice; pur utilizzando alcune misure complicate per evitare errori di campionamento e altri fattori confondenti. In sostanza, a ciascuno degli 84 partecipanti è stato chiesto di identificare l’età di quasi 400 partecipanti, che varia notevolmente in base all’età e al sesso.

Nel complesso, hanno rilevato alcune stime sistematicamente errate tra i partecipanti. Vale a dire, i volti giovani tendevano a essere visti come più vecchi, mentre i volti più vecchi tendevano a essere visti come più giovani. Questo in realtà era in linea con alcune ricerche precedenti che hanno scoperto che le stime sull’età tendono a distorcersi nei volti di mezza età.

È importante notare che le percezioni dell’età tendevano a essere pesantemente influenzate dal volto che si è visto più di recente. Questo può assumere la forma di pregiudizi relativi al genere, all’attrazione o all’espressione facciale. Mentre questa ricerca ha cercato di controllarla, il dott. Clifford ha scoperto che, senza controlli, tale dipendenza avrebbe un impatto significativo sulle valutazioni.

Un aspetto interessante di questa dipendenza da percorso è l’impatto che hanno avuto le precedenti valutazioni sull’età. Dopo aver codificato più volti come giovani, i partecipanti erano più propensi a valutare le foto successive più giovani di quanto non fossero. Ciò è particolarmente notevole, dato che questo è l’opposto del pregiudizio atteso e normale di inclinazione verso valutazioni di mezza età.

Il lavoro del Dr. Clifford non solo aiuta a dimostrare le sfide della misurazione accurata dell’età, ma aiuta anche a far luce su come possiamo essere influenzati dal vedere altri volti. Ad esempio, un barista che è abituato a vedere volti più vecchi potrebbe essere più propenso a sopravvalutare l’età di un cliente più giovane.

E’ utile tenere a mente queste considerazioni. Conoscere l’età di una persona può essere uno strumento utile per leggere correttamente le loro emozioni, ma può anche aiutarci a valutare se quella persona sia una minaccia in varie situazioni sociali.



Sai individuare il dolore? – David Matsumoto

 

10 settembre 2018

Sembra una cosa piuttosto semplice, ma riconoscere i segni di dolore negli altri può essere complicato.

Non solo è un’interessante questione intellettuale, ma la capacità di riconoscere il dolore può avere letteralmente conseguenze di vita o di morte. Molti medici hanno il compito di diagnosticare un problema basandosi solo sull’espressione del dolore da parte del paziente, e talvolta l’incapacità di riconoscere con precisione il dolore porta a diagnosi errate, con gravi implicazioni. Ciò è particolarmente rilevante per i bambini piccoli, i pazienti con disabilità cognitive o quelli in recupero postoperatorio.

È ricordandoci quelle poste in gioco che i dottori Prkachin e Craig fondano il loro famoso studio del 1995 sulla comunicazione e l’interpretazione del dolore nelle espressioni facciali. Mentre sviluppano un quadro di lettura delle espressioni per gli operatori sanitari, può anche essere incredibilmente utile per chiunque voglia riconoscere meglio il dolore negli altri.

Il dolore può essere compreso come “episodi” che si verificano in cui uno stimolo doloroso viene creato in una sezione del tessuto corporeo. Questo è spesso acuto ma può anche essere cronico, ad esempio con un nervo compresso. Il sistema nervoso quindi “codifica” l’episodio, portando automaticamente a sottili cambiamenti nelle espressioni facciali.

Una volta codificato, il dolore può essere trasmesso attraverso espressioni più esplicite, ma questo non è sempre il caso in quanto le persone spesso cercano di nascondere il loro dolore agli altri. I ricercatori hanno cercato di sistematizzare i molti aspetti dell’espressione del dolore nel Facial Action Coding System o FACS, composto da 46 configurazioni uniche.

Il più affidabile di questi indicatori è il restringimento dei muscoli intorno all’occhio, che porta a uno sguardo obliquo e all’innalzamento della guancia. Questo è accompagnato da rughe nel ponte del naso, dal rialzo del labbro superiore e persino dalla chiusura definitiva degli occhi. Se i lettori tentano di simulare questi indicatori, la smorfia risultante dovrebbe essere abbastanza familiare.

Il modello FACS è stato persino adattato ai bambini, anche se spesso presentano dolore in modi distinti. Tuttavia, adattando il modello ai neonati e ad altri bambini, i professionisti del settore medico sono stati anche in grado di estendere le loro intuizioni per riconoscere i sottili segni di dolore in coloro che non possono esprimerlo verbalmente.

Come abbiamo discusso la scorsa settimana, l’espressione del dolore è unica. Questo potrebbe sembrare in conflitto con l’idea che FACS abbia identificato così tante configurazioni, ma Drs. Prkachin e Craig enfatizzano la nozione di un’espressione “prototipica”. C’è qualcosa in comune a varie istanze dell’espressione, nonostante le variazioni nel dolore o nell’individuo.

Infine, tutto ciò deve affrontare i fattori socioculturali che ci incoraggiano a nascondere o modulare la nostra esperienza di dolore. Mentre i professionisti possono tentare di situare l’individuo all’interno della propria cultura, questo approccio può spesso essere fuorviante.

Spetta a noi tentare di riconoscere il dolore per osservare da vicino questi indicatori FACS, tenendo anche a mente la misura in cui un individuo potrebbe moderare la propria espressione. È importante notare, tuttavia, che nel complesso tendiamo a sottovalutare il dolore degli altri.

Mentre ci sono molti modi per migliorare nel leggere le persone, leggere il dolore è particolarmente difficile. Continua a seguire il nostro blog questo mese mentre approfondiamo ulteriormente l’argomento in riconoscimento del “Mese della Consapevolezza del Dolore”.

 

Can You Detect Pain?

 

Riconoscere il dolore – David Matsumoto

 

30 agosto 2018

Abbiamo scritto molto sul riconoscimento delle emozioni di base, ma per quanto riguarda il dolore?

Certamente, il dolore ha molte somiglianze con altre emozioni di base, date le sue profonde basi evolutive e la natura universale dell’esperienza del dolore. Tuttavia, occorre prestare ulteriore attenzione a come riconosciamo le espressioni del dolore rispetto a quelle di altre emozioni. La capacità di riconoscere quando le persone soffrono è incredibilmente importante in molti contesti, e Humintell vorrebbe focalizzare l’attenzione su questo campo come parte del mese di consapevolezza del dolore di settembre.

In uno studio del 2017, la dott.ssa Daniela Simon della Humboldt University di Berlino e un team di ricercatori canadesi e britannici hanno cercato di comprendere meglio il riconoscimento del dolore esponendo i partecipanti a una serie di filmati di volti che dimostrano dolore o emozioni di base. Ai partecipanti è stato chiesto di valutare queste clip e segnalare quale emozione veniva mostrata, nel tentativo di vedere se il dolore si distingue in modo coerente dalle altre emozioni.

Teoricamente, la ricerca del dott. Simon e del suo team si è basata sulla storia evolutiva delle espressioni facciali, vedendo le espressioni dolorose come uno sforzo per comunicare dolore agli spettatori, sia per avvisarli che per chiedere aiuto. Questo si adatta ai nostri precedenti post sulla ricerca che collega le emozioni di base e le loro espressioni correlate a scopi evolutivi.

Inoltre, le ricerche in neurobiologia hanno rilevato che il dolore e la sua espressione sono un evento neurologico distintivo e specifico. Sostengono che sia lo sfondo evolutivo che quello neurologico del dolore non riescono a dare un quadro completo senza esplorare il modo in cui il dolore viene riconosciuto dagli astanti.

Per valutare sperimentalmente tutto questo, degli attori sono stati assunti per simulare le emozioni di base e le espressioni del dolore, con i video risultanti confrontati dai ricercatori con le immagini accettate delle espressioni in questione. Ciò ha contribuito a garantire la precisione mentre si utilizzava anche un video dinamico rispetto a una fotografia statica.

Ai partecipanti è stato chiesto non solo di identificare l’espressione visualizzata ma anche di valutare l’intensità dell’emozione e quanto fosse rilassata o comoda la persona visualizzata. Ciò ha aiutato a scavare oltre l’identificazione delle emozioni, ma ha anche esplorato l’interazione tra loro, ad esempio se la paura e il dolore tendono a coincidere, per esempio.

Nel complesso, i partecipanti hanno regolarmente distinto tra emozioni di base e dolore. Ci sono state alcune sovrapposizioni, come tra paura e dolore e tra paura e sorpresa. Inoltre, molte espressioni del dolore hanno mostrato disgusto, o addirittura sorpresa, in misura variabile. Infine, i partecipanti tendevano a identificare con precisione le emozioni piacevoli, come la felicità e le espressioni spiacevoli, come il dolore, la rabbia o la paura.

Non solo questo studio è stato in grado di fare passi avanti nella comprensione del riconoscimento del dolore, in contrasto con le emozioni di base, ma ha anche aiutato a sviluppare ulteriormente una misurazione prototipica dell’espressione del dolore, che è preziosa per ulteriori ricerche sul riconoscimento del dolore.

Mentre capire come leggere le emozioni delle persone è fondamentale, capire quando le persone soffrono è anche un modo utile per comunicare con loro, sia in ambito professionale che, forse, soprattutto in ambito personale.

 

Recognition of Pain