Come individuare menzogne in situazioni ad alto rischio

Secondo uno studio del 2004 dell’Università della California, solo lo 0,25% delle persone è in grado di rilevare una bugia l’80% delle volte. Però possiamo migliorare.

Pamela Meyer spiega come: “In una situazione dove la posta in gioco è alta devi stare attento perché le persone sono molto stressate. È facile fraintendere ciò che qualcuno sta facendo e pensare che stia mentendo”. Meyer delinea il suo metodo “BASIC” in cinque passaggi.

1) Identifica una linea di base del comportamento (baseline)

Il Baselining è l’aspetto più cruciale del processo. “Ciò che stiamo cercando è un punto di riferimento affidabile sul quale possiamo misurare i cambiamenti”, afferma Meyer. Inizia facendo domande facili e osserva la tua controparte, in particolare le sue abitudini posturali, insieme ai movimenti degli occhi e al battito di ciglia. La CIA si riferisce a questo passaggio come “L2”: guardare e ascoltare. “Questo non è un trucco da salotto, devi stare molto attento e aumentare le tue abilità di osservazione”.

2) Poni domande aperte

“Anche se a tutti piace pensare che un ottimo interrogatorio assomigli allo show televisivo Law & Order, in cui metti qualcuno sotto torchio, in realtà, è una delle cose più noiose che io abbia mai visto”, afferma Meyer. Poni quante più domande possibili. L’obiettivo è triplice: sviluppare un rapporto, elaborare informazioni e ascoltare un tema nelle risposte. “Vuoi che il tuo soggetto riveli ciò che è importante per lui. Persegui i fatti, non la persona”.

3) Studia bene gesti e parole

La menzogna mette le persone sotto un carico cognitivo maggiore e nel frattempo gli altri cercano segnali di menzogna. Questi possono essere Non Verbali: gesti di cura come toccarsi gli occhi, spolverarsi le spalle, roteare i capelli, la parte superiore del corpo si congela, occhi chiusi, scrollate di spalle asimmetriche ed espirazione post-colloquio. Gli indizi Verbali includono un linguaggio con affermazioni nette e dichiarazioni rafforzanti.

4) Usa l’intuito per capire “ciò che manca”

A questo punto, fai un passo indietro e pensa a “ciò che manca”. Il momento migliore per farlo è tra le interviste. “Quando qualcuno è ingannevole ci sono molti buchi nella sua storia, indipendentemente da quanto possa apparire convincente, afferma Meyer. Cerca lacune nei fatti, nella logica e nelle emozioni della persona che stai esaminando.

Confronta i dati con le tue ricerche e note precedenti. Quando trovi una lacuna, “è allora che puoi tornare su un argomento e aumentare il carico cognitivo sul soggetto.

5) Conferma le tue impressioni

Fai attenzione: “È importante non accusare qualcuno in modo errato, afferma Meyer. Tre ultime tattiche: minimizzare il significato del reato (“ti diranno di più”); chiedi al soggetto come pensa che andrà a finire l’indagine – le parti colpevoli tendono a privilegiare termini come “dovrebbero” o “si spera”; e infine, pensa con quanta rabbia la persona reagisce alle accuse – la rabbia durante l’intervista (al contrario di reazioni eccessive a domande specifiche) tende a indicare l’innocenza.

Vuoi saper riconoscere le menzogne e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.wired.co.uk/article/spot-a-lie-in-high-stakes-negotiations/