CoachMag Club – Prima sessione sulla Comunicazione Non Verbale

👥 È iniziato un nuovo modulo nel CoachMag Club, il Club dei Coach Eccellenti, la prima community di Coach professionisti che ti forma all’eccellenza, ti informa su ogni aspetto della professione e porta al livello superiore il tuo business da Coach!

A formare i Coach e gli aspiranti tali all’interno del CoachMag Club è il turno adesso del nostro Francesco Di Fant, uno dei massimi esperti italiani di Comunicazione Non Verbale, consulente e formatore presso aziende nazionali e multinazionali.

👁 All’interno del CoachMag Club tratterà temi specifici relativi alla Comunicazione Non Verbale, condividendo alcuni aspetti teorici e, soprattutto, le numerose applicazioni pratiche di questa disciplina: dal Public Speaking all’analisi della Menzogna, passando per l’utilizzo del Linguaggio del Corpo come strumento attivo di comunicazione e come mezzo di analisi del comportamento gestuale altrui, anche in situazioni complesse.

Su quale tema ci formerà nello specifico Francesco in queste due settimane?

💥 L’argomento è di grande importanza per la nostra professione, si tratta di: “Comunicazione Non Verbale per i Coach: il linguaggio del corpo”… siamo già tutti pronti, con occhi e orecchie ben aperti!

Ecco l’anteprima in questo video di Francesco… buona visione!

P.S. Vuoi unirti al Club dei Coach Eccellenti? Iscriviti qui: ➡ http://www.coachmag.it/coachmag-club/ Ti aspettiamo! 😉

Dare e ricevere Feedback con la Comunicazione Non Verbale – CoachMag 42

 

Il feedback è un elemento importante per un Coach e i suoi Coachee, sapere riceverlo ed esprimerlo in maniera corretta ed efficace può essere un grande supporto per il percorso di miglioramento del Coachee. Il feedback richiede analisi e una reale capacità di ascolto attivo: l’attenzione è rivolta all’altro e si deve possedere anche la capacità di ascoltare e osservare se stessi.

 

Il feedback è una strategia di controllo degli interlocutori per verificare lo scambio comunicativo che si esprime con mezzi visivi (postura, gesti, movimenti del capo, mimica) e verbali (frasi, domande, riformulazioni, brevi espressioni). Elementi fondamentali sono: focus sui comportamenti e non sulla persona, tempestività, chiarezza, proposte di miglioramento.

La Comunicazione Non Verbale può essere un valido supporto nel dare e ricevere dei feedback, può darci utili indicazioni per comportarci in maniera efficace durante i momenti dedicati al feedback.

 

DARE UN FEEDBACK CON LA CNV

Quando si è nella situazione di dover dare un feedback a qualcuno, è utile mantenere il contatto visivo senza eccedere e risultare invadenti, quando si sottolineano concetti legati alla decisione e all’azione è bene usare gesti lineari mentre con temi legati alla collaborazione è meglio utilizzare gesti circolari…

(Continua su COACHMAG n.42 con consigli relativi a dare e ricevere un feedback con la CNV –  www.coachmag.it)

 

Francesco Di Fant

 

Articolo pubblicato sulla rivista COACHMAG n.42, Anno 9, Novembre 2018, nella rubrica “Silenzio! Parla il corpo“.

 

Linguaggio del Corpo e Comunicazione Non Verbale: come gestire le sessioni one-to-one – CoachMag n.41

 

Il crescente interesse che riscuote la Comunicazione Non Verbale è dimostrato dal numero di aziende, organizzazioni e privati che si orientano verso questo tema. Sempre più spesso singole persone chiedono di essere formate in sessioni one-to-one che, anche se non riflettono esattamente delle sessioni di Coaching, devono tener conto di numerosi elementi per garantire il successo dell’attività formativa, intesa sia come un accrescimento delle proprie conoscenze che come un percorso di miglioramento personale.

Come andrebbe condotta al meglio una sessione one-to-one mirata all’apprendimento del Linguaggio del Corpo?
Per delineare una strategia possiamo prendere in prestito una formula coniata dal famoso Coach Tony Robbins: FFS, la Formula Fondamentale per il Successo che si basa su quattro semplici punti (1-Obiettivi, 2-Azione, 3-Verifica, 4-Adattamento).

 

OBIETTIVI
Innanzitutto è necessario verificare gli obiettivi del Coachee (chiameremo il discente in questo modo avendo già specificato che non si tratta di una classica sessione di Coaching) facendoli emergere, analizzandone la fattibilità e il numero di ore e di incontri necessari per raggiungerli…

(Continua su COACHMAG n.41 con consigli relativi a obiettivi, azione e verifica, apprendimento –  www.coachmag.it)

 

Francesco Di Fant

 

Articolo pubblicato sulla rivista COACHMAG n.41, Anno 9, Settembre 2018, nella rubrica “Silenzio! Parla il corpo“.