Una mascherina LED simula le espressioni facciali

Tyler Glaiel, programmatore e game designer californiano, ha realizzato questa maschera COVID-19 che simula bocca e sorrisi.

Tyler Glaiel afferma che la maschera luminosa che ha inventato è “molto poco pratica e non molto comoda”, ma sembra davvero bella.

Il programmatore e progettista di giochi della California ha creato una maschera facciale a LED attivata dal suono che si illumina a forma di bocca che si muove mentre si parla. E può anche simulare un sorriso!

“Non è qualcosa che indosso regolarmente. Ad esempio, a volte voglio solo andare in un negozio a comprare le mie cose e andarmene”, ha detto Glaiel. “Ma l’unica volta che ho indossato la mascherina per mostrarla, ho ricevuto molte reazioni”.

Come molte invenzioni che sono sorte negli ultimi mesi, la maschera luminosa è nata dalla noia.

“Ero solo, annoiato in quarantena come tutti gli altri e avevo l’idea di una maschera come questa, mi è venuta voglia di farne una”.

Nella sua ricerca, ha trovato maschere con testo scorrevole, maschere con sorrisi permanenti incisi su di esse, maschere che si aprono e si chiudono per consentire di mangiare e bere e maschere con finestre trasparenti per le persone sorde o con problemi di udito. Ma niente che possa cambiare in modo attivo.

Quindi iniziò a progettare una mascherina tutta sua. Il prodotto finale utilizza una scheda LED attivata dal suono con impostazioni di bassa sensibilità in modo da percepire la voce di chi lo indossa, filtrando al contempo il rumore ambientale.

Se si parla con la maschera, una piccola bocca circolare si aprirà e si chiuderà. Più forte si parla, più ampia si apre la bocca del LED. Se si vuole sorridere, basta fare un piccolo schiocco con la bocca. Anche fare clic sulla lingua funziona.

“Potresti fare qualsiasi faccia tu voglia sotto la maschera. Potresti mostrare la lingua. Ma se fai quel rumore schioccante, la gente penserà che stai sorridendo”, ha detto Glaiel.

Da quando ha condiviso la sua creazione online, Glaiel dice che le persone lo hanno contattato per chiedere dove potevano ottenere una maschera illuminante per conto proprio. Finora ne ha solo una e attualmente non ne produce altre.

Nel frattempo, se sei pronto per una sfida, Glaiel ha pubblicato online le istruzioni dettagliate per la creazione di una maschera LED, inclusi i link per tutto il materiale necessario.

Vuoi imparare a riconoscere le emozioni anche dietro una mascherina? Vuoi conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.cbc.ca/radio/asithappens/as-it-happens-wednesday-edition-1.5606190/this-voice-activated-led-mask-simulates-facial-expressions-for-talking-smiling-1.5606194

La mascherina nasconde il sorriso sociale

Con le mascherine si perde qualità nella comunicazione con gli altri: la comunicazione non verbale veicola gran parte del senso del messaggio.

Tuttavia, nonostante questa perdita, è ancora possibile raccogliere indizi sul viso, che abbiamo trattato in un blog precedente. Ma ci sono espressioni particolari che non si riescono a vedere quando le persone indossano mascherine? La risposta è si.

Ci sono molti diversi tipi di felicità tra cui euforia, eccitazione e divertimento. Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che queste emozioni piacevoli sono tutte espresse sul viso allo stesso modo: dal sorriso di Duchenne.

Un sorriso di Duchenne si verifica quando gli angoli delle labbra si alzano e si muove anche il muscolo intorno agli occhi. Spesso si vedono le rughe intorno agli occhi di una persona. Questo sorriso è spesso descritto come uno “scintillio” negli occhi, è un vero indicatore di godimento e poiché i muscoli intorno all’occhio sono attivati, è possibile vedere questa espressione anche quando qualcuno indossa una mascherina.

E gli altri sorrisi? Oltre al sorriso di Duchenne, gli umani mostrano anche quello che si chiama “sorriso sociale”. Questo sorriso comporta il sollevamento degli angoli delle labbra, ma il muscolo intorno all’occhio generalmente non si attiva.

Di seguito puoi vedere esempi di un sorriso sincero (a sinistra) e un sorriso sociale (a destra).

Sfortunatamente, poiché i muscoli intorno agli occhi non sono generalmente attivati, con la mascherina non si è generalmente in grado di vedere questi sorrisi sociali che sono importanti nella socialità di tutti i giorni.

Anche se i sorrisi sociali non sono espressioni emotive, servono a uno scopo importante in tutte le nostre interazioni e comunicazioni quotidiane. I sorrisi sociali hanno diversi scopi, tra cui:

1) Gentilezza, cortesia e saluto

I sorrisi sociali sono elementi incredibilmente importanti che usiamo per oliare le ruote della società e unire le persone. Dato che non si riescono a vedere i sorrisi sociali, manca questo collante sociale e le relazioni possono sembrare più aride. Sebbene lo sforzo di cercare di essere piacevole non sia un segnale emotivo, per la convenienza sociale è un’espressione incredibilmente importante. Il sorriso sociale ha molti significati sociali e culturali che attribuiamo consciamente e inconsciamente.

2) Ci dice qualcosa sulla persona che sorride

Quando una persona ti sorride, ti sta mostrando che è socievole e disponibile in quel momento. Questi sorrisi sociali danno un’idea della personalità e delle intenzioni degli individui.

3) Precisano il significato delle parole e delle emozioni

Se pronunci un commento aspro con un sorriso sul viso, viene percepito in modo diverso rispetto a dire la stessa cosa con un’espressione arrabbiata. I sorrisi sociali aggiungono informazioni alle frasi che diciamo, senza di essi le parole potrebbero essere fraintese.

Appare chiaro che i sorrisi sociali sono importanti per l’interazione quotidiana. Senza la possibilità di vederli, potremmo dover fare alcune azioni in più per compensare. Ecco alcuni suggerimenti utili quando incrociamo qualcuno per strada indossando una mascherina:

– Annuire con la testa

– Salutare con la mano

– Dire “ciao” con una voce piacevole

E voi avete altri suggerimenti da dare?

Vuoi imparare a riconoscere le emozioni anche dietro una mascherina? Vuoi conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2020/06/the-loss-of-the-social-smile-when-wearing-masks/

Riconoscere il sorriso dietro la mascherina

Le persone possono percepire i sorrisi anche quando una maschera nasconde la bocca

Il mondo non sembra così amichevole quando è pieno di persone che indossano maschere. Guardiamo i volti degli sconosciuti per valutare le loro intenzioni, quindi se naso, bocca e mento scompaiono dietro una copertura, molti indizi svaniscono con loro.

Se una persona è amichevole, la riconoscerai? Se sorridi, lo saprà?

La risposta è sì: vale comunque la pena sorridere mentre si indossa una mascherina. Siamo fortunati che molte informazioni vengano visualizzate negli occhi e nelle sopracciglia. Possiamo riconoscere la vera felicità, la vediamo dalle le rughe sul lato degli occhi.

Lo psicologo Paul Ekman, che studia le espressioni facciali, ha descritto un “vero sorriso di piacere” con le rughe accanto agli occhi e e gli zigomi rialzati, gli occhi si restringono e si increspano. Un sorriso genuino (noto anche come il “sorriso di Duchenne”) attiva il muscolo orbicularis oculi intorno all’occhio, un sorriso falso invece no.

Quando un bambino sorride, si vede anche quando la sua bocca è coperta da un ciuccio, è tutto negli occhi. Le persone possono anche “sentire” quando qualcuno sorride perché cambia la forma della bocca, facendo diventare la voce più acuta.

Le persone dovrebbero “sorridere al 100%” quando indossano una copertura per il viso, oltre a stabilire un contatto visivo per mostrare che non sono una minaccia. Indossare una maschera può intimidire gli altri, mascherine di stoffa con disegni divertenti possono aiutare a sembrare più amichevoli.

“Solo il potere del contatto visivo cambierà tutto in questo nuovo mondo folle”

Ecco altri suggerimenti per migliorare l’interazione sociale indossando una mascherina:

Togliti gli occhiali da sole:

Indossare una maschera insieme a occhiali da sole mentre si parla con qualcuno è un bel problema: si ostacola l’interazione col mondo esterno. Quando non riusciamo a vedere gli occhi, non possiamo interpretare le emozioni, e se non possiamo interpretare le emozioni, restiamo incerti e questa incertezza ci porta a non fidarci degli altri e a sentirci a disagio.

Tieni aperte le tue tre “zone di potenza”:

Sono la gola, l’ombelico e la zona inguinale. Chiuderle incrociando le braccia o mettendo una mano davanti alla gola ostacola la relazione. Tenerle aperte aumenta la tua disponibilità e la tua simpatia.

Attenzione all’inclinazione della testa:

Inclinare la testa di lato mentre si parla o si ascolta è visto come un segnale di disponibilità; tenerla dritto sulle spalle invece risulta meno amichevole e può significare “esigo attenzione”.

Guarda negli occhi:

Degli occhi rilassati significano che una persona si sente a proprio agio. Quando iniziano a restringersi, può indicare stress o disagio. Le pupille si dilatano quando ci sentiamo a nostro agio, invece si restringono quando le persone vedono qualcosa che non gli piace.

Osserva le sopracciglia:

Si vede la tristezza quando le sopracciglia interne di una persona vengono tirate insieme verso l’alto, uno dei muscoli più difficili da manipolare. Le sopracciglia scendono con la rabbia e salgono con la sorpresa.

In conclusione, il nostro viso è ricco di segnali quando si tratta di mostrare emozioni, anche quando gran parte di esso è coperta. Continuate a sorridere dietro la maschera!

Vuoi imparare a riconoscere le emozioni anche dietro una mascherina? Vuoi conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.today.com/health/smile-behind-face-mask-can-be-recognized-others-body-language-t183257

Meglio leggere il Linguaggio del Corpo – David Matsumoto

Spesso ci siamo concentrati sulle microespressioni, leggere le persone però spesso dipende dall’identificare anche il resto del loro Linguaggio del Corpo.

Il dottor David Matsumoto di Humintell ha svolto un lavoro entusiasmante sul ruolo del linguaggio del corpo nella comunicazione umana e sul modo in cui modelli simili abbracciano le culture. Come abbiamo notato, è necessario distinguere le espressioni universali da quelle che si differenziano in base alla cultura e, a questo proposito, il linguaggio del corpo non è diverso.

Un recente articolo su Discover Magazine ha approfondito alcuni dei lavori passati del dottor Matsumoto sul linguaggio del corpo e sulla postura. Nello specifico, l’autrice Teal Burrell ha discusso il lavoro di Matsumoto sulle posture degli atleti paralimpici e ciechi di tutto il mondo. Questa ricerca ha rilevato che, indipendentemente dalla vista, gli atleti vittoriosi hanno costantemente assunto la stessa posizione di trionfo.

Pur dimostrando con forza gli elementi universali attraverso le culture, questa stessa ricerca ha anche indicato il ruolo della cultura. Ad esempio, gli atleti sconfitti spesso scrollano le spalle per la vergogna, ma questo è meno comune per coloro che provengono da culture che scoraggiano manifestazioni esteriori di vergogna. Tuttavia, atleti ciechi provenienti da quegli stessi paesi hanno scrollato le spalle indipendentemente dalla cultura.

Questo aiuta a mostrare sia la tendenza a scrollare le spalle per la vergogna, ma anche la capacità della cultura di insegnare alle persone a evitare quella forma di espressione.

La ricerca del dottor Matsumoto sottolinea l’importanza del linguaggio del corpo nel comprendere le persone e la cultura che le influenza. Possiamo anche sfruttare il nostro linguaggio del corpo per avere un impatto positivo sul nostro umore.

Ad esempio, sorridere può aiutare a ridurre il nostro livello di stress, mentre le cosiddette “posture di potere” possono migliorare la nostra fiducia. Una postura di potere, come abbiamo scritto in precedenza, è quando il petto è spinto in fuori con le mani che poggiano sui fianchi, in un modo che Burrell descrive giustamente come una posa alla “Wonder Woman”. La ricerca sulle posizioni di potere indica che esse conducono a un grande senso di potere, ma tali correlazioni ancora non sono del tutto verificate.

Il linguaggio del corpo non consiste solo nel cambiare il modo in cui ci sentiamo, ma può anche modellare la percezione che le persone hanno di noi. Il contatto visivo, sebbene non sia sempre un indicatore di inganno, aiuta a promuovere una percezione di fiducia. Allo stesso modo, una postura simile a quella dell’altro e le espressioni facciali aiutano a mostrare che stiamo ascoltando e che siamo empatici.

Questo aiuta a mostrare quanto sia importante per noi il linguaggio del corpo, ma come per molte espressioni universali gli esseri umani non sono i soli a usare tali strumenti comunicativi. Infatti, Burrell sottolinea come il linguaggio corporeo sia critico per le api per comunicare, e simili tipi di danze comunicative sono presenti tra i pesci. Allo stesso modo, i corvi – altamente intelligenti – usano i loro becchi per indicare e gesticolare, aiutando a formare legami interpersonali.

Comprendere quanto sia universale e potente il linguaggio del corpo è tanto importante quanto capire come viene mediato dalla cultura. Con una migliore comprensione di entrambi questi aspetti del comportamento, possiamo imparare come leggere meglio le persone e comunicare efficacemente.

Sorrisi “russi”? – David Matsumoto

È quasi un cliché, anche tra i russi e americani, scherzare sul fatto che i russi sorridano poco. Ma questo riflette diversi livelli di felicità?

Ci sono alcune prove del fatto che i russi siano meno felici degli americani, ma la ricerca attuale suggerisce che ciò non sia dovuto a enormi differenze sottostanti. Invece, ciò può essere spiegato meglio dalle diverse aspettative culturali. Mentre gli americani sono incoraggiati a sorridere in pubblico, i russi sono fortemente scoraggiati dal farlo.

Come spiega il Dr. David Matsumoto di Humintell, i russi, come molte società collettiviste, vivono sotto aspettative più rigide di controllo emotivo. Questo è vero soprattutto con gli estranei, poiché aiuta a sottolineare le differenze tra amici e sconosciuti.

Nonostante il contegno spesso gelido, il Dr. Matsumoto ha sottolineato che ciò non significa che i russi non possano mai essere espressivi. Devi solo conoscerli e aspettare che si aprano.

In effetti, il Dr. Matsumoto ha osservato “Una volta che si bevono bicchierini di vodka insieme, sono più espressivi di chiunque altro”.

Questo può sembrare strano per molti americani, che sono incoraggiati a sorridere nei contesti quotidiani, ma i nostri sorrisi sembrano piuttosto strani ad altre culture! Molti russi possono vedere la nostra espressività come un segno di un atteggiamento ingenuo.

Nel nostro blog poche settimane fa abbiamo discusso di come la cultura giapponese incoraggi i sorrisi in pubblico e con estranei, ma ancora in modi diversi rispetto agli americani. Molte persone dal Giappone possono sorridere per nascondere altre emozioni, piuttosto che esprimere felicità o cordialità. Questo è notevolmente diverso dai russi che manterranno un’espressione neutrale in quei contesti.

Il significato culturale del sorriso – David Matsumoto

Sappiamo che le espressioni sono differenti nelle varie culture, ma l’analisi di come riconosciamo i sorrisi porta questa osservazione in primo piano.

In un importante studio del 1993, il dottor David Matsumoto e il dottor Tsutomu Kudoh di Humintell hanno cercato di esplorare le differenze tra il modo in cui gli americani e i giapponesi esprimono e percepiscono i sorrisi. Ciò rivelerebbe diverse ipotesi culturali ma tale studio è anche riuscito a dimostrare alcune somiglianze potenzialmente inaspettate.

I sorrisi sono oggetti ideali per iniziare questo tipo di lavoro, poiché ci sono molti tipi di sorrisi e tutti rivelano emozioni diverse o servono a funzioni sociali diverse.

Inizialmente, è importante notare che gli americani e i giapponesi, quando sono da soli, tendono a mostrare espressioni molto simili di disgusto, rabbia, paura e tristezza. Questi hanno dimostrato di essere espressioni universali, dopo tutto. Tuttavia, questo non è sempre vero quando gli altri sono presenti nella stanza, come molti partecipanti giapponesi sorrideranno nonostante siano esposti a immagini disgustose o tristi.

Ciò sarebbe spiegato dal fatto che i sorrisi hanno alcune connotazioni negative in Giappone, dove la maturità è vista come radicata nello stoicismo e nella serietà nonostante le emozioni sottostanti. Invece di esprimere gioia, i sorrisi sono spesso usati per questo scopo: nascondere le emozioni sottostanti anziché mostrarle.

A causa dei loro diversi usi, quindi, sarebbe ragionevole pensare che persone di culture diverse leggano in sorrisi in modo diverso. Se siamo abituati a sorridere durante i momenti in cui siamo tristi, sarà meno probabile attribuire la felicità ad altre persone che stanno sorridendo.

Matsumoto e Kudoh hanno cercato di comprendere ulteriormente questo fenomeno esponendo i partecipanti americani e giapponesi a immagini di entrambi i sorrisi e facce neutre. A loro è stato poi chiesto di valutare per ciascun caso l’attrattività, l’intelligenza, la cordialità e la socievolezza. L’obiettivo generale di questo studio era determinare se la cultura partecipante avesse avuto un impatto significativo in queste valutazioni.

A quanto pare, gli americani hanno giudicato i volti sorridenti più intelligenti, americani e giapponesi hanno entrambi giudicato i volti sorridenti più socievoli. Mentre erano d’accordo su quest’ultimo punto, gli americani giudicavano le facce sorridenti molto più socievoli rispetto alle loro controparti giapponesi.

Entrambe queste distinzioni si adattano all’idea che gli americani enfatizzano maggiormente il sorriso nelle interazioni sociali. Gli americani percepirebbero la mancanza di un sorriso da parte di un individuo giapponese come un segno potenzialmente negativo, mentre il giapponese potrebbe fare il contrario.

Eppure, nonostante queste differenze, entrambi i partecipanti hanno giudicato i sorrisi come un elemento attraente. Ciò potrebbe indicare che i sorrisi riflettono le caratteristiche esterne piuttosto che più nozioni interne come socialità e intelligenza.

E’ chiaro che il sorriso è una componente incredibilmente importante per leggere efficacemente le persone, ma dobbiamo analizzarlo con una comprensione delle differenze culturali.

Non tutti i sorrisi sono uguali – David Matsumoto

Noi tendiamo ad associare il sorriso quasi esclusivamente a gioia o felicità, questo però può portarci fuori strada.

In realtà, ci sono molti diversi tipi di sorrisi e solo pochi possono essere classificati come “sorrisi felici”. Come scritto in un recente articolo su BBC, su 19 diversi tipi di sorrisi solo sei indicano emozioni piacevoli. Il resto, invece, possono indicare disprezzo, rabbia o persino inganno. Se vogliamo leggere efficacemente le persone, è necessario esplorare le differenze tra i sorrisi.

Uno di questi è, naturalmente, il noto sorriso di Duchenne. Questo sorriso è stato identificato come parte degli esperimenti del 19° secolo di Duchenne de Boulogne che hanno cercato di esplorare le configurazioni muscolari che stanno dietro alle espressioni facciali. Egli ha identificato oltre sessanta espressioni facciali, il sorriso di Duchenne è forse la sua scoperta più famosa.

Questa espressione, caratterizzata da un ampio sorriso, quasi comicamente esagerato, è generalmente associata a vera felicità e piacere. È importante sottolineare che questa espressione è solitamente associata alle “zampe di gallina”, particolari pieghe intorno agli occhi. Queste rughe laterali sono spesso viste come indicative di vera felicità.

Non tutte le culture incoraggiano tali sorrisi aperti. Nelle culture scandinave, russe o giapponesi, i sorrisi espliciti non sono così “approvati” come in altre culture. Questo porta a mostrare più “sorrisi smorzati” dove la bocca è leggermente sollevata e le labbra delicatamente premute insieme. Mentre la bocca viene difficilmente influenzata in questo tipo di sorrisi, c’è invece un’enfasi sul mostrare la felicità attraverso gli occhi.

Tuttavia, questi tipi di sorrisi genuini non sono l’unico tipo di sorriso di cui essere consapevoli. C’è anche il “sorriso triste”. Anche se può sembrare abbastanza simile al sorriso felice, il sorriso triste è solitamente asimmetrico e oscurato da uno sguardo di tristezza simile a una smorfia. È stato il lavoro del Dottor David Matsumoto di Humintell che ha identificato questo sorriso osservando atleti che hanno vinto la medaglia d’argento, compresi quelli ciechi, suggerendo che si tratta di un’espressione universale.

Esistono anche altri tipi di sorrisi. Uno di questi è il sorriso “di disprezzo”. Questa espressione combina entrambe le espressioni di disgusto e sdegno ma sembra abbastanza vicino a un sorriso genuino. E’ simile sotto molti aspetti ma gli angoli delle labbra rimangono contratti piuttosto che incurvati. Questo sorriso è particolarmente comune nelle culture dell’Asia orientale in cui è scoraggiato mostrare rabbia in pubblico.

Allo stesso modo, ci sono sorrisi falsi e sorrisi misti. Nel primo caso, i sorrisi falsi differiscono solo leggermente dal sorriso di Duchenne. Sfortunatamente, queste differenze sono difficili da individuare, dal momento che il sorriso di Duchenne è facilmente falsificabile. Testare l’accuratezza di un sorriso spesso richiede di confrontarlo con altri sorrisi che abbiamo visto, idealmente dalla stessa persona. Sono le deviazioni da queste norme che aiutano a determinare se è falso.

Infine, i sorrisi misti si presentano quando le persone esprimono un genuino sorriso di Duchenne, ma che si sovrappone al disprezzo, alla paura o alla tristezza. Questi sorrisi possono sembrare molto simili ma si tingono di intenzioni chiaramente diverse. Questo può essere determinato in modo simile ai sorrisi falsi, ma anche osservando se un sorriso genuino abbia senso per quella persona in quel contesto.

Speriamo che questo dia qualche indicazione su quante diverse varianti di sorrisi ci siano. È importante sottolineare ancora una volta le differenze culturali, in quanto ciò può avere un impatto significativo sul tipo di sorriso che viene mostrato.

Il sorriso della Gioconda di Leonardo: falso o sincero?

Il Linguaggio del Corpo dell’enigmatico e magnetico volto della Monna Lisa torna a far parlare di sé in questi giorni in cui si celebrano i 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci, il grande ed eclettico genio toscano che ha rivoluzionato il pensiero scientifico con le sue numerose invenzioni.

In un articolo uscito da poco sul sito di Repubblica.it vengono illustrati i risultati di una recente ricerca di tre ricercatori italiani che hanno pubblicato sulla rivista Cortex i risultati di un loro studio in cui si afferma, in sostanza, che il sorriso della Gioconda sia finto, poco spontaneo.

Tale ricerca sembra confutare le conclusioni di un precedente studio tedesco dell’Università di Friburgo che descriveva come il sorriso della Monna Lisa venisse percepito dalla maggior parte delle persone come una “sincera” espressione di felicità, quindi un sorriso spontaneo, non artefatto.

Esistono alcune ipotesi che vanno dalla paresi alla mancanza di un dente della Monna Lisa ma noi rimarremo nel campo dell’analisi di quello che può essere considerato un sorriso “naturale”.

Il capolavoro di Leonardo conservato al museo del Louvre in cui si crede sia ritratta Lisa Gherardini – “Monna Lisa” – sembra conservare intatta nel tempo, oltre che la sua immensa bellezza, anche quell’aura enigmatica carica di misteri che ha ispirato teorie ed analisi nel corso dei secoli da parte di ogni genere di studioso e di artista.

Oltre all’enigma del suo sorriso, anche lo sguardo della Gioconda è stato più volte oggetto di analisi tanto che si è arrivato a parlare di un vero e proprio “Monna Lisa effect” per quanto riguarda il suo sguardo particolare e magnetico.

Leonardo ha dipinto di proposito un sorriso “falso”?

Secondo l’analisi dei tre neuroscienziati italiani Lucia Ricciardi (St. George University di Londra), Luca Marsili (University of Cincinnati) e Matteo Bologna (Sapienza di Roma), quindi, il sorriso di Monna Lisa sarebbe forzato, finto.

I tre ricercatori sono partiti dall’asimmetria del sorriso della Gioconda e hanno creato delle foto dividendo la parte destra del sorriso da quella sinistra e formando delle immagini duplicando solo una specifica parte, chiedendo poi ai partecipanti dell’esperimento di esprimere una loro opinione sulle foto che mostravano separatamente i due lati del sorriso.

Le immagini create duplicando una solo lato del sorriso della Gioconda

I partecipanti hanno dichiarato che la parte sinistra fosse più espressiva e felice ed espressiva, la destra invece è stata percepita come triste, seria o addirittura disgustata.

Secondo i principi delle Neuroscienze, le emozioni sincere si manifestando in maniera simmetrica sul volto e questo dovrebbe far pensare che il sorriso non fosse sentito e spontaneo.

I tre ricercatori, rimanendo nel campo delle ipotesi, affermano che Leonardo, grande osservatore e studioso della natura e dell’anatomia umana, potrebbe essere stato a conoscenza della simmetria delle emozioni sincere e che avrebbe creato di proposito tale asimmetria per comunicare un messaggio nascosto, aggiungendo un’ulteriore domanda all’enigma dietro il sorriso più famoso al mondo: “perché Leonardo avrebbe dipinto di proposito un sorriso falso?

Altre possibili ipotesi?

In aggiunta a questa nuova domanda e ai risultati delle due ricerche, italiana e tedesca, che sembrano arrivare a risultati apparentemente contraddittori tra loro, ritengo personalmente che sia possibile allargare il campo di analisi tenendo in considerazione l’asimmetria del sorriso e altri due aspetti legati alle emozioni e alla Comunicazione Non Verbale:

1) Espressione di disprezzo (o scherno):

L’espressione facciale del disprezzo può manifestarsi come una smorfia asimmetrica, in particolare possono essere presenti su un solo lato del volto un sorriso oppure l’espressione del disgusto.

2) Sorriso sincero (nonostante l’asimmetria nel volto):

In accordo con la teoria della lateralizzazione degli emisferi cerebrali, per cui i due emisferi sono specializzati in diversi compiti, in caso di asimmetria nelle espressioni facciali sul lato sinistro del volto sarebbero presenti i segnali emotivi e, quindi, quelli più sinceri e spontanei. Infatti, in accordo con tale teoria, la parte sinistra del corpo sarebbe controllata della parte destra del cervello, dedicata maggiormente alle emozioni e alla creatività.

E voi cosa ne pensate? Il sorriso della Gioconda vi sembra falso o sincero?

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

Le emozioni nel donare regali – David Matsumoto

Che cosa dici quando ricevi un regalo che non ti piace?

Alla luce di questa stagione festiva, l’Università di Hertfordshire ha condotto uno studio sulla donazione dei regali. Il focus di questo studio è stato determinare se i donatori fossero in grado di capire se a un destinatario piacesse o meno un regalo semplicemente osservando le loro espressioni facciali e il comportamento non verbale.

La dottoressa Karen Pine, docente di Psicologia dello sviluppo, ha condotto lo studio su 680 uomini e donne che davano e ricevevano regali.

Tre quarti dei partecipanti sono stati in grado di identificare correttamente se uno dei loro regali fosse piaciuto o meno al destinatario. Secondo il Dr. Pine, “Le persone cercano sempre di dire le cose giuste, c’è molta pressione sociale per dire le cose giuste e dare l’impressione che ci piace un regalo e le nostre parole tendono ad essere piuttosto positive, ma il vero i sentimenti tendono a filtrare nel nostro comportamento non verbale. “

Il contatto visivo, o la mancanza di esso, è un segno, facilmente individuabile, che il destinatario non ha gradito il loro presente. Cercano di evitare il contatto visivo con il donatore nel caso in cui l’espressione sul loro volto riveli i loro veri sentimenti. L’espressione sul volto di un destinatario dispiaciuto è spesso un “sorriso sociale”, che coinvolge solo i muscoli della bocca. Quando qualcuno è veramente felice di qualcosa, sorride con gli occhi e la bocca; quello che viene spesso definito un sorriso di Duchenne.

Per quanto riguarda il dono in sé, il destinatario tende a riavvolgerlo e a metterlo fuori alla vista abbastanza rapidamente se non gli piace. Al contrario, se a qualcuno piace davvero un regalo, lo reggono come un trofeo, facendolo passare e mostrandolo. Tendono anche a tenere il presente in mano per un po’ di tempo. Se si tratta di una sciarpa che a loro piace veramente, ad esempio, il destinatario può accarezzarla per un po’ o addirittura indossarla.

Tuttavia, una risposta non verbale negativa non è necessariamente indicativa del fatto che qualcuno sia dispiaciuto per un regalo. Forse quello che hanno ricevuto non è esattamente quello che speravano, ma potrebbero comunque apprezzare il gesto. Non è questo ciò che è importante?

La dottoressa Pine ha detto alla BBC News che crede che abbiamo bisogno di “tornare ai vecchi valori per capire cosa sia veramente un regalo e a cosa serva; è un segno di apprezzamento o affetto per una persona. “Tuttavia, conducendo questo studio, lei sta mettendo l’accento sulle reazioni verso gli oggetti regalati, piuttosto che sul significato che sta dietro a essi.

Tuttavia, le nostre reazioni verso gli oggetti regalati possono fare una grande differenza sul nostro livello di stress e sul godimento delle festività natalizie.

Come abbiamo riportato in articoli precedenti, il consumo di regali non è necessariamente la strada per una stagione di festa felice. Invece, le persone tendono a segnalare una maggiore soddisfazione impegnandosi in tradizioni familiari o spirituali.

Ciò non significa che i doni non abbiano alcun ruolo in queste celebrazioni. In effetti, molte famiglie si uniscono per donazioni genuine e sentite, mentre molte tradizioni religiose vedono lo scambio di doni come parte integrante della celebrazione.

L’atto di donare, piuttosto, ha più a che fare con il pensiero che abbiamo messo nel dono. Cosa ne pensi? Saresti in grado di dire quando un regalo che hai donato non è stato ben accolto?

Regalami un sorriso (sincero)! – Copia Originale

 

Il sorriso è un gesto comune – si spera – che segnala disponibilità e intenzioni benevole verso l’altro. Come distinguere però un sorriso “sociale” da uno sincero? Si usa il cosiddetto “sorriso sociale” (angoli delle labbra rivolte in alto) con gli estranei, per cordialità ed educazione senza provare necessariamente emozioni positive.

Un sorriso sincero, che implichi emozioni, si riconosce dalla parte alta del viso: gli zigomi si alzano e si formano delle piccole rughe al lato degli occhi.

Francesco Di Fant

https://www.copiaoriginale.it/post/regalami-un-sorriso-sincero-2

Creare contatto fisico e psicologico – Copia Originale

 

Nell’interazione con gli altri è importante riuscire a entrare in contatto, creare un legame. Questo contatto può essere facilitato da alcuni gesti e comportamenti.

Oltre al contatto fisico vero e proprio è possibile anche entrare lentamente e con riguardo nella “bolla personale” dell’altro (1 metro). Altri modi di creare un legame psicologico possono essere: contatto visivo, sorriso, empatia, attenzione (piegate la testa di lato per segnalare una profonda attenzione) e ascolto attivo dell’altro.

 

Francesco Di Fant

https://www.copiaoriginale.it/post/creare-contatto-fisico-psicologico-2

Tutto quello che avreste voluto sapere sul Linguaggio del Corpo (ma non avete mai osato chiedere) – COACHMAG n.28

– ovvero come sfatare i luoghi comuni errati nel Linguaggio del Corpo –

 

Quante volte avete letto un articolo sul Linguaggio del Corpo scoprendo consigli per osservare il movimento altrui e comprenderne emozioni e intenzioni? A volte la disciplina del Linguaggio del Corpo (o Comunicazione Non Verbale) non viene trattata e approfondita con il rigore e la scientificità necessaria per un corpus di studi che comprende nozioni di biologia, etologia, neuroscienze, psicologia, sociologia e comunicazione (solo per citare le principali scienze e discipline prese in considerazione).
A volte si leggono nozioni sul Linguaggio del Corpo che non sempre risultano corrette o, nel migliore dei casi, applicabili in tutte le situazioni comunicative. Andiamo quindi a sfatare tali luoghi comuni errati che vengono proposti con più frequenza negli articoli di varie riviste.

 

GESTI DI CHIUSURA:
Il primo luogo comune da sfatare è quello per cui chi tiene le braccia incrociate segnala sempre chisura rispetto agli altri, questo può essere vero ma non sempre. Le braccia vengono messe in posizione incorciata anche per riposare, in particolare quando la postura del corpo è rilassata e il bacino è leggermente spostato in avanti a reggere il peso delle braccia.

 

MANI E MANIPOLATORI:
Un altro segnale del corpo che viene spesso spacciato come universale è quello dei gesti manipolatori. L’azione di auto-contatto del corpo (toccarsi il viso, un braccio, la nuca, ecc.) viene spesso indicata come sinonimo di tensione e disagio e viene spesso citata come indizio di menzogna. Questo è vero solo in parte, infatti i gesti manipolatori possono anche essere presenti in altre situazioni, come in momenti di noia, di estremo agio e come forma di auto-carezza quando si è da soli.
Un’altra indicazione scorretta è quella per cui chi mette le mani dietro la schiena ha qualcosa da nascondere o mostra scarsa disponibilità alla comunicazione, tale gesto infatti può anche indicare rispetto verso l’altro (es. gerachie formali o informali, come nell’esercito o nel rapporto maestro-alunno) o venire usato per assumere una postura composta in particolari situazioni formali (es. cerimonie, riti di vario genere).

 

CONTATTO FISICO:
Altre indicazioni scorrette che sono spesso presenti nella divulgazione di basso livello sono relative al contatto fisico. Viene spesso detto che una persona che cerca il contatto fisico con l’altro dimostri sicurezza e apertura comunicativa, questo però non è sempre vero. Una persona che tocca continuamente il suo interlocutore dimostra spesso insicurezza, in questo caso il contatto diventa una incessante richiesta di attenzione nei propri confronti; è tipico il caso delle persone che mentre parlano tengono l’avambraccio altrui con una mano, come se avessero paura che l’altro si allontani. Lo stesso vale per le strette di mano forti e prolungate, interpretate spesso come sinonimo di fiducia e apertura rispetto alle strette di mano deboli e brevi. Una stretta eccessivamente volitiva e prolungata potrebbe, al contrario, essere indice di una certa aggressività e della volontà di controllare e dominare gli altri.

 

SGUARDO E MENZOGNA:
Un altro luogo comune molto diffuso è quello secondo cui chi ci sta mentendo tende ad abbassare lo sguardo o comunque a evitare lo sguardo altrui. Questo può essere corretto ma non sempre, infatti molte persone preferiscono fissare l’interlocutore quando mentono per poter controllare meglio le reazioni dell’altro rispetto all’inganno perpetrato.

 

SORRISI SINCERI:
L’ultima indicazione sul Linguaggio del Corpo da correggere è legata al sorriso. Viene spesso detto che per riconoscere un sorriso basta osservare la posizione degli angoli delle labbra che devono essere rivolti all’esterno e verso l’alto. In realtà questo vale per il cosiddetto sorriso “sociale” ovvero quello usato con frequenza verso sconosciuti o conoscenti. Per riconoscere un sorriso sincero, che implichi anche un’emozione positiva, è importante osservare la parte alta nel viso, in particolare la zona degli occhi. Un sorriso sincero di vera gioia si riconosce da due elementi: la formazione di rughe al lato degli occhi (le cosiddette “zampe di gallina”) e l’innalzamento del muscolo zigomatico, che spinge lo zigomo in alto occludendo parzialmente la parte inferiore dell’occhio.

Spero di aver fatto luce su alcuni segnali del Linguaggio del Corpo e di aver stimolato la vostra curiosità per questa moderna e affascinante disciplina, utile sia per riconoscere le emozioni e gli stati d’animo altrui sia per comunicare attivamente ed efficamente con il nostro corpo.

 

Francesco Di Fant

 

Articolo pubblicato sulla rivista COACHMAG n.28, Anno 7, Luglio 2016, nella rubrica “Silenzio! Parla il corpo”.
www.coachmag.it

 

Sorrisi sinceri

 

Tante volte si sorride per cortesia o per circostanza, a volte si ride di gusto, altre ancora un sorriso può apparire sul nostro volto in maniera più sottile, tutti questi tipi di sorriso hanno in comune una cosa: potrebbero essere falsi. La differenza tra un sorriso falso, sociale e uno vero è poca, ma è comunque possibile distinguerlo.

Ci sono persone che riescono con maggiore naturalezza a contraffare un sorriso, rispetto ad altri segnali emozionali, poiché è un tipo di interazione con l’altro che si ripete molto spesso e ripetutamente; anche l’abilità di falsificare un sorriso è diventata più sottile man mano che la civilizzazione ha preso piede nella razza umana.

Il sorriso, che nell’uomo si manifesta già dopo cinque settimane di vita, insieme al pianto è uno dei primi segnali che il bambino impara per comunicare con il mondo esterno: il pianto attira l’attenzione, il sorriso seduce. In realtà, andando a scavare fino agli albori della nostra razza questo gesto tanto gentile e premuroso era usato come segno di sottomissione per evitare lo scontro con altri esemplari più dotati fisicamente. Per questo molti personaggi di potere dosano i sorrisi proprio per non sembrare sottomessi.

Negli scimpanzé infatti esistono due tipi differenti di sorriso: il sorriso di sottomissione e il sorriso di gioco. Il sorriso di sottomissione, o pacificatorio, è un’espressione di paura, mette in mostra i denti e assume una specie di sorriso ritraendo e abbassando gli angoli della bocca, creando così l’impressione di un uomo sorridente; il sorriso di gioco, invece, mostra gli angoli della bocca e degli occhi piegati verso l’alto e i denti non rimangono stretti ma spesso si aprono mostrando l’interno della bocca, come quando una persona sta ridendo di gusto. Riconoscere un sorriso per le nostre scimmiette antenate era necessario per distinguere gli individui amichevoli da quelli ostili, poiché spesso la posta in gioco era la sopravvivenza stessa.

Uno dei primi a effettuare delle ricerche vere e proprie sul sorriso fu il neurologo francese Guillaume Duchenne de Boulogne, il quale affermò (a ragione) sin dal 1800 che sono principalmente due gli elementi di un sorriso autentico più difficili da contraffare in un sorriso forzato o comunque non spontaneo: la palpebra inferiore presenta rughe sottostanti, ma soprattutto negli angoli esterni degli occhi compaiono le cosiddette zampe di gallina, ovvero il corrugamento della zona laterale dei muscoli degli occhi (muscolo orbicolare dell’occhio Orbicularis oculi).
È importante anche porre attenzione alle cosiddette rughe d’espressione, ovvero la conformazione delle rughe sul viso formatasi nel corso degli anni a forza di muovere i muscoli facciali; alcune persone riflettono, con le proprie rughe, le emozioni che hanno vissuto per lungo tempo. Rispetto ad altri individui, alcune persone hanno rughe più marcate ed è importante distinguere le rughe che si vengono a creare durante ciascuna espressione del viso da quelle che sono già presenti, più o meno visibili, su di esso.

Un’altra caratteristica interessante del sorriso è la sua contagiosità, un motto popolare recita: «Sorridi, e il mondo ti sorriderà»; in qualche modo questo si verifica quando incontriamo un’altra persona la quale ci sorride, d’istinto ci viene spontaneo ricambiare tale gesto con un altro sorriso, più o meno sentito. Non importa se il sorriso che abbiamo di fronte sia finto o meno, un recente studio svedese, condotto all’Università di Uppsala dal professor Ulf Dimberg, ha confermato che in presenza di un sorriso non riusciamo a controllare totalmente i nostri muscoli facciali e diventa, ad esempio, più difficile assumere un’aria imbronciata; questo a causa dei cosiddetti neuroni specchio (neuroni che determinano una reazione immediata di imitazione).
Sorridere spesso è un elemento importante della comunicazione non verbale (ma non sempre potremmo averne voglia) poiché condiziona il modo di comportarsi altrui a nostro vantaggio; quindi se vogliamo davvero vivere più sereni cominciamo a sorridere un po’ di più agli altri… ora abbiamo le prove che aiuta davvero!

 

Tratto dal libro: “101 cose da sapere sul linguaggio segreto del corpo” di Francesco Di Fant, Newton Compton editori, Roma 2012.

 

COME MI VOGLIO (CANALE ITALIA) puntata 12 – Bocca e sorriso (19 aprile 2013)

Il dottor Francesco Di Fant ospite, insieme a Leonardo Bizzarri e Gianna Orru, nella trasmissione sulla chirurgia estetica COME MI VOGLIO (CANALE ITALIA) condotta da Samantha De Grenet e Roly Kornblit. Puntata 12 dedicata alla bocca e al sorriso con l’intervista sul suo libro “I SEGRETI PER PARLARE E CAPIRE IL LINGUAGGIO DEL CORPO” – 19 aprile 2013




 




 




 

Buona visione! 🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

SORRISI VERI E FALSI – LIE TO MANA’ (5 aprile 2013)

Ospite in studio Francesco Di Fant, esperto di Linguaggio del Corpo, con la rubrica LIE TO MANA’ nella trasmissione “Qua la Manà” condotta da Stefania Lillo, Rodrigo De Maio e Alessandro Lillo. Oggi si parla di come distinguere un sorriso falso da uno vero! – 5 aprile 2013




Buon ascolto! 🙂