Comunicazione Non Verbale efficace per avvocati: empatia e Mirroring – Hdemos

Nella comunicazione professionale essere efficaci e persuasivi è sicuramente uno degli obiettivi di primaria importanza, i professionisti di tutti i settori conoscono bene questo aspetto e anche gli avvocati e i giuristi prestano la giusta attenzione a tali obiettivi professionali.

L’empatia.

Nella comunicazione tra esseri umani c’è un elemento imprescindibile e che a volte viene sottostimato: l’empatia. Riconoscere se stesso nell’altro – almeno in parte – e “sentire come” sente l’altro è una delle prerogative dell’essere umano e, da un punto di vista evolutivo, l’empatia è l’ingrediente chiave che permette la vita sociale e di gruppo garantendo la sopravvivenza alla nostra specie.

A livello comunicativo l’empatia permette, appunto, di “parlare la stessa lingua” riconoscendosi nell’altro e facilitando la relazione e la comprensione reciproca superando eventuali resistenze cognitive o emotive. Appare chiaro come questo possa facilitare l’attività professionale di avvocati e giuristi che sono costantemente a contatto con persone diverse.

Esistono alcune tecniche che lavorano sull’empatia, nella Comunicazione Non Verbale, una delle tecniche più utilizzare è quella del Mirroring (“rispecchiamento”), questa tecnica è presa dalla Programmazione Neuro Linguistica. Illustriamo brevemente in cosa consiste tale disciplina: la Programmazione Neuro Linguistica (PNL) afferma che è possibile modificare gli schemi di comportamento di un individuo agendo sul linguaggio e sui processi mentali. Tale disciplina è assolutamente autonoma e vasta, nella Comunicazione Non Verbale si utilizzano alcune tecniche presenti nella PNL tra cui, appunto, il Mirroring.

Cosa è il Mirroring? Come funziona?

Il Mirroring è una tecnica semplice e potente che permette di entrare empaticamente in sintonia con un’altra persona, si basa sui “neuroni specchio” presenti nel nostro cervello (come in quello dei primati) che sono alla base dell’attività mimica del comportamento e dell’apprendimento tra simili. Questi neuroni ci aiutano a identificare ciò che è simile da ciò che è diverso da noi, determinando una situazione IN-OUT, definendo un confine tra “io” e “altro”.
Il Mirroring si basa sull’imitazione del comportamento dell’altro: nel canale Verbale (parole), nel canale Paraverbale (qualità della voce: tono, velocità, ritmo, ecc.) e nel canale Non Verbale (gesti, posture, espressioni facciali, fisiologia e respiro).

Qualche semplice consiglio per iniziare a utilizzare il Mirroring.

1) focalizzate la vostra attenzione su gesti ben visibili (ad esempio braccia e mani) e provate a replicare tali movimenti.
2) oltre ai gesti, provate a imitare alcuni aspetti della voce dell’altro (i più semplici da imitare potrebbero essere il volume e la velocità del parlato), questo aiuterà molto a essere percepiti come simili dal nostro interlocutore.

Provate per credere!

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna

https://www.hdemos.it/comunicazione-non-verbale-efficace-per-avvocati-empatia-e-mirroring/

Comunicazione non verbale: uno strumento potente per avvocati e giuristi – Hdemos

Quante volte nella nostra vita quotidiana abbiamo difficoltà a capire le reali intenzioni dell’altro al di là delle parole? Nei rapporti personali e lavorativi non sempre può bastare una chiara comunicazione verbale, se poi riflettiamo su alcune professioni che si svolgono a stretto contatto con altre persone risulta chiaro quanto sia importante essere efficaci nelle comunicazione e allo stesso tempo avere gli strumenti necessari per comprendere pienamente gli altri.

La comunicazione non verbale per avvocati e giuristi.

Nel mondo degli avvocati e dei giuristi sono numerose le occasioni in cui ci si incontra con giudici, testimoni, clienti e altre parti. Per un avvocato sapere comunicare attivamente con il proprio corpo e la propria voce, aggiungendo forza alle proprie parole e risultando credibile è di fondamentale importanza, tanto quanto saper leggere correttamente emozioni, intenzioni e menzogne nelle parole e nel comportamento altrui.
Situazioni delicate come udienze e testimonianze mettono quotidianamente alla prova le abilità espressive e di interpretazione di numerosi professionisti del settore. Sicuramente un’approfondita conoscenza delle leggi e l’esperienza sul campo sono importanti per avvocati e giuristi, a volte però da sole non bastano.

Studi decennali e continue ricerche nel campo della Comunicazione, della Psicologia e delle Neuroscienze stanno dando sempre più risalto a discipline come la Comunicazione Non Verbale (CNV) e la Programmazione Neuro-Linguistica (PNL), e a seguito di una crescente richiesta formativa, tali discipline sono sempre più presenti nel mondo della formazione aziendale e personale con risultati di successo.

Come può, concretamente, la Comunicazione Non Verbale aiutare professionisti come avvocati e giuristi?

  • Da un punto di vista di espressione “attiva” la CNV aiuta a rinforzare il senso delle parole pronunciate, a conquistare la fiducia degli altri (comunicazione persuasiva) e a proporre un’immagine positiva di se stessi. Un’adeguata formazione sulla Comunicazione Non Verbale può migliorare sia la comunicazione interpersonale (clienti, testimoni, colleghi e altri professionisti) che le situazioni di Public Speaking (udienze, arringhe, presentazioni e discorsi in convegni e seminari).
  • Per quanto riguarda la capacità di osservazione e interpretazione del comportamento altrui la Comunicazione Non Verbale offre strumenti di analisi che vanno dal riconoscimento delle emozioni, degli stati di disagio o di chiusura/apertura, fino a una attenta e precisa analisi della menzogna, tutti strumenti che possono risultate molto utili per un avvocato, basti pensare all’interazione con un testimone.

Qualche piccolo consiglio per migliorare la propria comunicazione in pubblico.

1) instaurate e mantenete il contatto visivo, se state parlando a più di una persona alternate lo sguardo spostandolo sui presenti.
2) mantenete testa e mento dritti, senza abbassarlo o alzarlo troppo. Alzare il mento potrebbe farvi apparire come aggressivi e supponenti, abbassarlo potrebbe segnalare difesa, tenere il mento dritto comunica agli altri un’idea di equilibrio.
3) gesticolate attivamente (gesti illustratori), in maniera composta, ed evitate di toccare il vostro corpo o altri oggetti (gesti manipolatori). Gesticolare aiuta e rinforza la comunicazione, al contrario effettuare gesti di auto-contatto può essere un segnale di tensione.

Dottor Francesco Di Fant
Esperto di Comunicazione, Linguaggio del Corpo, Public Speaking e Analisi della Menzogna