Il Linguaggio del Corpo degli occhi rivela ciò che il cuore nasconde – Joe Navarro

I nostri occhi sono anche formidabili comunicatori di sentimenti, tra cui conforto e disagio, che ci aiutano a decifrare gli altri sin dalla tenera età. Gli occhi rivelano l’eccitazione per la mamma che cammina nella stanza, ma rivelano anche preoccupazione quando siamo turbati. Spesso ciò che non viene detto ad alta voce viene espresso in modo speciale dagli occhi. In effetti mi è stato chiesto di scrivere oggi questo articolo mentre stavo visitando un collega di ricerca e i suoi occhi, a distanza, mi hanno detto che c’era qualcosa che non andava, suo padre era morto.

Mentre gli occhi di una madre riflettono la disperazione che può provare quando il suo bambino è ricoverato in ospedale, al contrario rivelano la gioia di aver scoperto che il bambino è sano e sta bene. Poche cose riflettono le nostre emozioni tanto rapidamente quanto gli occhi. I bambini che hanno appena diversi giorni rispondono già agli occhi della madre e possono capire la differenza tra uno sguardo distratto e gli occhi dilatati spalancati. I bambini possono capire la differenza tra una madre felice e contenta e una che è stressata, solo guardandole gli occhi.

Gli occhi servono come canali di informazione su cui abbiamo fatto affidamento per migliaia di anni. Ci affidiamo a loro per la loro precisione. L’uomo a cui viene chiesto di aiutare qualcuno a muoversi si coprirà gli occhi con le dita mentre si strofina mentre risponde: “Sì, ti aiuterò”, quando senza dubbio questo è un problema per lui. Questo “comportamento di blocco” rivela autenticamente come egli si sente anche se lo aiuterà.

Comportamenti di blocco degli occhi come: coprire gli occhi, proteggere gli occhi, abbassare le palpebre per un periodo prolungato, ritardare l’apertura degli occhi sono così fortemente radicati in noi che i bambini che nascono ciechi, quando sentono qualcosa di spiacevole che non vedono coprono anche loro gli occhi. Ovviamente questo comportamento è radicato in noi, fa parte dei nostri paleo-circuiti e rappresenta un adattamento allo stress o ad altri stimoli negativi che ci ha servito bene in questi millenni.

Il blocco degli occhi è solo una delle cose più ovvie che facciamo. Quando siamo turbati, frustrati o alle prese con qualcosa di emotivamente stressante, le nostre palpebre possono anche chiudersi forte e rimanere chiuse oppure possono muoversi rapidamente come espressione del nostro sentimento. Hugh Grant è famoso nei film per il battito delle sue palpebre ogni volta che combina qualche guaio.

La ricerca mostra anche che quando siamo nervosi o turbati aumenta il nostro battito di ciglia, un fenomeno spesso visto con i bugiardi ma spesso visto anche con le persone sotto stress. Non chiamerei nessuno bugiardo solo perché il suo battito di ciglia aumenta, anche se mentre studiavo Richard Nixon ho notato che quando stava affrontando i fatti mentre parlava con la stampa il suo battito di ciglia è passato da circa 12 al minuto a 68 volte al minuto. Bill Clinton durante la sua deposizione mostrò un alto battito di ciglia a volte superiore a 92 al minuto, ma si trattava comunque di individui molto stressati in quel momento.

Quando si interpretano i comportamenti oculari, esistono molte idee sbagliate. Il contatto visivo scarso o nullo viene erroneamente percepito da alcuni come un classico segno di inganno, specialmente durante l’interrogatorio, mentre le persone che dicono la verità dovrebbero “bloccare gli occhi” sull’interlocutore. Questo non è supportato dalla ricerca o dall’esperienza ed è completamente falso. In effetti, Alder Vrij e altri hanno scoperto che i bugiardi tendono a impegnarsi in un maggiore contatto visivo perché sanno che stiamo cercando segni di inganno.

Il contatto visivo è in effetti un fenomeno sociale / culturale praticato in modo diverso in tutto il mondo. A New York, per convenzione sociale, possiamo guardarci l’un l’altro per 1,68 secondi. In altre culture, specialmente in America Latina e altrove, la tua capacità di guardare gli altri può essere piuttosto estesa fintanto che non è percepita come minacciosa.

Distogliere lo sguardo è praticato da molte culture tra cui latinoamericani e afroamericani, per mostrare rispetto per coloro che detengono l’autorità. Quindi quando un bambino nero guarda in basso mentre viene castigato, quel guardare in basso è in realtà un segno di rispetto e deferenza che spesso viene interpretato erroneamente come mancanza di rispetto o peggio, inganno.

È interessante notare che quando ci sentiamo più a nostro agio abbiamo il lusso di distogliere lo sguardo e troviamo conforto mentre ricordiamo dei fatti nella nostra memoria o meditiamo sul futuro.

Gli occhi si sposteranno da un lato all’altro, guarderanno in basso o resteranno fermi mentre elaboriamo le informazioni. Basta chiedere a qualcuno di moltiplicare a mente 56 x 89 e guardare i loro occhi. Il carico cognitivo posto su di loro dal compito della moltiplicazione provocherà tutti i tipi di movimenti oculari o persino la chiusura degli occhi. Tutto ciò che possiamo imparare da questo è che la persona sta elaborando le informazioni, non che stia dicendo la verità o mentendo come alcuni individui ben intenzionati ma mal informati vorrebbero farti credere.

Guardo gli occhi principalmente per capire quando qualcuno è a suo agio e rilassato. Guardo anche gli occhi per capire quando qualcuno è improvvisamente turbato da un argomento o da un evento. Immediatamente vedrò le orbite ristrette, quello che chiamo l’effetto Clint Eastwood (come in quei western italiani, proprio prima che sparasse strizzava sempre gli occhi). Deviare lo sguardo o il restringimento delle orbite oculari indicano, con molta precisione, disagio, stress, rabbia o problemi. Ho compreso meglio questo comportamento nelle negoziazioni mentre gli avvocati dell’avversario leggono ad alta voce ogni paragrafo; abbiamo potuto vedere quali articoli nel documento sarebbero stati problematici dal socchiudere gli occhi ad ogni dettaglio preoccupante. Questo comportamento ha ovviamente milioni di anni e comunica in modo molto elegante come ci sentiamo esattamente in quel momento.

Joe Navarro

https://www.jnforensics.com/post/the-body-language-of-the-eyes-the-eyes-reveal-what-the-heart-conceals

Sistemi Rappresentazionali e CNV: il metodo “VAK” – Copia Originale

 

In alcuni articoli precedenti abbiamo parlato di Mirroring (https://www.copiaoriginale.it/post/mirroring-rispecchiare-altro/) e di Rapport (https://www.copiaoriginale.it/post/creare-rapport-laltro-2/) per entrare in empatia e comunicare con gli altri in modo efficace; è possibile applicare tale tecniche in maniera più precisa unendo a esse la conoscenza dei sistemi rappresentazionali (VAK).

I sistemi di rappresentazione sensoriali (o stili di apprendimento) si riferiscono ai processi sensoriali che regolano il comportamento. Tutti noi interpretiamo la realtà e ci esprimiamo usando i cinque sensi: l’utilizzo di un particolare senso dominante definisce il nostro stile di apprendimento come Visivo (V), Auditivo (A) e Cinestesico (K).

  • I Visivi (V) pensano e si esprimono per immagini, sono dinamici, parlano e si muovono rapidamente con un respiro veloce, usano molto contatto visivo. Hanno una gestualità veloce e ampia, guardano spesso in alto.
  • Gli Auditivi (A) preferiscono suoni e parole, si focalizzano sulla logica e sui concetti, a volte girano la testa di lato per ascoltare meglio. Parlano in maniera sciolta e melodiosa scegliendo attentamente le parole, respirano regolarmente e spesso guardano di lato o in basso a sinistra (dialogo interno).
  • I Cinestesici (K) utilizzano principalmente gli altri tre sensi (tatto, gusto e olfatto) e sono focalizzati su emozioni e sensazioni. Si muovono e respirano lentamente, parlano con ritmo lento e volume basso.
    Gesticolano poco e utilizzano poco il contatto visivo, spesso guardano in basso a destra (memoria cinestesica) e utilizzano il contatto fisico con gli altri o rivolto verso oggetti o se stessi.

 

Francesco Di Fant

https://www.copiaoriginale.it/post/sistemi-rappresentazionali-cnv-metodo-vak/