Casting di Roma: La Casa degli Assi seleziona nuovi possibili inquilini

 

Final Day per i casting “dal vivo” de La Casa degli Assi: il primo reality show italiano che cerca talenti da Poker sportivo. Anche ai provini romani di ieri si è lavorato duramente per tutta la giornata, tra un’intervista al confessionale, un torneo sit-and-go e una partita a due (“heads up”) con il temibile Pier Paolo Fabretti. Ancora prima che inizi lo show su Italia 2 non possiamo ovviamente svelare nomi e profili di chi andrà alla finalissima di Milano, fissata per venerdì 28 marzo, ma una cosa è certa: il piatto si fa decisamente ricco.

Tra i provinanti in fila con cui abbiamo scambiato due chiacchiere c’è il disoccupato in cerca di fortuna, lo studente fuori corso e l’impiegato che vorrebbe tanto prendersi una vacanza dallo stress quotidiano. In molti si sono poi presentati in coppia di fronte al cospetto dei nostri Giudici. Amici d’infanzia, fratelli, fidanzati o cugini, uniti dalla passione per le carte. E c’è addirittura una famiglia intera: partita dalla richiesta del figlio, che ha finito col tirare dentro alle selezioni anche mamma e papà.

Dietro a quei giocatori tutti impegnati con fiches e all-in, ci sono comunque persone comuni che nella vita di tutti i giorni fanno tutt’altro. Volti con delle storie vere da raccontare e tanti sogni nel cassetto. Al primo posto c’è la volontà di mettersi in gioco sul fronte umano, che sia una sfida con se stessi o un confronto diretto con le altre menti che si troveranno all’interno della casa. Di fronte alle telecamere qualcuno tradisce anche un pizzico di vanità, il desiderio di apparire in una trasmissione TV come personaggio. Ma in generale è la voglia di imparare meglio le strategie del gioco, con il supporto dei Pro e dei coach Pokerstars, ad essere più diffusa. Poi, ovviamente, sulla bilancia c’è anche l’appetitosa cifra in palio.

La domanda “cosa faresti con quei 50.000 euro in palio” ci ha restituito le risposte più disparate. C’è un ragazzo che vorrebbe tanto aprire un ristorantino sul lago, chi pensa di iscriversi ad un corso da dealer, chi sogna un viaggio negli USA rimandato da troppo tempo, chi vuole solamente prendersi cura della famiglia e chi punta a farsene una, adottando un figlio. Ma c’è anche chi continuerebbe volentieri a cavalcare l’onda del poker, reinvestendo subito la vincita nel gioco.

Durante la giornata abbiamo visto circolare i portafortuna più disparati, tra pupazzi, collane e posacenere. Ma Giada FangPier Paolo Fabretti e l’esperto di “comunicazione non verbale” dott. Francesco Di Fant, non si sono lasciati impressionare annotando soprattutto pregi e difetti al tavolo. Giocatori scarsamente o esageratamente aggressivi, che parlano troppo o bluffano troppo. Ora bisognerà vedere quanti e quali di questi comportamenti ludici si rifletteranno nel carattere dei 12 protagonisti che entreranno nella villa in Marocco. Il reality show è del resto anche questo: un esperimento sociale.

 

http://www.lacasadegliassi.it/casting-di-roma-la-casa-degli-assi-continua-a-cercare-inquilini/

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: