Sai individuare il dolore? – David Matsumoto

 

Sembra una cosa piuttosto semplice, ma riconoscere i segni di dolore negli altri può essere complicato.

Non solo è un’interessante questione intellettuale, ma la capacità di riconoscere il dolore può avere letteralmente conseguenze di vita o di morte. Molti medici hanno il compito di diagnosticare un problema basandosi solo sull’espressione del dolore da parte del paziente, e talvolta l’incapacità di riconoscere con precisione il dolore porta a diagnosi errate, con gravi implicazioni. Ciò è particolarmente rilevante per i bambini piccoli, i pazienti con disabilità cognitive o quelli in recupero postoperatorio.

È ricordandoci quelle poste in gioco che i dottori Prkachin e Craig fondano il loro famoso studio del 1995 sulla comunicazione e l’interpretazione del dolore nelle espressioni facciali. Mentre sviluppano un quadro di lettura delle espressioni per gli operatori sanitari, può anche essere incredibilmente utile per chiunque voglia riconoscere meglio il dolore negli altri.

Il dolore può essere compreso come “episodi” che si verificano in cui uno stimolo doloroso viene creato in una sezione del tessuto corporeo. Questo è spesso acuto ma può anche essere cronico, ad esempio con un nervo compresso. Il sistema nervoso quindi “codifica” l’episodio, portando automaticamente a sottili cambiamenti nelle espressioni facciali.

Una volta codificato, il dolore può essere trasmesso attraverso espressioni più esplicite, ma questo non è sempre il caso in quanto le persone spesso cercano di nascondere il loro dolore agli altri. I ricercatori hanno cercato di sistematizzare i molti aspetti dell’espressione del dolore nel Facial Action Coding System o FACS, composto da 46 configurazioni uniche.

Il più affidabile di questi indicatori è il restringimento dei muscoli intorno all’occhio, che porta a uno sguardo obliquo e all’innalzamento della guancia. Questo è accompagnato da rughe nel ponte del naso, dal rialzo del labbro superiore e persino dalla chiusura definitiva degli occhi. Se i lettori tentano di simulare questi indicatori, la smorfia risultante dovrebbe essere abbastanza familiare.

Il modello FACS è stato persino adattato ai bambini, anche se spesso presentano dolore in modi distinti. Tuttavia, adattando il modello ai neonati e ad altri bambini, i professionisti del settore medico sono stati anche in grado di estendere le loro intuizioni per riconoscere i sottili segni di dolore in coloro che non possono esprimerlo verbalmente.

Come abbiamo discusso la scorsa settimana, l’espressione del dolore è unica. Questo potrebbe sembrare in conflitto con l’idea che FACS abbia identificato così tante configurazioni, ma Drs. Prkachin e Craig enfatizzano la nozione di un’espressione “prototipica”. C’è qualcosa in comune a varie istanze dell’espressione, nonostante le variazioni nel dolore o nell’individuo.

Infine, tutto ciò deve affrontare i fattori socioculturali che ci incoraggiano a nascondere o modulare la nostra esperienza di dolore. Mentre i professionisti possono tentare di situare l’individuo all’interno della propria cultura, questo approccio può spesso essere fuorviante.

Spetta a noi tentare di riconoscere il dolore per osservare da vicino questi indicatori FACS, tenendo anche a mente la misura in cui un individuo potrebbe moderare la propria espressione. È importante notare, tuttavia, che nel complesso tendiamo a sottovalutare il dolore degli altri.

Mentre ci sono molti modi per migliorare nel leggere le persone, leggere il dolore è particolarmente difficile. Continua a seguire il nostro blog questo mese mentre approfondiamo ulteriormente l’argomento in riconoscimento del “Mese della Consapevolezza del Dolore”.

 

Can You Detect Pain?

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: