Una App per le valutazioni del dolore? – David Matsumoto

 

20 settembre 2018

Sappiamo che gli umani sono terribili nel distinguere il dolore reale dal dolore falso, ma il tuo smartphone potrebbe semplicemente farlo per te?

Partendo dal post della scorsa settimana, sembra che alcuni ricercatori abbiano cercato di attuare l’intuizione che i computer sono più bravi nel rilevare il dolore reale rispetto ai medici. In un nuovo entusiasmante studio, il Dr. Jeffrey Cohn dell’Università di Pittsburgh ha cercato di esplorare il potenziale di implementare tecniche di apprendimento automatico in un software accessibile per leggere le sottili espressioni del dolore delle persone.

Soprattutto viste le attuali tendenze politiche e le preoccupazioni per la prescrizione eccessiva di oppiacei, i medici sono sottoposti a maggiore pressione per distinguere le persone che hanno effettivamente bisogno di farmaci per il dolore da coloro che stanno solo fingendo. Questo è utile per i medici ma anche per i pazienti. Infatti, molti pazienti, in particolare quelli che soffrono di dolore cronico, faticano a convincere i medici che il loro dolore è genuino.

Se il Dr. Cohn ha ragione, tuttavia, i futuri medici potranno semplicemente estrarre uno smartphone e fare un breve video sul volto e le espressioni del paziente. Con la App in fase di sviluppo, un algoritmo del computer può abbinare le espressioni facciali dei pazienti ai modelli video precedenti di persone che soffrono di dolore autentico.

Questo algoritmo è stato addestrato analizzando una serie di video di volti di persone durante il tentativo di completare delle attività manuali nonostante una lesione alla spalla. Tracciava le loro smorfie creando un database di quali espressioni facciali sono causate in modo più affidabile dalla loro sensazione di dolore.

La settimana scorsa abbiamo sottolineato i fattori che indicano l’inganno, come la fronte abbassata e le guance sollevate, e il lavoro del dott. Cohn sottolinea che il vero dolore è indicato dal movimento intorno al naso e alla bocca.

Mentre questi suggerimenti potrebbero aiutarci a pensare di poter rilevare il dolore in modo efficace, dobbiamo riconoscere quanto siano fallibili gli sforzi umani per individuare il dolore genuino, anche per i medici. Questo si adatta a ciò che abbiamo detto a lungo su quanto siano difficili molte forme di rilevamento di inganno e di lettura di microespressione per coloro che non sono addestrati in questo.

Tuttavia, l’idea dell’utilizzo di una App per leggere le espressioni è eccitante, sia per i suoi vantaggi pratici, ma anche per il potenziale intellettuale di portare avanti la nostra comprensione del riconoscimento dell’espressione. Non c’è motivo per cui questo tipo di App non possa essere utilizzato per altre emozioni.

In effetti, l’anno scorso abbiamo scritto di una App che utilizzava l’intelligenza artificiale per riconoscere le nostre emozioni. In quel caso, era stato usato per creare emoji che potrebbero essere inviate online pur rappresentando con precisione le nostre vere espressioni facciali. Con una tecnologia di riconoscimento facciale del genere, combinata con un database di apprendimento automatico simile a quello usato dal Dr. Cohn, il potenziale per utilizzare la tecnologia per migliorare il riconoscimento emotivo è davvero emozionante.

C’è un equilibrio, ovviamente, nel decidere quanto vogliamo fidarci della tecnologia senza imparare da soli queste abilità. Anche se i medici professionisti possono avere difficoltà nel rilevare il dolore autentico, ciò non significa che l’allenamento specifico nella lettura delle espressioni non possa essere d’aiuto.

 

An App for Pain Evaluations?

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: