Il ruolo della Rabbia nel Dolore – David Matsumoto

 

28 settembre 2018

Nell’ultimo mese, abbiamo enfatizzato l’espressione e la sensazione del dolore, ma è anche evidente che il dolore e le sette emozioni di base sono strettamente intrecciati.

In particolare sono le connessioni tra dolore e rabbia che sono state esplorate in uno studio del 2008 sul Journal of Behavioral Medicine. In quello studio, la dottoressa Jennifer Graham e un team di ricercatori hanno esaminato il ruolo degli interventi di gestione della rabbia nell’aiutare coloro che soffrono di dolore cronico. Ciò ha comportato un’analisi sperimentale di oltre un centinaio di pazienti con dolore che hanno cercato di affrontare le difficoltà di una malattia cronica.

La loro ipotesi principale che la gestione della rabbia possa contribuire alla gestione sia emotiva che legata al dolore ha senso, dati gli effetti comuni della malattia cronica. Coloro che sono colpiti da una tale condizione di dolore spesso affrontano la prospettiva di perdere il lavoro e persino i loro sistemi di supporto sociale. Questo può causare e perpetuare un sentimento di rabbia e ingiustizia.

Inoltre, la ricerca di interventi efficaci per il dolore cronico è un obiettivo necessario e importante. Molte persone che affrontano il dolore cronico lottano per trovare simpatia tra i medici professionisti e le ricerche passate indicano un marcato aumento della depressione e della rabbia in seguito all’insorgenza del dolore, che non è particolarmente sorprendente.

Partendo da questa ricerca, il dott. Graham e il suo team hanno studiato un gruppo di 102 volontari, tutti di recente hanno frequentato un centro antidolore e hanno sofferto per almeno gli ultimi sei mesi, anche se in media avevano provato dolore per circa 3 anni . Dopo una serie di valutazioni e di colloqui, ciascun paziente è stato assegnato in modo casuale al gruppo di trattamento o di controllo.

In questo contesto, al gruppo di trattamento è stato chiesto di completare un paio di compiti di scrittura dedicati all’espressione agganciandosi a sentimenti di rabbia, mentre al gruppo di controllo sono stati assegnati compiti di scrittura più emotivamente neutrali. Dopo il completamento di questi compiti per 2,5 settimane, i soggetti sono stati nuovamente intervistati.

Queste interviste sono state poi confrontate per vedere se i volontari hanno riferito diversi livelli di dolore, controllo personale e depressione. Si è scoperto che il gruppo di trattamento aveva livelli significativamente ridotti di depressione e sentimenti di controllo personale dopo aver subito il processo di scrittura.

Mentre sfortunatamente questi sforzi non riducono il dolore, la connessione tra espressioni di rabbia e miglioramento della salute mentale per le persone coinvolte è sorprendente. Questo suggerisce non solo un beneficio dall’esprimere le proprie emozioni, ma aiuta anche a chiarire i complessi legami tra sentimenti di depressione, rabbia e dolore.

È importante essere consapevoli delle difficoltà della gente con il dolore, ed è per questo che Humintell ha dedicato i blog di questo mese al “Mese della Consapevolezza del Dolore” e il ruolo della rabbia nel dolore cronico non dovrebbe essere sottovalutato. Come il nostro post precedente ha indicato, anche i medici professionisti sono terribili nel riconoscere il dolore vero da quello falso, con il risultato che molti malati di dolore cronico lottano per essere capiti.

Imparando a capire meglio le emozioni delle persone, siano esse la rabbia, la tristezza o il dolore, possiamo agire con più compassione verso coloro che nella loro vita sentono dolore cronico. Nel frattempo, controlla alcuni dei post precedenti di questo mese qui e qui.

 

The Role of Anger in Pain

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: