Sai riconoscere la Rabbia? – David Matsumoto

 

11 ottobre 2018

Anche se può essere difficile dire se un volto è minaccioso, il nostro cervello potrebbe già decidere per noi.

Questo può sembrare inverosimile, ma come il Dr. Harald Schupp e un team di ricercatori hanno scoperto nel 2004, siamo “cablati” su un piano evolutivo per sperimentare una risposta di paura al rilevamento di una minaccia percepita in un’altra faccia. Mentre non possiamo sapere cosa sta succedendo, a livello fisiologico il nostro corpo certamente reagisce.

Questa ricerca è profondamente radicata nella nostra storia evolutiva. Come abbiamo scritto in precedenza, molte delle nostre espressioni emotive universali si basano su come i nostri volti si sono evoluti, come gli occhi socchiusi per evitare immagini disgustose. Il Dr. Schupp applica questo tipo di intuizione a come reagiamo a una faccia minacciosa.

Essenzialmente, la percezione della minaccia sul viso di un altro è profondamente intrecciata con la nostra risposta alla paura. La ricerca passata ha scoperto che rileviamo la minaccia in faccia molto più rapidamente di più emozioni positive, e il nostro cervello si prepara rapidamente al peggio. Il lavoro del dott. Schupp guida ulteriormente questa visione osservando la risposta neurologica di base che si innesca quando si percepisce la minaccia sul volto di un’altra persona.

Nello studio, un piccolo gruppo di partecipanti è stato reclutato e successivamente esposto a una serie di immagini che rappresentano le emozioni di base: minaccia / rabbia, felicità e una faccia neutra. Ai partecipanti è stato chiesto di valutare ogni faccia in base alla misura in cui sembrava amichevole o minacciosa, ma sono stati esposti alla faccia solo per un breve momento.

Durante questo processo, l’attività cerebrale è stata monitorata al fine di osservare i cambiamenti di attività e intensità a livello neurologico. Ciò ha permesso loro di tenere traccia sia delle differenze tra l’attività cerebrale nei riconoscimenti minacciosi e amichevoli, sia la velocità con cui entrambi si verificano.

Coerentemente con le loro ipotesi, lo studio ha rilevato che il cervello delle persone mostra un’attività marcatamente diversa quasi immediatamente. Tuttavia, la differenza tra un riconoscimento di minaccia e un riconoscimento amichevole era molto maggiore di quella tra amichevole e neutro, il che suggerisce che il nostro cervello risponde in modo categorico alla minaccia piuttosto che ad altre espressioni facciali.

Allo stesso modo, mentre i volti minacciosi venivano notati molto più rapidamente, erano anche caratterizzati da un’analisi prolungata mostrata dall’attività cerebrale. Il nostro riconoscimento non si ferma a riconoscere la minaccia, come accade quando riconosciamo un volto amichevole. Invece, continua a elaborare lo stimolo per formulare una risposta accurata, come la fuga o il combattimento.

Forse vi starete chiedendo in che modo un’analisi neurologica così densa si inserisca in consigli pratici per rilevare l’aggressività negli altri o in che modo tutto ciò si riferisce all’obiettivo di essere più consapevoli della violenza domestica.

In realtà, la comprensione che il nostro cervello ha una reazione profonda e istintiva alla minaccia ci aiuta a essere più consapevoli di ciò che sta accadendo istintivamente quando vediamo una faccia. Alcuni volti possono ispirare un senso di ansia subconscia o di costernazione, e questo può benissimo essere collegato ai nostri processi di riconoscimento neurologico.

Proprio come abbiamo detto la settimana scorsa, capire meglio come riconosciamo la minaccia è incredibilmente importante sia per coloro che sono a rischio di violenza, ma anche per osservatori e amici che potrebbero notare un potenziale violento in altri.

 

Can You Spot the Anger?

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: