Il potere Non Verbale della postura – David Matsumoto

 


6 novembre 2018

La lettura di segnali non verbali non riguarda solo la comprensione della psicologia o il rilevamento di minacce. Può anche aiutarci a trovare un lavoro!

In un entusiasmante studio del 2010, le dottoresse Dana Carney, Amy Cuddy e Andy Yap discutono il concetto di “postura di potenza”. Essenzialmente, questo implica l’utilizzo di alcune posture per apparire più potenti. Questo può portare un intervistatore o un altro interlocutore a considerarti più meritevole di un lavoro, promozione o altro beneficio, secondo questo post illuminante. Tuttavia, il Dr. David Matsumoto di Humintell ha qualche parola di cautela.

Fondamentalmente, questa nozione di postura di potere è collegata a segnali evolutivi, in cui singoli animali e umani cercano di dimostrare il loro potere al fine di ottenere una maggiore quota di risorse disponibili. La nostra postura determina molto sia i nostri livelli di testosterone, ma anche il nostro stress, che aiutano entrambi a trasmettere, in modo molto sottile, un’impressione di potere.

Allora, qual è questa postura di potere? Secondo la squadra del Dr. Carney, comporta posture espansive e aperte, come l’estensione degli arti e il sembrare più grandi di quello che si è. Questo è in netto contrasto con una postura accasciata, dove il corpo è costretto in una forma di autodifesa.

I dettagli di queste posizioni possono essere intuitivamente familiari, come molti lettori probabilmente noteranno. Quando siamo dritti con le braccia larghe, o se ci sporgiamo in avanti, proviamo e proviamo un senso di potere. D’altra parte, se pieghiamo le braccia in grembo per abbracciare i nostri torsi, c’è un senso di mitezza e sottomissione.

Il Dr. Matsumoto ci avverte che questo non funziona necessariamente se proviamo emozioni conflittuali: “Impegnarsi in tali posture o gesti o espressioni facciali non necessariamente innescherà l’esperienza in individui che stanno già vivendo un’emozione, specialmente una forte”.

Tuttavia, questo non significa che la postura non possa amplificare o influenzare le nostre posizioni. Come spiega lo studio summenzionato, la nostra postura può portare a diverse configurazioni chimiche che si manifestano nel nostro cervello. Ma può davvero aiutarci a sembrare competenti e trovare un lavoro? La risposta, secondo il Dr. Matsumoto, è un po ‘mista.

Da un lato, si trasmette sicuramente molto attraverso una postura potente. Non solo può far sì che altre persone, come un intervistatore per un lavoro, concludano che siamo sicuri di noi stessi, ma può anche farci sentire più sicuri di noi e competenti. Questo non deve essere minimizzato.

Detto questo, in realtà la cosa non ci rende più competenti. Il Dr. Matsumoto avverte chi aspira usare il potere delle posture dall’eccessivo affidamento su queste tattiche:

“Il mio consiglio sarebbe quello di acquisire prima la vera competenza nel vostro campo. L’ultima cosa che chiunque dovrebbe volere è sembrare fiduciosi e non essere veramente competente. Una volta che si ha un certo grado di competenza, l’adozione di certe posizioni corporee può aiutare a sentirsi ancora più fiduciosi e potenti … ma devono crederci ed essere in grado di sostenerlo con vera competenza “.

Tuttavia, è bene essere consapevoli del potere delle posture. Come abbiamo notato nei blog precedenti, alcune posizioni, come quella del trionfo, sono universali e profondamente radicate nelle nostre radici evolutive. Quando stiamo cercando di leggere altre persone, inoltre, è molto utile essere in grado di leggere la loro postura: sembrano ansiosi? Fiduciosi? Potenti?

 

The Nonverbal Power of Posture

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: