Età del viso e Riconoscimento – David Matsumoto

A volte è molto importante valutare l’età solamente in base al volto di qualcuno, ma questo può essere abbastanza difficile.

Questa è in realtà una questione sorprendentemente importante poiché l’età è rilevante in ogni tipo di contesto commerciale, sociale o politico. Mentre sembra intuitivo che dovremmo essere in grado di riconoscere abbastanza facilmente le età delle persone, questo è stato sfidato, se non confutato, dalla ricerca emergente. Ad esempio, in una serie di esperimenti del Dr. Colin Clifford e del suo team, sembra che le persone tendano ad essere incredibilmente incapaci nel giudicare con precisione l’età.

Non solo è spesso imbarazzante o sconveniente non essere in grado di giudicare l’età di qualcuno, ma anche l’età è soggetta a una grande quantità di valutazioni sociali. L’identificazione di gruppo, le valutazioni emotive e altri giudizi vari sono fortemente determinati dalle nostre percezioni dell’età, questo non dovrebbe sorprendere la maggior parte dei lettori.

Data l’importanza delle valutazioni sull’età nelle interazioni sociali, il team del Dr. Clifford ha tentato di esporre i partecipanti dell’esperimento a un enorme database di fotografie di passaporti, incaricandoli di stimare l’età delle persone.

Il design sperimentale era relativamente semplice; pur utilizzando alcune misure complicate per evitare errori di campionamento e altri fattori confondenti. In sostanza, a ciascuno degli 84 partecipanti è stato chiesto di identificare l’età di quasi 400 partecipanti, che varia notevolmente in base all’età e al sesso.

Nel complesso, hanno rilevato alcune stime sistematicamente errate tra i partecipanti. Vale a dire, i volti giovani tendevano a essere visti come più vecchi, mentre i volti più vecchi tendevano a essere visti come più giovani. Questo in realtà era in linea con alcune ricerche precedenti che hanno scoperto che le stime sull’età tendono a distorcersi nei volti di mezza età.

È importante notare che le percezioni dell’età tendevano a essere pesantemente influenzate dal volto che si è visto più di recente. Questo può assumere la forma di pregiudizi relativi al genere, all’attrazione o all’espressione facciale. Mentre questa ricerca ha cercato di controllarla, il dott. Clifford ha scoperto che, senza controlli, tale dipendenza avrebbe un impatto significativo sulle valutazioni.

Un aspetto interessante di questa dipendenza da percorso è l’impatto che hanno avuto le precedenti valutazioni sull’età. Dopo aver codificato più volti come giovani, i partecipanti erano più propensi a valutare le foto successive più giovani di quanto non fossero. Ciò è particolarmente notevole, dato che questo è l’opposto del pregiudizio atteso e normale di inclinazione verso valutazioni di mezza età.

Il lavoro del Dr. Clifford non solo aiuta a dimostrare le sfide della misurazione accurata dell’età, ma aiuta anche a far luce su come possiamo essere influenzati dal vedere altri volti. Ad esempio, un barista che è abituato a vedere volti più vecchi potrebbe essere più propenso a sopravvalutare l’età di un cliente più giovane.

E’ utile tenere a mente queste considerazioni. Conoscere l’età di una persona può essere uno strumento utile per leggere correttamente le loro emozioni, ma può anche aiutarci a valutare se quella persona sia una minaccia in varie situazioni sociali.



You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: