Le emozioni nel donare regali – David Matsumoto

Che cosa dici quando ricevi un regalo che non ti piace?

Alla luce di questa stagione festiva, l’Università di Hertfordshire ha condotto uno studio sulla donazione dei regali. Il focus di questo studio è stato determinare se i donatori fossero in grado di capire se a un destinatario piacesse o meno un regalo semplicemente osservando le loro espressioni facciali e il comportamento non verbale.

La dottoressa Karen Pine, docente di Psicologia dello sviluppo, ha condotto lo studio su 680 uomini e donne che davano e ricevevano regali.

Tre quarti dei partecipanti sono stati in grado di identificare correttamente se uno dei loro regali fosse piaciuto o meno al destinatario. Secondo il Dr. Pine, “Le persone cercano sempre di dire le cose giuste, c’è molta pressione sociale per dire le cose giuste e dare l’impressione che ci piace un regalo e le nostre parole tendono ad essere piuttosto positive, ma il vero i sentimenti tendono a filtrare nel nostro comportamento non verbale. “

Il contatto visivo, o la mancanza di esso, è un segno, facilmente individuabile, che il destinatario non ha gradito il loro presente. Cercano di evitare il contatto visivo con il donatore nel caso in cui l’espressione sul loro volto riveli i loro veri sentimenti. L’espressione sul volto di un destinatario dispiaciuto è spesso un “sorriso sociale”, che coinvolge solo i muscoli della bocca. Quando qualcuno è veramente felice di qualcosa, sorride con gli occhi e la bocca; quello che viene spesso definito un sorriso di Duchenne.

Per quanto riguarda il dono in sé, il destinatario tende a riavvolgerlo e a metterlo fuori alla vista abbastanza rapidamente se non gli piace. Al contrario, se a qualcuno piace davvero un regalo, lo reggono come un trofeo, facendolo passare e mostrandolo. Tendono anche a tenere il presente in mano per un po’ di tempo. Se si tratta di una sciarpa che a loro piace veramente, ad esempio, il destinatario può accarezzarla per un po’ o addirittura indossarla.

Tuttavia, una risposta non verbale negativa non è necessariamente indicativa del fatto che qualcuno sia dispiaciuto per un regalo. Forse quello che hanno ricevuto non è esattamente quello che speravano, ma potrebbero comunque apprezzare il gesto. Non è questo ciò che è importante?

La dottoressa Pine ha detto alla BBC News che crede che abbiamo bisogno di “tornare ai vecchi valori per capire cosa sia veramente un regalo e a cosa serva; è un segno di apprezzamento o affetto per una persona. “Tuttavia, conducendo questo studio, lei sta mettendo l’accento sulle reazioni verso gli oggetti regalati, piuttosto che sul significato che sta dietro a essi.

Tuttavia, le nostre reazioni verso gli oggetti regalati possono fare una grande differenza sul nostro livello di stress e sul godimento delle festività natalizie.

Come abbiamo riportato in articoli precedenti, il consumo di regali non è necessariamente la strada per una stagione di festa felice. Invece, le persone tendono a segnalare una maggiore soddisfazione impegnandosi in tradizioni familiari o spirituali.

Ciò non significa che i doni non abbiano alcun ruolo in queste celebrazioni. In effetti, molte famiglie si uniscono per donazioni genuine e sentite, mentre molte tradizioni religiose vedono lo scambio di doni come parte integrante della celebrazione.

L’atto di donare, piuttosto, ha più a che fare con il pensiero che abbiamo messo nel dono. Cosa ne pensi? Saresti in grado di dire quando un regalo che hai donato non è stato ben accolto?

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: