Babbo Natale e la menzogna – David Matsumoto

Come vi sentite a mentire ai vostri figli a proposito di Babbo Natale?

Mentre alcuni genitori si preoccupano dell’impatto del mentire ai loro figli su questa famosa leggenda natalizia, è possibile che a lungo andare questo sia meglio per loro. Questo è ciò che la dottoressa Kristen Dunfield, professoressa di psicologia dello sviluppo, ha sostenuto in un recente articolo. Certamente, le preoccupazioni hanno il loro ruolo, ma lei sostiene che il processo di comprendere la verità può essere un bene per il loro sviluppo.

In realtà, credenze fantastiche, come quella di Babbo Natale, possono portare ad alcuni sviluppi positivi nella psiche di un bambino. Questo può includere quelle che sono note come “abilità di ragionamento controfattuale”, che fondamentalmente implicano la capacità di un bambino di pensare in modo creativo e fuori dagli schemi.

Non c’è nemmeno molto da fare per favorire questa convinzione. Come afferma la dottoressa Dunfield, la credenza in Babbo Natale è estremamente popolare tra i bambini, ma essi tendono a comprendere la verità entro gli otto anni circa. Ciò significa che non solo l’onere di promuovere il mito non ricade sul genitore, ma nemmeno il dovere di dissiparlo.

Questo stesso processo di arrivare a capire che Babbo Natale non è reale può anche essere utile da una prospettiva evolutiva. Capendo che le azioni magiche non sono realmente possibili, i bambini sono portati a sviluppare e applicare il pensiero critico al mondo che li circonda.

Questo stesso metodo di pensiero critico è spesso evidente quando i bambini più grandi iniziano a testare i miti, ponendo domande difficili su come Babbo Natale possa riuscire a circumnavigare il globo, per esempio.

L’obiettivo di un genitore, per la dottoressa Dunfield, non deve essere quello di sostenere tale storia o di essere, al contrario, il “Grinch” che dissipa la storia felice. Invece, i genitori possono incoraggiare gli impulsi creativi dei loro figli, chiedendo loro di pensare da soli attraverso le loro domande.

La dottoressa, ad esempio, raccomanda “semplicemente di rimandare al bambino la loro stessa domanda, consentendo al bambino di fornire spiegazioni per se stesso”. Piuttosto che rispondere sull’esistenza o meno di Babbo Natale, un genitore potrebbe rispondere “Non so, come pensi che la slitta voli? “

Questo può aiutare molti di noi con il dilemma se mentire o meno ai nostri figli. Mentre l’inganno in famiglia è comune, ciò non significa che sia particolarmente desiderabile. Tuttavia, semplicemente permettendo ai bambini di arrivare a capire il mondo da soli, la questione può davvero essere rivolta al loro vantaggio cognitivo.

Si potrebbe persino sostenere che questo tipo di processo può aiutare a legare insieme una famiglia, a discutere la questione di Babbo Natale e a usare il mythos come una sorta di tradizione festiva basata sulla famiglia. Non solo potrebbe essere un modo divertente per trascorrere del tempo con un bambino, ma può anche aiutare a forgiare la coesione familiare durante la stagione festiva.

Questo può essere particolarmente importante, dato che il modo in cui trascorriamo le vacanze può avere un impatto significativo su quanto sia piacevole il tempo passato insieme. Ad esempio, in un articolo precedente abbiamo discusso di come i rituali familiari aumentassero sensibilmente la soddisfazione nella vita e riducessero la solitudine sociale. Un altro articolo si è concentrato su come l’interazione sociale, e non l’affidamento eccessivo al consumo di regali, possa rendere più felici le vacanze in modo significativo.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: