Le Microespressioni distinguono la verità dalle bugie – David Matsumoto

Finalmente! La prima prova scientifica che le microespressioni sono una chiave per il rilevamento delle menzogne!

Mentre c’è stato un consenso generale sul fatto che le microespressioni giochino un ruolo significativo nel rilevamento dell’inganno per decenni, in realtà non è mai stato pubblicato uno studio di ricerca in una rivista scientifica sottoposta a peer review che documentasse tale affermazione.

Fino ad ora.

Nuove ed entusiasmanti prove provengono dai dottori David Matsumoto e Hyisung Hwang di Humintell, in un articolo pubblicato di recente su Frontiers in Psychology. Nel loro studio, hanno cercato di determinare se le microespressioni potevano indicare in modo affidabile l’inganno in un finto esperimento criminale. Alla fine, hanno scoperto che le microespressioni servivano come guida utile sia nel rilevare la menzogna che nella valutazione della cattiva condotta futura.

In realtà, studi precedenti hanno cercato di documentare l’effetto delle microespressioni come indicatori di inganno. Ma la ricerca passata non ha valutato efficacemente le microespressioni. È stato condotto un esperimento con un finto crimine, ai partecipanti è stato detto di mentire o dire la verità durante un’intervista simulata. Sia il colloquio di prescreening che l’esperimento reale sono stati modellati il ​​più fedelmente possibile sulle procedure di applicazione della legge nel mondo reale.

Poiché le ricerche passate hanno scoperto che le microespressioni sono culturalmente universali, i partecipanti includevano gli europei nati in america, gli americani e gli immigrati cinesi. Durante le interviste, ogni partecipante è stato filmato e le loro espressioni sono state analizzate attentamente.

Dopo aver eseguito queste finte interviste, i comportamenti facciali sono stati codificati manualmente dagli esperti per determinare se erano presenti microespressioni. Le emozioni venivano quindi raggruppate come negative, come paura e rabbia, o positive, come la felicità.

Si è scoperto che i bugiardi e chi diceva la verità avevano manifestazioni di espressioni nettamente diverse, con i bugiardi che mostravano microespressioni marcatamente più negative. Questo non solo aiuta a dimostrare che le microespressioni negative possono essere utilizzate per determinare l’inganno, ma la durata media di queste microespressioni era relativamente costante tra 0,4 e 0,5 secondi.

Questo studio, quindi, non solo ha fornito le prime prove scientifiche che le microespressioni possono aiutare a rilevare l’inganno, ma ha anche contribuito a promuovere ulteriori ricerche guardando in modo critico a ciò che costituisce una microespressione.

LEGGI QUI L’ARTICOLO COMPLETO

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: