Riconoscere la corruzione? – David Matsumoto

Molti di noi si preoccupano della corruzione tra le élite politiche, ma potrebbe essere possibile riconoscerla nei loro volti?

In uno studio piuttosto creativo, un gruppo di psicologi del California Institute of Technology ha cercato di scoprire se la gente potesse rilevare indizi di corruzione da parte dei funzionari governativi fornendo loro le immagini dei loro volti. Questo studio aiuta a far luce sia sugli sforzi per leggere efficacemente altre persone, ma anche sugli sforzi dei cittadini per valutare meglio i nostri rappresentanti eletti.

Sebbene questo possa sembrare inizialmente un’idea piuttosto inverosimile, c’è una lunga storia di ricerca che mostra che le persone tendono a prendere decisioni competenti sull’affidabilità delle persone dalle immagini dei loro volti. Questo è stato persino applicato ai potenziali leader, dove i risultati prosociali portano a valutazioni positive.

Tuttavia, questo studio rappresenta una svolta importante nel passaggio dalla valutazione del carisma e della competenza percepita di una persona alla determinazione effettiva della pratica dell’inganno. Tuttavia, vi è una certa credibilità a prima vista in quanto le espressioni colpevoli sono generalmente identificabili.

Per rispondere alla loro domanda, gli autori dello studio hanno intrapreso una serie di disegni sperimentali, mostrando immagini di politici e chiedendo ai partecipanti di identificare tratti salienti come corruttibilità, disonestà ed egoismo, ma includendo anche altre tendenze prosociali come competenza e ambizione.

Nel primo di questi studi, i partecipanti sono stati esposti a una serie di 72 foto di effettivi funzionari eletti negli Stati Uniti. Di questi, la metà era stata giudicata colpevole di una qualche forma di corruzione, come le violazioni delle leggi sui finanziamenti della campagna elettorale.

Prima di esporre i partecipanti a queste foto, è stato loro richiesto di definire il livello ufficiale (1-5) di uno specifico tratto il più rapidamente possibile, e avevano solo circa quattro secondi per farlo. Ciò ha aiutato a garantire che le persone giudicassero sulla base di reazioni spontanee di riconoscimento emotivo.

Gli studi successivi hanno funzionato allo stesso modo nel tentativo di rafforzare la generalizzabilità di qualsiasi risultato. Ciò includeva la variazione del livello di influenza sul governo che un determinato funzionario possedeva, oppure utilizzava varianti dei tratti iniziali.

Complessivamente, questa serie di esperimenti ha trovato ampio sostegno per la capacità dei partecipanti di identificare la corruzione politica in presenza di funzionari eletti. Questo ha creato difficoltà con le varianti, suggerendo che si sarebbe applicato più ampiamente al di fuori di un ambiente sperimentale limitato.

Mentre rimangono molte domande sulla generalizzabilità e sui meccanismi causali precisi, questo studio ambizioso ci fornisce ulteriori prove che la nostra capacità di leggere i volti e individuare l’inganno ha un grande potenziale anche nelle fotografie.

Nel frattempo, potete dare un’occhiata al lavoro del dott. Matsumoto sulla politica e l’inganno.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: