Lo stereotipo del bugiardo – David Matsumoto

Ci sono molti miti su come individuare l’inganno, ma quanti di questi sono effettivamente validi?

A causa del background nell’addestramento della menzogna umana, Humintell era entusiasta di leggere un nuovo studio sul Journal of Cross-Cultural Psychology che cercava di concettualizzare ciò che la maggior parte della gente crede sia un chiaro segno di inganno. È importante sottolineare che questo sforzo ha cercato di andare oltre le concezioni tradizionalmente occidentali e ha incluso gli intervistati di 58 paesi diversi.

Uno degli obiettivi di questa analisi interculturale era vedere fino a che punto gli stereotipi occidentali si fossero diffusi in tutto il mondo e vedere se c’erano degli indicatori universali o idee sbagliate sull’inganno. Ad esempio, ricerche precedenti hanno già rilevato che la maggior parte delle culture associa l’inganno alla paura e alla vergogna.

Ma forse l’inganno è semplicemente attribuito alle deviazioni da qualsiasi norma culturale, e la paura e la vergogna sono solo indicatori di tale deviazione culturale.

Al fine di valutare queste domande, il dottor Adrian Atoum e il Global Deception Research Team hanno condotto un sondaggio aperto chiedendo come avrebbe fatto qualcuno a valutare un potenziale bugiardo. Complessivamente, questo ha portato a intervistare circa 40 persone per ognuna delle 58 nazioni, fino ad arrivare in Argentina, Iran e Sud Africa. Ogni risposta è stata tradotta da un membro del gruppo di lavoro e hanno sviluppato uno schema di punteggio con 103 elementi per classificare le risposte simili.

Sono emerse diverse tendenze, vale a dire che la risposta più comune si è concentrata sullo sguardo evitato o sulla mancanza di contatto visivo. Questo è stato seguito da nervosismo, incoerenza, movimenti del corpo e un’espressione facciale sospetta. Le analisi statistiche su queste risposte hanno rilevato che vi erano considerevoli sovrapposizioni tra culture, sebbene alcuni indicatori come lo sguardo distolto variavano drasticamente.

Ciò è particolarmente interessante perché, come abbiamo notato nei post precedenti, l’idea che la mancanza di contatto visivo significhi inganno è un malinteso comune. Sebbene questo abbia un significato variabile, rimane comunque una risposta significativa in 51 dei paesi oggetto dell’indagine.

Per rimediare a possibili distorsioni, è stato somministrato un sondaggio supplementare. Questa volta, agli intervistati è stato chiesto se hanno visto una serie di indicatori come dimostrazione di inganno, riutilizzando lo schema di codifica dal primo sondaggio.

I risultati hanno di nuovo indicato che la maggior parte degli intervistati considerava importante il contatto visivo, seguito da una postura mutevole, un’eccessiva cura di se stessi e nel raccontare una storia lunga.

Entrambi questi studi indicano che ci sono somiglianze pan-culturali nel modo in cui le persone credono di poter rilevare l’inganno, ma è abbastanza sorprendente che l’indicatore numero uno in entrambi gli studi sia davvero un mito.

Questo aiuta a confermare che, se ci si affida solo al proprio istinto, la maggior parte delle persone non è abile nel riconoscere una menzogna. Ciò rafforza la necessità di una formazione appropriata per gli aspiranti “cacciatori di menzogne”, o almeno qualche altra informazione sui malintesi più comuni!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: