La Comunicazione Non Verbale in culture diverse – Psychology Today

Quando i nostri gesti parlano più forte delle nostre parole.

La prossima volta che avrete una conversazione con qualcuno, notate quanto del contenuto viene comunicato senza parole. Diciamo che il vostro capo vi chiami nel suo ufficio, vi consegni il vostro rapporto di valutazione e dica “Sono senza parole”. Poiché il rapporto è in una busta sigillata e il vostro capo è temporaneamente a corto di parole, cercherete indizi non verbali (dal suo viso, i gesti, la postura, il tono della voce) sul vostro destino. Ha esclamato quelle parole con un sorriso felice mentre allungava il braccio per una stretta di mano? O le borbottava con le labbra increspate, con un cipiglio profondo che divideva le sopracciglia? In ogni caso, l’immagine dipinta dai segnali non verbali del vostro capo probabilmente in quell’istante vi comunicherà più informazioni che le sue parole.

In un contesto interculturale, quando i nostri interlocutori non condividono il nostro background linguistico e culturale, la comunicazione non verbale assume un ruolo particolarmente importante. Può fare la differenza tra apparire autentici ed essere fraintesi. Può unire le persone o separarle. Può aiutarci a parlare e leggere senza capire una parola delle rispettive lingue.

Lo psicologo David Matsumoto è un acclamato esperto di comportamento non verbale, cultura ed emozione. Con le sue stesse parole ci parla delle importanti conseguenze della comunicazione non verbale in culture diverse.

1) Quale ruolo gioca il comportamento non verbale nella comunicazione interculturale?

Per capirlo, dobbiamo capire il ruolo del comportamento non verbale in ogni comunicazione. Proprio come stiamo parlando in questo momento, stai annuendo e sorridendo, e sto ricevendo un segnale che stai seguendo quello che sto dicendo, forse anche concordando con me. Questo è un esempio di comunicazione su un altro canale comunicativo e unge le ruote di qualsiasi tipo di comunicazione. Chiaramente, le parole sono molto importanti perché comunicano un contenuto specifico. Ma il comportamento non verbale comunica anche il contenuto e molto altro ancora. La funzione di tutte le comunicazioni è di condividere le intenzioni e anche il comportamento non verbale gioca un ruolo in questo. Ci aiuta a condividere le nostre emozioni, accordi e disaccordi, aiutandoci così a comunicare le nostre intenzioni insieme al linguaggio verbale.

2) Quali sono alcune sfide comuni della comunicazione non verbale attraverso le culture?

Considera le persone che conosci che sono abili nelle lingue ma non vanno molto d’accordo con gli altri di culture diverse. Parte del motivo è che il linguaggio verbale comunica solo una certa quantità di contenuto. Una persona che sviluppa solo le proprie abilità linguistiche senza i comportamenti non verbali associati a quella lingua non si trova a suo agio. Le persone possono dire il contenuto che vogliono comunicare, ma non le capiscono correttamente, perché molto di ciò che viene comunicato non è verbale. Ciò può portare a conflitti interculturali, equivoci e ambiguità nella comunicazione, nonostante la fluidità del linguaggio. D’altra parte, il comportamento non verbale può anche migliorare la comunicazione quando c’è poca fluidità del linguaggio. Sono sicuro che chiunque sia interculturalmente competente può andare in qualsiasi paese di cui non si conosca la lingua, ed essere comunque in grado di andare d’accordo con gli altri. I dati mostrano che le lezioni di lingua che incorporano la comunicazione e la cultura non verbale nei loro programmi sono migliori delle lezioni di lingue tradizionali che si concentrano solo sulla lingua.

3) Che consiglio vorresti per diventare più efficace quando comunichi in modo non verbale con persone di culture diverse?

Ho tre suggerimenti.

  1. Cerca di essere piacevole. La maggior parte delle persone amano le persone piacevoli e un sorriso semplice aiuta molto.
  2. Sii interessato. Mostra interesse per altre persone, lingue e artefatti culturali. Fai domande. In questo modo l’interazione interculturale non diventa una seccatura: diventa un’avventura.
  3. Cerca di imparare qualcosa di importante sulla lingua e la cultura del tuo interlocutore. Ad esempio, impara e prova alcune frasi semplici. “Buongiorno”, “per favore”, e “grazie” possono dare una mano per unire molte interazioni. Molte persone si sentiranno come se volessero aiutarti, il che può aiutarti a superare qualsiasi tipo di problema di comunicazione. E crescerai mentre interagisci.

4) Quale emozione è più facile comunicare nelle culture e quali sono le più inclini alle incomprensioni?

La più facile da comunicare è la felicità. Essere simpatici e piacevoli è facile da comunicare, è gratuito e ha un impatto notevole. Tutte le altre emozioni sono inclini al fraintendimento. Uno potrebbe essere frustrato, disgustato, triste, sorpreso, spaventato o preoccupato e tutte queste emozioni possono essere interpretate male in qualche modo. Ma la positività solitamente non viene fraintesa. È importante sottolineare che bisogna anche pensare a come si regolano le emozioni e le espressioni nelle diverse interazioni, perché quando qualcosa può provocare un’emozione in una persona, in un’altra persona potrebbe non essere lo stessa cosa. È vero per le interazioni interpersonali (chiedete a eventuali neo-sposi) e per la comunicazione interculturale.

5) Quali sono alcuni vantaggi dell’essere abili nella comunicazione non verbale?

Nel contesto della comunicazione interculturale, penso che il vantaggio principale sia che se sei bravo nella comunicazione non verbale puoi andare ovunque senza conoscere la lingua e andrai d’accordo con gli altri. È più facile avere interazioni interculturali efficaci – anche senza conoscere la lingua – quando sei esperto nella comunicazione non verbale.

Come specie, ci siamo affidati ai nostri canali non verbali per inviare e ricevere messaggi per molto più tempo rispetto all’evoluzione delle nostre lingue. Sebbene le nostre culture ci abituino in modi diversi a esprimerci senza parole, siamo molto più simili di quanto pensiamo. Come sottolinea il Dr. Matsumoto, i dati scientifici sulla maggior parte di tutti i processi, attributi e comportamenti psicologici mostrano che le differenze culturali tra noi sono molto più piccole delle nostre differenze individuali. Nonostante la nostra tendenza a perdere di vista le nostre somiglianze e, invece, a mettere in luce le nostre differenze, “la maggior parte delle persone nel mondo vuole andare d’accordo”, dice Matsumoto. Come con tutte le relazioni, la comunicazione è la chiave. Questo avviene quando le nostre capacità non verbali possono aiutarci a relazionarci meglio con gli altri membri della nostra famiglia umana. Anche quando ci mancano le parole.

Grazie mille a David Matsumoto per essere stato generoso con il suo tempo e le sue intuizioni. Il dottor Matsumoto è professore di psicologia alla San Francisco State University e fondatore e direttore del laboratorio di ricerca sull’emozione e la cultura SFSU. È autore di innumerevoli libri e articoli su cultura, psicologia, emozioni e comportamenti non verbali.

Marianna Pogosyan Ph.D.

https://www.psychologytoday.com/us/blog/between-cultures/201706/non-verbal-communication-across-cultures

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: