Approfondiamo il rilevamento della Menzogna – David Matsumoto

La settimana scorsa abbiamo scritto dell’importanza di distinguere le micro e le macro-espressioni, osserviamo come questo rientra nel rilevamento della menzogna.

Le microespressioni differiscono dalle loro controparti di lunga durata in molti modi, ma uno dei più salienti è il fatto che possono tradire le emozioni sottostanti. La microespressione sfuggente può mostrare rabbia o sorpresa nel caso in cui qualcuno stia cercando di nasconderlo, e un’efficace individuazione della menzogna può spesso implicare la percezione di queste microespressioni, per quanto difficile possa essere per una persona non allenata.

Come sottolineano i dottori Matsumoto e Hwang, ci sono molti fattori che rendono le persone abili nell’individuazione delle bugie. Questi includono caratteristiche di personalità come l’apertura all’esperienza e alla coscienziosità, ma anche l’empatia e la regolazione emotiva.

Uno dei principali aspetti dello studio della scorsa settimana è stata la definizione più precisa di ciò che sono le microespressioni, impegnandoci a vederle come incredibilmente fugaci e che durino meno di mezzo secondo.

Questo è stato approfondito in uno studio del 2018 condotto dai dottori Matsumoto e Hwang che consideravano le microespressioni come elementi chiave per differenziare la verità dalle bugie, rendendo operativa questa particolare definizione della lunghezza delle microespressioni. Sottolineano che la ricerca precedente ha trovato risultati misti nel collegare le microespressioni al rilevamento degli inganni, ma che tale ricerca non ha definito rigorosamente la durata della microespressione.

Gran parte di questa letteratura passata, sebbene abbia messo in luce il potenziale dello studio sulle microespressioni, non definiva correttamente le microespressioni basandosi sulle osservazioni di come effettivamente funzionano. Alcune di queste ricerche hanno classificato le microespressioni come espressioni che potevano durare fino a quattro secondi!

Tale definizione rivista ha molto senso quando si guarda al rilevamento di un inganno. Gran parte del tentativo di concettualizzare le microespressioni deriva dal tentativo di vedere il loro ruolo nel mostrare espressioni spontanee e nascoste. È più difficile che le durate più lunghe siano segni di emozioni represse e nascoste.

Questo studio del 2018 ha poi cercato di esaminare il ruolo delle microespressioni nel rilevamento delle menzogne, data questa definizione più rigorosa. In primo luogo, hanno esaminato se si sono verificate microespressioni al di sotto di mezzo secondo e se potevano distinguere in modo affidabile la verità dall’inganno. Hanno anche osservato espressioni più lunghe per vedere se queste potrebbero essere viste come costantemente spontanee.

Hanno scoperto che tali espressioni erano generalmente frequenti e fungevano da indicatori affidabili di inganno, molto più delle espressioni più lunghe di un secondo. Interessante notare che alcune espressioni molto brevi di meno di 0,3 secondi non erano indicatori utili.

Siamo curiosi di ciò che i nostri lettori hanno da dire su questo argomento. Notate queste espressioni sfuggenti? Pensate che siano chiaramente distinguibili dalle espressioni più lunghe? Commentate e fateci sapere cosa ne pensate!

CLICCA QUI PER L’ESTRATTO E PER L’ARTICOLO COMPLETO

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: