I nostri occhi emotivi – Humintell

Le persone fanno molta confusione sul cliché secondo cui “gli occhi sono le finestre dell’anima”, ma le ricerche emergenti indicano che questo detto può essere anche più accurato di quanto pensiamo.

Mentre le emozioni sono mostrate in tutte le parti del nostro viso, compresa la bocca e le narici, un nuovo studio del dottor Adam Anderson della Cornell University ha scoperto che gli occhi sono forse gli indicatori più importanti dei nostri stati emotivi interiori. Anderson ha collegato questi risultati a una discussione più ampia su come si sono evolute le nostre espressioni universali.

Le domande riguardanti l’origine delle nostre espressioni facciali sono antiche quanto la teoria dell’evoluzione stessa. Mentre Darwin è famoso soprattutto per i concetti pionieristici della selezione naturale, inizialmente ha anche proposto l’idea che gli esseri umani, attraverso le culture, condividano un piccolo insieme di emozioni universali. Ha sostenuto che l’universalità di queste emozioni dipendeva da fattori evolutivi, ma le generazioni successive di psicologi hanno faticato a sostenere queste affermazioni.

Alla fine, come scrive il dottor David Matsumoto di Humintell, la ricerca ha iniziato a confermare i sospetti di Darwin, scoprendo più e più volte che gli umani in tutto il pianeta riconoscono alcune delle stesse emozioni attraverso le stesse espressioni. Queste sette emozioni di base includono rabbia, paura, disgusto, disprezzo, felicità, tristezza e sorpresa.

Mentre la ricerca ha stabilito l’esistenza di queste emozioni, resta da vedere come e perché si sono evolute in questo modo. Questa è la domanda a cui Anderson ha tentato di rispondere.

Nel suo recente studio, lui e il coautore, il dottor Daniel H. Lee, hanno creato immagini digitali degli occhi mentre esprimevano sei emozioni (le emozioni di base meno il disprezzo) e hanno chiesto ai partecipanti di confrontare questi modelli con una selezione di parole potenzialmente non correlate che significano stati mentali, come “discriminante”, “curioso”, “annoiato”, ecc.

Coerentemente, i partecipanti sono stati in grado di abbinare con successo le parole alla loro espressione. Ciò ha dimostrato una diffusa capacità di riconoscere le emozioni solo sulla base degli occhi. È interessante notare che gli autori hanno confrontato questa performance con le capacità dei partecipanti di leggere segnali emotivi da altre parti del viso e hanno scoperto che gli occhi erano una strada molto migliore per un riconoscimento efficace.

Nelle sue conclusioni, Anderson ha spiegato che:

“Gli occhi sono finestre sull’anima probabilmente perché sono i primi canali di vista. I cambiamenti espressivi emotivi intorno all’occhio influenzano il modo in cui vediamo e, a sua volta, questo comunica agli altri come pensiamo e sentiamo”.

In effetti, ci sono alcune connessioni intuitive tra la forma dell’occhio e l’emozione espressa. Ad esempio, le emozioni legate al disgusto o al disprezzo presentano occhi ristretti, come se gli individui stessero cercando di bloccare le immagini negative, mentre le emozioni come la paura si correlano con gli occhi allargati, permettendoci di catturare meglio i dettagli di un ambiente minaccioso.

Questi risultati si basano sulla ricerca precedente di Anderson del 2013 che ha scoperto che le espressioni facciali sono nate dalle reazioni all’ambiente esterno, piuttosto che avere una funzione principalmente sociale.

Questo studio aiuta a rivelare la storia evolutiva del nostro riconoscimento emotivo, ma quali sono le implicazioni pratiche? Certamente, questi risultati mostrano che dobbiamo concentrarci sugli occhi delle persone, senza però avere il beneficio di un suggerimento esterno come le parole associate dell’esperimento di Anderson e Lee.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: