L’onestà del Linguaggio del Corpo – Joe Navarro

“Se il linguaggio è stato dato agli uomini per nascondere i loro pensieri, lo scopo del gesto era quello di rivelarli” – John Napier

Per milioni di anni, i nostri primi antenati si aggirarono su questo pianeta navigando in un mondo molto pericoloso. Lo hanno fatto comunicando efficacemente i loro bisogni, emozioni, paure e desideri l’uno con l’altro. Incredibilmente, hanno raggiunto questo obiettivo attraverso l’uso di comunicazioni non verbali come cambiamenti fisiologici (viso arrossato), gesti (indicando con la mano), rumori (grugnire non è una parola) e reazioni facciali o del corpo (sguardo interrogativo o spaventato).

Questo fa parte del nostro patrimonio biologico da così tanto tempo che comunichiamo ancora principalmente non con il corpo, non verbalmente, e perché abbiamo bisogno di icone emotive nella nostra comunicazione scritta.

Fortunatamente per noi abbiamo sviluppato un sistema per comunicare immediatamente agli altri come ci sentiamo e cosa percepiamo. Se non fosse per questo, una stanza potrebbe essere pericolosamente calda – non solo calda e una nuotata in un lago potrebbe trasformarsi in ipotermia.

Se dovessimo pensare, anche solo per pochi secondi, a ogni incontro pericoloso (immagina un serpente a sonagli arrotolato sulla tua gamba) saremmo morti come specie. Invece ci siamo evoluti per reagire immediatamente alle minacce o qualsiasi cosa che potesse farci del male, senza pensarci su (il congelamento del corpo, la fuga, la risposta alla lotta).

Questo sistema che si è evoluto nel tempo, che ci avvisa istantaneamente di qualsiasi pericolo percepito, comunica istantaneamente anche agli altri intorno a noi. Proprio come il nostro cervello ci costringe a immobilizzarci sul posto quando vediamo un cane aggressivo o dei grandi felini mentre siamo in un safari, così il cervello comunica anche agli altri istantaneamente attraverso i nostri corpi, se ci sentiamo a nostro agio o a disagio, contenti o infelici, sicuri o non sicuri.

Il vantaggio è duplice, reagiamo al mondo che ci circonda e altri beneficiano delle nostre prime reazioni, proprio come facciamo noi dalle loro. Ad esempio, se assaggi qualcosa di marcio tutti quelli intorno a te lo sapranno dalla tua espressione; non avranno nemmeno bisogno di assaggiarlo.

Rapido, autentico e affidabile: il Linguaggio del Corpo è la “scorciatoia per comunicare ciò che è più importante” perché è stato benefico per l’evoluzione.

E non si tratta solo di sopravvivenza o minacce, sebbene questa sia la ragione principale per cui reagiamo a certe cose in modo così visibile (i suoni forti ci fanno congelare o rannicchiare sul posto). Il nostro cervello e il nostro corpo fanno intuire anche le nostre intenzioni.

Questo è il motivo per cui quando parli con qualcuno che ti piace e all’improvviso noti che uno dei suoi piedi punta verso la propria auto o un ascensore, sai che probabilmente la persona deve andare. Poiché sono in ritardo, il corpo attraverso le gambe comunica che qualcosa di urgente lo sta pressando (causando disagio psicologico) anche se la persona continua la conversazione. Ecco perché diciamo, quando si parla di comunicazione, che il Linguaggio del Corpo è più veritiero della parola parlata.

Quindi cosa c’è psicologicamente dietro tutto questo? Semplicemente questo: i nostri bisogni, sentimenti, pensieri, emozioni e intenzioni vengono elaborati elegantemente dal cosiddetto “sistema limbico” del cervello. Non deve pensare, reagisce semplicemente al mondo in tempo reale e i nostri corpi mostrano come ci sentiamo.

Qualcuno ci dà brutte notizie e le nostre labbra si comprimono; l’autobus parte senza di noi e stringiamo le mascelle e ci sfreghiamo il collo. Ci viene chiesto di lavorare un altro fine settimana e le orbite dei nostri occhi si restringono mentre il mento si abbassa. Si tratta di manifestazioni di disagio che il nostro cervello limbico ha perfezionato nel corso di milioni di anni, sia che ci troviamo in Cina o in Cile.

Al contrario, quando vediamo qualcuno che ci piace davvero, le nostre sopracciglia si alzeranno sfidando la gravità, i nostri muscoli facciali si rilasseranno e le nostre braccia diventeranno più flessibili (anche estese) in modo da poter accogliere questa persona. Alla presenza di qualcuno che amiamo, rispecchieremo il loro comportamento (isoprassi), inclineremo le nostre teste e il sangue scorrerà sulle nostre labbra rendendole piene, anche le nostre pupille si dilatano.

Il nostro cervello limbico comunica attraverso i nostri corpi esattamente i veri sentimenti che proviamo e orchestra accurate visualizzazioni non verbali corrispondenti.

In un certo senso, i nostri corpi non devono necessariamente attuare questi comportamenti e tuttavia ci siamo evoluti per dimostrarli per una ragione precisa: siamo animali sociali che hanno bisogno di comunicare sia verbalmente che non verbalmente.

Come facciamo a sapere che il linguaggio del corpo è essenziale per noi? Anche i bambini nati ciechi, che non hanno mai visto questi comportamenti, li eseguono. Un bambino cieco si coprirà gli occhi quando sente qualcosa che non gli piace come fa il mio vicino di casa ogni volta che gli chiedo di aiutarmi a spostare oggetti pesanti. Fortunatamente questi comportamenti sono innati e programmati nel nostro cervello.

Negli affari, a casa o nelle relazioni, possiamo sempre essere certi che i veri sentimenti si rifletteranno nel nostro linguaggio del corpo attraverso manifestazioni di conforto e disagio. Questo sistema binario di comunicazione di come ci sentiamo ha superato la prova del tempo ed è sopravvissuto per aiutarci con la sua elegante semplicità.

Ovviamente questo può essere molto efficace nel determinare ciò che gli altri pensano di noi e nel valutare come si sta evolvendo una relazione. Spesso quando le persone percepiscono che qualcosa non va in una relazione, ciò che stanno percependo sono cambiamenti nella Comunicazione Non Verbale.

Le coppie che non si toccano o che camminano vicine tra loro sono facili da individuare, ma a volte i comportamenti più sottili sono ancora più precisi. Un esempio di ciò è quando le coppie si toccano con la punta delle dita anziché con la mano piena (comportamento di allontanamento) indicando un disagio psicologico. Questo comportamento da solo (un “indizio d’inganno”) può far presagire seri problemi nella relazione che in superficie potrebbero non essere così evidenti.

Ci sono molti aspetti della Comunicazione Non Verbale e del Linguaggio del Corpo, concentrarsi sul comfort e sul disagio può fare molto per aiutarci a vedere più chiaramente ciò che gli altri stanno veramente provando, pensando, temendo o desiderando. Avere quella visione in più ci dà una valutazione più onesta degli altri e ci può aiutare a comunicare in modo più efficace ed empatico per una comprensione più profonda.

https://www.jnforensics.com/post/body-language-basics-the-honesty-of-body-language

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: