Piedi e gambe: cosa dicono di noi?

Spesso ignorati, i piedi e le gambe offrono indizi preziosi sull’inganno.

I nostri piedi e le nostre gambe, spesso trascurati nello studio del linguaggio del corpo, trasmettono molte informazioni preziose su ciò che percepiamo, pensiamo e sentiamo. Prestiamo così tanta attenzione al viso e alle altre parti del corpo, che dimentichiamo l’importanza di queste appendici vitali.

È un errore che la maggior parte di noi commette, e non dovremmo, perché in molti modi i piedi e le gambe sono la parte più accurata del nostro corpo. Riflettono le nostre vere emozioni e intenzioni, in tempo reale, a differenza del nostro viso e di altre parti del corpo, e possono essere utili nella rilevazione dell’inganno.

Nel corso di milioni di anni, il nostro sistema limbico si è assicurato che i nostri piedi e le nostre gambe reagissero istantaneamente a qualsiasi minaccia o preoccupazione; la loro affidabilità ha assicurato, in parte, la nostra sopravvivenza. Qualcuno ci viene incontro a tarda notte mentre siamo al bancomat e le nostre gambe si serrano e i nostri piedi si orientano verso una via di fuga, preparandoci a fuggire se necessario.

Allo stesso modo, il nostro cervello limbico dice ai nostri piedi di non camminare troppo vicino al bordo del canyon, quindi non lo facciamo. Incrociamo le gambe quando ci sentiamo a nostro agio nell’ascensore, eppure quando entra un gruppo di sconosciuti, smettiamo di incrociare le gambe in modo da poter fuggire se necessario. Stiamo parlando con un buon amico e improvvisamente notiamo che uno dei piedi è puntato in fondo alla strada. Non c’è bisogno di chiedere, i piedi devono andare, sono in ritardo per un appuntamento.

Vuoi sapere se due persone che parlano in corridoio vogliono che ti unisca alla loro conversazione? Se i loro piedi non si muovono verso di te per “darti il benvenuto” e ruotano i loro corpi solo sui fianchi, continua pure a camminare dritto. Quando una relazione diventa difficile, ci sarà sempre meno contatto con i piedi. Due persone possono tenersi per mano in pubblico, ma i loro piedi semplicemente si evitano a vicenda.

Questi sono esempi di reazioni limbiche, riflesse nei piedi e nelle gambe, a determinate situazioni, sensazioni e intenzioni. Sono molto puntuali e precise.

Allo stesso modo, un bambino può essere seduto a mangiare, ma se vuole uscire e giocare, nota come oscillano i suoi piedi, come si allungano per raggiungere il pavimento dal seggiolone, anche quando non ha ancora finito di mangiare. Puoi provare a tenerlo in posizione, ma lui si muoverà e i suoi piedi si gireranno verso l’uscita desiderata più vicina, un riflesso accurato di dove i suoi piedi vogliono andare. Questo è un indizio di intenzione, e ne abbiamo diversi che utilizziamo per riflettere il nostro bisogno di fare qualcosa.

Poiché i nostri piedi e le nostre gambe sono così onesti, pongo particolare enfasi su ciò che comunicano mentre si mente. La maggior parte delle persone si concentra sul viso, ma sfortunatamente, i nostri volti sono molto abili nell’inganno. Fin da piccoli ci viene detto, “non fare quella faccia”, anche se odiamo ciò che ci stanno dando da mangiare. Man mano che cresciamo, su richiesta degli altri mettiamo un “volto da festa” o sorridiamo perché la cultura da cui veniamo lo richiede. E così falsiamo ciò che sentiamo o pensiamo con i nostri volti (facendo una “faccia da poker“) per mantenere l’armonia sociale. Lo facciamo anche per proteggerci dall’essere scoperti quando siamo disonesti. I nostri piedi e gambe, poiché sono necessari per la sopravvivenza, non fanno tali concessioni.

Nervosismo, stress, paura, ansia, cautela, noia, irrequietezza, felicità, gioia, dolore, timidezza, timidezza, umiltà, goffaggine, fiducia, sottomissione, depressione, letargia, giocosità, sensualità e rabbia possono manifestarsi attraverso i piedi e le gambe. Concentrarsi sui piedi e sulle gambe aiuta a rivelare tante informazioni su quello che c’è nella mente degli altri e i bugiardi pensano molto a gestire il loro viso ma non le loro gambe e piedi.

Quando le persone iniziano a mentire, spesso prendono le distanze (parte della risposta di allontanamento) stando più lontano da te. Oppure, puntano i piedi lontano da te ma si voltano verso di te con il busto. A una prima osservazione può sembrare tutto a posto, ma si tratta di comportamenti per prendere le distanze che rivelano molto su ciò che accade nel cervello altrui.

I bugiardi tendono a non enfatizzare gli argomenti. Sanno cosa dire, ma non le emozioni che accompagnano ciò che stanno dicendo, quindi vediamo meno comportamenti anti-gravità (che sono associati a sensazioni positive) quando parlano. Le persone oneste tendono a sfidare la gravità alzandosi sulle punte dei piedi quando sottolineano un concetto o inarcano le sopracciglia. I bugiardi non lo fanno, perché i comportamenti che sfidano la gravità sono derivati dal sistema limbico: esclamazioni emotive che esprimiamo attraverso il nostro linguaggio del corpo, che mancano nella menzogna.

Quando diciamo la verità, i nostri piedi tendono ad assumere una posizione più ampia e più solida. Nel momento in cui ci sentiamo insicuri su ciò che stiamo dicendo o se mentiamo, i nostri piedi tendono a riunirsi. Ancora una volta, questa è una risposta limbica legata a come ci sentiamo (insicuri) su ciò che viene detto. Quando non siamo mentalmente sicuri, si riflette nelle nostre gambe e piedi.

Quando mente, il bugiardo è preoccupato di essere scoperto e ciò che si può osservare è che a volte la preoccupazione spinge a quella che si può definire “caviglia tremante”. La caviglia inizia a muoversi facendo dondolare la persona avanti e indietro lungo tutto il piede (dal tacco alla punta del piede). Una persona sincera non ha bisogno di tranquillizzarsi con questo comportamento di dondolio ripetitivo, ma un bugiardo può trovare tali comportamenti poco visibili utili per calmarsi.

Questi ovviamente non sono tutti i comportamenti di piedi e gambe da notare, ad esempio, osservate una persona che fa una dichiarazione e poi fa il gesto di pulirsi le gambe con le mani. Sfregando le mani (a volte più volte) sulla parte superiore delle gambe mentre è seduto, questo gesta rassicura l’individuo che sta mentendo o che ha la conoscenza sporca. Questo si verifica spesso quando vengono poste domande molto dirette o dal forte impatto emotivo, che causano un alto grado di disagio.

Quindi, mentre meditate sui comportamenti degli altri per determinare ciò che pensano, sentono o intendono fare, ricordate che piedi e gambe sono preziosi in questa ricerca perché non ci deludono grazie alla loro precisione.

Vuoi sapere come saper riconoscere le menzogne per cambiare la tua vita? Clicca qui per info e training. Oppure puoi contattarmi direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.psychologytoday.com/intl/blog/spycatcher/200911/what-the-feet-and-legs-say-about-us

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: