Riconoscere gli occhi ingannevoli

Gli occhi sono una parte incredibilmente importante del riconoscimento emotivo, ma che ruolo hanno nel permetterci di rilevare l’inganno?

Mentre l’opinione convenzionale tende a sostenere che l’incapacità di mantenere il contatto visivo sia un segno rivelatore dell’inganno, in realtà questo è solo un mito leggendario. Tuttavia, poiché gli occhi sono così importanti nella lettura delle emozioni, possono anche aiutarci a valutare la veridicità (o meno) di un altra persona.

La nostra fissazione sull’importanza degli occhi ha una giustificazione. Come saprà chi segue questo blog, ricerche recenti indicano che mostriamo le emozioni più chiaramente nei nostri occhi.

Mentre questa enfasi intuitiva sugli occhi ha portato all’idea che l’osservazione del contatto visivo sia un metodo affidabile di rilevazione della menzogna, questo semplicemente non è vero. Come spiegato in un articolo precedente, numerosi studi non hanno trovato alcuna relazione tra la bugia e la mancanza di contatto visivo, nonostante il fatto che, attraverso le culture, questo mito continua ad essere ampiamente diffuso.

Come spiega la dottoressa Wendy Patrick, il contatto visivo o la sua mancanza possono essere dovuti a personalità o background culturali diversi che determinano la tendenza a stabilire un contatto visivo. Come lei ha detto in un altro articolo, è necessario analizzare il livello di contatto visivo di un determinato individuo rispetto alla sua “linea di base personale” (baseline).

Tuttavia, il contatto visivo è ancora uno strumento utile per identificare correttamente l’inganno. Ad esempio, uno studio del 2012 ha rilevato cambiamenti significativi nella pupilla nei partecipanti che mentivano. In questo studio, i ricercatori hanno chiesto ad alcuni partecipanti di rubare piccole somme di denaro, lasciando gli altri partecipanti liberi dal compiere tale gesto.

Quindi, a ciascun partecipante è stato chiesto di rispondere a una serie di domande sul furto, senza far sapere all’esaminatore se fossero colpevoli. Durante la compilazione di questi questionari, le telecamere hanno monitorato le dimensioni della pupilla, riscontrando un aumento del diametro della pupilla tra i soggetti colpevoli. Dopo aver concluso lo studio, gli autori hanno sottolineato che tale aumento era coerente con studi precedenti sull’inganno.

Allo stesso modo, dal punto di vista di coloro che rilevano l’inganno, uno studio separato del 2016 ha scoperto che concentrarsi sugli occhi ha fornito uno strumento molto efficace per il rilevamento delle bugie. In questo studio, i partecipanti hanno tentato di rilevare le bugie sia di soggetti con i volti coperti da un hijab, con solo gli occhi scoperti, sia di altri soggetti lasciati a volto scoperto.

Sorprendentemente, i partecipanti sono stati più precisi nel rilevare l’inganno tra quelli con l’hijab. Questa conclusione ha indicato che il concentrarsi solo sull’occhio ha aiutato significativamente il rilevamento della bugia, poiché i partecipanti sono stati costretti a concentrarsi sugli occhi, piuttosto che essere distratti da altre caratteristiche del viso.

Mentre concentrarsi sugli occhi può essere uno strumento importante per rilevare l’inganno, spesso è difficile per noi sapere esattamente cosa rivela una bugia. Ciò richiede una formazione specializzata, non possiamo certamente misurare la dimensione della pupilla con un righello!

Vuoi sapere come interpretare il contatto visivo e conoscere il Linguaggio del Corpo per facilitare la tua vita? Clicca qui per info e training o contattami direttamente a info@francescodifant.it.

Tratto da https://www.humintell.com/2017/08/reading-deceptive-eyes/

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: